LocoRoco HiLocoRoco Hi 

Uno dei franchise più popolari nati su PSP arriva anche su cellulare grazie ai Gamelion Studios. Potremo dunque metterci alla guida del pianeta dei LocoRoco, ruotando e inclinando il terreno per far sì che i nostri piccoli abitanti si spostino per raggiungere ogni volta la fine di uno stage. A nostra disposizione avremo le stesse abilità presenti nel gioco originale, dunque potremo dividere o raggruppare le creaturine all'occorrenza.

Pubblicato nel 2006 da Sony Computer Entertainment, LocoRoco è diventato rapidamente molto popolare fra i possessori di PSP, specie in Giappone. Si tratta di un ibrido fra action e puzzle game, in cui bisogna coprire determinati percorsi per portare a termine i vari stage. La peculiarità del gioco sta però nel fatto che non si controllano i piccoli personaggi che gli danno il nome, bensì il pianeta che li ospita: agendo sui pulsanti della console portatile, è infatti possibile inclinare il terreno a destra o a sinistra, nonché farlo sobbalzare per spingere i LocoRoco in alto e fargli superare eventuali ostacoli. Gli esserini gialli, vista la propria natura "gelatinosa", hanno inoltre la capacità di unirsi in un singolo agglomerato nonché di dividersi nuovamente in caso di bisogno. Si tratta di azioni che tornano necessarie per azionare dispositivi o per attraversare zone altrimenti inaccessibili. Approfittando dell'uscita di LocoRoco 2, Sony ha pensato che i tempi fossero maturi anche per una riduzione mobile della serie, ed è così che nasce LocoRoco Hi, episodio inedito sviluppato in esclusiva per i dispositivi Java-compatibili.

Chi ha provato il gioco su PSP non avrà problemi a prendere confidenza con questa versione di LocoRoco per cellulare. Il sistema di controllo è semplice e tramite il d-pad ci permette di inclinare il terreno e azionare il "salto" (più teniamo premuto il pulsante e più sarà alto). Potremo inoltre utilizzare un tasto per dividere o riunire i personaggi. La meccanica è identica al titolo originale, dunque ci troveremo a dover coprire dei percorsi più o meno tortuosi facendo muovere i LocoRoco tramite l'inclinazione del terreno. Potremo raccogliere oggetti per aumentare il punteggio e palloncini per "gonfiare" la nostra creaturina gelatinosa, facendole acquistare peso e dunque velocità sui tratti in discesa. Nel momento in cui ci sarà bisogno di attraversare dei canali molto stretti, potremo dividere il personaggio in tante piccole parti della stessa dimensione di partenza, riunendole per poter attivare dei dispositivi che assicurano il passaggio verso zone situate in alto. Gli stage sono disegnati in modo da possedere parti nascoste, raggiungibili solo attraverso una minuziosa esplorazione, dunque l'azione si presta tanto a una fruizione veloce quanto a una rilettura successiva.

Ci troviamo di fronte a riduzione sviluppata con grande cura, non solo dal punto di vista del gameplay (estremamente simile all'originale), quanto anche dal punto di vista tecnico: il peculiare stile grafico di LocoRoco è stato riprodotto alla perfezione, attraverso soluzioni tanto semplici quanto efficaci. L'ottimo uso dei colori, il design originale ed essenziale e la fluidità con cui tutto si muove rendono il gioco un'esperienza visivamente molto gradevole, il cui unico difetto sembra essere un po' di tearing quando l'azione diventa veloce. Il sonoro accompagna le partite con una serie di musiche MIDI orecchiabili e di buona qualità.

Clicca per votare!
S.V.

Redazione

S.V.

Lettori

Se avete già giocato con LocoRoco su PSP, questo episodio esclusivo per cellulare potrebbe rappresentare un piacevole extra, una sorta di add-on che riprende le medesime meccaniche nonché l'originale design. Se invece il titolo Sony è per voi ancora un mistero, non ci sono davvero motivi per cui non dobbiate provarlo. Del resto si tratta di un prodotto che ha già fatto scuola anche in ambito mobile, e ciò non fa che comprovarne la qualità. LocoRoco Hi farà felici gli amanti dei giochi arcade che strizzano l'occhio ai puzzle, visto che ogni stage va "risolto" seguendo un determinato percorso ma al contempo si apre a vari livelli di esplorazione. Allo stesso tempo, la sua meccanica nasconde uno spessore inaspettato, che di livello in livello finirà per conquistarvi.

Tommaso Pugliese

Pro

Contro

Pro

  • Gameplay fedele all'originale
  • Stile grafico semplice ma efficace
  • Buon numero di stage

Contro

  • Talvolta frustrante

TI POTREBBE INTERESSARE