Battlefield 2142Battlefield 2142 - Recensione 

Il campo di battaglia on line del duo Electronic Arts - Digital Illusions fa un salto temporale in avanti di quasi 150 anni. Siamo veramente di fronte al futuro degli FPS on line? Per scoprirlo basta proseguire nella lettura...

al di là del pretesto “narrativo”, Battlefield 2142 non si discosta quasi per nulla dai suoi predecessori

Conservatori...

Al di là del pretesto “narrativo”, Battlefield 2142 non si discosta quasi per nulla dai suoi predecessori: ci troviamo nuovamente di fronte ad un FPS a squadre, capace di gestire fino a 64 giocatori, in cui l'azione coordinata viene premiata. L'accostamento con i suoi predecessori non riguarda comunque solo l'aspetto “ontologico” ma anche le armi ed i mezzi (la varietà e la quantità sono sempre al top), sarà semplice comprendere per gli abituè della serie che, al di là della veste futuristica, ci si trova di fronte ad oggetti simili in tutto e per tutto a quelli già visti negli episodi ambientati in altri periodi storici. Le somiglianze proseguono riguardo le classi presenti (fortunatamente sempre più personalizzabili, con un numero molto elevato di elementi da sbloccare) per i soldati virtuali, un level design delle mappe in tutto e per tutto simile a quelle viste negli altri episodi e la presenza di un comandante democraticamente eletto all'inizio di un round di gioco e che avrà compiti tattici e strategici ben precisi ed esclusivi e che spesso risulteranno essere decisivi per il buon andamento della nostra battaglia.

Battlefield 2142 - Recensione Battlefield 2142 - Recensione Battlefield 2142 - Recensione

...ma non del tutto

Se fino a questo momento abbiamo messo in luce tutte le smaccate somiglianze di Battlefield 2142 con i suoi predecessori, è tempo di rendere manifeste anche le novità. Queste ultime sono sostanzialmente due: la prima riguarda la presenza dei Walker, queste gigantesche unità (le uniche veramente futuristiche) che ricordano da vicino l'ED209 di “Robocoppiana” memoria ed altre macchine da guerra viste in mille manga nipponici. Nonostante una certa latenza nell'esecuzione dei comandi ed un'altrettanta lentezza di movimenti, i Walker (tradotti in “Camminatori” nel manuale...) sono macchine da guerra quasi perfette che richiedono una grossa quantità di piombo per essere abbattute tanto da poter essere considerate alla stregua, con un paragone forse improprio, dei boss di fine livello che una volta capeggiavano negli action arcade di un tempo.

indubbiamente è proprio il “Titan Mode” il valore aggiunto di Battlefield 2142

Imprese Titaniche

L'altro aspetto inedito di Battlefield 2142 riguarda l'inedita modalità “Titan”. Una volta che avrete deciso di entrare in una delle mappe disponibili, in pratica dovrete adoperarvi affinché la vostra squadra riesca ad abbattere la monumentale fortezza volante dell'avversario. Più facile a dirsi che a farsi, come si suol dire in questi casi, visto che l'impresa è veramente titanica: per prima cosa dovrete riuscire a far abbassare gli scudi che proteggono il Titan e per farlo dovrete prima conquistare le postazioni missilistiche. Tante più ne conquisterete, tanto prima l'astronave sarà finalmente penetrabile. Ma questo è solo l'inizio visto che una volta abbassati gli scudi, dovrete riuscire ad entrare nella fortezza: per farlo potrete usare un mezzo volante oppure farvi lanciare da un APC capace di tramutarci in proiettili umani e farci arrivare fino in cielo. Eseguita l'operazione di approdo, l'azione si sposta all'interno della fortezza: qui torniamo ad una situazione più “canonica” in cui prima dovremo farci strada tra la resistenza avversaria e poi arrivare fino al nucleo del Titan, distruggendo precedentemente alcune postazioni circostanti. Come potete facilmente capire, la modalità è assolutamente intrigante, profonda e richiede una ottima dose di coordinazione fra gli uomini della stessa fazione; indubbiamente è proprio il “Titan Mode” il valore aggiunto di Battlefield 2142.

Battlefield 2142 - Recensione Battlefield 2142 - Recensione Battlefield 2142 - Recensione

Campi di Battaglia Instabili

Analizzate le caratteristiche della componente più strettamente ludica di Battlefield 2142, andiamo ora a prendere in considerazione altri aspetti della produzione di Electronic Arts a cominciare dalla stabilità del codice. Purtroppo non ci sono buone nuove a riguardo visto che oltre alla necessità impellente di installare subito una patch a pochi giorni dall'uscita (altrimenti, almeno sul sistema di prova, non venivano neppure visualizzati i server...), il gioco ha continuato ad essere instabile eccessivamente. Probabilmente per quando questa recensione sarà pubblicata, saranno usciti nuovi aggiornamenti che avranno risolto i problemi ancora esistenti ma certamente si poteva auspicare un beta testing di compatibilità più approfondito per non cadere in tali situazioni.

siamo di fronte ad una rappresentazione grafica molto spartana che però incide favorevolmente sul gameplay

Motori grafici non troppo futuristici

Un altro aspetto di stretta vicinanza fra Battlefield 2142 e il suo più diretto predecessore (Battlefield 2) riguarda l'utilizzo dello stesso motore grafico che ha subito solo un'opera di ottimizzazione che non risulta neppure troppo evidente ad una percezione visiva anche approfondita. Se pur il gioco è tutt'altro che mediocre nel suo aspetto estetico, di certo è lontano dal poter essere considerato come una di quelle produzioni “next generation” che, purtroppo ancora con non troppa frequenza, stiamo vedendo su Personal Computer. Siamo di fronte ad una rappresentazione grafica molto spartana che però incide favorevolmente sul gameplay visto che non abbiamo riscontrato alcun problema di fluidità con i parametri disposti dal setting automatico del programma.
Oltretutto, l'uso dello stesso motore grafico di Battlefield ha lasciato immutati anche i requisiti minimi consigliati per giocare a BF2142. Basterà avere un processore a 1,7 GHz, 512 MB di ram ed una scheda video con almeno 128 MB di memoria per poter battagliare in rete senza alcun problema. Indispensabile la connessione Internet addirittura anche per il single player. Nessuna segnalazione particolare per il sonoro con effetti adeguati mentre l'ultima segnalazione negativa riguarda i caricamenti ancora una volta troppo ingenti per non parlare del pesantissimo processo che si mette in atto nel caso in cui si decida di cambiare la risoluzione video: per l'ottimizzazione degli shader dovremo aspettare un buon numero di minuti, un tempo di attesa decisamente eccessivo per noi videoguerrafondai...

Battlefield 2142 - Recensione Battlefield 2142 - Recensione Battlefield 2142 - Recensione

Conclusioni

Battlefield 2142 è una sorta di restyling grafico futuristico (una modifica ai massimi livelli, ci permettiamo di dire) di una serie molto apprezzata dai fraggatori di tutto il mondo a cui si aggiungono due novità sostanziali: la prima riguarda la presenza degli splendidi Walker, perfette macchine da guerra con una potenza di fuoco esorbitante, l'altra è la nuova modalità Titan che garantisce un approccio ancora più profondo, strategico ed anche spettacolare ad un gameplay che per il resto si mantiene fedelissimo alla linea già tracciata dalle precedenti produzioni di Digital Illusion. Se riuscirete a chiudere un occhio su qualche problema di stabilità ancora presente e ad un motore grafico che ha già due anni di vita, non si può che consigliare caldamente Battlefield 2142, sempre che le operazioni belliche on line prodotte da Electronic Arts siano già state di vostro gradimento nei precedenti capitoli della serie.

Pro Battlefield è una garanzia Il Titan Mode è una novità importante I Walker sono splendide macchine distruttrici Contro Alcuni problemi di instabilità ancora non risolti Motore grafico “riciclato” da Battlefield 2 Caricamenti eccessivamente pesanti

La fame genera guerra

Battlefield 2142 - Recensione Forti di una community molto numerosa, i programmatori svedesi di Digital Illusions (chissà se qualcuno ricorda ancora le loro prime produzioni su Amiga dedicate ai Flipper...) tornano sul mercato per proporci un nuovo capitolo della loro serie di maggior successo. L'FPS multiplayer per eccellenza (o quasi...) si trasferisce in un futuro prossimo dove a causa di una nuova era glaciale, le risorse per l'umanità iniziano a scarseggiare pesantemente e questo, purtroppo, come in molti altri momenti nella storia dell'umanità, ha significato guerra. A fronteggiarsi per le limitate scorte saranno due fazioni: da una parte l'Unione Europea, dall'altra la coalizione Pan Asiatica in un conflitto globale e permanente raccontato a puntate di volta in volta nelle schermate di caricamento.

TI POTREBBE INTERESSARE