NBA Live 09NBA Live 09 - Recensione 

La serie sportiva NBA Live torna su Wii dopo il titolo d'esordio del 2008, promettendo un'azione più coinvolgente e la sensazione di "vivere" le partite.

Pur essendo una delle simulazioni di basket più longeve di sempre, negli ultimi episodi NBA Live ha lasciato molti appassionati con l'amaro in bocca: il gioco non ha saputo organizzarsi al meglio per il passaggio verso le piattaforme di nuova generazione, e ciò è accaduto in particolare su Wii. La console Nintendo rappresenta chiaramente un caso a parte, per tutta una serie di motivi; e molti sviluppatori solo adesso stanno cercando di reagire e adattarsi a una situazione di predominio commerciale che mai avrebbero ritenuto possibile. La divisione sportiva di Electronic Arts sta cercando di ottimizzare le proprie produzioni per Wii in modo da incontrare soprattutto i gusti dei cosiddetti "casual gamer", e l'introduzione della sigla "All-Play" ne è la testimonianza: si tratta di un sistema che rende il gioco più semplice e immediato, e che in alcuni casi addirittura permette di fruire dell'esperienza utilizzando il solo Wii-mote.

Bisogna scendere a compromessi con una serie di falle del gameplay più o meno fastidiose.

Modalità di gioco

Dalla schermata di avvio di NBA Live 09 è possibile effettuare la classica partita rapida, accedere alle modalità di gioco standard oppure alla modalità "party", tipica dei prodotti All-Play di EA Sports: si tratta in questo caso di quattro minigame ("21", "Slamdunk Contest", "3 Point Shootout" e "2 contro 2") da provare con gli amici, più o meno divertenti a seconda della compagnia ma piuttosto limitati nelle meccaniche. Fra le modalità di gioco standard troviamo l'immancabile "Stagione": bisogna scegliere un team dell'NBA e affrontare un intero campionato con l'obiettivo di vincerlo. Potremo regolare i vari parametri di gioco come meglio crediamo, aumentando o diminuendo la lunghezza dei quarti, cambiando il livello di difficoltà, selezionando la presenza o meno degli infortuni, eccetera. Se non abbiamo molto tempo a disposizione, possiamo eventualmente ripiegare sui "Playoff", ovvero giocare solo le fasi eliminatorie sottoforma di torneo. Ci sono poi le modalità "Sfida Superstar" e "Partita All-Star": nel primo caso ci troveremo di fronte a degli scenari da "risolvere", partite storiche che vanno affrontare in corso d'opera e vinte per poter passare alla fase successiva; nel secondo caso, potremo organizzare una partita fra due squadre composte da stelle del basket del presente e del passato: una manna per gli appassionati e per i nostalgici. Completano il quadro la modalità "Sfida dei Rookie" (in cui dovremo giocare utilizzando squadre non professioniste) e l'online, che come da consuetudine per i prodotti Electronic Arts si basa sul sistema EA Nation e ci permette di sfidare giocatori di tutto il mondo in partite classificate e non. Gli sviluppatori hanno svolto un buon lavoro in tal senso, creando una serie di stanze "tematiche" in cui gli utenti possono entrare se sono alla ricerca di un determinato tipo di match. La ricerca degli avversari è rapida e intuitiva, si può giocare anche senza registrarsi (accedendo come ospiti, ma limitandosi alle partite non classificate) e generalmente si riscontra poco lag: il Wii non è mai stata la macchina ideale per le sfide online, ma almeno c'è chi ha saputo metterci una pezza...

NBA Live 09 - Recensione NBA Live 09 - Recensione NBA Live 09 - Recensione

Sistema di controllo e gameplay

Con FIFA 09 per Wii abbiamo assistito a un abbandono delle meccaniche classiche dei giochi di calcio in favore di un approccio più simile a quello creato da Konami per PES. NBA Live 09 segue in parte questa tendenza, permettendoci di gestire i passaggi utilizzando il sistema di puntamento a infrarossi del Wii-mote: indicando un giocatore sullo schermo e premendo il pulsante A, potremo passargli rapidamente la palla. La cosa purtroppo non funziona benissimo, nel senso che il controller fa un po' fatica a cambiare la destinazione del lancio (che viene confermata da un'icona) perché il puntamento è meno preciso che nella media dei giochi per la console Nintendo: basta navigare nella schermata dei menu per accorgersene. Lo stick analogico del Nunchuck viene usato per il movimento del giocatore in possesso di palla, mentre per tirare bisogna tirare su il Wii-mote per poi "schiacciarlo" in basso, con un movimento che viene rappresentato sullo schermo in modo piuttosto fedele, soprattutto per i tiri in sospensione. Le schiacciate vanno effettuate quando ci si trova alla distanza ideale dal canestro, con lo stesso movimento ma tenendo premuto il grilletto B. In fase difensiva, alzare e abbassare il Wii-mote si traduce nel salto per fare muro, mentre agitare il controller lateralmente simula il gesto di rubare la palla. Tutto funziona abbastanza bene, nella pratica, ma bisogna scendere a compromessi con una serie di falle del gameplay più o meno fastidiose: la difficoltà nel fermare un attacco senza commettere fallo, la superiorità di determinati giocatori soprattutto dai tre punti, la presenza di un sistema per l'alley-oop troppo semplicistico, ecc.

NBA Live 09 - Recensione NBA Live 09 - Recensione NBA Live 09 - Recensione

Realizzazione tecnica

Sotto il profilo tecnico, l'edizione 2009 di NBA Live per Wii purtroppo non fa miracoli e non si discosta molto da quanto già visto lo scorso anno: la grafica è senza dubbio "old gen", con discreti modelli poligonali ma una generale mancanza di dettaglio, animazioni nella media e texture poco definite. C'è di buono che la fluidità rimane alta anche nelle situazioni più movimentate, dunque quantomeno il motore non perde colpi e riesce a fare il proprio lavoro in modo dignitoso. Il comparto sonoro è stato realizzato in tipico "stile EA Sports": colonna sonora firmata (non ricchissima, ma con qualche brano piuttosto famoso), buoni effetti, telecronaca in Inglese abbastanza "partecipe". La modalità online, come scritto in precedenza, si comporta piuttosto bene grazie al sistema EA Nation: trovare avversari è semplice e in pochi secondi si possono organizzare sfide avvincenti.

NBA Live 09 - Recensione NBA Live 09 - Recensione NBA Live 09 - Recensione

Commento

Se per alcune serie (Madden NFL, Tiger Woods PGA Tour, lo stesso FIFA) gli sviluppatori di EA Sports hanno trovato il giusto compromesso tra spessore e accessibilità, purtroppo non si può dire lo stesso di NBA Live. Questa edizione 2009 si presenta come un prodotto ancora acerbo sotto molti punti di vista, con qualche problema più o meno grave (la rilevazione del puntamento a infrarossi, per dirne uno) e un gameplay che spesso e volentieri si lascia andare a situazioni spiacevoli. Le buone idee ci sono, il sistema di controllo funziona abbastanza bene (seppure ormai tutti sperino in un rapido avvento del Motion Plus) e le modalità classiche non mancano, dunque in definitiva i giocatori meno esperti ed esigenti potrebbero prendere in considerazione quest'ultimo titolo EA per qualche partita con gli amici o per provare l'online. Per i più smaliziati, però, ci sarà da aspettare l'anno prossimo, sperando in un potenziamento della serie sotto tutti i punti di vista. Pro Alcune idee interessanti per i controlli Modalità online ben organizzata Buon numero di modalità... Contro ...ma l'anno scorso ce n'erano di più Tecnicamente tutt'altro che spettacolare Gameplay limitato e talvolta semplicistico

TI POTREBBE INTERESSARE