Gangstar: Crime CityGangstar: Crime City 

GTA su cellulare? Quasi...

Gangstar: Crime City Gangstar: Crime City Gangstar: Crime City

Gangstaz on da mobile phonez

Senza grandi pretese di originalità o innovazione, Gangstar si pone semplicemente come un serio tentativo di portare il gameplay e le atmosfere criminali di GTA su telefoni cellulari, un’impresa tutt’altro che semplice ma possibile se il nome che sta dietro al progetto è quello del talentuoso team Gameloft. Gangstar: Crime City ricorda da subito i primi titoli bidimensionali della serie Rockstar, sia per la veste grafica, sia per la pressoché totale assenza di inquadramento narrativo: il protagonista è quindi un personaggio senza nome, uscito da poco di galera con la ferma intenzione di spazzare via le varie gang che affollano la città e diventare l’indiscusso re del crimine. Come da tradizione, il percorso che porta a un tale obiettivo è costellato di nemici, conflitti a fuoco, missioni varie (il gioco ne conta oltre 60) ed ovviamente automobili da guidare. Va subito detto che Gangstar offre ben due modalità per la gestione dei veicoli, cosiddette “facile” ed “esperto”, con la seconda paradossalmente molto più comoda ed intuitiva della prima: ad ogni modo, girare per la città su quattro ruote è tutto sommato abbastanza agevole, grazie anche ad una rete stradale poco trafficata e composta quasi esclusivamente di intersezioni a croce. Ma non si vive di sola guida, come ben sanno i fan di GTA, e Gangstar offre all’utente la possibilità di regolare i conti con le gang rivali servendosi di un arsenale di pistole, fucili, uzi e quant’altro: l’obliterazione di un obiettivo è facilitata dalla presenza di un sistema di lock-on automatico abbastanza comodo, e che tuttavia tende a sminuire gli scontri a fuoco ad un’attività meccanica e poco esaltante.

Gangstar: Crime City Gangstar: Crime City Gangstar: Crime City

Gangstaz on da mobile phonez

Gli sviluppatori di Gameloft si sono comunque premurati di inserire all’interno del proprio prodotto tutte le caratteristiche che hanno fatto la fortuna di GTA: ci sono quindi le classiche stellette che sanciscono il proprio livello di criminalità, i negozi dove acquistare armi e power-up, i bonus da raccogliere per strada e addirittura alcuni locali che è possibile rilevare e gestire di modo da ricavarne dei profitti. Gangstar: Crime City è dunque un titolo senza dubbio completo, ma un po’ macchinoso e sostanzialmente privo di personalità, anche per quanto riguarda gli obiettivi delle varie missioni, dove non c’è niente che esuli da un impietoso “già visto”. Ciò detto, va dato merito a Gameloft di essere riuscita a portare su cellulare con buona fedeltà una struttura ludica di notevole spessore, oltretutto condita da una cosmesi di discreta fattura. La grafica bidimensionale di Gagstar è infatti pulita e colorata, impreziosita anche da alcuni piccoli tocchi di classe come il susseguirsi del giorno e della notte e gli effetti di luce di semafori, fari e insegne luminose. Lo scenario cittadino è inoltre decisamente ricco, fatto di un susseguirsi di palme, spiagge, piscine, negozi ed edifici di vario tipo; notevoli anche le animazioni, piuttosto numerose e ben realizzate.

Gioco testato su Nokia N70.

Commento

Gangstar: Crime City è un clone di GTA per telefoni cellulari. Questa semplice frase racchiude al suo interno pregi e difetti del prodotto Gameloft, apprezzabile perchè riesce a comprimere all’interno della limitata tecnologia mobile una struttura decisamente complessa, ma allo stesso tempo poco incisivo in quanto mera copia -limitata sotto diversi aspetti- di un gameplay non certo innovativo. Insomma, Gangstar è un titolo indicato a chi ha voglia di fare il criminale anche su cellulare (chiudendo un occhio qua e là), mentre tutti gli altri potrebbero accogliere un po’ freddamente il prodotto Gameloft.

Pro Tecnicamente notevole Buona longevità Struttura ludica complessa Contro Controlli un po’ macchinosi Scarsa personalità

Con i videogiochi per cellulare che si avvicinano sempre più al livello di complessità di quelli per console, era inevitabile assistere un giorno all’arrivo su supporto mobile di titoli ispirati ai maggiori franchise mondiali. E quando si parla di grossi nomi, non si può fare a meno di pensare a Grand Theft Auto, a cui Gameloft “prende in prestito” più di qualche idea per questo suo Gangstar: Crime City, primo valido clone di GTA disponibile per cellulare. Vediamo ora se il piccolo si rivela all’altezza del maestro...

TI POTREBBE INTERESSARE