Project ZeroProject Zero 

Tecmo stupisce tutti e propone un Survival Horror decisamente atipico che riesce però a distinguersi, proponendosi tra i migliori esponenti del genere.

Project Zero Project Zero

Un survival horror atipico

La Sfida di Tecmo
Il comparto grafico di Project Zero risente di un'impostazione un po' troppo datata, retaggio di una conversione fin troppo fedele dall'originale, uscito ormai parecchio tempo fa, per PlayStation 2.

Le modifiche tecniche rispetto alla versione per il monolite nero Sony sono limitate ad alcune texture più definite e a un dettaglio poligonale leggermente maggiore, che conferisce ancora più fascino alle già evocative ambientazioni. Molto belle le trasparenze dei fantasmi e gli effetti di luce, che aiutano non poco ad aumentare la suspance. Supendo il comparto sonoro e, se si dispone di un impianto Dolby Digital, si potranno avvertire anche i più piccoli, quanto sinistri, scricchiolii all'interno della casa. Subdoli. Le musiche, di tipico stampo giapponese, sono altrettanto azzeccate. Un lavoro impeccabile. Project Zero è quasi totalmente privo di aliasing ed anche i tempi di caricamento sono più brevi rispetto alla versione per la piattaforma Sony, questo grazie all'utilizzo dell'hard disk.
Intuitivi i comandi, la disposizione dei tasti assicura un inaspettato feeling fin dai primi istanti di gioco e non si riscontrano difficoltà nemmeno nelle situazioni più complesse.
La longevità è assicurata da un'ampia ed intricata mappa tutta da esplorare e, come in tutti i survival horror, è selezionabile il livello di difficoltà tra tre differenti possibilità: facile, normale, difficile. Progressiva la difficoltà dei nemici ch, progredendo nel gioco, saranno sempre più intelligenti, sempre più veloci, sempre più resistenti. Ma con una buona dose di astuzia e di sangue freddo la nostra Miku saprà mettere fuori combattimento anche gli avversari più ostici.

Project Zero Project Zero

Un survival horror atipico

Commento

Fin dalle prime indiscrezioni fatte trapelare da Tecmo Project Zero mi aveva affascinato, e vedere che finalmente un'altra software house tentava di mettersi in competizione con gli 'intoccabili' dei survival horror aveva suscitato in me forti speranze. E l'attesa è stata ben ripagata.
Fin dai primi attimi di gioco la tensione è alta, i momenti di puro terrore non mancano e l'atmosfera è fantastica, complice anche un comparto audio assolutamente sublime. Come già detto l'unico rimpianto riguarda il motore grafico, non adeguatamente migliorato rispetto alla controparte PlayStation 2. Una mano da Itagaki e dal Team Ninja avrebbe fatto decisamente comodo.

Project Zero Project Zero

Pro: Bellissima atmosfera e trama Ottimo comparto audio Non adatto ai deboli di cuore Contro: Comparto tecnico non ai massimi livelli

Un survival horror atipico

A sorpresa, Tecmo, che ha regalato molte ore di puro divertimento ai giocatori di mezzo mondo grazie alla serie di Dead or Alive, si è cimentata nello sviluppo di un survival horror.
In questo genere, da sempe dominato da Konami con Silent Hill e da Capcom con la saga di Resident Evil, Tecmo è riuscita a dimostrare di essere una software house eclettica, in grado di sapersi cimentare, con successo, anche in generi per lei del tutto nuovi.

Molte antiche leggende parlano di spettri che si aggirano all'interno di vecchi ruderi perché in passato sono stati vittime di agghiaccianti massacri, ma non sempre le leggende sono semplici racconti popolari, a volte capita infatti che contengano una piccola parte di verità. Proprio come in questo caso. La storia che ci vede protagonisti, in Project Zero, narra di una villa medioevale chiamata Palazzo Himuro, all'interno della quale abitano le anime di persone sacrificate durante macabri rituali religiosi. E Miku, la giovane ragazza giapponese nostro alter ego nel gioco, si troverà proprio a dover esplorare la sinistra magione, alla ricerca del fratello scomparso durante le ricerche di un celebre scrittore.
Ovviamente Miku non è una ragazza qualsiasi, altrimenti che videogioco sarebbe?, e scopre di possedere poteri paranormali e di essere in grado di catturare le manifestazioni ectoplasmatiche di palazzo Himuro tramite l'uso di una particolare macchina fotografica ereditata dalla madre.
Dopo aver vissuto gli eventi accaduti al fratello in una breve introduzione giocabile interamente in bianco e nero, si passa a controllare Miku. Il gioco propone i classici elementi da survival horror: per proseguire è fondamentale raccogliere vari oggetti, combattere contro le sinistre entità che infestano casa Himuro, e ovviamente risolvere gli immancabili puzzle più o meno logici.
A portare una ventata d'aria fresca contribuiscono gli scontri con i fantasmi, decisamente differenti da quelli visti in Resident Evil o in Silent Hill, grazie all'originale arma a nostra disposizione, ovvero la macchina fotografica, che contribuisce a conferire un senso di fastidiosa impotenza al videogiocatore. Una piccola curiosità, Miku nella trasposizione in versione Pal del gioco non vestirà la casacca classica da studentessa giapponese, ma degli indumenti più occidentali.