NitrobikeNitrobike - Recensione 

Accelerazioni spaventose, salti spettacolari e la possibilità di guidare la propria moto "in prima persona": Nitrobike per Wii promette questo e altro.

Excite Truck ha inaugurato il filone dei giochi di corsa arcade (molto arcade) su Wii, ed era chiaro che altri sviluppatori si sarebbero lanciati all'inseguimento, cercando di eguagliarne la sensazione di velocità e l'impatto visivo. Prodotto da Ubisoft, Nitrobike è dunque il primo tentativo fatto in tale direzione. Il giocatore deve selezionare un pilota e una moto, quindi lanciarsi in gare di diverso tipo ma contraddistinte dalla medesima chiave di lettura: non sarà il concorrente più veloce a vincere, ma quello in grado di utilizzare meglio le possibilità offerte dal reattore montato dietro la moto...

Modalità di gioco

Il menu principale di Nitrobike ci permette di cimentarci con una gara singola, iniziare una carriera o provare il multiplayer. Quest'ultimo è disponibile sia in locale (per un massimo di quattro giocatori in split screen) sia online, attivando la Nintendo Wi-Fi Connection. In tal caso si può affrontare un solo avversario alla volta, con un sistema che a turno permette all'uno e all'altro giocatore di decidere le regole della gara (circuito, numero di giri, ecc.). L'esperienza si rivela assolutamente priva di lag e abbastanza divertente, anche se manca qualsiasi possibilità di comunicare, con tutti i problemi che ne derivano. Naturalmente è la modalità carriera a rappresentare il fulcro del gioco, con la bellezza di nove eventi, costituiti ognuno da un numero variabile di gare (da tre a dieci, con il numero che aumenta man mano che si procede). All'inizio si può partecipare solo al primo, che bisogna completare con successo (arrivando sul podio in ogni gara) per poter sbloccare il successivo, in una struttura "a premi" tipica dei giochi di corse. Arrivare primi si traduce anche nello sblocco di nuove moto e piloti, con i quali intraprendere una carriera ex novo o semplicemente da provare nelle gare singole. Ogni corsa che affronteremo nella modalità carriera può richiedere il raggiungimento di obiettivi diversi: oltre al semplice taglio del traguardo, ci troveremo a dover effettuare dei giri veloci, attraversare un certo numero di cerchi posizionati sul tracciato o partecipare a gare a eliminazione progressiva, in cui non bisogna mai rimanere in coda al gruppo.

Nitrobike - Recensione Nitrobike - Recensione Nitrobike - Recensione

Veloci come un missile!

Come accennato in apertura, essere i più veloci non significa automaticamente vincere ogni gara. A parte la presenza di regole particolari, già dai primi minuti di gioco ci renderemo conto che non si va da nessuna parte senza azionare il reattore della moto, ma che bisogna imparare a dosarne la spinta perché si traduca in un effettivo vantaggio durante la corsa. Trasformarsi in missili sui rettilinei è una pratica relativamente semplice, mentre già ricorrere al boost per raddrizzare la moto in curva si rivela un po' più complesso, fatto sta che è lì che potremo davvero costruirci un vantaggio sugli avversari. E dovremo sempre fare attenzione all'indicatore posto in basso a destra sullo schermo: quando il reattore si sarà surriscaldato, dovremo spegnerlo immediatamente e lasciare che si raffreddi, oppure rischieremo di esplodere insieme a esso. Il sistema di controllo di Nitrobike implica un uso del Wii-mote in orizzontale (senza altre possibilità), con il pulsante 2 per accelerare e 1 per frenare o eseguire i trick durante i salti (pratica pressoché inutile, in realtà), mentre il d-pad aziona il reattore (o seleziona la manovra acrobatica). Per "sterzare" dovremo inclinare il controller a destra o sinistra, dosando il movimento per non girare troppo la moto. Ed è qui che iniziano i problemi, purtroppo: il controllo non è preciso come in altri giochi di guida per Wii, ma soprattutto i tracciati hanno i bordi pieni di oggetti interagibili, contro cui si finisce per scontrarsi fin troppo spesso.

Nitrobike - Recensione Nitrobike - Recensione Nitrobike - Recensione

Realizzazione tecnica

La grafica di Nitrobike è quella a cui, purtroppo, la maggioranza dei giochi per Wii ci ha ormai abituato: modelli poligonali molto semplici e spigolosi, texture poco definite, location prive di dettaglio e caratterizzate da un design mediocre. A tutto questo c'è da aggiungere un motore tutt'altro che ottimizzato, afflitto da continue variazioni nel frame rate che lo portano a essere ora fluido, ora incerto. La sensazione di velocità durante l'attivazione del reattore è stata resa bene, con il solito effetto blur sul tracciato, ma è troppo poco per giustificare tutto quello che non va. Per quanto concerne il sonoro, abbiamo una serie di musiche "cattive", tipiche del genere, che svolgono il proprio lavoro senza farsi notare troppo, esattamente come gli effetti. Il multiplayer funziona bene sia in locale che online, pur non rappresentando un particolare valore extra per la longevità del gioco.

Nitrobike - Recensione Nitrobike - Recensione Nitrobike - Recensione

Commento

È chiaro che Nitrobike si pone come un concorrente diretto di Excite Truck, ed è chiaro che gli sviluppatori hanno bisogno di sperimentare all'interno di questo genere di giochi per poter realizzare qualcosa di valido. Tenendo conto del tempo avuto a disposizione, però, non si può essere soddisfatti dei risultati raggiunti: questo nuovo prodotto Ubisoft è tecnicamente mediocre e possiede un sistema di controllo che in sé non è malvagio, ma doveva essere integrato meglio con le dinamiche delle gare. Troppo spesso si finisce per sbattere per una mancanza di precisione del controller, ritrovandosi improvvisamente ultimi; e la possibilità di azionare il boost, per quanto divertente, non copre gli episodi di frustrazione. Nel caso si riesca a scendere a patti con i suoi problemi, Nitrobike può garantire un buon numero di gare e una simpatica modalità multiplayer anche online, ma non aspettatevi un Excite Truck su due ruote: rischiate di rimanere molto delusi. Pro: Un buon numero di eventi Multiplayer anche online Sistema di controllo discreto... Contro: ...ma poco ottimizzato Grafica mediocre C'è di molto meglio in giro