8.5

Redazione

7.3

Lettori (6)


  • 2
  • 1
  • 3
  • 0

Toon ShootersLa flotta di cartone 9

Gli sparatutto sono una cosa seria. Oppure no? Toon Shooter dimostra che si può realizzare uno shooter cartoonesco senza rinunciare a un approccio hardcore

Quattordici scenari, ognuno caratterizzato da dinamiche differenti, tredici impegnativi boss fight, quasi sessanta nemici unici, otto personaggi fra cui scegliere, un'arena per la modalità survival e finanche il multiplayer cooperativo per due giocatori sullo stesso dispositivo, sfruttando le capacità multitouch di iPhone e iPad. Sono questi i numeri di Toon Shooters, e si tratta di cifre davvero significative se pensiamo che il titolo sviluppato da Mooff Games viene distribuito al prezzo modesto di 1,59 euro su App Store. Il gioco basa il proprio appeal in primo luogo su di una grafica cartoonesca, disegnata a mano, che usa molto bene tratto e colori per rappresentare soggetti irresistibili, dall'aspetto buffo ma non per questo meno letali. Basta infatti avviare una partita per accorgersi, pochi istanti dopo, che il gameplay è tutto fuorché uno scherzo, non è decisamente una roba per bambini e anzi va a pescare alcuni degli elementi più caratteristici del filone degli shooter per metterli sul piatto e arricchire l'offerta: smart bomb di vario tipo, fuoco direzionale, potenziamenti da acquistare in base ai punti raccolti, pod di supporto e bonus "usa e getta", a cui magari ricorrere per riuscire nell'impresa di eliminare un boss particolarmente ostico. La flotta di cartone Sono due i personaggi che Toon Shooters ci mette a disposizione fin da subito, Otis e Ben: il primo è un buffo uccello viola a bordo di una navicella dalle funzioni tradizionali, ovvero dotata di un'arma principale che spara verso la destra dello schermo e contemporaneamente di potenti bombe che vengono rilasciate sul suolo; il secondo è un ragazzino sorridente dotato di jetpack e fucile, i cui movimenti implicano una particolare attenzione visto che il fuoco viene diretto in contrapposizione allo spostamento. Per sbloccare gli altri sei (Gary, Angelica, Daisy, Engleburt, Calbee e Paul) bisogna sborsare dai 18mila ai 500mila "dollari", gruzzoli da racimolare con un po' di pazienza oppure mettendo mano al portafogli per l'acquisto di pacchetti di denaro tramite un sistema di in-app purchase. Quale che sia la vostra scelta, il gioco vi premierà con contenuti di tutto rispetto, tanto divertimento e una eccellente rigiocabilità.

Cartoni sparacchini

L'azione di Toon Shooters, come accennato in precedenza, varia a seconda della tematica di ogni scenario: in alcuni casi lo scorrimento è puramente orizzontale, ci sono gli "sciami" di avversari che ci vengono incontro e noi che dobbiamo eliminarne il più possibile mentre avanziamo; in altri lo scrolling accelera, ci sono degli ostacoli da scansare e tempi da calcolare al volo per non subire troppi danni. La flotta di cartone La presenza di una barra dell'energia (e di bonus per ricaricarla) evita gli episodi di frustrazione derivanti dalle tanto temute "morti improvvise", che in questo contesto avrebbero reso l'esperienza davvero troppo ostica, mentre la possibilità di potenziare il proprio personaggio spendendo il "denaro" guadagnato negli stage si rivela un elemento molto ben implementato nella struttura, tanto che in alcuni casi dovremo necessariamente ripetere dei livelli per ottenere lo spunto necessario per sconfiggere un particolare boss. E sarà un piacere far fronte a tale incombenza, tanto è solido il gameplay e tanto sono immediati e precisi i controlli touch; al punto che gli sviluppatori hanno pensato di inserire addirittura una modalità cooperativa per due giocatori sullo stesso dispositivo, sfruttando le funzioni multitouch di iPhone e iPad. Inutile dire che sullo schermo del tablet Apple la cosa funziona piuttosto bene, mentre sarà arduo riuscire a combinare qualcosa in tale frangente sul relativamente piccolo display del melafonino.
Toon Shooters - Trailer Toon Shooters - Trailer

Toon Shooters è davvero una bella sorpresa, uno sparatutto a scorrimento orizzontale di stampo tradizionale (non un bullet hell come i titoli prodotti da Cave, dunque) ma che sa il fatto suo, e che dietro una grafica cartoonesca, colorata e divertente nasconde un gameplay ricco di sfaccettature e sostanza. La gestione dei potenziamenti è ottima, così come il bilanciamento della difficoltà, che in alcuni frangenti ci costringe a tornare indietro e "livellare" il personaggio per poter proseguire agevolmente, moltiplicando la durata dell'esperienza. Allo stesso modo risultano eccellenti i controlli touch, la varietà di situazioni proposte nei vari scenari e una gestione corretta e sensata degli in-app purchase.

Tommaso Pugliese

Pro

  • Terribilmente solido e coinvolgente
  • Controlli touch perfetti
  • Ottimo bilanciamento della difficoltà

Contro

  • Solo due "tipologie" per i personaggi