Football Manager Live - Recensione  3

Una delle serie più amate dai calciofili di tutto il mondo fa il grande passo, lanciandosi nel vasto mondo degli MMO: riuscirà Football Manager Live a ottenere lo stesso successo della sua storica versione single player? Andiamo a scoprirlo lavagna tattica alla mano.

Il marchio Football Manager è ormai diventato una vera e propria istituzione nel campo dei manageriali calcistici, al punto da non soffrire minimamente dell'abbandono della proprietà intellettuale Championship Manager da parte degli sviluppatori di Sports Interactive passata in mano al vecchio publisher Eidos. Ma questa è storia ormai più che conosciuta, visto che anche quest'anno ci siamo ritrovati a tessere le lodi di Football Manager 2009, ritrovandoci però ora raddoppiare l'appuntamento con il Trapattoni che è in noi grazie a Football Manager Live, primo vero tentativo da parte di SIGames di sfondare anche nel mondo dei giochi massivi online, come vedremo abbozzando anche un tentativo di approccio ruolistico alla figura dell'allenatore. A dire il vero sostenere che FM ha sempre avuto solo una componente singola è un'inesattezza, visto che come molti appassionati sapranno, il gioco ha sempre dato la possibilità a tot allenatori di riunirsi in un unico server di gioco per dare vita a una partita, controllando ognuno una squadra diversa e fronteggiandosi con la CPU o tra di loro in occasione degli scontri diretti, offrendo un grado di coinvolgimento (e a tratti dipendenza) a livelli assolutamente alti. I ragazzi di SIGames hanno ben capito la situazione sfornando un titolo completamente online, evoluzione della componente multiplayer appena citata dove tutti possano giocare contro tutti, creando così un mondo pallonaro completamente persistente su Internet, paragonabile addirittura come vedremo senza forzature a un MMORPG vero e proprio.

La stagione

Per dare vita a una partita di FM Live occorre creare il proprio alter-ego virtuale in maniera simile a quanto visto nei vari FM, per poi scegliere il tipo di gioco che si intende intraprendere, basato principalmente sulla quantità e le finestre di tempo che programmiamo di dedicare alla nostra squadra nel corso della settimana. E' possibile per esempio prendere parte alla lega notturna, in cui la maggior parte degli incontri viene giocata quando il resto dei giocatori dorme, scegliere di passare il proprio tempo su FM Live solo nel corso del weekend, oppure semplicemente quando capita (con certi limiti). Il tutto per quale motivo? Presto detto: la stagione è composta da una settimana di precampionato e tre di competizione vera e propria, nella quale bisogna ovviamente scontrarsi con tutti gli altri giocatori, situazione nella quale bisognava giocoforza trovare un modo per far svolgere gli incontri, che in caso di nostra assenza verranno gestiti dall'intelligenza artificiale del gioco. Ma attenzione, perché lasciare troppe partite in mano alla CPU potrebbe comportare delle penalizzazioni, a seconda della severità in tal senso della lega a cui si partecipa. Una volta scelta la propria collocazione si entra nel vivo del gioco: vivo per modo di dire visto che c'è da mettere in piedi una squadra completamente da zero frugando tra i giocatori senza contratto, offrendo loro un ingaggio di prova della durata di un giorno (sempre solare, quindi 24 ore reali) o per l'intera stagione, il tutto senza superare il budget iniziale imposto dalla società. Per venire incontro ai giocatori più casuali che non vogliono diventare matti spulciando le statistiche, SIGames ha ben pensato di inserire un wizard automatico al quale affidarsi per comporre la rosa, salvo poi eventualmente modificarla nel caso in cui non ci andasse a genio qualche elemento. Andando avanti col gioco e guadagnando qualche soldo in funzione dei successi ottenuti, diventa possibile tentare qualche acquisto lanciandosi nel sistema di trasferimento studiato dagli sviluppatori, molto simile a un'asta eBay dove ogni giocatore può inserire una specie di annuncio per vendere il proprio calciatore, lasciando che gli altri se lo contendano a forza di controfferte: niente che si avvicini al sistema di trattative visto in FM classico, ma per andare Live qualche scelta bisognava pur farla e questa ci sembra la migliore possibile.

Allenare è questione di ruolo

Adattandosi al mondo degli MMO dove sono gli RPG a farla da padrone, SIGames ha avuto la brillante idea di inserire una piccola componente ruolistica anche all'interno di FM Live, rendendo praticamente le abilità dell'allenatore acquisibili attraverso l'esperienza. In fase di creazione della nostra controparte virtuale ci troviamo infatti a dover scegliere una delle skill disponibili: sarà per esempio possibile scegliere di essere un talent scout, un maniaco della tattica o democraticamente un po' di tutto, per poi effettuare il training delle abilità rimanenti un po' alla volta nel resto della stagione progredendo anche nei vari livelli, ognuno in grado di aprire l'allenatore che è in noi a nuove funzionalità. La scelta effettuata dagli sviluppatori anche in questo caso si rivela indovinata e al contrario di quanto si possa pensare per nulla fuori luogo, spingendo i giocatori a fare in modo da migliorare le proprie conoscenze all'interno del gioco. La partita vera e propria inizia dalla preparazione, all'interno della quale è presente il solito sistema di tattiche e posizionamento dei giocatori visti in FM, con le limitazioni imposte dalle componenti ruolistiche del gioco di cui sopra. Facendo un attimo un passo indietro ci vediamo coinvolti nella decisione dell'ora e del giorno in cui disputare il match, compatibilmente con le regole della lega a cui si è scelto di partecipare: una volta definito l'appuntamento in caso di assenza di uno dei due giocatori il match verrà giocato al suo posto dall'intelligenza artificiale del gioco. Una volta in campo abbiamo la possibilità di cambiare in corsa alcune cose della nostra squadra, sostituzioni comprese, oppure prenderci un po' di tempo per riflettere sfruttando i timeout a disposizione.

Niente 3D

Contrariamente a FM 2009, FM Live non è dotato del motore 3D per le partite introdotto quest'anno da SIGames ma di uno a due dimensioni in tutto e per tutto simile a quello visto nelle passate edizioni del gioco, con le dovute modifiche per garantire lo svolgimento delle partite online. Modificare la velocità della simulazione diventa per esempio una richiesta da fare, che diventerà effettiva solo nel momento in cui anche il nostro avversario dovesse volere la stessa cosa. Solita storia per il sonoro che non è mai stato e mai sarà una delle principali prerogative di un gioco come FM. L'ultima nota è relativa all'abbonamento da pagare per giocare a FM Live: come ormai siamo abituati con gli MMOG, è disponibile in diverse formule di prezzo e lunghezza, con la possibilità di scegliere tra 3 mesi, 6 mesi oppure un anno intero, rispettivamente al prezzo di 29€, 56€ e 93€: a conti fatti nulla di proibitivo anche nella soluzione trimestrale che comporta un costo di 10€ scarsi al mese. Il client del gioco, dalle dimensioni che più esigue non si può, è scaricabile direttamente dal sito ufficiale www.footballmanagerlive.com sia per PC che per Mac rendendo così ancora più immediata la possibilità di tuffarsi a capofitto nel mondo di FM Live.

Commento

Football Manager Live è la naturale evoluzione che un brand maturo come quello di Sports Interactive non poteva mancare di raggiungere allo stato attuale della tecnologia, presentandosi interessante soprattutto per chi intende passarvi gran parte delle ore della propria giornata, dato che pur nella sua grandezza non sfugge alla regola classica dei titoli via Internet per cui è necessario dedicare a essi diverso tempo per ottenere dei risultati significativi. La revisione delle varie aree del gioco non comporta grandi perdite in termini di fascino, sebbene qualcuno possa riscontrare un (inevitabile) calo di profondità in alcuni suoi aspetti, controbilanciati dall'introduzione di nuove funzionalità come la gestione dello stadio: a conti fatti SIGames ha pienamente centrato l'obiettivo prepostosi, senza dimenticare il supporto che il team ha sempre offerto ai propri fan e che non potrà fare altro che migliorare ulteriormente questo piccolo gioiello, quantomeno da provare per definirsi dei veri fan di Football Manager.

Pro

  • Sfide appassionanti con allenatori reali
  • Nonostante le modifiche non perde il suo fascino
  • Abbordabile anche per i meno esperti
Contro
  • Come al solito, crea dipendenza
  • Necessaria un'alta disponibilità di tempo

PC - Requisiti di Sistema


Requisiti Minimi

  • Processore: 1,6 GHz
  • RAM: 256 MB per Windows XP, 512 MB per Windows Vista Home Basic, 1 GB per le altre edizioni di Windows Vista
  • Scheda video: display a 1024x768 32bit
  • Hard Disk: 500 MB di spazio libero
  • Connessione ad Internet
Configurazione di Prova
  • Processore: AMD Athlon X2 3800+
  • RAM: 2 GB
  • Scheda video: NVIDIA GeForce 7900 GT
  • Sistema operativo: Windows XP SP3