8.3

Redazione

5.6

Lettori (4)


  • 4
  • 1
  • 7
  • 0

Assassin's Creed RecollectionCarte rinascimentali 9

Arriva su App Store il primo gioco di carte collezionabili dedicato ad Assassin's Creed

Se si esclude qualche fortunata eccezione, l'accostamento tra un brand famoso e un gioco di carte collezionabili si traduce quasi sempre in una scadente mossa commerciale in cui, attirati come api al miele dalla propria serie preferita, i fan si ritrovano alle prese con regole superficiali e meccaniche che il più delle volte scimmiottano quel caposaldo che è Magic: The Gathering. Con Assassin's Creed Recollection per iPad ci si trova davanti a una situazione assai diversa: portarsi dietro il franchise più forte di Ubisoft è senza dubbio il motivo per cui il gioco è schizzato immediatamente in cima alle classifiche di vendita dell'App Store, ma dietro i nomi e i luoghi tratti da Assassin's Creed 2 e Brotherhood si cela invece un'esperienza strategica talmente riuscita e originale da poter fare tranquillamente a meno della fama di Ezio Auditore.

Strategia a tempo

Cominciamo col mettere da parte tutti gli orpelli estetici dati dalla licenza di Assassin's Creed e analizziamo Recollection per quello che è: un gioco di carte collezionabili in cui due giocatori si affrontano per la conquista di tre differenti aree. A differenza dei più comuni card game, infatti, in questo caso l'arena è divisa in tre territori all'interno dei quali vanno giocate le proprie mosse. Raggiungendo dieci punti in ciascun territorio lo si conquista, mentre vince la partita chi per primo ottiene il controllo di almeno due aree. La componente più interessante del gioco non è la raccolta dei punti in sé, la quale avviene in gran parte attraverso tradizionali scontri basati sulla forza e sulla costituzione delle unità, bensì il fatto che ogni turno è basato sullo scorrere del tempo, indicato da una barra orizzontale al centro dello schermo. Carte rinascimentali Una volta posizionata una carta sul campo di gioco, questa necessita di una certa quantità di secondi per attivarsi e diventare effettiva, e questo vale per qualsiasi tipologia di unità: sia che si tratti di una carta-Agente, in grado di attaccare l'avversario o le sue difese, sia che si tratti di una carta-Luogo, la quale resta sullo sfondo e conferisce bonus e punti ad ogni turno; non mancano poi carte-Azione, che in maniera simile agli Istantanei di Magic: The Gathering possono essere attivati in qualsiasi momento del turno, magari allo scopo di neutralizzare un'azione dell'avversario. Il fattore-tempo è uno dei motivi per cui l'esperienza integrale di Assassin's Creed Recollection è fortemente legata alla piattaforma su cui è stata concepita, ma aggiunge una componente d'urgenza parecchio interessante: la sfida tra i due giocatori diventa una sorta di gara di velocità, in cui pensare in fretta e gestire al meglio la propria scala di priorità, mentre ci si ritrova continuamente a cambiare strategia nelle tre aree di battaglia in base alle decisioni dell'avversario. Tecnicamente è necessario attendere che la propria riserva di Oro si riempia a sufficienza prima di poter utilizzare questa o quella carta, ma dopo pochi turni la velocità con cui viene accumulato il denaro aumenta al punto che difficilmente si resta con le mani in mano. Carte rinascimentali Chiaramente si tratta di un approccio assai differente da quello ponderato e lento che caratterizza solitamente i giochi di carte collezionabili, e chi non ama giocare sotto pressione potrebbe finire per detestare la rapidità con cui Recollection costringe ad affrontare ciascuna partita. Purtroppo lo svantaggio di un meccanismo completamente cronometrato e in cui si dà meno importanza alla singola unità è una mancanza di enfasi in ciascuna mossa. Difficilmente nel gioco di Ubisoft si ha la sensazione di aver spiazzato l'avversario con una carta giocata al momento giusto, di aver ribaltato l'intera partita con una sola mossa o di aver soffiato all'avversario una carta fondamentale. Tutto scorre velocemente e in alcuni casi ci si rende conto di aver conquistato un territorio solo grazie a un feedback grafico del gioco. La forza di un franchise come Assassin's Creed rappresenta per Recollection un evidente vantaggio: oltre ad aver permesso la nascita istantanea di un folto numero di giocatori online, il brand di Ubisoft ha consentito al gioco di puntare più in alto e sfoggiare un'enorme raccolta di splendide illustrazioni basate sui capitoli "italiani" della serie. Gli stessi menù ricordano visivamente l'Animus e non mancano lunghi filmati in computer grafica o gallerie di immagini sbloccabili, mentre il database di 228 carte è destinato ad espandersi e ad includere tutta una serie di aggiunte tratte da Assassin's Creed Revelations. Sebbene quest'enorme quantità di contenuti farà senza dubbio felici i fan di Ezio Auditore, allo stesso tempo potrebbe far storcere il naso a chi non trova fascino in un card game tutto basato sui nomi e sulle ambientazioni dell'Italia rinascimentale: dopotutto, Vieri de' Pazzi e Donato Mancini sono nomi assai meno altisonanti di un Drago di Shivan o di un Genio Mahamoti. Soprattutto, i mille ghirigori estetici che dovrebbero rendere più accattivanti i menù non fanno altro che rallentare e rendere meno intuitiva la navigazione, tant'è che in alcuni casi ci si ritrova ad attendere un paio di secondi prima intanto che vengano caricati gli effetti visivi di una schermata. Assassin's Creed Recollection - Videodiario Assassin's Creed Recollection - Videodiario

Assassin's Creed Recollection è stata un'inaspettata sorpresa. In un marasma di inutili cloni e card game realizzati solo per spremere ancora di più dei brand famosi, stavolta sembra quasi che le regole di gioco siano nate prima ancora che Ubisoft decidesse di scomodare la sua serie ammiraglia. Grazie al suo mix di strategia ed esperienza a tempo, Recollection offre meccaniche assai originali, che faranno sicuramente la gioia di chi ama le avventure di Ezio Auditore e allo stesso tempo apprezza i giochi di carte collezionabili. Chi invece non vede di buon i giochi ansiogeni e frettolosi potrebbe non rimanerne altrettanto entusiasta, ma la formula free-to-play del gioco permette a chiunque di dargli un'occhiata senza necessariamente cadere nel vortice degli acquisti in-app.

Vincenzo Lettera

Pro

  • Ottima componente strategica
  • Un gran numero di carte e contenuti sbloccabili
  • Esteticamente notevole...

Contro

  • ...ma anche superfluo
  • Non adatto a chi preferisce giocare con calma