7.3

Redazione

8.2

Lettori (18)


  • 25
  • 1
  • 20
  • 5

LEGO Pirati dei CaraibiQuindici uomini... 0

Poteva la serie Pirati dei Caraibi rimanere immune davanti al fascino, e alle vendite, dei famosi mattoncini LEGO digitalizzati? Certo che no, ed infatti Disney è pronta a lanciare, in concomitanza con l'arrivo nelle sale cinematografiche del quarto capitolo della saga, la versione a mattoncini di Jack Sparrow e soci

Versione testata: Xbox 360

Il fenomeno Pirati dei Caraibi è nato da un idea non del tutto scontata. Quando nel lontano 2003 si decise di realizzare il primo film gli sceneggiatori e Disney, presero spunto da un attrazione a tema piratesco presente i quasi tutti i Disneyworld d'America, e persino a Disneyland Parigi. Da quel giorno ad oggi la serie può contare su ben quattro film, l'ultimo in uscita proprio in questi giorni in Italia, e un franchise multimiliardario che si è espanso in tantissimi settori. Quindici uomini... Dopo aver sfruttato il marchio con già alcuni titoli ispirati alle avventure di Capitan Jack Sparrow non proprio riuscitissimi - senza contate il famoso MMO recentemente cancellato dalla stessa Disney - si è deciso di affidare il progetto ai talentuosi ragazzi di TT Games, da sempre legati in maniera diretta ai titoli LEGO. Il progetto ad ampio respiro permetterà di rivivere le gesta non solo dell'ultima avventura cinematografica, bensì, di tutti e quattro i film con l'ormai consueto stile e la solita irriverenza tipica dei giochi LEGO.

All'arrembaggio

Come già accennato poco sopra, gli sviluppatori hanno deciso di inserire all'interno del titolo tutti i capitoli del gioco accessibili dalla solita area comune tipica dei giochi della serie che si ispira palesemente alla location di Port Royal. Ogni capitolo è composto di cinque differenti episodi che cercheranno di concentrare tutti gli avvenimenti salienti dei film, rendendoli interattivi. Come già successo in passato la storia è raccontata dalle immagini e dai gesti dei vari personaggi dato che non vi è alcun tipo di parlato all'interno del gioco. Tutti i vari momenti che rivivremo nei panni dei protagonisti sono capaci di strappare più di una risata grazie alla comicità e alla simpatia che gli sviluppatori hanno usato per raccontare la storia, stravolgendo a volte l'originale plot narrativo. Il cast è composto da tutti i personaggi apparsi nella serie, per un totale di settanta "omini", ognuno con caratteristiche personali e utili per risolvere i classici enigmi LEGO di cui i vari livelli di gioco sono intrisi. Se da un lato abbiamo quindi un background narrativo noto a tutti i fan delle pellicole, qualche novità viene invece regalata dal gameplay del titolo, grazie a piccole ma significative novità. La classica impostazione platform con alcuni (semplici) enigmi tipici dei puzzle game sembra essere rimasta intatta, nonostante questo il titolo ha il piacere di offrire qualche novità in termini di gameplay. Quella che salta sicuramente più all'occhio è la possibilità da parte dei nostri eroi di poter nuotare e addirittura immergersi nei cristallini mari caraibici. Questa nuova feature offre nuovi ed interessanti meccanismi in termini di giocabilità che derivano proprio da questa capacità, con enigmi basati esclusivamente su di essa. Altra interessante aggiunta, quando si gioca nei panni di Jack, è la possibilità di usare la bussola per poter individuare oggetti che altrimenti rimarrebbero celati alla nostra vista, molti dei quali si rivelano utili per portare a termini tutti i vari stage di gioco. Infine, anche se meno influente in termini di gameplay, è stato ampliato il party di personaggi che potremo utilizzare, adesso gestibile attraverso una comoda ruota di scelta consultabile con la pressione del tasto Y. Inoltre, i ragazzi di TT Games si riconfermano maestri nell'inserire i classici replay values che invogliano il giocatore a ulteriori sessioni nello stesso livello grazie alla modalità "gioco libero" che permette di utilizzare un party completamente editabile di personaggi, dando cosi la possibilità di arrivare ad aree che nella prima run non erano accessibili e potendo cosi raccogliere tutti i collezionabili, che ogni livello custodisce al suo interno. Quindici uomini... Fin qui insomma il classico e usuale titolo LEGO, se non fosse che già dalla prima sessione di gioco le prime magagne saltano all'occhio. Il limite più palese riguarda la durata dei livelli stessi, molto più breve rispetto ai canoni della serie. Per portare a termine una missione ci vorranno all'incirca dieci minuti, se non meno. Ovviamente questa fattore va ad inficiare in maniera palese la longevità del titolo, che per quanto possa contare sui soliti segreti e collezionabili, viene drasticamente abbassata rispetto agli altri titoli della serie. La stessa area di accesso ai vari livelli, tradizionalmente sempre ricca di segreti e oggetti misteriosi ( i classici mattoncini rossi degli extra ad esempio.) sembra aver subito un ridimensionamento con meno contenuti rispetto agli altri titoli. Ma la longevità non sembra essere l'unica ad aver fatto un passo indietro, a subire dei cambiamenti è anche la difficoltà di gioco, con enigmi che per quanto sempre divertenti e piacevoli, risultano aver fatto un passo indietro rispetto a quanto visto solamente pochi mesi fa con LEGO Star Wars III: the Clone Wars, diventando troppo semplici e fin troppo coadiuvati da un sacco di aiuti che appaiono su schermo. L'impronta kids è quindi evidente.

Obiettivi Xbox 360

Il gioco offre la possibilità di sbloccare i canonici 1000 punti attraverso 40 obiettivi di gioco. La maggior parte di essi si guadagnano ultimando le varie missioni di gioco, altri invece compiendo determinate azioni all'interno di specifiche sezioni di gioco. Tornano come sempre i classici obiettivi di completamento al 100% dei vari livelli e menzione particolare spetta all'obiettivo da 88 G in cui ci verrà chiesto di raccogliere 88,888,88 mattoncini ... una vera maratona LEGO insomma!

Mattoncini caraibici

Se c'è una componente dove il titolo mostra maggiormente i suoi pregi è all'interno del comparto tecnico. Le ambientazioni e i il cast risultano sviluppati con la solita maestria, tipica di questa casa di sviluppo. Particolare attenzione è riposta anche nella caratterizzazione dei vari protagonisti: la tipica camminata di Jack Sparrow, i cambi d'abito da un film all'altro e tutte le particolarità di ogni ambientazione non mancheranno dall'essere notate agli occhi dei fan più accaniti e attenti della serie. Lo stesso si dica del level design estremamente differenziato, che ci metterà di fronte a situazioni sempre diverse e originali. Il comparto audio attinge comprensibilmente a piene mani dalla soundtrack originale del film, utilizzando temi che già abbiamo avuto modo di orecchiare al cinema. Purtroppo, per l'ennesima volta, siamo qui a documentarvi la mancanza di una componente cooperativa online , richiesta sempre più insistentemente e a gran voce dai fan dei titoli LEGO. Come sempre, tramite il collaudato sistema drop in/drop out è possibile entrare localmente in un partita e uscirne in qualsiasi momento senza dover necessariamente interrompere la sessione di gioco. Insomma cercando di riassumere quanto appena descritto, è facilmente intuibile dedurre che la nostra non è una bocciatura in senso generale, quanto una semplice constatazione di quanto il titolo sia più povero di contenuti rispetto ad altri titoli LEGO. Ovviamente l'impalcatura di base rende comunque il gioco estremamente godibile soprattutto per le generazioni più giovani, rendendo giustizia alla famosa saga Disney. Rimane, in ogni caso, un piccolo passo indietro da parte degli sviluppatori rispetto a quanto fatto vedere qualche mese fa con LEGO Star Wars III. LEGO Pirati dei Caraibi - Videorecensione LEGO Pirati dei Caraibi - Videorecensione

Questione di partnership

Durante un evento di presentazione della campagne che verranno attuate per la pubblicizzazione del gioco, è stata rivelata un'interessante collaborazione tra Disney e LEGO che permetterà a chi acquisterà diverse confezioni dei mattoncini ispirati a LEGO Pirati dei Caraibi di poter trovare al suo interno dei contenuti da poter scaricare all'interno del gioco. Purtroppo la spiegazione non è andata troppo nel dettaglio, rimane comunque un'ottima iniziativa che meritava di essere quanto meno menzionata.

LEGO Pirati dei Caraibi, risulta più che un "more of the same" un "less of the same" dimostrando una longevità e una carenza di contenuti ai cui i titoli LEGO non ci aveva mai abituato. Rimane in ogni caso un prodotto ben sviluppato e ugualmente diverte da giocare nella totalità della sua esperienza di gioco, grazie al solito (quasi) impeccabile comparto tecnico e di gameplay. Consigliato a tutti i giovani amanti della saga Disney, e ai più accaniti fan.

Roberto Vicario
 

Pro

  • Il solito, irriverente stile LEGO
  • Ambientazioni e level design ben riuscito
  • Chi ha amato i precedenti, amerà anche questo

Contro

  • Meno contenuti rispetto al solito
  • Alla maggior parte dell'utenza risulterà fin troppo semplice
  • Manca, per l'ennesima volta, la cooperativa online