Fifa Street 3 - Recensione  8

Fifa Street fa il grande salto e passa definitivamente alla Next-Gen!

Una sorta di Space Jam calcistico

L'esperienza maturata da Electronic Arts nei giochi di calcio è ormai enorme e decennale, tuttavia EA Big, la "costola" di EA Sports che si occupa delle serie più spettacolari e coreografiche (come lo snowboard SSX), ha deciso un cambio decisivo di rotta per provare a rinfrescare il suo famosissimo brand di Fifa Street. Appena inserito il disco di gioco appare subito evidente in quale direzione sia andato il loro lavoro. Fifa Street rappresenta fin dalla sua prima incarnazione l'essenza dello spettacolo del pallone: finte, acrobazie, palleggi inarresstabili e rovesciate sono il suo piatto forte, tralasciando tatticismi e gli eccessivi ragionamenti del calcio "classico" di FIFA08. Le partite si svolgono ovunque: per strada, in un giardino, dentro un parcheggio, come a voler ribadire che il divertimento può essere goduto dove e quando si vuole, cinque giocatori contro altri cinque come a calcetto, senza falli, rimesse laterali ed interruzioni di gioco (tranne che nei rari casi in cui la palla finisce oltre i confini del campo). La spettacolarizzazione delle azioni è stata ancor più enfatizzata e volutamente esagerata: adesso i giocatori di Fifa Street 3 compiono gesti atletici degni del miglior Neo di Matrix, saltando sui bordi delle pareti ed effettuando mezze rotazioni in aria per girarsi più velocemente. L'intero gioco non è da prendersi come simulazione infatti, ma come una spinta parodia calcistica che ha l'unico obiettivo quello di esaltare il giocatore e farlo divertire, senza fronzoli nè inutili perdite di tempo.

I comandi di gioco sono ripresi seguendo quelli di FIFA08, con alcune dovute modifiche. Il tasto Y, usato da sempre per i passaggi filtranti, in un campetto di pochi metri di lunghezza ha poco senso, quindi è stato adibito a pulsante per effettuare i palleggi, mentre con X si effettuano passaggi al volo per permettere ai compagni di colpire la palla nei modi più spettacolari, mentre con A si passa la palla normalmente. Tenendo premuto il tasto del tiro, invece, vediamo il nostro giocatore caricare il colpo con una sorta di slow motion: in questo caso è fondamentale il tempismo. Tenere troppo a lungo il tasto significa spedire la palla oltre la traversa, farlo poco invece fa partire un tiro debole e fiacco. In difesa ci sono due colpi per cercare di rubare palla all'avversario, di cui uno più duro e deciso. Il sistema di gioco ricorda molto da vicino quello di Mario Strikers, dove eravamo tenuti a stare costantemente in marcatura premendo continuamente il tasto per rubare palla, nella speranza di un errore e di recuperare il possesso del gioco. Si può usare il tasto pressing oppure quello del tackle deciso, che però in caso di mancato contatto ci farà perdere qualche secondo prezioso permettendo all'avversario di sfuggirci e andare a rete. Proprio come nel titolo Nintendo è stato inserito un sistema di "Super": effettuando palleggi e mosse con la leva analogica destra (magari combinata con LB che consente di stoppare la palla a terra), una barra posta in alto viene progressivamente caricata. Una volta riempita è possibile attivare la "Gamebreaker", modalità che ci permette di giocare in scioltezza, tirare in modo più potente e preciso e dare maggiori possibilità di riuscita ai nostri interventi difensivi. Il colore dello schermo vira ad un blu chiaro, i passaggi vengono enfatizzati da una scia luminosa ed è molto più facile che un nostro tiro finsca dritto in rete, un po' come accadeva anche in NBA Jam.

Il sistema di gioco ricorda molto da vicino quello di Mario Strikers

Il tasto "esaltazione" rende quindi tutto più facile e ancora più spettacolare, ma deve essere usato al momento giusto, in quanto la barra si scaricherà con molta velocità, una volta attivata. La barra, una volta riempita di giallo, dev'essere "fissata" in colore blu in modo che non decrementi quando perdiamo il possesso palla: per fare questo è sufficiente effettuare un qualsiasi tiro, anche fuori dallo specchio della porta. Questo sistema di "Super", apparentemente innovativo e divertente per un gioco di calcio, nasconde però delle lacune dovute principalemente a due aspetti. Il primo è che per riempire la barra gialla basta rimanere in difesa effettuando finte finchè un giocatore avversario non ci viene a pressare, dopodichè si passa la palla ad un compagno vicino e si continua ad eseguire tricks in libertà. Il secondo aspetto è che, una volta raggiunto un soddisfacente livello sulla barra, basta premere il tasto del tiro per fissarla in blu e quindi utilizzare la Gamebreaker. Sarebbero bastati due semplici accorgimenti per non rendere così banale e semplice l'uso di questa idea: far aumentare la barra solo effettuando finte in attacco e fissarla in blu con un tiro nello specchio della porta, anzichè uno qualsiasi. Una volta capito il meccanismo, la modalità single player di Fifa Street perde molto mordente, ripiegandosi su se stessa in un vortice obbligato di sequenze Gamebreaker-tiri. In pratica non si gioca più a calcio ma si impiega tutto il tempo a fare finte in difesa per attivare più "Super" possibili.

Il "pacchetto" di Fifa Street è come al solito molto ben rifinito e curato. Lo stile grafico è cambiato, innanzitutto, virando dalla ricerca del realismo alla caricatura in stile cartoon, con colori forti, animazioni plastiche ed un effetto sui giocatori quasi simile al cel shading. Il menù di gioco ed il design generale si ispirano totalmente al Brasile, dai font utilizzati per le scritte fino agli sfondi che ricordano molto i classici muri colorati e pitturati di Rio de Janeiro. Si può scegliere tra numerose formazioni, sia di giocatori attuali che storici come Zico, Voller, Bruno Conti e Baresi, con la possibilità di cambiare ruoli, posizioni, e scegliere tra la rosa a disposizione per ogni team. Le ambientazioni di gioco sono grattacieli, sobborghi brasiliani, un quartiere tecnologico giapponese e spiaggie, con sette campi in totale, con la possibilità futura di scaricarne di nuovi attraverso i servizi online. Il gioco in single player consiste nell'affrontare in sequenza una serie di partite, prove e sfide, da sbloccare una alla volta. Le partite sono classici match che dobbiamo vincere superando l'avversario nello score. Ci sono anche prove a tempo, nelle quali dobbiamo siglare il maggior numero di reti, ma anche sfide particolari, come quella dove siamo chiamati a siglare in acrobazia 5 goal per vincere, queste senza limiti di tempo.

Si può scegliere tra numerose rose di giocatori, sia attuali che storici come Zico, Voller, Bruno Conti e Baresi

Ognuno di questi eventi è raggruppato in una sottocategoria visualizzabile dai menù. L'intelligenza artificiale della CPU è alquanto bizzarra da giudicare, in quanto per lo più appare randomica. Molti tiri vanno a rete con una facilità disarmante, anche da lunghe distanze, mentre altri più potenti e ravvicinati vengono parati con disinvoltura dall'estremo difensore. Non esiste quindi un metodo o una tecnica migliore per segnare, ma solo fato e le decisioni interne della CPU, fattore che nel lungo periodo potrebbe infastidire qualcuno, sopratutto durante le partite più sudate e concitate. La curva di apprendimento è molto breve e basteranno poche ore per raggiungere un'abilità sufficiente a vincere qualsiasi match, fattore che contribuisce ulteriormente ad accorciare la longevità del gioco. Il cuore di Fifa Street, comunuque, rimane come sempre il multiplayer, sia dal vivo che attraverso la rete in match classificati o in partite personalizzate.

Occhio al campetto!

Fifa Street 3 è programmato utilizzando il motore grafico di NBA Street Homecourt, fatto che garantisce 60 fps granitici come il cemento ed un dettaglio comunque buono: i vari stage di gioco sono rifiniti e decorati in modo certosino, pur non contando su una mole poligonale spaventosa. Il lavoro stilistico è dunque pregevole a tutti i livelli, sia per quanto riguarda il look generale, che per il design, ed infine anche la grafica stessa ingame. L'elemento che sorprende di più sono sicuramente le animazioni, degne di un vero cartone animato. Ogni giocatore ne ha moltissime, ed alcune sono personalizzate in base a chi stiamo utilizzando. Nonostante la quantità sono sempre ben "legate" tra di loro senza nessun effetto di discontinuità che ne provochi scatti o effetti poco realistici.
La colonna sonora, come da tradizione Electronic Arts, è ancora una volta ricca di canzoni ed artisti come Junkie XL, Asian Dub Foundation, Bassnectar, Excstatic, Datarock e The Tigerpicks, confermando il solito, elevato, livello di produzione di Electronic Arts. Gli effetti sonori sono molto realistici: oltre ai suoni generati dal pallone che sbatte sulle varie superifici, rumori ambientali d'effetto ed ottimamente campionati, ogni personaggio parla, da indicazioni in tempo reale e si arrabbia quando serve, parlando la propria lingua di origine. Quando il pallone va fuori, la canzone di sottofondo subisce uno stop come se fosse suonata su un disco di vinile, per poi riprendere a girare al riavvio della partita: effetto molto particolare e riuscito.

Xbox 360 - Obiettivi

Come ogni titolo Xbox 360, anche Fifa Street 3 mette in palio i canonici 1000 punti da sbloccare. E come tutti i titoli sportivi di EA, anche questo riesce a far ottenere molti punti nelle primissime ore di gioco. Non ci vorrà molto per ottenerli tutti, ma basti sapere che solo con la prima sessione di gioco si arriva a quasi 1/3 del totale, senza dover eseguire azioni particolarmente difficili o strane, ma semplicemente proseguendo nel single player. Decisamente semplice ed appagante sotto questo punto di vista.

Commento

Il nuovo capitolo di Fifa Street è pronto a sbancare il botteghino per l'ennesimo anno consecutivo, ottenendo il suo consueto successo di pubblico. Quest'anno, però, la critica non può purtroppo essere d'accordo con lo scontato clamore suscitato dal titolo Electronic Arts. Le novità introdotte come la Gamebreaker, sforzo tra l'altro da applaudire, non sortiscono l'effetto sperato ma anzi vanno a danneggiare il gameplay del titolo snaturandolo e rendendolo un mero esercizio alla lunga ripetitivo. Il pacchetto generale è molto curato: design , animazioni e colonna sonora sono decisamente convincenti e molto particolari, donandogli un look accattivante e fresco. Tuttavia il rinnovamento di stile non basta a mascherare la linearità del gioco e la sua poca profondità. Un'occasione persa per creare il miglior Fifa Street di sempre.

Pro

  • Design, look ed animazioni
  • Comparto audio
  • Calciatori storici ed attuali insieme
Contro
  • Gamebreaker troppo semplice
  • Sfide ripetitive
  • Curva di apprendimento brevissima

Fifa Street 3 è in uscita il 22 Febbraio per PlayStation 3, Xbox360 e Nintendo DS.
La versione testata è quella per Xbox360.