Medal of Honor: Heroes 2 - Recensione  24

Dopo il successo del primo Medal of Honor: Heroes nell'esclusiva versione PSP, ecco arrivare un sequel sviluppato anche per Nintendo Wii, che porta con sé grandi novità.

In prima linea

Nei panni di un soldato appartenente a un'unità speciale, ci troveremo ancora una volta a combattere i soldati nazisti all'interno di una serie di missioni dalla difficoltà crescente. Dopo aver terminato il briefing, verremo catapultati nell'azione vera e propria, e potremo finalmente prendere confidenza con il tanto chiacchierato sistema di controllo del gioco. Medal of Honor: Heroes 2 utilizza il Nunchuck per il movimento del personaggio, mentre il Wii-mote puntato verso lo schermo ne determina la mira. È possibile portare con sé due armi contemporaneamente, oltre alle granate, e all'interno delle location si possono raccogliere munizioni ma anche sottrarre le armi ai nemici sconfitti (pratica consigliabile per rimpiazzare fin da subito la pistola d'ordinanza con qualcosa di più efficace). Si spara premendo il grilletto B, mentre il pulsante A è deputato al salto e il minuscolo d-pad (un po' scomodo da raggiungere, a meno di non avere delle mani grandi) serve per cambiare arma, ricaricare e accovacciarsi. A queste azioni di base se ne affiancano altrettante per le armi particolari: le granate vanno lanciate letteralmente, tenendo premuto il pulsante B per determinarne la direzione e quindi agitando il Wii-mote; per usare il lanciarazzi bisogna mettersi il controller "in spalla" e regolare la mira con lo stick analogico del Nunchuck; per usare il mirino dei fucili di precisione, si deve ruotare lentamente il Wii-mote in senso orario... e queste sono solo alcune delle cose che potremo fare.

Deficienza artificiale?

Se MOHH2 può contare su un sistema di controllo preciso, coinvolgente e originale, è anche vero che i nemici che ci troveremo di fronte non saranno il ritratto della lucidità. Abbastanza bravi nello spostarsi da una postazione all'altra, non noteranno il nostro avvicinamento anche se ci accovacceremo accanto a loro, smitragliandoli senza pietà. Probabilmente la presenza di numerosi rinforzi ha determinato un modus operandi "di gruppo", con poca attenzione al comportamento del singolo nemico.

Struttura di gioco

Probabilmente il nuovo titolo EA è quello che utilizza i controlli del Wii in modo più fantasioso in un contesto pur sempre drammatico, e le situazioni in cui verremo chiamati a effettuare dei movimenti particolari con il Wii-mote non mancheranno. A un certo punto, ad esempio, ci troveremo davanti a una radio che dovremo regolare per ricevere istruzioni dal comando, ruotando lentissimamente il controller per agganciare la frequenza. Per quanto concerne le situazioni più "movimentate", avremo a che fare con le solite mitragliatrici fisse ma anche con dei complicatissimi mortai "rotanti", che dovremo muovere girando una manopola "virtuale" finché non avremo l'obiettivo inquadrato. Oppure dovremo regolare il timer di bombe atte a distruggere obiettivi chiave durante una missione. Sono tutte trovate che rendono l'azione piuttosto varia e molto divertente, e che contribuiscono a creare la struttura "a traguardi" che caratterizza il gioco. Gli stage sono lungi dall'essere enormi, infatti, e possono essere esplorati nella loro interezza in pochi minuti. Ma a intervalli regolari ci troveremo a fronteggiare postazioni nemiche in cui i soldati muoiono e subito vengono sostituiti, con un effetto "respawn" per fortuna limitato. Diciamo pure che lo spirito di MOH: Heroes 2 è proprio questo, ovvero sottoporci una serie di sfide che vanno analizzate tatticamente per essere superate al meglio, individuando quanti e quali soldati nemici appariranno e da quale parte dello scenario, quindi seguendo il comportamento tattico che riteniamo più opportuno.

Zapper sì, Zapper no...

Come tutti i nuovi first person shooter per Wii, Medal of Honor: Heroes 2 supporta nativamente la periferica Zapper e ci dà la possibilità di accedere a un set di comandi pensato appositamente per quel tipo di configurazione. Ad ogni modo, giocare senza questo curioso accessorio si rivela ben presto più divertente (in quanto si possono effettuare liberamente tutte le azioni "alternative" con Wii-mote e Nunchuck), anche grazie alla grande precisione dei controlli, che può essere ulteriormente migliorata tramite una serie di regolazioni avanzate.

Modalità di gioco

Oltre alla classica Campagna, potremo accedere a una simpatica modalità Arcade (in cui rigiocare le missioni già completate, seguendo una struttura semplificata) e all'attesissimo multiplayer online. Quest'ultimo funziona tramite il servizio EA Nation, dunque dovremo creare un profilo utilizzando direttamente l'accesso a internet del Wii e poi potremo partecipare alle partite. Le operazioni di iscrizione sono sorprendentemente rapide, basteranno davvero pochi secondi per passare dall'inserimento dell'indirizzo e-mail all'azione, dove rimarremo sorpresi per la grande quantità di giocatori collegati. Le modalità disponibili sono il deathmatch classico, quello a squadre e il "cattura la bandiera", per un massimo di trentadue partecipanti in contemporanea. Giocare online con MOH: Heroes 2 all'inizio è un po' traumatico: abituati a degli avversari poco intelligenti, dovremo fare i conti con persone già piuttosto esperte, in grado di eliminarci a più riprese colpendoci dalla grande distanza (i soliti, simpatici cecchini) o particolarmente avvezzi agli scontri a fuoco ravvicinati. Fatta la dovuta gavetta, l'online diventa piuttosto divertente e si rivela abbastanza organizzato. Non è possibile dialogare con i propri compagni di squadra e bisogna ricorrere a dei comandi preconfezionati, quindi la strategia ne risente un bel po', ma le mappe sono abbastanza grandi e varie da rendere il tutto coinvolgente. Una nota molto positiva è rappresentata dalla generale mancanza di lag, che permette lo svolgimento di partite sempre equilibrate.

Realizzazione tecnica

Con la presenza della sola versione PSP a fare da "contraltare", è chiaro che, a livello tecnico, ci si aspettava molto da Medal of Honor: Heroes 2 per Wii. Purtroppo il risultato finale non è completamente positivo, bensì nasconde più di una mancanza: è vero che il gioco gira a ben sessanta frame al secondo, con poche incertezze, ma a che prezzo? I modelli poligonali sono semplici, poco dettagliati, con una qualità e una quantità delle animazioni pari al minimo sindacale. I cadaveri degli avversari eliminati non rimangono a terra, bensì spariscono immediatamente. Gli stage vantano delle texture certo migliori di quelle viste nella versione PSP, ma la quantità di poligoni mossi è molto simile, con gli edifici contraddistinti da strutture davvero semplici. Fluidità a parte, dunque, non c'è molto di cui rallegrarsi. E nella modalità di gioco online, purtroppo, le cose peggiorano in modo esponenziale: il frame rate rimane alto, ma si verificano alcuni problemi di rendering dei poligoni e, soprattutto, i soldati sono inguardabili: curvi sul proprio mitra come se fossero gobbi, con le gambe che si muovono in modo tale da sembrare indipendenti dal corpo. Per fortuna, il comparto sonoro non soffre di alcun tipo di inconveniente: gli effetti sono davvero convincenti, il parlato è ottimo e le musiche, come al solito, di grandissima atmosfera.

Commento

Medal of Honor: Heroes 2 è uno sparatutto in prima persona atipico nella struttura, con le missioni divise in fasi da completare e nemici ben poco intelligenti, che si muovono con la logica del gruppo e vanno affrontati di conseguenza. I suoi punti di forza stanno in primis nel sistema di controllo, fra i migliori visti su Wii, dotato di regolazioni avanzate che possono davvero "cucirvi il gioco addosso". La mira è piuttosto precisa e il gran numero di azioni "alternative" rende alcune fasi davvero entusiasmanti. Paga a caro prezzo l'ottimo frame rate, preferendo la fluidità al dettaglio e alle animazioni, ma dispone di una modalità multiplayer che finalmente permette ai possessori del Wii di sfidarsi online attraverso deathmatch e quant'altro. In conclusione, a livello tecnico era lecito aspettarsi qualcosa di più, ma è chiaro che gli sviluppatori si sono impegnati per rendere MOH: Heroes 2 più giocabile e divertente che non bello da vedere, insistendo dunque sulla fluidità e confezionando un prodotto che occupa una posizione di rilievo nel panorama dei FPS per Wii.

    Pro:
  • Sistema di controllo eccezionale
  • Sonoro di grande qualità
  • Multiplayer online fino a 32 giocatori
    Contro:
  • Grafica molto fluida, ma a scapito del resto
  • IA dei nemici mediocre
  • Modalità Campagna un po' corta