More Brain Training del Dr Kawashima: Quanti anni ha il tuo cervello?More Brain Training del Dr Kawashima: Quanti anni ha il tuo cervello? - Recensione 

Se il vostro cervello ha bisogno di altro allenamento, il Dr. Kawashima ha la soluzione adatta.

More Brain Training del Dr Kawashima: Quanti anni ha il tuo cervello? - Recensione More Brain Training del Dr Kawashima: Quanti anni ha il tuo cervello? - Recensione More Brain Training del Dr Kawashima: Quanti anni ha il tuo cervello? - Recensione

Mens sana...

Il professor Ryuta Kawashima torna in cattedra con More Brain Training, che altro non è che una raccolta di nuovi esercizi per l'allenamento cerebrale. Il titolo si presenta in tutto e per tutto identico al suo predecessore, dai menu alle musiche, passando per i commenti del dr.Kawashima alle nostre performance; il contenitore rimane lo stesso, cambia il contenuto. Chi ha avuto dimestichezza col il primo BT troverà in MBT la stessa identica formula: la modalità per il calcolo dell'età cerebrale, la sezione con le prove di allenamento quotidiano, i grafici per apprezzare gli eventuali progressi nel tempo, e l'appendice sudoku, senz'altro gradita. Quello che muta sono naturalmente gli esercizi presentati in questa nuova edizione, studiati ad hoc dal luminare giapponese. Purtroppo le nuove prove vanno a sostituire -e non a sommarsi- quelle presenti nel primo BT. In totale sono dunque presenti undici esercizi di allenamento e sei per il calcolo dell'età del vostro cervello, tutti piuttosto intuitivi e intesi a stimolare diverse zone del cervello e differenti abilità: calcolo aritmetico veloce, memoria a breve termine, concentrazione, musicalità, ecc. Qualcuno di voi avrà probabilmente visto in tv una perplessa Nicole Kidman alle prese con la morra cinese. Si tratta di uno degli esercizi più riusciti di MBT, l'unico che richiede l'utilizzo del microfono. Sullo schermo viene visualizzato uno dei tre simboli della morra (carta, forbice e sasso) con abbinata l'indicazione "devi vincere/devi perdere". La carta batte il sasso ma perde contro le forbici. Al giocatore il compito di pronunciare il giusto segno più velocemente possibile, e poi ancora, e ancora, 30 volte di fila. Forb.. no ehm, cart.. sasso sasso! Sempre presenti gli esercizi di natura aritmetica: 'Memocalcolo' nasconde gli addendi di una catena di addizioni, stimolando contemporaneamente a memorizzare e calcolare il risultato. 'Segni Aritmetici' propone una coppia di cifre e il relativo risultato, a voi individuare il giusto operatore. 'Conti e resti' vi mette dietro un registratore di cassa alle prese con monete e monetine. L'ultimo esercizio basato sui numeri non è in realtà un esercizio di aritmetica bensì di pura mnemonica: una matrice di 25 numeri da memorizzare in due minuti di tempo.

More Brain Training del Dr Kawashima: Quanti anni ha il tuo cervello? - Recensione More Brain Training del Dr Kawashima: Quanti anni ha il tuo cervello? - Recensione More Brain Training del Dr Kawashima: Quanti anni ha il tuo cervello? - Recensione

Non solo numeri

Più curiosi e meno scolastici sono gli esercizi stimolanti il lessico e le funzioni attentive. 'Parole Scomposte' è il classico quiz di anagrammi, da quattro fino a otto lettere (ma capita spesso che vengano rifiutate parole di senso compiuto valide). E' uno degli esercizi nei quali entra in gioco il riconoscimento della scrittura, piuttosto efficace a patto di seguire i consigli presenti nel manuale. 'Alessandro Magno' è il nome della prova che testa la vostra abilità nel distinguere due o più parole emesse simultaneamente dallo speaker del DS. Un'altra prova, non molto riuscita, presenta uno spartito musicale da eseguire accuratamente agendo sui tasti di un pianoforte. 'Calcolo Data' vi spinge a ragionare mentalmente sulla base del calendario: che giorno era l'altro ieri? E cinque giorni meno di dopodomani? Sabato scorso che numero era? Insomma, senza doverli presentare tutti avrete capito che gli esercizi raccolti in MBT sono piuttosto variegati, per quanto non numerosissimi. Non mancano le prove, prevalentemente di carattere creativo, che non prevedono una valutazione ma contano bensì sulla buona volontà di colui che vi si sottopone. Una schermata di punti disposti a caso, da unire con dei segmenti per creare una disegno. Oppure gli acrostici, pallino personale del dr.Kawashima, che consistono nel fornire descrizioni di una parola a partire dalle lettere che compongono la stessa. E' importante segnalare, in chiusura di recensione, che More Brain Training viene proposto al prezzo consigliato di 29,90 €.

More Brain Training del Dr Kawashima: Quanti anni ha il tuo cervello? - Recensione More Brain Training del Dr Kawashima: Quanti anni ha il tuo cervello? - Recensione More Brain Training del Dr Kawashima: Quanti anni ha il tuo cervello? - Recensione

Commento

Se fossi un insegnante alle prese con la pagella di More Brain Training, direi che svolge bene il suo compitino ma non si applica come potrebbe. Le nuove prove non vi deluderanno, essendo brillanti e nel complesso più variegate in confronto al primo BT. Ma il titolo avrebbe potuto essere arricchito e sviluppato in molteplici direzioni rispetto al primo episodio, ed invece Nintendo si è limitata ad una semplice sostituzione dei vecchi esercizi con un pacchetto di nuovi. "More of the same" per antonomasia, potremmo dire. In fondo, lo dice il nome stesso. Pro: Adatto a chiunque Nuovi esercizi ben riusciti Include oltre 100 schemi Sudoku Prezzo budget 29,90€ Contro: Non tanti esercizi Struttura invariata Ripetitivo per sua natura

Molti di voi ricorderanno che l'estate dell'anno scorso registrò fenomeni insoliti, alcuni piacevoli, altri incredibili, altri ancora inspiegabili. Il sottoscritto ne ricorda alcuni in modo particolare: la Juve in castigo in serie B e costretta a consegnare la merendina rubata nelle mani dell'Inter, che diventò così campione d'Italia dopo millemila anni. Gulp! E poi piazze colme di gente seminuda e urlante: l'Italia era campione del Mondo. Poo-popopò! Ma un evento in particolare mi colpì in maniera tale da farmi ipotizzare un'invasione aliena, oppure che qualche strano virus si stesse diffondendo sul pianeta, rendendo pazza la gente. Cosa sarà mai successo, penserete voi. Beh, l'estate scorsa vidi quella tecnofobica di mia zia giocare con il mio NintendoDS. Era l'alba della “Touch! Generation”, l'apertura di Nintendo verso i non-giocatori, l'era dei giochi per tutta la famiglia. Ebbene gente, ci risiamo.

TI POTREBBE INTERESSARE