Medal of Honor: Allied Assault BreakthroughMedal of Honor - Breakthrough 

La seconda espansione di Medal of Honor: Allied Assault, ambientata fra deserti nordafricani e monti italiani, vede lo svolgersi delle battaglie più cruente della II° Guerra Mondiale! Riuscirà Breakthrough a renderci partecipi di quei tragici momenti? Leggetelo con noi e lo saprete...

Medal of Honor - Breakthrough Medal of Honor - Breakthrough

Sfondamento

Letteralmente il termine Breakthrough (da ora BT) significa "rompere attraverso" ed in termini militari potrebbe significare azione di sfondamento delle linee nemiche. Già dal primo livello della prima missione si riesce a capire cosa offre BT: si viene catapultati nel bel mezzo del deserto tunisino al culmine di una battaglia di trincea, immersi in una densa e turbinante coltre di polvere sabbiosa, dalla cui foschia si scorgono a stento le fiammate dei mitra e le sagome dei panzer tedeschi. Le pallottole nemiche che sibilano tutte attorno e le roboanti esplosioni, s'intrecciano con le grida dei soldati, che cadono a decine in quel marasma di inaudita violenza. E siamo solo all'inizio...
Nelle tre campagne proposte da BT vestiremo la divisa americana del sergente Baker, che dovrà attraversare calde zone di battaglia nordafricane, facendo la scorta a convogli di sminamento stradale e penetrando nel cuore delle linee nemiche, passando poi nella nostra cara Sicilia, per debellare una nutrita concentrazione di tedeschi in fuga, per poi giungere, infine, nelle storiche terre di Monte Cassino, sulle cui colline si combatteranno le battaglie più violente e sanguinose della Seconda Guerra Mondiale!

Medal of Honor - Breakthrough Medal of Honor - Breakthrough

Undici livelli per me posson bastare...

Negli undici livelli proposti, come si evince parzialmente dalle foto, si avrà la possibilità di vivere le azioni di guerra più inebrianti che siano mai state proposte ad un videogiocatore. Come non menzionare le diverse situazioni in cui in piedi su di una ballonzolante jeep, armati di un rovente MG42, ci addentriamo a tutta birra nel cuore delle linee nemiche, mentre tutto attorno, celati nelle case diroccate o sparsi dietro ad una fitta boscaglia, una miriade di tedeschi ci bersaglia con precise fucilate e letali bazookate! Se ciò non dovesse bastare rubare dei documenti segreti dentro una nave nemica, ormeggiata in un porto zeppo di soldati oppure sabotare degli aerei nel cuore di un aeroporto presidiato peggio di una galera, dovrebbe chiarire più o meno il fulcro dominante del tipo di missioni che andremo ad affrontare in BT.

Medal of Honor - Breakthrough Medal of Honor - Breakthrough

Undici livelli per me posson bastare...

La natura dei livelli, che ricordiamo allestiti dalla TKO Software, denota una forte preponderanza all'azione violenta e caotica. Sembra quasi di giocare ad un Operation Wolf vestito a nuovo (chi se lo ricorda questo mitico gioco?), in cui continue ondate di nemici ci assediano da tutte le parti, con i nostri riflessi a rappresentare l'unica soluzione per debellare la tracotante e soverchiante differenza in numero delle forze avversarie! Più volte saremo i soli a contrastare il nemico, svolgendo il ruolo di copertura alla spia di turno oppure dando man forte ad una postazione di difesa completamente assediata, con l'energia e le munizioni sempre prossime allo zero assoluto! Da pazzi...

Medal of Honor - Breakthrough Medal of Honor - Breakthrough

... e nove mappe per il multiplaying anche!

Oltre al singleplaying, di cui abbiamo già tessuto le lodi, aggiungiamoci anche la sezione in multigiocatore, che rappresenterà, nel lungo tempo, la parte più longeva del titolo. Nove mappe, qualche arma in più, le divise italiane ed una nuova modalità di gioco, la Liberation, sono le novità che apporta BT a Mohaa. La fattura architettonica delle mappe è strabiliante! Basta vedere la diroccata Palermo o partecipare alla Tug of War di Monte Cassino per rendersi conto dell'elevata qualità raggiunta in questa espansione. Le armi in più, quasi tutte italiane, hanno equilibrato i due schieramenti ed hanno finanche apportato, seppure parzialmente, un bilanciamento adeguato ai mitra a lunga distanza, il cui rating fire è stato dimezzato per venire incontro alle pressanti richieste dei fans, frustrati dal venire fraggati con matematica facilità da una breve rafficata nemmeno tanto precisa. Il Carcano è un bel esemplare di fucile italiano, a cui tuttavia servono sovente due pallottole per far fuori l'avversario ed il mitra Moschetto, con i suo quaranta colpi e l'elevata velocità, è un'arma efficace per tutte le occasioni, rimanendo precisa anche alle lunghe distanze. Una pistola Beretta di chiara produzione nostrana, un lancia- razzi Piat con traiettoria a palombella, un mitra Vickers-Berthier con cartuccia ad innesto verticale, un DeLisle silenzioso quanto letale, mine antiuomo più rilevatore ed una serie di bombe a mano rinnovate, concludono le novità dell'armamento apportate da BT.

Medal of Honor - Breakthrough Medal of Honor - Breakthrough
Medal of Honor - Breakthrough Medal of Honor - Breakthrough

... e nove mappe per il multiplaying anche!

La modalità Liberation, ispirata al famoso mod di Quake III Arena, JailBreak, implementa "l'arresto" degli avversari fraggati, che possono essere liberati penetrando nella zona nemica ove risiede la galera ed aprendo le porte mediante attivazione di un interruttore posto di solito ad una certa distanza dalle sbarre. E' ovvio che la zona viene presidiata da postazioni e bunker di difesa disposti ad hoc, che rendono difficile la vita del liberatore, vittima spesso e volentieri di essere anch'egli arrestato. Vince lo schieramento che riesce ad imprigionare tutti gli avversari o la maggior parte a scadenza dei tempi di gioco. In dulcis è presente ancora la modalità Tug of War, con tre mappe relative, che aggiunte a quelle di SpearHead, elevano il comparto delle missioni dedicato a questa stupenda modalità ad obiettivi multipli.

Medal of Honor - Breakthrough Medal of Honor - Breakthrough

Conclusione

BT è l'unica espansione in giro per cui valga davvero la pena dedicare i propri risparmi. La giocabilità è amplificata dall'azione pura: dall'inizio alla fine si sparerà senza un attimo di pausa e la qualità delle missioni è sempre alta, senza avere cali come nel precedente SpearHead. In BT si annovera il meglio di Mohaa e si rimane coinvolti così tanto dall'atmosfera realistica del gioco, che nell'eccitazione di vedere "cosa c'è dopo" lo si porterà a termine prima del previsto, dimezzandone così l'effettiva longevità nel singleplaying. Si sentiva comunque la necessità di giocare ad un titolo simile, che appaga la fame insaziabile dell'effeppiessaro, prima dell'avvento del futuro Mohaa-Pacific Assault, che rinnoverà completamente il filone degli FPS ambientati nella II° G.M. e di cui fra poco uscirà un altro grande titolo, Call of Duty, che si spera verrà rilasciato a breve, in concomitanza del periodo di vendita pre-natalizio.
In conclusione si consiglia l'acquisto di BT, che come una botte piccola di vino, presenta piccole perle di eccelsa qualità paragonate alle sciapite quantità di insulso materiale contenuto nei titoli analoghi degli ultimi anni.

Pro: Atmosfera di guerra impareggiabile! Elevata giocabilità, con battaglie inebrianti. Motore grafico potenziato. Ottima fattura delle mappe in multiplaying. Contro: Breve longevità nel singleplay. Difficoltà frustrante negli ultimi livelli. Poche novità apportate alle modalità di gioco in multiplay. Calo eccessivo di fluidità in situazioni di sovraffollamento.

Premessa

Medal of Honor - Allied Assault è il first person shooter che meglio rappresenta quanto prodotto negli ultimi tre anni: sopraffina ambientazione storica della Seconda Guerra Mondiale, colonne sonore incalzanti, giocabilità elevata ai massimi livelli, hanno contribuito a rivestirlo di un'atmosfera avvolgente ed a tratti insuperabile.
E' normale che un titolo di cotal levatura abbia forti richieste di "espansioni" e considerato il successo di vendite, il nostro Mohaa ne ha avuto ben due: il discreto SpearHead, che se da una parte ha aggiunto missioni ed armi nuove, dall'altra ha originato forti squilibri nel comparto multiplayer (tuttora causa di forti discussioni tra i fans) e adesso si annovera anche il nuovissimo Breakthrough, di cui ci accingiamo a trarre le nostre opinioni seduta stante...

TI POTREBBE INTERESSARE