S.V.

Redazione

8.8

Lettori (83)


  • 104
  • 4
  • 213
  • 1

Grand Theft Auto 3Grand Theft Auto III 1

Volete un gioco violento, distruttivo, senza regole ma, soprattutto, divertente? Rubare auto e devastare è la vostra passione? Allora Grand Theft Auto III è quello che fa per voi!

Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III
Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III

Molte volte si è parlato di giochi belli tecnicamente ma poveri nel gameplay poiché limitati o troppo costrittivi per quanto riguarda la libertà d’azione. Con GTA III non si avranno di questi problemi e non credo di esagerare dicendo che forse è il gioco che più si avvicina al concetto di libertà assoluta da tanto tempo inseguita dai videogamers. Nel caso vi siate stancati delle missioni principali (che seguono comunque una trama prefissata) e avete voglia di fare qualcos’altro, l’unica cosa che posso dirvi è: fatelo! Potete davvero dare sfogo alle vostre fantasie e fare tutto ciò che non potrete mai compiere nella vita reale (a meno che non vogliate passare il resto dei vostri giorni in galera): rubare un auto ed andare ad investire i pedoni, sparare alla gente, prendere a botte una vecchina indifesa, fare pratica di cecchinaggio con il fucile di precisione (sempre che l’abbiate recuperato), rubare un taxi e portare in giro la gente, provocare un grave incidente e, all’arrivo dell’ambulanza, rubarla per poi gettarla in mare. L’unico limite sarà la vostra immaginazione! Addirittura potrete prendere a bordo una delle tante “lucciole” che potete trovare di notte lungo i marciapiedi della città e portarla in un luogo appartato per…ehm…cambiamo discorso. Naturalmente più crimini commetterete, più sarete braccati dalle forze dell’ordine, quindi dovrete prestare molta attenzione agli indicatori a forma di stella che si illuminano progressivamente all’aumentare dei gesti criminali: basterà arrivare ad illuminarne quattro per far intervenire addirittura gli elicotteri della polizia (ma più avanti arriveranno anche le forze speciali con i carrarmati!).

Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III
Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III

L’impressione che tutto ciò può darvi è quella di trovarsi di fronte ad una vera città, anche perché i programmatori hanno dato il massimo per ricreare la vita e le situazioni comuni ad ogni centro abitato. Nel corso delle vostre azioni vi fermerete spesso solo per ammirare l’incredibile livello di realismo raggiunto: decine di persone che camminano sui marciapiedi, un sacco di automobili per strada, addirittura le cartacce per terra che rotolano quando si alza un po’ di vento, condizioni meteo variabili (c’è anche la nebbia) e danni alle vetture. Ma tutto ciò non potrebbe sembrare vero senza un’ intelligenza artificiale che faccia sì che ogni cosa si comporti e reagisca verosimilmente e da questo punto di vista il gioco è davvero apprezzabile; Le persone interagiscono tra loro e con l’ambiente circostante in maniera convincente; provate a picchiare i cittadini e noterete che le loro reazioni possono essere molteplici: qualcuno ricambierà il vostro gesto (e se c’è molta gente nei paraggi si può arrivare anche ad una rissa), altri invece scapperanno via. Tutto ciò naturalmente coinvolge anche l’evoluzione della vostra “carriera” di criminali: fate qualcosa di offensivo nei confronti di qualche clan e questi vi si rivolterà contro arrivando addirittura a farvi sparare non appena mettete piede nelle zone da loro controllate.

Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III
Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III
Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III

Naturalmente, per una resa ancora più credibile, non può mancare un adeguato sviluppo dei lati più tecnici del gioco e, anche qui, non c’è di che lamentarsi. Il motore manda in video un notevole numero di poligoni, sotto forma di complessi edifici, pedoni e automezzi (e, naturalmente, non manca il vostro personaggio), ricoperti da textures pregevoli e dalla buona varietà, senza accusare grossi problemi, se non un frame rate abbondantemente al di sotto dei cinquanta fps (che comunque non pregiudica eccessivamente la resa finale). Si potrebbe parlare a lungo, invece, del sonoro che sicuramente farà felici tutti gli acquirenti del gioco. Pensate che ogni auto ha all’interno un autoradio che potrete sintonizzare sulle frequenze delle nove radio che trasmettono musica a Liberty City. In totale sono presenti oltre tre ore di musica che spazia un po’ tra tutti i generi (c’è anche la musica classica!) e non mancano neppure gli stacchetti pubblicitari. Aggiungete effetti sonori che sottolineano qualsiasi azione voi facciate e tutti i commenti dei personaggi interamente parlati (anche se la localizzazione si limita ai sottotitoli ci sono spassosissime frasi in siciliano pronunciate dai mafiosi!) e avrete un’idea di quello che vi aspetta.

Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III
Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III
Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III

Cos’altro aggiungere? Dopo la parziale delusione del secondo episodio della serie i DMA Design si riscattano alla grande con un titolo che, seppur con qualche difetto (primo fra tutti il frame rate non eccezionale), non può mancare nella ludoteca di ogni videogamer che si rispetti! Sicuramente uno dei giochi più divertenti pubblicati negli ultimi anni!

Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III
Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III

Pro: Divertentissimo! Estrema libertà d’azione Sonoro superbo Contro: Frame rate non eccezionaleIl parlato non è in Italiano

Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III
Grand Theft Auto III Grand Theft Auto III

Sito hosted su GTA III

Liberty City è una città come tante altre: ha i suoi quartieri, i palazzi e le persone che vivono le loro vite. Come in ogni metropoli che si rispetti accanto alla popolazione rispettosa delle leggi e che si guadagna da vivere onestamente c’è la cosiddetta “feccia”, la parte cattiva, composta da piccoli delinquenti, spacciatori, ladri, mafiosi ecc., ecc. In questo caso ci troviamo di fronte ad una città controllata da sette bande rivali: si va dalla Mafia alla Yakuza, passando per il clan dei Colombiani, a quello degli Ispanici e così via. Inutile dire che questi clan si contendono il potere assoluto su Liberty City a suon di sparatorie, omicidi, e via dicendo. In mezzo a tutto questo c’è il vostro alter ego: giovane, appena evaso di carcere e ansioso di mettere le mani su tutto ciò che una città può offrire ad un malvivente con grandi ambizioni. All’inizio del gioco un vostro amico vi farà entrare nelle simpatie di uno dei clan presenti nella città e da quel momento in poi dovrete svolgere degli incarichi che vi porteranno a compiere ogni genere di atto criminale conosciuto: in generale si tratterà di ammazzare qualche individuo preso di mira dal vostro clan e altri "compiti" del genere, ma la varietà non manca e non stupitevi se in alcune missioni vi ritroverete a dover ritirare il “pizzo” presso qualche negoziante, oppure a dover guidare un bolide (ovviamente rubato!) in una corsa clandestina. In altre situazioni dovrete tenere conto del tempo poiché bisognerà che vi troviate in un certo posto ad una determinata ora (ricordo che ogni giorno ha una durata nel gioco di circa trenta minuti). I vari incarichi vi porteranno ad esplorare Liberty City e qui un plauso va ai programmatori per l’impegno profuso al fine di ricreare una città così grande: è infatti composta da tre zone principali, rispettivamente Portland (la zona industriale), Staunton Island (la zona commerciale) e Shoreside Vale (la zona periferica). Le tre parti sono davvero enormi e prima che le possiate esplorare per intero passerà sicuramente un sacco di tempo.