Cooking MamaCooking Mama 

Continua con successo la tendenza che porta i titoli per Nintendo DS su cellulare, attraverso un lavoro di conversione ben fatto sotto il profilo tecnico, ma che spesso lascia a desiderare per la quantità di elementi che vengono "persi per strada". Sarà così anche per Cooking Mama? Sviluppato nella sua versione mobile da Twistbox Games, questo particolare simulatore ci chiederà di metterci ai fornelli per preparare varie pietanze...

La convinzione secondo cui il "casual gaming" equivale alla morte del videogioco è fondamentalmente sbagliata. Le applicazioni sviluppate in tal senso sono state lungamente sperimentate in sala giochi, per poi passare all'ambito domestico con Nintendo DS e Wii. Si parte con la chiara intenzione di conquistare una fetta di mercato del tutto nuova, rappresentata appunto dai videogiocatori occasionali o da chi non si è mai cimentato con un videogame, ma spesso si arriva al risultato di accontentare anche utenti "navigati" e tutt'altro che impreparati. Questo perché sono molte le persone stanche dei soliti generi, che hanno voglia di sperimentare qualcosa di nuovo. Prodotti come Cooking Mama rispondono perfettamente a tale esigenza, come dimostrato dai dati di vendita. Dunque perché non crearne una versione per cellulare?

Il gioco si presenta con una struttura estremamente semplice: abbiamo a disposizione una serie di ricette contraddistinte da vari livelli di difficoltà, e dobbiamo "prepararle" fino a ottenere una pietanza pronta. Questo si traduce nel passare attraverso un numero variabile di fasi: per cucinare una frittata, ad esempio, dovremo prima rompere delle uova, quindi mescolarle, infine friggerle. È chiaro che più una ricetta è difficile più fasi dovremo affrontare, e l'abilità con cui le supereremo andrà poi a stabilire un punteggio medio finale. Su Nintendo DS, Cooking Mama basava gran parte del proprio appeal sul sistema di controllo via stilo e touch screen, com'è noto, e su cellulare tutto questo purtroppo è andato perso. Gli sviluppatori hanno dovuto pensare a un sistema di controllo alternativo, che nei giochi di questo tipo generalmente si basa sulla pressione dei tasti numerici più che sull'uso del joystick. Diciamo che la soluzione scelta alla fine è un po' una via di mezzo, ovvero utilizza sia il joystick che i tasti numerici a seconda di ciò che succede sullo schermo: se dobbiamo mescolare qualcosa, lo faremo puntando lo stick nelle varie direzioni in sequenza, mentre per affettare dovremo semplicemente seguire la direzione indicata volta per volta. Possiamo decidere se preparare una ricetta direttamente o fare solo pratica con le sue varie parti. Se abbiamo qualche dubbio sui controlli, c'è un'intera sezione dedicata solo alle istruzioni...

Trattandosi di un "simulatore di cuoco", è chiaro che non ci troviamo di fronte a un prodotto dalla grafica spettacolare: l'obiettivo degli sviluppatori era confezionare un gioco dall'aspetto semplice ma gradevole. Questa versione mobile riprende gli elementi grafici in toto, dunque il feeling è lo stesso della versione per Nintendo DS, con un buon uso dei colori e disegni sempre chiari e ben distinguibili. Stessa qualità, dunque, ma purtroppo non si può dire lo stesso della quantità: sotto ogni punto di vista, Cooking Mama su cellulare è una versione pesantemente "tagliata" rispetto all'originale, con un numero di ricette davvero basso, incapace di garantire una longevità nella media. Il comparto sonoro miscela in modo simpatico musiche ed effetti, con questi ultimi che purtroppo possono creare rallentamenti su alcuni terminali.

Clicca per votare!
S.V.

Redazione

8.8

Lettori (3)

Ben vengano le conversioni da Nintendo DS, ma fatte con criterio. Nel caso di Cooking Mama, purtroppo, la versione per cellulare riesce a essere fedele all'originale per quanto concerne la grafica e a trovare il giusto compromesso per il sistema di controllo, ma a caro prezzo: le ricette presenti sono decisamente troppo poche per garantire un minimo di longevità. A questo difetto non da poco va aggiunto un feeling generale che non può che essere diverso dalle intenzioni di partenza: un conto è mescolare delle uova ruotando la stilo sul touch screen, un conto è farlo premendo dei tasti numerici. In definitiva, un prodotto capace di intrattenere solo brevemente, per forza di cose meno giocabile dell'originale sulla console portatile dal doppio schermo.

Tommaso Pugliese

Pro

Contro

Pro

  • Idea di base sempre valida
  • Grafica fedele all'originale
  • Sistema di controllo ben organizzato...

Contro

  • ...ma molto inferiore a stilo e touch screen
  • Pochissime ricette
  • Longevità estremamente ridotta

TI POTREBBE INTERESSARE