7.0

Redazione

6.9

Lettori (7)


  • 4
  • 2
  • 4
  • 0

The Amazing Spider-ManIl tocco del ragno 10

L'amichevole Uomo Ragno di quartiere torna sui dispositivi iOS e Android in concomitanza con il reboot cinematografico, proponendoci un interessante sandbox

Laddove Beenox, per lo sviluppo delle versioni console di The Amazing Spider-Man, ha optato per una trama che si svolge in effetti dopo gli eventi del film diretto da Marc Webb, Gameloft ha deciso di rimanere nei confini della tradizione e ha realizzato un action game ispirato al reboot cinematografico, ma solo per sommi capi. Abbiamo dunque il personaggio di Spider-Man, chiaramente, e la città di Manhattan che fa da sfondo alle sue avventure, ma al di là della presenza del temibile Lizard c'è ben poco nelle venticinque missioni di questa riduzione portatile che possa ricordare quanto avete eventualmente visto in sala. Su iOS e Android si va subito al sodo, insomma, vestendo i panni del supereroe senza che vengano narrate le sue origini, librandosi da un grattacielo all'altro utilizzando la fida ragnatela, e appare chiaro fin dai primi istanti che proprio questo aspetto del gioco è quello più piacevole e curato. Il tocco del ragno Tenendo semplicemente premuto il pulsante deputato al salto, Spider-Man lancia una tela, prende velocità a seconda della posizione, la abbandona quando lasciamo il pulsante e ne spara subito un'altra se lo desideriamo, oppure assume una posizione di tuffo mentre precipita rapidissimamente verso il suolo. Che poi la caduta non abbia alcun effetto negativo, anche da centinaia di metri d'altezza, è un po' un'ingenuità di questa produzione, che in effetti mostra il fianco a qualche difetto nel contorno e pecca di rifinitura, vedi ad esempio le molteplici compenetrazioni poligonali o i difetti della visuale.

The Amazing Spider-Man offre una buona fase esplorativa, ma delude nei combattimenti, spesso scattosi

Da grandi prezzi derivano grandi responsabilità

The Amazing Spider-Man viene venduto su App Store e Google Play al prezzo di 5,49 euro, in linea con le produzioni più importanti targate Gameloft, ma per molti versi è un bene che la casa francese abbia optato per una pubblicazione di tipo tradizionale anziché spingere anche in questo caso sul freemium. Il tocco del ragno Diciamo che la qualità del titolo è indiscutibile, e soprattutto sull'ampio schermo del nuovo iPad la Manhattan in formato sandbox fa bella mostra di un buon dettaglio, di una discreta drawing distance (pur non impeccabile) e di una buona fluidità mentre ci proiettiamo rapidamente da un palazzo all'altro, grazie anche ad alcune manovre rapide. Purtroppo alle belle fasi esplorative si contrappone un sistema di combattimento problematico: quando Spider-Man incontra dei nemici può prenderli a pugni ed effettuare varie combo, intrappolarli nella tela e contrattaccare nel caso in cui stiano per coglierlo di sorpresa (feature mutuata dalla versione console, a sua volta ispiratasi all'eccellente lavoro svolto da Rocksteady con Batman: Arkham Asylum). In tali frangenti il problema non è la posizione ravvicinata dei pulsanti, bensì una gestione della telecamera confusa e, soprattutto, un sostanziale impoverimento del frame rate, con il personaggio che si produce in attacchi davvero male animati. Il contrasto fra le evoluzioni aeree e gli scontri con i criminali è davvero forte e pregiudica non poco la godibilità dell'esperienza, visto si può scorrazzare quanto si vuole all'interno dello scenario e magari dedicarsi alle sfide basate sull'esplorazione, ma a un certo punto bisogna per forza di cose accedere alle missioni e menare le mani.
The Amazing Spider-Man - Trailer della versione mobile E3 2012 The Amazing Spider-Man - Trailer della versione mobile E3 2012

The Amazing Spider-Man è il classico ottimo prodotto a metà: da un lato abbiamo l'aspetto free roaming, con un bel sandbox da esplorare svolazzando grazie alla ragnatela, sfide basate sul movimento e sulle altezze raggiunte, e una buona resa dei poteri del personaggio; dall'altro risvolti action confusionari e pasticciati, con un potenziale interessante che però stenta a emergere anche per via di problemi tecnici con la visuale e con le animazioni, che in tale frangente diventano mostruosamente scattose. È un peccato, perché la buona quantità di missioni, i potenziamenti e, in generale, l'ottima presentazione lasciavano intendere un risultato migliore per quello che, alla fine dei conti, si pone come un tie-in per certi versi coraggioso e ben fatto, ma indubbiamente monco.

Tommaso Pugliese

Pro

  • Fase esplorativa resa molto bene
  • Buon numero di missioni
  • Eccellente comparto tecnico...

Contro

  • ...ma quando si combatte il downgrade è totale
  • Si ha l'impressione che sia stato rifinito frettolosamente
  • Sistema di potenziamento inutilmente complicato