Recensione ESPN NFL 2K5 PS2/XBOX  1

Uno spettacolo mediatico firmato ESPN accompagna la nuova fatica targata Visual Concept. Il nuovo brand SEGA prende forma.

Piccole rilevanti variazioni.

Chi ha giocato almeno ad un altro football creato dai Visual Concept potrà già vantare una certa dimestichezza con ESPN NFL 2K5, il cui gameplay non si discosta in modo rilevante da quello dei capitoli precedenti. Le strategie, selezionabili prima di ogni azione, vincolano le diverse azioni del quarterback a diversi tasti ogni volta differenti e il sistema si rivela intuitivo garantendo l’adeguatezza del pad anche nella gestione di una squadra intera. Il corridore, con la palla in mano, può eseguire finte o caricare con il proprio peso, oppure lanciarsi a terra per mantenere il controllo di palla ed è opportuno conoscere i punti di forza dei propri giocatori per scegliere il giusto approccio alle diverse situazioni. Un giocatore pesante è infatti goffo nelle finte e nelle evasioni, mentre un giocatore rapido e leggero rischia grosso cercando di sfondare contro un difensore ben piantato. Come dicevamo, la struttura di gioco non presenta cambiamenti rilevanti ma i pochi effettuati si sono rivelati in grado di migliorare notevolmente l’esperienza di gioco.

...la struttura di gioco non presenta cambiamenti rilevanti ma i pochi effettuati si sono rivelati in grado di migliorare notevolmente l’esperienza di gioco.

Piccole rilevanti variazioni.

La serie sportiva creata dai Visual Concept è sempre stata famosa per quel tocco arcade che la permea. Questo elemento è legato all’incredibile reattività dei comandi che permettono di lanciare istantaneamente un giocatore in tuffo o di mutarne la direzione in pochi attimi. La sensazione che ne deriva è una padronanza assoluta dei personaggi, ma, di contro, condiziona la verosimiglianza del gioco permettendo ai giocatori di intercettare troppo facilmente lanci e movimenti avversari. In questo nuovo capitolo della serie i Visual Concept hanno deciso di aggiungere una piccola animazione supplementare, un piccolo passo in più in grado di rallentare leggermente l’azione. Gli amanti dell’arcade, forse, non gradiranno il cambiamento fino in fondo, ma le partite di ESPN NFL 2K5, con questo semplice espediente, possono vantare una credibilità decisamente maggiore. Come ciliegina sulla torta è ora possibile effettuare due diversi tipi di placcaggio: con la semplice pressione di un tasto il giocatore effettua un placcaggio standard, mentre mantenendo la pressione del tasto il placcaggio parte più lentamente ma risulta molto più violento e “definitivo”. L’intelligenza artificiale risponde prontamente alle tattiche utilizzate dal giocatore cercando di bloccare il suo gioco in ogni occasione, ma per avere un avversario reattivo e realmente pericoloso è necessario giocare in modalità PRO. Una volta alzato il livello di difficoltà è caldamente sconsigliato ripetere due volte lo stesso schema o adottare tattiche prevedibili.

Lo spettacolo, il gioco

ESPN NFL 2K4 ha goduto della prima implementazione nella serie di numerose features legate al marchio ESPN, mirate a rendere l’esperienza di gioco più completa ed emozionante. Ma questo secondo capitolo, e si nota fin dalle prime battute con l’implementazione di statistiche accuratissime e telegiornali sportivi dettagliati, mira a ricreare l’ambiente del football in tutto e per tutto, ovviamente dal punto di vista ESPN. Interviste, brani musicali, telegiornali sportivi e, naturalmente, la telecronaca si amalgamano, creando un network sportivo da vivere e giocare. Torna la sala “ricreativa” ovvero lo spazio dove tenere trofei, oggetti segreti e che potremo arredare a piacimento comprando mobilia e decorazioni. Come nel capitolo precedente acquisiremo i punti per le nostre compere eguagliando o stabilendo record storici e compiendo azioni spettacolari sul campo di gioco. Progredendo nell'acquisto di oggetti più o meno utili si arriva a poter comprare persino giochi da bar come il celeberrimo tabellone per le freccette, troppo costoso ma alquianto sfizioso. Nel menu appare inoltre una modalità VIP (Virtual Identity Profile) che genera un profilo in grado di immagazzinare le nostre statistiche di gioco similarmente ad altri titoli sportivi, ma c’è una differenza sostanziale perché il VIP ci permette di sfidare, come allenatori, cinque personalità dello spettacolo che vanno dal re degli sport estremi Steve O a Carmen Electra. Inoltre il VIP può essere scambiato e confrontato sia attraverso memory card o, per chi possiede Xbox e collegamento Live, attraverso internet. Oltre alle modalità carriera, VIP ed evento singolo, nel menù compaiono le voci First Person Football e ESPN 25th Anniversary. Il First Person Shooter è un esperimento già tentato nel precedente capitolo che ci cala in prima persona nell'azione, condividendo l'angolo visuale con il giocatore che si trova al centro dell'azione. Purtroppo giocare nei panni di un singolo giocatore, su uno schermo piatto, anziché mostrare l’azione di gioco in modo più chiaro non permette di avere una visione di gioco completa e inficia pesantemente la giocabilità del titolo. La modalità ESPN 25th Anniversary, come indica il nome, permette al giocatore di vivere i momenti d’oro di 25 lunghi anni di football professionistico ed è una vera e propria manna dal cielo per gli appassionati di questo sport..

Modalità franchise

La modalità franchise, già contemplata dalla serie, non è altro che la modalità carriera. In veste di presidente di una squadra è possibile comprare allenatore e giocatori e gestirne accuratamente la carriera all’interno del proprio organico. Ma le novità inserite in questo capitolo rendono l’esperienza molto più accattivante per gli amanti della gestione totale. E’ ora possibile modificare i contratti dei giocatori in base al loro rendimento o metterli in attesa, e il mercato, durante i periodi di compravendita, reagisce in maniera verosimile. Le società povere si rivolgono a giocatori in declino o emergenti, mentre le società benestanti cercano di accaparrarsi atleti affermati o in ascesa e ogni squadra considera l'acquisto di giocatori in base alle proprie carenze tattiche.

forzare la mano può causare discontento o addirittura produrre effetti negativi sulla forma fisica dei giocatori.

Modalità franchise

Anche la sezione di allenamento della squadra è stata ampliata, permettendo allenamenti pianificati per giorno della settimana e, soprattutto, differenziati per ogni ruolo. E’ quindi possibile potenziare la spinta dei difensori e rafforzare le spalle dei quarterback al lunedì, invertire l’allenamento al martedì, concedere un giorno di pausa, determinare partite di allenamento infrasettimanali e stabilire un turno leggero di allenamento alla vigilia di una partita importante. Una pianificazione degli allenamenti adeguata garantisce giocatori motivati e in forma, mentre forzare la mano può causare discontento o addirittura produrre effetti negativi sulla forma fisica dei giocatori.

ESPN NFL 2K5 in movimento

ESPN NFL 2K5 mette in campo un comparto tecnico invidiabile. Se alcuni modelli sono al di sotto del Madden Football tagato EA, ci pensano le animazioni a non farlo rimpiangere nemmeno per un momento. Placcaggi, intercettazioni, lanci e cadute si susseguono senza incertezze raggiungendo una verosimiglianza e una fluidità mai viste prima. La versione PS2 presenta trascurabili incertezze nel frame rate e una definizione d’immagine leggermente inferiore. Dal punto di vista (o meglio d’udito) sonoro c’è poco da dire. Il commento è sufficientemente ricco e variegato, anche se non è raro sentire la medesima frase ripetersi più volte nello stesso match nel descrivere azioni simili. Non mancano spezzoni musicali dopo un touchdown, grida di dolore e tonfi sordi e le grida di pubblico e giocatori sono convincenti. La colonna sonora, pur rispondendo quasi interamente alla crescente moda rap, è sufficientemente nutrita e qualitativamente sufficiente. Su Xbox, grazie all’hard disk, è ovviamente possibile aggiungere brani e modificare la colonna sonora, cosi com’è possibile cambiare gli spezzoni che partono dopo un touchdown o dopo un evento particolare, facendo si che l'esaltazione del momento ci appartenga interamente.

ESPN NFL 2K5 non è solo un ottimo gioco di football, è uno spettacolo mediatico in grado di catturare un appassionato di questo sport per ore ed ore. Ma il titolo SEGA/Visual Concept non si limita a questo e rilancia con un sistema gestionale complesso, in grado di inserire il giocatore anche dietro le quinte del Football professionistico. Le piccole rifiniture nel gameplay e il miglioramento dell'intelligenza artificiale si sommano alla cura per le animazioni, immergendo il giocatore nell'esperienza ludica più vicina ad una vera partita di football.
Pro:

  • Animazioni eccezionali
  • Gestione completa della squadra
  • Uno spettacolo mediatico ricchissimo
  • Miglioramenti efficaci nel gameplay
Contro:
  • La modalità First Person Football non è all'altezza del titolo
  • Alcuni giocatori sono meno curati di altri

Il football Americano, sport mitico carico di tradizione statunitense, è sicuramente la disciplina più diretta e fisica che esista ma, per assurdo, nelle sue meccaniche incarna l’essenza stessa della strategia. Sul campo da football ogni squadra è uno schieramento e ogni azione è una battaglia che pretende un’accurata disposizione delle truppe, ma l’analogia più importante si cela nelle bianche linee orizzontali che tracciano il campo e che rappresentano il terreno da conquistare e tenere a qualsiasi costo. Il football è quindi un mix di attesa e scatto, di studio e adrenalina e se per molti le troppe pause sono un deterrente, per gli appassionati diventano momenti di tensione degni di uno spareggio ai rigori. Se molte scelte operate SEGA negli ultimi anni sono opinabili, tra queste non rientra sicuramente quella di trasformare il marchio SEGA Sports legandolo al marchio ESPN. La rete sportiva per antonomasia basa il proprio successo sulla spettacolarizzazione di discipline famose e meno famose e il football in particolare, con i suoi eroi e le sue battaglie, si sposa alla perfezione con la filosofia ESPN.