MySimsMySims 

Siete pronti a trasferirvi nella città di MySims? Il sindaco è già lì che vi aspetta per il benvenuto di rito, e spera possiate aggiungere un pizzico di vivacità alle giornate della ridente località balneare. Si tratta di un posto che godeva di un grande splendore, ma che con gli anni è caduto in disgrazia e ora arranca alla ricerca di turisti e commercio. Magari potrete essere d'aiuto per rimettere le cose a posto?

Già disponibile per Nintendo DS, MySims rappresenta in pratica una versione "semplificata" del life simulator per eccellenza targato Electronic Arts, pensata per un'utenza molto giovane. I protagonisti del gioco possiedono infatti un aspetto fanciullesco e le loro avventure si sviluppano attraverso l'esplorazione e il dialogo, senza porre l'accento sulle necessità economiche né su quelle prettamente fisiche. A differenza dei vari episodi di The Sims, insomma, non dovremo preoccuparci dello stato di salute del nostro alter ego né del suo lavoro, mentre acquisteranno grande importanza le relazioni sociali e i minigame da provare con gli altri personaggi. Ci troviamo dunque di fronte a una reinterpretazione della serie di videogame più popolare del mondo, che i possessori di console Nintendo sembrano apprezzare e che ora arriva anche su cellulare grazie alla divisione mobile di EA. La conversione si presenta fin da subito fedele allo spirito dell'originale. Il nostro personaggio torna a vivere nella città di MySims alcuni anni dopo che la sua famiglia si è trasferita, e lo fa soprattutto per una sorta di senso del dovere: vuole a tutti i costi restituire a quel luogo l'antico splendore, in primis collaborando alla restaurazione di una bellissima fontana che costituisce il fulcro del paese ma che al momento giace in condizioni pessime.

Il sistema di controllo del gioco è molto semplice e immediato, con il d-pad che serve per muovere il personaggio all'interno della città e il tasto 5 per interagire con l'ambiente. Il nostro alter ego deve interagire con gli altri abitanti per sbloccare nuove "quest" da portare a termine, ed è in questo modo che l'azione si sviluppa fino alla conclusione della storia. Alcuni personaggi ci permettono di accedere a dei minigame di vario tipo, ad esempio il nipote del sindaco ci farà giocare a tennis contro un muro mentre una sorta di eremita ci offrirà una canna con cui pescare tanto nelle acque limpide quanto in quelle torbide pesci oppure oggetti. Lo spostamento fra i quartieri è piuttosto rapido e il gioco non richiede caricamenti supplementari: la città è fin da subito disponibile per le nostre velleità esplorative, e dovremo solo scoprire come raggiungerne tutte le zone per poterla visitare nella sua interezza. Talvolta i dialoghi richiedono una prova d'abilità iniziale che si basa sulla velocità dei riflessi, superata la quale possiamo accedere alle informazioni che ci interessano e ottenere gli estremi per iniziare una nuova missione. L'obiettivo finale consiste nel ritrovare tutti gli smeraldi che restituiranno alla fontana della città la propria bellezza...

La grafica del gioco è molto semplice e priva di fronzoli, contraddistinta da un design forse non eccezionale ma efficace. Una scelta di questo tipo è stata fatta evidentemente per rendere l'ambiente più leggero da gestire, visto che la città può essere visualizzata fin dall'inizio nella sua interezza e lo scrolling appare abbastanza fluido e privo di particolari incertezze. Ne risulta un comparto visivo tutt'altro che spettacolare, a volte persino grossolano, ma che riprende nello stile quanto visto su Nintendo DS e tanto basta per questo genere di prodotto. Il sonoro è costituito da alcune musiche MIDI che come al solito non arricchiscono né rendono più coinvolgente l'azione: si può decidere di disattivarlo senza remore.

Clicca per votare!
S.V.

Redazione

10

Lettori (1)

Pur con le dovute semplificazioni rispetto alla versione per Nintendo DS, MySims su cellulare si presenta come un prodotto simpatico, semplice e abbastanza divertente, specie per un'utenza molto giovane. Il controllo del personaggio è buono e rende l'esplorazione piacevole e veloce, gli enigmi presenti sono davvero basilari e i minigame hanno il merito di rendere le cose un po' più varie. Alla fine dei conti, l'esperienza si rivela molto leggera e vanta ben poco spessore, ma si tratta di una caratteristica che affligge anche le versioni "maggiori" del gioco. In definitiva, dunque, ci troviamo di fronte a una conversione ben fatta, tecnicamente nella media, che gli appassionati del genere non potranno che apprezzare.

Tommaso Pugliese

Pro

Contro

Pro

  • Ottima conversione da Nintendo DS
  • Semplice e spensierato
  • Grafica simpatica...

Contro

  • ...ma tutt'altro che eccezionale
  • Gameplay privo di spessore
  • Destinato a un'utenza molto giovane

TI POTREBBE INTERESSARE