Dead or Alive Ultimate (aka Dead or Alive Online)Recensione: Dead or Alive Ultimate 

Il picchiaduro più "ballonzolante" che ci sia sul mercato torna, e il vecchio spirito da Arcade brucia più che mai!

Recensione: Dead or Alive Ultimate Recensione: Dead or Alive Ultimate

Collezione Moda Mare 2004-2005

Ultimate è un cofanetto di due dischi. Il primo ripropone il capitolo iniziale della serie, esattamente come appariva sulle console a 32bit, il secondo disco ospita invece una riedizione "riveduta e potenziata" di Dead or Alive 2, che nelle intenzioni si pone il traguardo di eguagliare i fasti grafici del terzo capitolo uscito su Xbox, giustamente ritenuto "Best looking game" dei picchiaduro. Ambedue i giochi supportano una gustosa e ricca modalità Online, manna dal cielo per tutti i possessori del kit Live. Le funzionalità online dei due dischi sono pressochè identiche. Doa Ultimate offre 15 lottatori e (sopratutto) lottatrici, tre dei quali da sbloccare. Rispetto alla vecchia edizione del gioco è stato aumentato esponenzialmente il numero di vestiti e costumi sbloccabili, che si aggira a circa 20 a personaggio. Ovviamente è un piacere vedere Tina o Kasumi ogni volta in una nuova strepitosa mise.

Ambedue i giochi supportano una gustosa e ricca modalità Online, manna dal cielo per tutti i possessori del kit Live

Collezione Moda Mare 2004-2005

E tutto ciò serve anche ad evitare che giocando online incontriate un combattente vestito nello stesso modo. Ultimate trova il suo punto forza necessariamente nel gioco online. Semplice, immediato e coinvolgente. Fino ad otto giocatori si possono ritrovare in una stanza, dove, dopo aver chattato e chiacchierato un pò inizierà lo scontro uno contro uno. Gli altri utenti aspetteranno il loro turno guardando il combattimento tramite un bel sistema di camere mobili. Sebbene l'attesa di gioco possa sembrare "inutile" a qualcuno, lo spirito che questo Ultimate fà rivivere è quello che non si assaggiava più ormai dall'uscita in sala giochi di Street Fighter 2. Anche nel capolavoro Capcom, durante le scalmanate competizioni Arcade, toccava aspettare il proprio turno, ed il giocare era costantemente accompagnato da una sottile tensione emotiva.

Recensione: Dead or Alive Ultimate Recensione: Dead or Alive Ultimate

Ultimate online!

Ovviamente esistono molte altre modalità online in "Ultimate". Non sarebbe affatto errato affermare che il servizio online di questo titolo rappresenta per i picchiaduro tutto ciò che Halo2 rappresentò per gli sparatutto in soggetiva. Tre parole per definirlo: semplice, veloce, appagante. In "Ultimate" è anche possibile creare un Tag-Team e sfidare direttamente altri giocatori, oppure affrontare un Survival e postare i propri record nelle classifiche mondiali, o ancora creare e fare tornei. L'ombra del lag, spauracchio di tutti i giocatori online, è per l'appunto solo un'ombra. Occasionalmente il gioco soffrirà di qualche piccolo rallentamento, ma solo durante le "room" con 8 persone, e per lo più sporadicamente. E' ovvio che giocare online non è proprio come farlo offline, e delle differenze è naturale sentirle: quelle percepite in Doa Ultimate non inficiano assolutamente sulla giocabilità del titolo.

L'ombra del lag, spauracchio di tutti i giocatori online, è per l'appunto solo un'ombra

Ultimate online!

A prescindere dal personaggio che selezionerete, sarete sempre impressionati dalla bellezza visiva di questo gioco. 60fps inchiodati, una valanga di poligoni su schermo e delle texture di prim'ordine sono gli ingredienti di un qualsiasi Doa, questo in particolare. I modelli dei personaggi sono quelli, meravigliosi, di Doa3. Mentre gli sfondi sono stati completamente ridisegnati, raggiungendo un livello di eccellenza assoluto. Sono stati inseriti inoltre numerosi elementi interattivi nel paesaggio, e proprio come in Doa2 i 21 livelli disponibili sono multi livello. Spostandoci all'interno dei ring sarà facile cadere da qualche parte e continuare a combattere, che sia una cascata, un tetto o un edificio high-tech. Il lavoro svolto dal Team Ninja è visibile e appagante. E sopratutto mai si avrà l'impressione di giocare a qualcosa di "già visto", la più grande paura di compra un remake come questo. Per tutti i giocatori "in alta definizione" una buona notizia: "Ultimate" supporta una modalità visiva a 480p con Widescreen.

Recensione: Dead or Alive Ultimate Recensione: Dead or Alive Ultimate

commento finale

Sicuramente una delle critiche che si è sempre fatta a Dead or Alive è quella di essere un picchiaduro "smanettone" e poco tecnico per i puristi del genere. Altrettanto sicuro è che in questo campo non è accostabile a perle sacre del genere come Street Fighter o Virtua Fighter. Con l'inclusione della modalità online, e il conseguente aumento esponenziale del numero degli avversari che potremmo sfidare, si assisterà sicuramente ad un'impennata di tecnicismi con il tempo. A parte questo, ci troviamo di fronte al picchiaduro più bello da guardare sul mercato, il cui comparto grafico fà assolutamente rimanere a bocca aperta (anche per la bellezza delle lottratici, ovviamente!). Ultimo ma non per importanza, lo strepitoso servizio online messo in piedi dal Team Ninja, veramente vario, semplice e funzionale.

Pro: Modalità online curatissima Superba realizzazione grafica Due giochi: il primo Doa fà nostalgia Contro: Scarsa tecnicità Offline perde molto del suo fascino

Nonostante l'ormai "anziana" serie di Dead or Alive sia quasi giunta al suo decimo anno di vita, è difficile dimenticarsi la prima volta che vedemmo quel devastante effetto "Mune Yare", ovvero del petto traballante. Negli ultimi tempi abbiamo assistito invece ad un'epansione del marchio anche in generi secondari, come ad esempio con "Xtreme Beach Volley". Finalmente torna un picchiaduro nudo e crudo, riedizione proprio di quel primo capitolo che vide luce su SegaSaturn e del sequel che apparve su Dreamcast in tutto il suo splendore. Ma di semplice operazione commerciale non si tratta, visto che il lavoro fatto su questo "Ultimate" è massiccio: restyling grafico e l'aggiunta della modalità online fanno la gioia di ogni amante di Dead Or Alive e dei picchiaduro in generale.

TI POTREBBE INTERESSARE