FIFA 09 - Recensione  30

FIFA 09 è tornato per reclamare la corona di miglior titolo calcistico e avere la meglio su Pro Evolution Soccer 2009. Chi la spunterà?

La FIFA fa 09

Una delle novità più interessanti di questa ultima versione si chiama Adidas Live Season, una caratteristica che oltre a reclamizzare la famosa marca di abbigliamento sportivo permette di aggiornare dinamicamente le formazioni e gli attributi di ogni giocatore in base alle prestazioni fornite dal giocatore stesso. Adidas Live Season, disponibile a pagamento sulle versioni PC, Xbox 360 e PlayStation 3, eseguirà un monitoraggio costante dei trasferimenti e delle prestazioni dei giocatori partita dopo partita, aggiornando settimanalmente le statistiche. I campionati coperti dalla Live Season sono sei: Barclay’s Premier League, La Liga BBVA, Ligue 1, Bundesliga, Serie A e addirittura la Mexican Primera Division. Electronic Arts non ha ancora reso noto il prezzo della sottoscrizione al servizio, ma ha fatto sapere che se l’utente si limiterà a scegliere un solo campionato, l’utilizzo di Live Season sarà gratuito fino al termine della stagione 2008/2009.
Per quanto riguarda il resto, FIFA 09 offre la solita pletora di modalità, fra cui le più interessanti sono la modalità Manager, che permette di guidare una squadra gestendone ogni singolo aspetto; la modalità Torneo, che permette di giocare ben 61 tipi di torneo fra cui 42 ufficiali; e infine Sfida, dove si dovranno affrontare scenari prestabiliti che permettono di sbloccare contenuti speciali.
Simpatica la nuova interfaccia a widget personalizzabili, che ricorda molto da vicino un sito web 2.0 e dà pienamente la sensazione di un gioco per PC, non convertito dalle controparti delle ormai dominanti console. Ma la vera nota dolente è proprio questa: la versione PC di FIFA 09 è essenzialmente un miglioramento costruito sul gioco dell’anno scorso, e non è quindi all’altezza delle controparti per PlayStation 3 e Xbox 360. Il punto è, però, non partire con pregiudizi e cercare di capire cosa questo titolo può regalare all’utenza a cui si rivolge.

The Special Nine

Le trame di gioco viste in FIFA 09 risultano piuttosto varie ed elaborate, con il grande pregio di non restituire quella sensazione di “programmato a tavolino” che purtroppo infesta ancora titoli calcistici vecchi e nuovi. Come ormai da tradizione per tutti i FIFA del nuovo corso, anche stavolta ritroviamo un grande grado di controllo su passaggi e tiri, sia per quanto riguarda la direzione che la profondità. Ciò non significa che non ci siano da segnalare alcuni problemi o che il gioco abbia raggiunto una maturità straordinaria, ma le premesse per divertirsi non mancano. Uno dei miglioramenti che sembrano più convinti rispetto alla scorsa edizione riguarda il gioco aereo, ora più realistico e appagante. I cross sono meglio gestiti, e le mischie in area per colpire di testa o al volo denotano un certo grado di realismo.
Discreta l’intelligenza artificiale dei difensori, che sembrano più attenti e reattivi che in passato. Anche i portieri se la cavano, pur concedendosi di tanto in tanto alcune papere spaventose. La fisica del pallone non è ancora del tutto convincente, soprattutto se paragonata a quella su console (il continuo paragone è un tasto dolente, ma purtroppo è inevitabile) e dobbiamo far notare anche l’assenza dell’ormai celebre 10 contro 10 online e di alcune opzioni tattiche avanzate.
Da segnalare la correzione di un fastidioso bug della versione 08, che giocando in modalità Professionista faceva sì che il giocatore controllato potesse uscire dall’inquadratura delle telecamera: ora la visibilità è sempre garantita.

Potevamo stupirvi con effetti speciali, ma ci limitiamo a farvi giocare col mouse

Una novità curiosa viene dai sistemi di controllo: oltre alla solita tastiera e ai joypad, Electronic Arts ha inserito anche la possibilità di giocare con l’accoppiata mouse e tastiera, nemmeno stessimo parlando di Half-Life. Inizialmente goffo e ai limiti del ridicolo, questo sistema sorprende positivamente una volta acquisita l’abilità necessaria, e cambia volto all’intero gioco. Nella configurazione ideale i movimenti continuano ad essere gestiti dalla tastiera, e il mouse è delegato a tiri e passaggi: proprio come in uno sparatutto, si “mira” con il mouse verso la zona di campo desiderata, poi premendo il pulsante sinistro (più o meno a lungo) si effettua un passaggio, e premendo quello destro si tira in porta. Alla rotella sono invece demandate altre funzioni, implementate in modo piuttosto originale: posizionando il puntatore sopra un determinato giocatore e facendo scorrere la rotella, si otterrà il risultato di farlo scattare verso la direzione in cui sta guardano; facendo lo stesso sopra ad una zona di campo libera, invece, si otterrà di far scattare il calciatore lì dove desiderato. La rotella serve inoltre a cambiare giocatore.
In ogni caso, non crediamo che l’utilizzo di mouse e tastiera diventerà il metodo di controllo preferito da molti giocatori: i movimenti con la tastiera completamente digitali rimangono davvero troppo “old gen” rispetto a quanto può offrire un buon joypad; assegnandoli invece al mouse riteniamo che si perda molta giocabilità. Ma qualche partita di prova è comunque doverosa, anche solo per vedere lo stesso gioco da una prospettiva diversa.

Grafica e sonoro

Electronic Arts aveva preannunciato da tempo che la grafica di questa versione PC non sarebbe stata all’altezza delle controparti per console HD, e senza dubbio questa particolare promessa è stata mantenuta. Anche se il colpo d’occhio generale non può certo essere definito scadente, la complessità poligonale e l’illuminazione non si dimostrano straordinarie (carina invece l’erba 3D). Per le animazioni, vale il solito discorso di sempre: alcune di esse sono ottime, ma altre danno la sensazione di essere troppo veloci e scattose, e restituiscono un senso di legnosità, già a partire dalla semplice corsa.
FIFA non ha mai brillato per la somiglianza dei modelli poligonali con i veri calciatori, ma quest’anno sembra sia stato fatto un ennesimo passo in avanti. Non del tutto, però: assolutamente inspiegabile come nell’anno di grazia 2008 ci siano ancora alcuni alter-ego digitali di calciatori famosi totalmente differenti dalle controparti reali. Un esempio emblematico è Pavel Nedved, con lineamenti completamente sballati e capelli castano scuro (!), o lo stesso Alessandro Del Piero.
Nei due PC di prova, purtroppo, si è riscontrato anche un problema di scorrimento dello schermo piuttosto fastidioso: anche con frame rate piuttosto elevati (60 FPS) e sincronia verticale attivata, lo spostamento a destra o sinistra della telecamera restituisce una sensazione di incertezza, come se in realtà i fotogrammi al secondo fossero una ventina. Non sappiamo dire se la versione nei negozi avrà lo stesso problema, ma il nostro codice da recensione è certamente molto simile.
L’audio “di contorno” durante le partite è molto ben fatto e coinvolgente con tifo, voci dalla panchina e via dicendo. Straordinario il commento affidato a Fabio Caressa e Beppe Bergomi, probabilmente il migliore mai visto finora in un gioco di calcio. Carina ma poco incisiva, come sempre, la colonna sonora che ci accompagna nei menu, in puro stile EA.

Commento

FIFA continua a fare progressi, e per l’ennesima volta la versione più recente riesce a essere la migliore di sempre. Questa versione PC, nonostante sia palesemente inferiore alle controparti su console, è quella che forse ha giovato dei più grandi miglioramenti rispetto alla scorsa stagione. FIFA 09 in versione Windows non sarà il meglio sulla piazza ma è un buon titolo calcistico che ogni giocatore PC dovrebbe tenere in serissima considerazione.

Pro

  • Trame di gioco varie e profonde
  • Una valanga di squadre e modalità
  • Adidas Live Season mantiene il database sempre aggiornato
Contro
  • Grafica e animazioni non ancora completamente convincenti
  • Qualche incertezza nello stile di gioco
  • Visibilmente inferiore alle versioni console sotto quasi ogni aspetto

Requisiti di Sistema


Requisiti Minimi

  • Connessione a Internet
  • Sistema operativo: Windows XP SP2 / Vista
  • Processore: 2.4 GHz singolo core o superiore
  • RAM: XP 512 MB, Vista 1 GB
  • Scheda Video: DirectX 9.0, 128 MB, shader 2.0
  • Spazio su disco: 5,5 GB
Requisiti Consigliati
  • Processore: Pentium 2,4 Ghz dual core o superiore
  • RAM: 2 GB
  • Scheda Video: X1900 (ed equivalenti) o superiori
Configurazione di Prova
  • Processore: Intel E6400@3GHz
  • RAM: 2 GB
  • Scheda Video: Ati X1950 Pro / Ati HD 4850 1GB
  • Monitor: Dell 24”