The Sims 2La recensione di The Sims 2: University 

Ritorna sul palco il capolavoro delle fucine di Will Wright, The Sims 2: University sarà in grado di rinvigorire lo splendore del titolo? Noi crediamo proprio di sì...

La recensione di The Sims 2: University

[VIDEO=305.305.s]http://www.multiplayer.it/streaming/thesims2uni_promo.wmv[/VIDEO]Qui accanto trovate una versione "breve" della videorecensione di The Sims 2 University della durata di circa 1 minuto. A questo indirizzo potrete trovare la versione completa in streaming e in alta risoluzione, dedicata agli abbonati Premium Gold.

Abbiamo tutti acclamato The Sims 2 come il nuovo miracolo nel campo della simulazione. I dati lo confermano, il titolo di punta della divisione Maxis in EA è riuscito a sfondare in pochi mesi anche le più rosee proiezioni sulle vendite. Un successo in tutti i sensi che non poteva non essere seguito a ruota dalle immancabili espansioni che avevano conferito al primo capitolo della saga un primato anche sotto questo aspetto, infatti non si erano mai viste così tante espansioni per un singolo titolo. Mentre scriviamo questo articolo già sappiamo che MAxis sta lavorando ad una nuova espansione la cui uscita è stata programmata per il prossimo autunno, nel rispetto del progetto di sfornare espansioni al ritmo di una ogni semestre.

La recensione di The Sims 2: University La recensione di The Sims 2: University

Anybody in da house?

Ma veniamo al dunque ed addentriamoci nell'analisi cogliendo le nuove features offerte da questo titolo pieno di sorprese. The Sims 2: University ci lancia nel bel mezzo della vita da campus tanto decantata da famosissime pellicole di successo. Quello che a noi felici abitanti del Bel Paese manca per comprendere appieno la filosofia della vita di un college di oltre oceano è proprio l’assoluta mancanza di esperienze simili all’interno dei nostri confini. La tipica università americana offre agli studenti la possibilità di vivere lontano da casa in un villaggio che vive in funzione dell’ateneo, mettendo a disposizione dei ragazzi e dei professori strutture di ogni tipo, da quelle più prettamente legate allo studio fino alle aree dedicate al divertimento e allo svago. Altro mito del college americano è la confraternita, vero e proprio tripudio dell’autonomia degli studenti, spesso riportata come totem della filosofia goliardica. Chi può dimenticare l’assurda casa della “Alfa Tau Chi” occupata da Bluto Blutarsky, alias il compianto John Belushi, nel mitico film Animal House. Nell’immaginario collettivo di noi italiani rimane dunque questo mito della vita universitaria a base di feste, alcool, donne e toga party (le celeberrime feste a cui si partecipa rigorosamente vestiti di sola toga romana, portate alla gloria dal medesimo film di cui sopra). University offre proprio la possibilità di arricchire la già fantastica esperienza offerta da The Sims 2 con questo interessante aspetto della vita di un giovane Sim, nel peino rispetto, però, delle norme imposte dal "politically correct".

La recensione di The Sims 2: University La recensione di The Sims 2: University

Vita da universitari, tutto rose e fiori?

Installata l’espansione noteremo immediatamente che il gioco principale rimane praticamente immutato a livello estetico. Aperta la mappa relativa ad una delle città sarà però possibile accedere all’area dedicata al campus universitario, che in poche parole è costituito da una mappa indipendente collegata univocamente a quella della città principale. Scelta la categoria dell’università più affine ai nostri gusti (sono disponibili tre diversi tipi di atenei, ma è anche possibile crearne dei propri totalmente personalizzati) giunge il momento di creare l’allegra compagnia di studenti che dovremo controllare, o di sceglierne una fra quelle già disponibili nella mappa, e disporle infine in una delle case dormitorio, che da quel momento diverrà teatro delle nostre avventure. Una delle caratteristiche rivoluzionarie di The Sims 2 fu l’implementazione del fattore età, che mutava l’aspetto e le esigenze dei personaggi. University si crea una nicchia in questa realtà espandendo in un certo senso una delle fasce di età già presenti nel titolo originale. Gli studenti universitari appartengono dunque alla categoria dei “Giovani Adulti”, durante questa fase, della durata di circa quattro anni (ovvero la durata media di un corso di laurea), i parametri temporali che fino a questo momento scandivano il passaggio far una fascia di età e l’altra vengono sostituiti dallo stato di avanzamento degli studi dei nostri Sim, che dovranno così fare i conti con le scadenze dettate dagli appelli di esame per non venire respinti dall’università e dover fare così ritorno alla vita di tutti i giorni. Fra le innumerevoli nuove azioni introdotte in questo titolo troviamo la possibilità di far svolgere dei compiti ai nostri Sim. Fare i compiti è fondamentale non solo per accrescere il proprio livello di preparazione in vista dell’esame semestrale, ma è anche una delle vie più sicure per ricevere i soldi dal sussidio dell’ateneo. Esistono altre opportunità per un giovane Sim studente per guadagnare delle discrete sommette, come ad esempio imparare a suonare uno strumento rock (nuova skill introdotta in questa espansione) ed esibirsi davanti agli amici, che generosi rilasceranno mance sempre più alte in base alla qualità delle canzoni suonate, oppure è possibile trovare un lavoro presso uno degli edifici pubblici del campus, magari come cuoco al fast food o come cameriere nella caffetteria.

La recensione di The Sims 2: University La recensione di The Sims 2: University

Lo studio E' un lavoro!

Il lavoro è qui sostituito dalla scelta del corso universitario. Una matricola avrà così la possibilità di scegliere l’indirizzo dei propri studi, gettando così le basi per il suo futuro da Sim adulto. La scelta della materia di studio infatti va ad influire sulle prospettive lavorative del Sim una volta portati a termine i quattro anni di università e fatto ritorno alla vita di tutti i giorni. I corsi disponibili sono molti e variegati, ed ognuno di essi richiedere studi specifici e la cura di particolari abilità per conseguire la laurea; fra di esse troviamo Psicologia, Arte drammatica, Arte, Filosofia, Biologia, Economia, letteratura, Matematica, Storia, Fisica e Scienze politiche. Rimanendo in temo di occupazione vale la pena di ricordare che questa espansione aggiunge quattro nuovi lavori che vanno ad aggiungersi a quelli già presenti nel titolo principale; i Sim laureati potranno infatti accedere alla carriera nel campo del Paranormale, dello Spettacolo, dell’Arte e nel campo Naturalistico.

La recensione di The Sims 2: University La recensione di The Sims 2: University

Un logaritmo dice ad un esponenziale: E' ora che ti integri!

La capacità di aggregazione è salita ad un ruolo fondamentale nel gioco, tanto è vero che a fianco della barra delle aspirazioni è comparso un indicatore dell’influenza sugli altri Sim, che indica la popolarità fra gli amici ed i conoscenti. Più alta è la popolarità maggiore sarà la possibilità di riuscire a convincere gli altri personaggi a compiere azioni sotto nostro suggerimento. Questo aspetto del tutto innovativo si innesta perfettamente nel clima tipico di un ambiente altamente “sociale” come quello rappresentato dal campus, dove l’influenza sulle altre persone ha un ruolo determinante nelle relazioni. Parallelamente al peso dato nel titolo originale, dove il numero di amicizie è fondamentale per accedere ai livelli al ti della carriera, all’università i Sim possono sfruttare le proprie conoscenze per esercitare poteri su chi li circonda e convincere ad esempio gli amici a svolgere i compiti più ingrati al posto nostro. Dunque si affiancano ai desideri relativi alle aspirazioni (in questo caso in ambito prettamente universitario) i desideri legati all’influenza, come realizzare feste sempre più popolari o farsi notare per il raggiungimento di traguardi sempre più ambiziosi. Esattamente come avviene per i punti accumulati per i desideri di aspirazione, che permettono di acquistare oggetti speciali (come la “pianta dei soldi”), i punti guadagnati con i desideri di influenza vengono spesi nella persuasione degli altri personaggi. Come ogni giovane del mondo reale, anche i nostri Sim studenti hanno un sogno nel cassetto, rappresentato da un desiderio scelto in maniera casuale in base all’aspirazione di vita, chiamato appunto desiderio della vita; realizzato questo desiderio la barra dell’aspirazione raggiungerà il livello platino e rimarrà per sempre in questo stato.

La recensione di The Sims 2: University La recensione di The Sims 2: University

La difficile convivenza

I Sim universitari hanno a loro disposizione tre differenti categorie di alloggio. I più economici e versatili sono i dormitori, che però limitano la libertà sfrenata dei Sim più intraprendenti. Il passo successivo, e più costoso, è quello della residenza privata, corrispettivo della casa nel gioco principale, nella quale sarà però possibile scegliere i conviventi, allontanando magari quelli meno compatibili con i gusti dei propri personaggi. Una maggiore disponibilità di fondi può addirittura consentire di vivere da soli, in totale libertà. Ultima chance è quella dei Club Universitari, le confraternite tanto conosciute attraverso i film di cui parlavamo sopra, giusto compromesso fra convenienza economica ed opportunità di aggregazione; per accedere ad un club universitario sarà però necessario avere delle buone conoscenze ed entrare nelle grazie degli studenti che già ne fanno parte. Oggetti e guardaroba sono stati rinnovati per l’occasione per riprodurre fedelmente il clima tipico dell’ambiente universitario. Largo dunque a stendardi della squadra preferita da appendere ai muri delle stanze o oggetti dedicati ai momenti di aggregazione, come il distributore di bibite (rigorosamente analcoliche nel rispetto del politically correct, tanto in voga negli states) o la macchina delle bolle (che in tutto e per tutto rievoca alla mente un calumet di “canapiana” memoria, ma che è in grado di fornire esclusivamente bolle di sapone dai controversi effetti “esilaranti”). Fanno il loro ingresso anche abbigliamenti decisamente più trendy e accattivanti, decisamente più vicini ai gusti di uno studente, così come acconciature estremamente giovanili e tatuaggi trasgressivi. Non mancano oggetti strani, in pieno stile Maxis, come la tanto acclamata pianta-mucca, un’orrenda mutazione di laboratorio in grado di fagocitare i Sim meno attenti alle sue cure. I nuovi oggetti sono correlati alle numerose nuove azioni presenti fra le opzioni comportamentali dei Sim, molte delle quali ruotano attorno a modalità decisamente goliardiche. Così, una volta installato uno spruzzo antincendio, che potrebbe salvare più volte salvare la vita di uno studente sbadato, è possibile anche attivare il getto d’acqua semplicemente accendendo un accendino sotto di esso, o magari limitarsi a scherzi più innocenti, come innescare una guerra a base di gavettoni.

La recensione di The Sims 2: University La recensione di The Sims 2: University

Maxis, I love you!

Correndo verso la conclusione dell’articolo vale la pena di ricordare che, nonostante non siano stati fatti grossi passi da gigante dal punto di vista tecnico (a parte una leggera ritoccatina alla renderizzazione dei personaggi), questa espansione ha il pregio di conferire una longevità maggiorata al gioco, inserendosi in maniera perfetta nella continuità del titolo originale. Colonna sonora potenziata, firmata dal sempre validissimo Mark Mothersbaugh, con tanto di brani pop cantati nella ormai popolare lingua dei Sim (ovviamente incomprensibile, ma carica di significato non verbale), fa da cornice ad un arricchimento generale che non può far altro che portare nuovi onori ad una delle divisioni più prolifiche di EA. E' da riscontrare comunque un certo incremento del livello di difficoltà rappresentato dalle innumerevoli nuove azioni e parametri da tenere costantemente sotto controllo, ma in fin dei conti chi ha mai detto che stare all'università può rivelarsi una faticaccia? I nuovi aspetti della gestione della vita sociale dei Sim, unite alle nuove prospettive sulla carriera lavorativa e alle numerose features introdotte ci fanno comprendere chiaramente che ci troviamo nuovamente di fronte ad un must, chi credeva che da The Sims 2 non si sarebbe potuto ricavare niente altro dovrà ricredersi, noi l'abbiamo già fatto.

La recensione di The Sims 2: University La recensione di The Sims 2: University

Commento

Difficile trovare un voto che possa calzare a pennello con un titolo di questo calibro. Il voto di questa espansione non riesce a raggiungere il titolo originale per un solo punticino decimanle solamente perchè non è possibile adombrare il livello qualitativo del gioco principale, ma vorremmo comunque donare onore a gloria a questo prodotto che in fin dei conti è quasi un gioco a sè stante. Ancora complimenti Zio Will. Pro: Molte nuove attività per i nostri Sim Esilarante come sempre Raggiunta uan notevole maturità nelle modalità relazionali Contro: Tante cose da fare e così poco tempo! Lo spazio richiesto per l'installazione e le richieste hardware cominciano ad essere imponenti

Filmografia complementare

Per una volta ci concediamo il lusso di dirottare per qualche istante la vostra attenzione su un argomento complementare al videogioco: il cinema. Queste due branche dell'intrattenimento spesso condividono molto, attingendo a piene mani l'uno dall'altro; per questo per comprendere a fondo lo spirito che pervade The Sims 2: University è necessario che ci si femri per un momento a parlare di uno dei film che maggiormente hanno contribuito a creare il mito della "vita da campus", riesumando così un must del genere comico-demenziale. Si tratta di Animal House (aka National Lampoon Animal House) film nato dallla geniale e fervida mente di John Landis, in cui compare uno strabiliante, e quantomai compianto John Belushi, nella parte dello studente antimodello per eccellenza. Questa pellicola, che potete trovare nel nostro negozio online nella nuovissima versione in DVD (VM14!), è certamente la migliore rappresentante del suo genere, capostipite di tutta una generazione di film demenziali ambientati nei college, nonchè il padre putativo del mito del "Toga Party". [C] La recensione di The Sims 2: University La mitica confraternita "Delta Tau Chi" di Animal House [/C]

La Guida Strategica Ufficiale

Multiplayer.it sta pubblicando in questi giorni la Guida Strategica Ufficiale di The Sims 2 University, un volume a colori di 120 pagine dedicato a tutti i segreti e caratteristiche dell'espansione più spassosa dell'anno. Il libro segue di pochi mesi la precedente Guida dedicata a The Sims 2. Entrambi sono acquistabili online e nei negozi di videogiochi al prezzo cadauna di 14,90€.

TI POTREBBE INTERESSARE