Cuffie e AuricolariTurtle Beach MW3 Ear Force Delta 32

Abbiamo provato in modo estensivo le cuffie top di gamma realizzate da Turtle Beach e marchiate Call of Duty. Ecco le nostre impressioni!

Sfruttando la conoscenza raccolta con la realizzazione e la produzione delle attuali cuffie top di gamma, le Ear Force PX5 per PlayStation 3 e le Ear Force XP500 per Xbox 360, il produttore Turtle Beach ha pensato bene di sfruttare il marchio Call of Duty per lanciare da tempo sul mercato una vera e propria linea audio dedicata a Modern Warfare 3 con il preciso obiettivo di offrire ai giocatori più appassionati una serie di prodotti di elevato spessore. Siamo riusciti a mettere le mani sulle Ear Force Delta, le migliori della line-up basate sul famosissimo shooter in prima persona: un paio di cuffie tecnologicamente all'avanguardia, dall'ottimo livello costruttivo, completamente wireless e in grado di interfacciarsi a PlayStation 3 e Xbox 360 ma pienamente compatibili anche con il PC. L'altro lato della medaglia è rappresentato dal prezzo di vendita consigliato: 249,99€. Ma entriamo nel dettaglio e scopriamo tutte le caratteristiche del prodotto.

Ce n’è per tutti i gusti

Partiamo con il dettaglio tecnico sicuramente più importante di questo paio di cuffie, solitamente croce e delizia per i grandi appassionati della fedeltà audio. Le Ear Force Delta sono wireless e si affidano ad un comodo e poco ingombrante trasmettitore in grado di supportare codifiche Dolby Digital dirette (fino al 7.1) oppure di emulare l'effetto surround attraverso un processore Pro Logic IIx a partire da flussi audio stereo. La connessione avviene esclusivamente attraverso cavo ottico ma il ricevitore è in grado di accettare anche un'ulteriore sorgente stereo attraverso i classici coassiali left-right, controllata poi con una leva del volume separata da tutto il resto. Turtle Beach MW3 Ear Force Delta In questo modo è possibile ad esempio collegare un iPod in cuffia in modo indipendente dalla sorgente audio principale. Infine il ricevitore funziona anche da "passante" visto che offre un ulteriore attacco ottico in uscita che può essere poi inviato ad esempio ad un amplificatore o un televisore così da permettere il cambio al volo tra cuffie e altoparlanti. Dicevamo poco sopra che solitamente le attrezzature audio wireless sono una vera e propria croce e delizia per gli audiofili perché affiancano all'estrema comodità di non avere neanche un filo a inibire la libertà di ascolto, il rischio di una resa audio inferiore rispetto a cuffie equivalenti munite di collegamento fisico e talvolta le stesse cuffie rischiano di risultare troppo pesanti a causa del peso aggiuntivo dovuto alla presenza di batterie. Proprio su quest'ultimo fronte possiamo dire che il problema non sussiste: nonostante le Ear Force Delta richiedano due pile AA, entrambe alloggiate sul padiglione destro, non si notano sbilanciamenti o sensibili aumenti di peso anche grazie all'eccellente qualità costruttiva delle cuffie. Diverso il discorso per la qualità audio. Se infatti da un lato possiamo confermare una pulizia del segnale eccellente ed una resa del surround posizionale di altissimo livello, anche se a nostro parere virtualizzata su un singolo altoparlante per orecchio, bisogna rilevare che superati i 5 metri circa, cominciano a percepirsi strane pause nel flusso audio e talvolta persino la mancanza di alcuni canali. Turtle Beach MW3 Ear Force Delta Ovviamente l'effetto si amplifica nel caso in cui decidiamo addirittura di cambiare stanza e quindi di inserire tra noi e la trasmittente muri od ostacoli piuttosto consistenti. È ovvio che in condizioni normali di utilizzo non si noterà mai questo decremento della qualità ma trattandosi di un sistema wireless e quindi, a livello teorico, focalizzato sulla totale libertà di movimento, era fondamentale per noi segnalare il comportamento in situazioni "estreme". Tornando nel dettaglio delle interconnessioni, quello che stupisce positivamente delle Ear Force Delta è la loro totale compatibilità con PlayStation 3, Xbox 360 e PC. Attraverso l'attacco ottico è infatti possibile collegarle a qualsiasi delle tre piattaforme sopracitate e, come se questo non bastasse, il supporto completo al Bluetooth permette anche di utilizzare il microfono durante le chat vocali. Su PS3 in modo nativo visto che le cuffie vengono riconosciute in automatico dalla dashboard, mentre per quanto riguarda la console Microsoft, all'interno della confezione troviamo un piccolo adattatore che va agganciato nella parte inferiore del joypad per abilitare il supporto. Proprio in merito al microfono bisogna segnalare la sua eccezionale riduzione dei rumori ambientali e la possibilità di staccarlo dal padiglione sinistro, dove è alloggiato, quando non utilizzato. L'unico appunto è da fare all'asticella che lo sorregge che risulta essere troppo morbida e malleabile al tocco. Turtle Beach MW3 Ear Force Delta

E per il PC?

Ovviamente la disponibilità di un ingresso ottico permette di collegare le Ear Force Delta anche ad un PC, in questo caso diventa fondamentale la scheda audio per gestire a dovere le varie codifiche Dolby e il microfono visto che non c'è una vera e propria installazione di driver dedicati. È tuttavia possibile scaricare un software dal sito ufficiale (previa registrazione obbligatoria) per gestire i preset audio delle cuffie attraverso un attacco mini-USB presente sulle cuffie stesse e che permette tra le altre cose anche di aggiornare il firmware della periferica audio. La memoria ospita otto preset differenti più quello base pulito che, al momento dell'acquisto, sono ovviamente tutti legati a Modern Warfare 3 ma possono essere completamente sostituiti dal giocatore attraverso il software dedicato. Turtle Beach MW3 Ear Force Delta Purtroppo proprio quest'ultimo se da un lato appare estremamente configurabile in termini di equalizzazione al punto da risultare fin troppo ostico sulle prime, non offre alcun tipo di gestione approfondita delle cuffie. Ci avrebbe fatto piacere ad esempio poter gestire i volumi dei singoli canali posizionali, piuttosto che impostare il timer di spegnimento automatico delle Ear Force Delta, impostato di default a cinque minuti scarsi, oppure selezionare il tipo di decodifica Dolby in base al gioco utilizzato. Proprio su quest'ultimo fronte bisogna evidenziare che comunque il trasmettitore permette di passare con la pressione di un piccolo tasto dal segnale diretto stereo, al Dolby Digital se supportato dalla traccia audio all'emulazione Pro Logic IIx. È inoltre doveroso segnalare un'ulteriore feature molto interessante ma ovviamente accessoria di queste cuffie: implementando un chip Bluetooth, possono essere utilizzate anche come auricolare di uno smartphone qualsiasi. Tra l'altro siccome supportano l'abbinamento con due sistemi differenti contemporaneamente è possibile, giusto per fare un esempio, utilizzarle per parlare in game sia con Xbox 360 che PlayStation 3 senza dover ogni volta ri-configurarle o, ancora meglio, parlare in game con una delle due console e rispondere al telefono. Il tutto semplicemente spingendo un pulsante per switchare al volo tra i due abbinamenti. Spendiamo infine le ultime parole sulla qualità costruttiva. Turtle Beach MW3 Ear Force Delta Anche in questo caso ci posizioniamo su una resa di livello molto elevato con un eccellente uso delle plastiche per il fascione che sorregge i padiglioni, realizzati con un interessante mix di tessuto e pelle che riesce a dissipare il calore delle orecchie in modo più che accettabile. L'unico appunto è relativo a una disposizione complessiva della struttura che tende a far allargare i padiglioni verso l'esterno e quindi a farli allontanare leggermente dalle orecchie durante l'uso prolungato. Ovviamente si tratta di una precisazione collegata alla struttura della testa dell'ascoltatore e quindi molto soggettiva ma probabilmente anche in questo caso, come per il microfono, una maggiore resistenza delle giunture e delle articolazioni alla nostra pressione avrebbe probabilmente giovato. Volendo tirare le somme e se ancora non fosse chiaro, le Ear Force Delta vengono promosse a pieni voti sia da un punto di vista qualitativo per l'eccellente resa audio e per l'ottima qualità costruttiva, sia per l'elevata configurabilità e abbondanza di feature accessorie che faranno felici i fanatici dell'audio tra i nostri lettori. Ovviamente rimane il nodo del prezzo veramente molto elevato ma è possibile che, considerata l'uscita ormai non più recente di queste cuffie, sia possibile trovarle scontate o a prezzo ridotto. E in quel caso, budget permettendo, l'acquisto è ovviamente consigliato.

Pro

  • Bluetooth integrato e supporto al Dolby Digital
  • Compatibili con console e PC
  • Sono wireless e quindi estremamente comode

Contro

  • Sono wireless e quindi con una resa audio potenzialmente inferiore
  • Il software PC poteva essere più corposo in termini di feature
  • Il prezzo può essere un deterrente