Lego Star Wars: La Saga Completa - Recensione  6

La forza scorre potente in questo mattoncino. Sei episodi al prezzo di uno, questa è la Saga Completa!

Da grande farò l'architetto

Grazie all'uso della forza i Cavalieri Jedi possono interagire con molti degli oggetti presenti, spostando oggetti, distruggendo e costruendo dal nulla scale e ponti necessari per progredire nel gioco, un pò come si è visto in mille altri giochi dedicati a Guerre Stellari. Solo che questa volta, visto che tutto è fatto da mattoncini Lego, è molto più divertente e colorato.
Si inizia quindi a prendere a spadate e a colpi di laser tutto ciò che c'è a portata di mano, un po' perchè gli oggetti sono pieni di pezzettini base chiamati stud, che fungono da valuta necessaria per sbloccare i bonus presenti nel titolo, un po' perchè è semplicemente molto divertente ridurre in pezzi, anzi, in mattoncini gli ambienti di gioco. Tra una sezione e l'altra a piedi, ci sono anche delle fasi a bordo di veicoli, dalla corsa dei pod su Naboo, fino alla distruzione finale della Morte Nera. Se le parti a piedi andrebbero studiate come piccolo capolavoro di concept e level design, quelle a bordo di X-Wing e Speeder invece sono piuttosto ripetitive e confusionarie, poco più di un semplice intermezzo non troppo riuscito per collegare le varie sequenze di gioco, nonostante i Traveller's Talles abbiano cercato di correggerle in qualche modo. Anche l'uso del Sixaxis non fa che acuire questa sensazione, non donando, di fatto, nessun valore aggiunto all'esperienza di gioco.

Da grande farò l'architetto

Ovviamente Lego Star Wars: La Saga Completa non può prendersi troppo sul serio, e infatti tutto il gioco è permeato da un sottile humour di fondo, che sfocia talvolta nella gag esagerata, in esilaranti scene di intermezzo che smitizzano la drammaticità di alcuni eventi.
Se la giocabilità si assesta su valori d'eccezione, è il fattore rigiocabilità che fa svettare il gioco su livelli altissimi. I 36 capitoli presenti, sei per ogni film, sono pieni di sezioni, porte, piattaforme e bonus non accessibili sin dalla prima partita. In pratica, la prima volta che si è portato a termine Lego Star Wars si è ben lontani dall'averlo visto tutto, è d'obbligo quindi rigiocare alcune aree avendo l'accortezza di scegliere il personaggio giusto.
Se a questo aggiungiamo anche la raccolta degli stud da spendere in Cantina e la ricerca dei minikit, ne viene fuori una longevità veramente alta senza che sopraggiunga la noia a farci spegnere la console. La brevità dei vari livelli aiuta in questo senso, niente back tracking, ne chilometri da macinare per aprire quella porta o per arrivare all'agognato cento per cento vero Jedi.

Lego Star Wars: La Saga Completa è disponibile per Nintendo DS, Nintendo Wii, Playstation 3 e Xbox 360.
Le versioni testate sono quelle per Nintendo Wii e Playstation 3
.

Polish o un semplice panno umido?

Cosmeticamente Lego Star Wars: La Saga Completa non si discosta molto dalle versioni precedentemente uscite, si limita ad una qualità grafica al passo con l'hardware sul quale gira e ad un generale maggior dettaglio e pulizia dei personaggi principali. Nulla di sconvolgente, ma un minimo di lavoro supplementare per ovviare all'anzianità del codice originale era dovuto. Onore al merito per le scintillanti e plasticose teste dei personaggi principali, per le esplosioni e gli effetti speciali in generale. La sola telecamera pare non abbia ricevuto aggiustamenti col passaggio alla nuova generazione: era poco funzionale due anni fa e tale è rimasta, fissandosi con visuali sbilenche che non facilitano l'esplorazione dei livelli.

Polish o un semplice panno umido?

Nintendo Wii
La versione per l'ammiraglia di casa Nintendo paga dazio, rispetto a quella PS3 e 360, in termini di grafica e di contenuti presenti. Il titolo Traveller's Tales ha perso tutti quei miglioramenti grafici che l'alta definizione ha portato in dote, di fatto rendendo il gioco del tutto indistinguibile dalle precedenti versioni uscite. I controlli poi non beneficiano molto dalla combo remote più nunchuck: muovere per tutto il tempo il telecomando per menare fendenti con la spada laser diventa dopo poco piuttosto ripetitivo: clamoroso e appagante per i primi minuti di gioco, spunta però subito la noia (e anche un minimo di affaticamento), quando si scopre che il combattimento è solo una questione di velocità di esecuzione senza un minimo di tecnica. Anche altre piccole implementazioni come scuotere il remote per costruire più velocemente alcune strutture non danno nessun plus all'esperienza di gioco. Del tutto simile a livello di stage e sezioni presenti, a questo porting manca però la modalità cooperativa on-line (presente ovviamente quella in locale), che di fatto castra il gioco rispetto alle uscite per Playstation 3 e Xbox 360. Lego Star Wars: La Saga Completa per il Nintendo Wii è quindi la versione meno "appariscente" tra quelle uscite, tremendamente divertente e longeva, a conti fatti però poco consigliata, vista l'esclusione del co-op in rete, a chi ha già giocato i due precedenti capitoli della serie.

Commento

Lego Star Wars The Complete Saga nonostante sia poco più di un semplice copia e incolla dei precedenti giochi si lascia giocare con estremo piacere essendo un piccolo capolavoro di umorismo e level design. Molto divertente e longevo, grazie anche all'impossibilità di poter sviscerare tutto il titolo durante la prima partita, è capace di farsi amare da subito, in virtù di piccoli enigmi da risolvere e di un'incessante ritmo che solo raramente cede il fianco a temporanei rallentamenti. L'inclusione su PS3 e 360 della modalità cooperativa on line è la classica ciliegina sulla torta che farà decisamente apprezzare il titolo anche a quelli che lo avevano gia giocato nelle precedenti incarnazioni.

Pro

  • Piccoli upgrade grafici
  • Inclusione della modalità co-op online
  • Divertente e longevo
Contro
  • Telecamera poco funzionale
  • Pochi livelli inediti
  • Nella versione Wii non è presente la modalità cooperativa on line