Mondiali FIFA 2006  0

Se guardare i mondiali in Tv non vi basta non preoccupatevi, ci pensa Electronic Arts... anche su DS

Willkommen Zum Fussball

Mondiali FIFA 2006 di presenta subito curatissimo nella presentazione dei menu, e non disdegna di far sfoggio in ogni frangente della licenza ufficiale di cui dispone. All'accensione della console è subito la mascotte Goleo, il buffo leone spilungone, a dare il benvenuto al giocatore. Trattandosi di un FIFA esclusivamente dedicato alla Coppa del Mondo di Germania, sono escluse dal bouquet di team a disposizione tutte le squadre di club. Sono 127 le rappresentative nazionali disponibili, tra le quali sono naturalmente incluse le 32 qualificatesi al Mondiale tedesco. In testa alla lista di modalità di gioco c'è come al solito l'opportunità di fare un'amichevole su due piedi, senza doversi preoccupare di classifiche e gironi di qualificazione. Ma il cuore del gioco è chiaramente il massimo torneo calcistico, che viene qui proposto riportando pedissequamente i gironi ufficiali, per cui scegliendo ad esempio la Nazionale Italiana dovremmo per forza di cose emulare il cammino degli Azzurri di Lippi, affrontando nell'ordine Ghana, USA e Repubblica Ceca. In alternativa è possibile disputare l'intero programma di pre-qualificazioni continentali, e in questo caso la rosa di formazioni tra le quali scegliere si allarga a tutte le compagini nazionali esistenti sul pianeta. Torneremo in seguito a parlare delle modalità di gioco, preferiamo ora spostare l'attenzione sulla sostanza del titolo, ossia sul "gioco giocato", prendendo in prestito un'espressione tipicamente televisiva. Mondiali FIFA 2006 non si discosta molto da quanto mostrato dal precedente FIFA06; le meccaniche di gioco appaiono fondamentalmente inalterate sia nella gestione del gioco offensivo, sia per quanto concerne i movimenti difensivi, anche se a dire il vero una IA degli avversari sensibilmente più frizzante rende meno scontato l'esito delle azioni di attacco della CPU.

Mondiali FIFA 2006 non si discosta molto da quanto mostrato dal precedente FIFA06

Willkommen Zum Fussball

Alcuni miglioramenti sono altresì riscontrabili nei tiri da fuori area, ora eseguibili con maggior successo, mentre sembra essere divenuto più complicato piazzare il tiro secondo le proprie intenzioni dall'interno dell'area di rigore. Una apprezzabile novità è rappresentata dal nuovo sistema di tiro in occasione di calci piazzati e calci di rigore. Nel primo caso la telecamera si sposta alle spalle del giocatore incaricato del tiro e un mirino appare sullo specchio di porta, invitandoci a scegliere dove indirizzare il pallone, tentando di eludere la barriera avversaria. Nel secondo caso, l'uno contro uno tipico del penalty è gestito da un schema di controllo mutuato dai titoli golfistici: con il mirino si sceglie dove calciare il pallone, ma le sorti del tiro sono decise dall'abilità del giocatore nel fermare con tempismo il cursore che corre lungo la barra di potenza. Nel caso di lotteria dei rigori susseguente ai supplementari, il gioco prevede un'ulteriore novità: il giocatore incaricato del tiro, nell'avvicinarsi al dischetto del rigore, è chiamato a controllare lo stress emotivo. La proverbiale freddezza che fa le fortune dei rigoristi insomma. Ciò si traduce, per il videogiocatore, in una sequenza di tasti da premere correttamente, pena un potenziometro che schizza velocissimo rendendo ostico il successo dagli undici metri. Senza dubbio una novità apprezzabile e curiosa, anche se l'effetto sorpresa svanisce quasi subito e un giocatore scaltro non faticherà ad addomesticare le insidie del nuovo sistema. Riprendiamo l'analisi delle modalità di gioco presenti per segnalare il ritorno dei cosiddetti "scenari", ossia sfide che mettono il giocatore in condizione di dover gestire gli ultimi minuti di una vittoria in partite già iniziate o, a livelli di difficoltà superiore, lo sfidano a rimontare partite in situazioni disperate, tipo 9 contro 11 a una manciata di minuti dal triplice fischio. Presente anche una modalità Quiz per testare le proprie conoscenze circa la storia della Coppa del Mondo, peccato che il numero totale di domande sia davvero troppo esiguo.

Appurata la presenza di un sistema di gioco che, pur con qualche gradevo sviluppo positivo, rimane sui livelli di sufficienza già fatti segnare dal primo FIFA su DS, è il momento di evidenziare le note dolenti del gioco. Il comparto tecnico si ripresenta migliorato sotto alcuni aspetti rispetto a FIFA06, come ad esempio la riproduzione degli stadi (otto dei quali ufficiali e quindi riportati fedelmente), ora più vivi e complessi, con tanto di coreografie sugli spalti, fumogeni e festose piogge di coriandoli all'ingresso delle squadre sul terreno di gioco. Le animazioni, generalmente di livello accettabile, riservano occasionali momenti di comicità in occasione dei replay; nel tornare verso il centro del campo dopo un'azione sfortunata, i giocatori si producono in gesti goffi, si bloccano e incespicano come marionette impazzite, frangenti che tradiscono una generale incuria di questo aspetto da parte degli sviluppatori. Una imperfezione tuttavia non penalizzante, in quanto interessa solo i replay. Ciò che inficia marcatamente la fruibilità del titolo è invece la fluidità del gioco, che manifesta un evidente passo indietro rispetto a FIFA06. Il motore grafico, forse gravato da dettagli accessori cui si poteva rinunciare, si dimostra molto spesso zoppicante, e nei frangenti più confusi rende proibitiva la piena comprensione dell'azione di gioco. Un comparto grafico magari orfano di fronzoli (per dirne uno: l'ombra delle nuvole sul campo. Ne avevamo così bisogno?) ma più solido e sicuro sarebbe stato certamente preferibile.

Commento

Mondiali FIFA 2006 non riesce a migliorare quanto offerto da FIFA06 pochi mesi or sono. I passi avanti sono ravvisabili quasi esclusivamente in aspetti marginali del titolo, di contro i passi indietro riguardano l'asse portante del gioco, e dunque assumono un peso specifico superiore. Non si può affermare che EA se ne sia rimasta con le mani in mano contando sul richiamo della licenza ufficiale, anzi. Lo sforzo per offrire un prodotto migliore è visibile, ma a nostro avviso non si è lavorato nella giusta direzione. Alcuni, poi, potrebbero considerare pesante anche l'assenza delle squadre di club, così come l'immutabilità dei gironi in ossequio a quelli della manifestazione ufficiale. In generale, e per concludere, ci pare difficile poter preferire questo Mondiali FIFA al precedente FIFA06.

Pro

  • Licenza Ufficiale (non aggiornatissima)
  • Menu curati
  • Bella riproduzione degli stadi
Contro
  • Motore grafico molto incerto
  • La sostanza è la stessa di FIFA06
  • Solo le Nazionali, niente Club

La kermesse mondiale in terra tedesca è in pieno svolgimento. Milioni di coloratissimi tifosi provenienti da tutti i continenti si sono riversati in massa per le "strasse" a fare festa bevendo birra, e negli stadi a tifare col cuore in mano. Ma il resto degli appassionati sparsi per il mondo segue l'imponente manifestazione sportiva sommerso dal torrente in piena di ogni tipo di media: TV in primis naturalmente, ma anche quotidiani, riviste, radio, webzine... e naturalmente videogiochi. EA Sports, forte della licenza ufficiale esclusiva, si butta nel mucchio pubblicando il proprio gioco per ben nove differenti piattaforme. Per NintendoDS si tratta del secondo episodio, dal quale è ragionevole aspettarsi significativi miglioramenti rispetto al discreto predecessore.