CSI: Dark MotivesCSI: Dark Motives - Recensione 

I criminali nell'universo Ds non sono più al sicuro

Con l'avvento delle nuove tecnologie di gioco proposte in questi anni da Nintendo, capita sempre più spesso di vedere cose in televisione o semplicemente in giro per strada e pensare "ecco, questo sarebbe perfetto da giocare con il pennino" oppure "questa cosa sarebbe divertentissima interfacciata con un Wiimote". Uno dei serial Tv che si è prestato probabilmente di più a questa serie di divagazioni è CSI: Crime Scene Investigation, il concept del telefilm è abbastanza lineare: c'è un morto, delle prove da raccogliere ed un colpevole da mettere dietro le sbarre, il tutto sotto il segno della scienza e dell'indissolubilità delle prove. CSI negli anni è effettivamente diventato un videogioco, purtroppo però lontano dai lidi offerti da Nintendo, o almeno fino a quest'anno, in cui nel mese di novembre è uscito CSI: Dark Motives, versione portatile del gioco apparso su pc più di qualche anno fa. Questo CSI portatile riuscirà a dimostrarsi all'altezza delle aspettative dei fan della serie e di chi cerca una buona avventura a sfondo investigativo? Armatevi di pennino, non c'è altro modo di scoprirlo...

CSI: Dark Motives - Recensione CSI: Dark Motives - Recensione

Who are you

Come la sua controparte televisiva la struttura della storia ricalca in tutto e per tutto una qualsiasi puntata di CSI (che sia Las Vegas, Miami o New York è indifferente, cambiano i personaggi ma non il concept): il giocatore, neo-acquisto della squadra capeggiata dal brizzolato Gil Grissom, è il protagonista assoluto di cinque differenti casi con la costante comune di un criminale da incastrare. Il primo giorno di lavoro Gil Grissom, introduce il giocatore all'intera squadra di CSI, descrivendo tratti caratteriali salienti e -cosa molto importante- il compito primario di ogni membro; il tour all'interno dei nuovi uffici si conclude in laboratorio, il vero e proprio terminale e punto di ripartenza per ogni analisi, il luogo dove le prove vengono analizzate, confrontate e trovate. Nemmeno il tempo per prendere confidenza con tutti gli strumenti proposti dal gioco che il detective Willows viene assegnato come supervisore per il primo caso del gioco, un incidente motociclistico in cui è stato coinvolto uno stuntman, evidentemente boicottato nel corso di una esibizione particolarmente pericolosa. Il primo caso è di fatto la palestra di allenamento per buona parte degli strumenti nel gioco, il giocatore ha il compito di interrogare presenti e sospetti, raccogliere le prove grazie ad una sufficientemente intuitiva interfaccia di gioco, esaminare a fondo la scena del crimine e poi muovere i propri passi verso il laboratorio per ottenere qualche informazione in più. Dalle prove in possesso è poi possibile sbloccare nuove aree da analizzare (se necessario, sbloccate tramite un mandato di perquisizione grazie all'infallibile Jim Brass) e così via riprendendo da capo investigazioni, interrogatori e raccolta prove fino ad arrivare alla prova schiacciante, alla quadratura del cerchio che manda in galera il criminale di turno.

CSI: Dark Motives - Recensione CSI: Dark Motives - Recensione

In ogni caso il giocatore è affiancato da uno degli esperti della squadra di CSI, in grado di fornire utile supporto qualora ce ne fosse bisogno, tenendo sempre presente che per ogni aiuto in più richiesto per una più semplice risoluzione del caso, Gil Grissom al termine del caso riserverà una valutazione più bassa. Il gioco sfrutta interamente pennino e touch screen per adattarsi a quella che è la struttura di gioco. Le scene del crimine e le ambientazioni visitate sono 'navigabili' interattivamente a 360° (un po' come i tour virtuali che si trovano sui siti di alcune rinomate località turistiche), permettendo così al giocatori di avere una precisa idea di quella che è la conformazione del luogo che sta visitando e -in caso- di ipotizzare una possibile linea guida dei momenti relativi all'incidente. Le prove sono prelevabili tramite pennino ed analizzabili selezionando lo strumento apposito da una lunga lista: gli strumenti sono suddivisi a seconda dell'azione richiesta dalla prova (prendere impronte, raccogliere campioni,...), e per ognuna di queste c'è sempre un solo modo di essere raccolte. Le prove sono indicate su schermo con una freccia verde decisamente visibile (nel momento in cui il pennino ci passa sopra) ed allo stesso modo vengono evidenziate le aree dello stage in cui è possibile avvicinarsi ed osservare più da vicino gli elementi che caratterizzano il caso.

CSI: Dark Motives - Recensione CSI: Dark Motives - Recensione

Purtroppo se sulla carta tutto sembra essere rappresentato nel migliore dei modi, la realtà delle cose è che questo CSI: Dark Motives, è un gioco poco lineare, complesso (più per motivi di incomprensioni nell'utilizzo delle prove) e graficamente di molto inferiore a quelle che sono le migliori produzioni in termini di avventure grafiche su Nintendo Ds. A permeare negativamente l'atmosfera del gioco si riscontra anche una certa ripetitività nelle situazioni, che purtroppo non gioca a favore dell'esperienza di gioco, spesso e volentieri frustrante nel muoversi di locazione in locazione. Infine uno dei potenziali punti di forza del gioco -i filmati della serie riprodotti sullo schermo superiore del Ds- risulta essere una delle cose peggiori, per via della pessima compressione video che non fa vedere altro che immagini pixelate e neri bucati.

CSI: Dark Motives non è un brutto gioco, semplicemente non è un gioco nato su Ds e si vede. La struttura di gioco nata su pc è semplicemente stata adattata e rimpicciolita per farci stare tutto nel migliore dei modi sui due schermi del portatile di Nintendo. Restano purtroppo immutati i difetti del gioco e la poca linearità del tutto, elemento che si scontra inevitabilmente con quella che è la voglia e la pazienza dei giocatori. Da segnalare la buona traduzione italiana, elemento da non ignorare assolutamente per un gioco del genere. Un buon gioco per gli apppassionati della serie, ma per gli amanti delle avventure -al momento- su Ds è possibile trovare decisamente di meglio.

Pro Buon uso della licenza Numerosi strumenti di analisi delle prove Completamente in italiano Contro Casi poco lineari A tratti frustrante Semplice porting della versione pc

TI POTREBBE INTERESSARE