Earthworm JimEarthworm Jim 

Striscia e striscia, JIM il verme si è infilato anche nel Game Boy Advance e sembra intenzionato a farci partecipare ancora una volta alle sue bizzarre avventure.

Earthworm Jim Earthworm Jim
Earthworm Jim Earthworm Jim

Ci troviamo ovviamene oltre la sufficenza, ma dispiace che questa conversione non sia stata curata maggiormente, perchè il prodotto è valido e meritava più attenzione: il GBA poteva venire impiegato più a fondo. L'acquisto è consigliato ma una tirata d'orecchie ai produttori ci voleva, anche perchè ai tempi del SuperNes, Earthworm JIM segnò il nuovo standard della categoria action/platform. 6

Pro: Belle idee Umorismo
Contro: No password, no SavePoint, no buono... tu gabire buana Risposta ai comandi da vedere e rivedere Animazioni ed intercalazioni comiche (nel senso di tragiche)

Da quando JIM è stato trasformato per la prima volta in una sorta di VermeSuperEvoluto da una tuta spaziale piombata a picco sulla terra, ne è passato di tempo e diversi sono stati i formati sui quali giocare le sue avventure. Ora è il momento del GBA. Per trovare la principessa rapita occorrerà passare 6 livelli più stage peculiari, bonus ed ultime sfide, braccati da coloro che bramano la nostra virtuosa tuta potenziante. Per affrontare questa lunga crociata disporrete di 3 vite e 3 continue. Non troverete password o punti di salvataggio, quindi l'avventura va bevuta tutta d'un fiato e riniziata una volta spenta la console. Questa non è cosa buona e giusta (sembra quasi un barbatrucco per incrementare la longevità...). Come se non bastasse, il livello di difficoltà (basso, medio o tosto) è comunque impegnativo. Il gioco è pieno di gag simpatiche e trovate accattivanti che parodizzano il genere dei platform mischiando anche richiami extra-videoludici (cinema...). Le azioni che il nostro può sfoggiare sono il fiore all'occhiello del titolo: sparare con una pistola al plasma (in campana che le munizioni calano), frustare usando la propria testa (questo vi permette sia di mettere in riga i vostri avversari, sia di emulare IndyJones per aggrapparvi ad acuminati appigli e come tarzan planare per i livelli) e svolazzare trasformando la vostra testa in elica. Il look e cartunesco ed estremamente cool (anche dopo tutti questi anni). L'apparato sonoro si fa sentire ed è tra le parti più riuscite di tutto il gioco. Nel vostro peregrinare contro Psy-Crow (cacciatore di taglie che si adopera per realizzare la vostra morte), incontrerete tutta una serie di gingilli che vi potenzieranno. I Livelli sono appaganti e ben organizzati, così come le sfide coi boss. Le partite sono sempre allietate da nuove dissacranti novità. La corsa sul motorazzo è tra le parti migliori del gioco. L'esperienza dell'intrattenimeno è però minata da qualche pecca: alcuni elementi dello sfondo sembrano messi là con il taglia ed incolla di Paint Microsoft (nel senso che gli elementi a volte collidono male, creando delle discontinuità visive sui livelli), le animazioni dei personaggi sulla carta dovevano essere straordinarie ma occorre una gran fantasia per ricostruile attraverso tutti i frame mancanti ed infine lo smacco più grave è una latenza nella risposta dei comandi (che vi costerà anche la vita ogni tanto). Non vi sono opzioni e configurazioni da fare oltre al livello di difficoltà. In compenso il booklet è anche in italiano ed elargisce descrizioni simpatiche rendendo la lettura piacevole.

TI POTREBBE INTERESSARE