Inspector Gadget: Advance Mission  0

Chiunque abbia più di 10 anni sul groppone si ricorderà di un divertentissimo cartone animato trasmesso sulle reti Mediaset che aveva come protagonista uno strampalato ispettore francese di nome Gadget. Il bello di questo cartoon non era tanto la trama, quanto piuttosto l'attesa di scoprire quale nuovo gadget usasse il protagonista per risolvere il caso della puntata. Riuscirà questo videogioco a catturare tale impostazione e a renderla fruibile sullo schermo del nostro GBA?

Solo Gadget può salvare il mondo..

Il malefico Dottor Claw ha escogitato un altro dei suoi terribili piani per conquistare il mondo. Ha piazzato una serie di ordigni nelle parti più disparate del mondo. Per rendere ancora più eclatante il suo piano ha nascosto le bombe all'interno di alcuni importanti monumenti, come la statua delle Libertà di New York, il Big Ben di Londra e altri. Il destino del mondo è nelle mani di Gadget, Penny (la ragazzina bionda vera fautrice dei successi dell'ispettore) e del fido cane Brain. Basteranno i tanti e imprevedibili gadget a sventare questa orrenda minaccia?? Per la prima volta il destino del mondo sarà nelle vostre mani!

Penny e Brain in soccorso dell'Ispettore

All'inizio del gioco vi sarà chiesto di scegliere il personaggio da utilizzare: Gadget, Penny e Brain sono le scelte a vostra disposizione. Si tratta di un passaggio importante, dato che ognuno dei protagonisti ha delle proprie peculiarità che potrebbero rivelarsi fondamentali per il superamento dello stage. Beh su Gadget penso che non ci sia bisogno di dilungarmi. Una immensità di gingilli ipertecnologici sono la sua prerogativa. Penny, invece, è in grado di controllare dei robots mentre Brain è dotato non solo di un ottimo salto ma anche della capacità di trasformarsi in un pinguino (trasfromazione molto divertente). I programmatori hanno inserito la possibilità di cambiare il proprio personaggio una volta giunti a metà livello e in molti casi avvalersi di tale possibilità sarà l'unico modo per terminarlo.

Vediamo un po' cosa spunta dal mantello

Uno degli aspetti che ha contribuito al successo della saga era proprio l'imprevedibilità degli add-on che spuntavano ad ogni puntata dal mantello di Gadget. Tutto questo lo ritroveremo nel videogioco dove sin dagli inizi saremo dotati di ombrello per "volare" e planare dolcemente. Nel corso del gioco entreremo in possesso di un Gadgetcopter (un piccolo elicottero personalizzato), uno spray che tiene alla larga i nemici e tanto, tanto altro. Questa varietà di mezzi è accompagnata da una discreta varietà di locazioni. Le nostre avventure si snoderanno attraverso quattro mondi e viaggeremo da un capo all'altro del globo. Cina, Egitto, Stati Uniti sono alcuni dei posti che dobbiamo visitare per riuscire a disinnescare i terribili ordigni che minacciano il mondo. Graficamente il titolo si presenta di discreta fattura con personaggi e ambientazioni ben caratterizzate, realizzate con un buon numero di texture. Anche il sonoro fa il suo dovere, adattandosi agli scenari in cui ci veniamo a trovare. Ognuno dei quattro mondi ha una propria colonna sonora. Purtroppo, come spesso accade, i programmatori si sono adagiati sugli allori della licenza ottenuta. Il titolo ha uno schema di gioco ripetitivo che si basa sullo sconfiggere i robot nemici, con una linearità assoluta nella story-line. Molti puristi vedranno di buon occhio tale scelta, ma personalmente ritengo che l'implementazione di qualche variante come sotto giochi o piccoli puzzle da risolvere avrebbe sicuramente contribuito ad aumentare la longevità e la varietà di questo prodotto.

Arrivederci alla prossima puntata

Nonostante ci fossero tutte le premesse per un gran titolo, ci troviamo di fronte all'ennesima ottima licenza ufficiale che non trova supporto in un altrettanto ottimo gioco. Purtroppo un altra occasione mancata, anche se in questo caso ci è mancato poco per varcare il solco che divide un gioco discreto da un big game.

Arrivederci alla prossima puntata




Pro:

  • l'ispettore Gadget è sempre l'ispettore Gadget

  • discreta realizzazione grafica

  • opzione multiplayer

  • Contro:
  • gameplay alla lunga ripetitivo
  • Ispettore Derrik?No grazie, preferisco quello Gadget

    Alzino la mano quanti di voi non hanno mai sentito nominare questo nome: Inspector Gadget! Nessuno vedo. Dopo centinaia e centinaia di apparizioni sulle reti televisive di mezzo mondo, dopo un film con protagonista Mathew Broderick (peraltro molto mediocre) l'Ispettore Gadget e la sua sgangherata compagnia sono pronti per approdare per la seconda volta sul portatile di casa Nintendo. Dopo un buon esordio sul Game Boy Color lo scorso anno, i ragazzi della Light and Shadow Productions hanno appena rilasciato la seconda puntata di questa saga "poliziesca" dandole il sottotitolo di Advance Mission.