Mind Quiz: Your Brain Coach - Recensione  0

Sull'onda del successo di Brain Training, anche Ubisoft tenta di farci esercitare la mente con un gioco per Nintendo DS...

Dr. Kakimoto VS Dr. Kawashima: chi la spunterà?

Mind Quiz, Your Brain Coach si prefigge lo scopo e l'obiettivo di svecchiare e rendere più giovane il nostro cervello attraverso una serie di esercizi suddivisi in quattro categorie: velocità mentale, impiego mentale, prontezza ed elasticità, ognuno di essi supervisionato dal Dr.Kajimoto dell'Università di Osaka, uno dei pionieri degli studi sulle funzioni del cervello umano. Il metodo scientifico usato da questo brain trainer, così come quello fatto da Nintendo ed i numerosi cloni apparsi in seguito, è sempre quello dell'ATMT perciò ogni esercizio contenuto in Mind Quiz non risulterà poi essere così diverso dagli altri esponenti del genere, se non nella forma e nello stile visivo.

Meno minimalista di Brain Training, più colorato, vivace e volendo buffo con il suo stile cartoon

Dr. Kakimoto VS Dr. Kawashima: chi la spunterà?

In Italia Mind Quiz è stato distribuito da Ubisoft, che ha curato anche l'edizione portatile per PSP; il titolo è stato programmato interamente da SEGA che ha dato una decisa impronta nipponica allo suo stile visivo. Meno minimalista di Brain Training, più colorato, vivace e volendo buffo con il suo stile cartoon ed il nostro fido cagnolino che ci seguirà attraverso tutti gli esercizi. Anche l'audio è stato notevolmente migliorato rispetto agli "originali" giochi di stimolazione del cervello made in Nintendo. Quasi tutti i menù sono doppiati da una bella voce femminile e le musiche sono sicuramente più varie e carine.

Un certo senso di deja-vù

I parallelismi con Brain Training purtroppo non sono pochi: Mind Quiz è praticamente un clone quasi identico del best seller Nintendo. Chiunque abbia giocato almeno una volta a Brain Training non potrà notare che ogni particolare, dagli esercizi ai menù, dalla meccanica di gioco alle funzioni, è preso di peso da quest'ultimo e ridisegnato come un titolo vecchio che si fa il trucco. Iniziando per la prima volta ci viene richiesta la data di nascita ed una firma per "marchiare" il salvataggio, attraverso il quale possiamo poi accedere alle nostre statistiche che man mano verrano registrate per poter osservare i progressi fatti. Ogni tanto il dottore di Mind Quiz ci ricorda qualcosa che probabilmente ci era sfuggito, invitandoci a sfruttare maggiormente la nostra memoria, oppure ci da preziosi consigli per migliorare l'efficienza della nostra mente durante le normali attività quotidiane. Ogni volta che completiamo un esercizio appare una icona rossa a forma di cervello sulla data odierna: è possibile accedere ad un calendario per controllare quanto ci siamo allenati e se abbiamo saltato qualche giorno di esercizio.

I vari minigiochi che Mind Quiz adotta per stimolare la nostra mente sono per lo più già stati provati in Brain Training e Brain Academy: fare calcoli matematici, pronunciare quello che si vede piuttosto che la scritta che appare su schermo, fare giochi di memoria e tanta logica. Tutto identico, tranne che per la forma con la quale sono proposti: ad esempio, invece di dire al microfono il colore di quello che vediamo dobbiamo pronunciare il nome del frutto che appare davanti ai nostri occhi.

I vari minigiochi che Mind Quiz adotta per stimolare la nostra mente sono per lo più già stati provati in Brain Training e Brain Academy

Qualche esercizio è anche inedito, come quello per stimolare la prontezza che richiede velocità e precisione per toccare ogni cane che corre sullo schermo, oppure quello nel quale dobbiamo soffiare sul microfono per far arrivare una bolla di sapone a destinazione senza farla scontrare e scoppiare contro alcuni ostacoli (tra l'altro già visto in Yoshi, titolo di lancio per DS). Altri, sopratutto quelli nuovi, sono relativamente facili ed anche poco ispirati, risultando spesso noiosi e poco attrattivi. Ad esempio il minigioco che dovrebbe far aumentare i riflessi prendendo il maggior numero di cagnolini necessita di una tale velocità da rendere i tocchi con il pennino fin troppo rapidi, confusionari e randomici.

Le rilevazioni di voce e scrittura non funzionano molto bene e non sempre sono precise come ci si dovrebbe aspettare da un gioco "intelligente". Il numero otto genera spesso e volentieri degli zeri, mentre il numero uno diventa molte volte un nove, ma i casi sono molto più numerosi: in ogni caso le cifre vanno scritte in modo perfetto ed impeccabile, dopo aver capito come la cpu vuole "vederle" e come invece non vanno bene. Un po' troppo forzato. Anche il riconoscimento vocale non è per nulla convincente. Nel test dove vanno pronunciati i nomi dei frutti che scorrono sullo schermo ci si trova quasi sempre ad urlare e ripetere rapidamente quello che si vuole fargli capire. Anche scandendo bene le parole, Mind Quiz non riesce quasi mai a capire al volo quello che vogliamo comunicargli, e questo è un problema abbastanza grave per un gioco che in quel momento sta cercando di valutare i nostri riflessi e la nostra elasticità mentale; i risultati così ottenuti rischiano di essere costantemente compromessi e falsati.

Commento finale.

Mind Quiz cavalca l'onda del grandissimo successo dei titoli educativi che stimolano la mente lanciato da Nintendo con i suoi Brain Training. Il metodo scientifico che il titolo Ubisoft utilizza è il medesimo, per questo la maggior parte degli esercizi sono pressochè identici a quelli già provati negli altri titoli di questo genere. Detto ciò, Mind Quiz non prova minimamente a portare alcuna innovazione riproponendo un gioco identico in tutto e per tutto a quelli già usciti più di un anno fa, cambiandone solamente l'aspetto stilistico e la forma dei suoi contenuti. Oltretutto soffre di alcuni gravi problemi di rilevamento della scrittura e di comprensione di quello che cerchiamo di dire sul microfono, fattore che inficia pesantemente sull'effettiva utilità degli esercizi e la loro attendibilità.

Pro:

  • Buon numero e varietà di minigiochi
  • Stile grafico e audio piacevoli
Contro:
  • Pressochè identico a Brain Training
  • Rilevazione della scrittura e della voce imperfetta
  • Alcuni esercizi sono poco ispirati

Sono passati ormai più di dieci anni da quando il pioniere degli studi sull'invecchiamento del cervello, il Dr. Kajimoto, inventò un metodo rivoluzionario per calcolare e ringiovanire la propria età mentale: lo chiamò ATMT (Advanced Trail Making Test), e fu l'inizio di una rivoluzione in campo medico e scientifico. Sono trascorsi invece meno di due anni da quanto il suo collega Dr.Kawashima ha collaborato con Nintendo per il debutto del sistema ATMT nel campo videoludico, diventando da subito un incredibile fenomeno di costume e portando il primo esponente del genere, chiamato "Brain Training", a raggiungere vendite ultra milionarie. Potevano altre software house non cavalcare questa grande onda mediatica che ha colpito qualunque fascia d'età ed ovunque nel mondo? Ovviamente no, ed ecco che SEGA ci mostra il suo modo di allenare la nostra mente: sarà ancora più efficace?