8.8

Redazione

8.2

Lettori (15)


  • 8
  • 0
  • 24
  • 0
  • Data di uscita: 15 marzo 2010
  • Piattaforme: ps3, pc
  • Tipologia di gioco: Arcade, Puzzle

ShatterFrammenti spaziali e palline 12

Il PSN dell'ammiraglia Sony accoglie uno dei titoli esclusivi migliori del suo intero catalogo.

Frammenti spaziali e palline Il Gioco è disponibile per il download sul servizio PlayStation Network di PlayStation 3

L'ennesima variante di Breakout e Arkanoid. Cosa potrebbe esserci davvero di interessante in un concept visto e rivisto decine di volte fin dall'alba dell'intrattenimento videoludico? Parecchio, ve l'assicuriamo. Shatter non solo è un brillante esempio di quanto valido sia ancora un gameplay fatto di palline e mattoni da rompere, ma più in generale rappresenta uno dei migliori titoli in assoluto disponibili sul PSN di PlayStation 3.

Come rinnovare un dinosauro

L'idea base di Shatter è, come già detto, vecchia quasi quanto il videogioco stesso; da una parte dello schermo c'è una piattaforma mobile, controllata dal giocatore, e dall'altra una serie di blocchi da distruggere grazie a delle palline rimbalzanti per poter passare al livello successivo. Molto più complesso a dirsi che a farsi. Quello che hanno fatto i programmatori di Sidhe Interactive è quindi stato prendere questa idea, e plasmarla a proprio piacimento, mescolarla con alcuni elementi degli shot'em up arcade, fino a dar vita ad un'esperienza sinceramente spettacolare ed affascinante. Anzitutto, tramite i tasti dorsali è possibile gestire parzialmente la traiettoria della sfera, grazie ad una "forza" capace di attrarla o respingerla rispetto alla piattaforma. Un elemento chiave questo che rende finalmente attivo non solo il momento del rimbalzo, ma anche tutto il percorso e la traiettoria seguita dalla biglia. In secondo luogo trova nuova linfa la gestione delle proprie vite, che in Shatter sono costituite dalle stesse palline liberamente utilizzabili in qualsiasi momento; questo significa che se, per esempio, si dispone di 3 vite, allora si potranno lanciare fino a tre palline contemporaneamente in qualsiasi momento lo si desideri, aumentando il potenziale offensivo ma anche la difficoltà nel riuscirle a gestire. Frammenti spaziali e palline E ancora, la distruzione dei blocchi libera dei frammenti, da raccogliere con la stessa forza attrattiva di cui sopra; oltre ad aumentare il punteggio, questi permettono di riempire una barra da usare per generare uno scudo o per liberare una sorta di attacco speciale particolarmente utile per ripulire rapidamente il livello o contro i boss. Si perchè alla fine di ognuno dei mondi che costituiscono la modalità principale è presente un boss diverso, con specifici attacchi e punti deboli da colpire ripetutamente. Ma non è tutto; il comportamento dei blocchi da distruggere per esempio è legato a differenti qualità degli stessi, tali da farli restare immobili, o esplodere, o resistere a molteplici colpi, o vagare attraverso lo schermo rispondendo alle sollecitazioni di spinta o richiamo del giocatore. In tal caso va fatta particolare attenzione, dal momento che urtare la propria piattaforma contro un blocco porta ad una breve ma spesso fatale scomparsa della stessa dalla propria posizione. Interessante anche la scelta di non limitarsi ai classici stage "rettangolari", ma di affiancarli a quelli circolari decisamente più impegnativi. La molteplicità di elementi innovativi inseriti in una meccanica classica rende quindi Shatter un gioco fondamentalmente fresco e coinvolgente, immediato ma allo stesso tempo aperto ad un costante senso di progressione e miglioramento grazie al sistema di punteggio e alle classifiche online. Tutto questo viene poi supportato da una componente tecnica di primo piano, con una grafica certamente non impressionante per complessità ma dotata di uno stile futuristico ottimo, colorato e ricco di piacevoli effetti. Ottima la colonna sonora, composta da brani elettronici che non sfigurerebbero affatto su un cd musicale. Peccato soltanto per l'assenza di una qualsiasi modalità multigiocatore e per la brevità della campagna principale, a cui sono affiancate solo un paio di modalità secondarie non troppo interessanti.

Shatter è con ogni probabilità la migliore variazione del tema di Breakout mai realizzata. Un arcade curato sotto ogni aspetto, coinvolgente e impegnativo senza mai essere frustrante, potenzialmente adatto tanto agli appassionati di retrogaming quanto a chi per la prima volta si affaccia a questo tipo di gameplay. A meno di non odiare visceralmente il genere, Shatter resta quindi un acquisto caldamente consigliato.

Andrea Palmisano

Pro

  • Rinnova un gameplay vecchio oltre 30 anni
  • Molto divertente
  • Ottima componente tecnica

Contro

  • A tratti un po' confusionario
  • Piuttosto breve
  • Niente multiplayer