Resident Evil 5 Versus - Recensione  30

Dopo averci fatto scoprire le vicende di Chris e Sheva, è il momento di sfidarsi all'ultimo zombie online!

1.86 MB (ancora meno per la versione PlayStation 3) rappresentano la pietra dello scandalo del primo contenuto aggiuntivo di Resident Evil, per una Capcom abituata in passato ad elargire i propri utenti di una pletora di contenuti aggiuntivi sbloccabili, e che adesso sembra essersi piegata alle leggi del mercato, con una espansione, orientata al gioco online, che ha suscitato l'ira dei videogiocatori per non essere stata aggiunta direttamente all'interno del titolo, ma resa disponibile a distanza di circa un mese per la cifra di 400 Microsoft Points, quasi 5 euro.

In realtà l'esigua dimensione di questo aggiornamento è presto spiegata, Versus ripropone in chiave competitiva e con piccole modifiche la modalità denominata Mercenari, che si rende disponibile una volta portato a termine la campagna principale. In tal senso le mappe sono esattamente le stesse otto (Assemblea, Le Miniere, Villaggio, Antiche Rovine, Laboratori, Area Missili, Ponte Nave, Prigione), le opzioni di gioco sono denominate Assassini e Sopravvissuti, affrontabili in singolo (fino a quattro giocatori) o squadre di due.
Nella prima lo scopo è quello di guadagnare punti uccidendo il numero più elevato possibile di nemici infetti controllati dall'intelligenza artificiale, cercando di inanellare combo che permettono di aumentare a dismisura il punteggio. Ovviamente lo stesso faranno anche gli altri giocatori umani presenti in partita cercando di infierire verso gli altri, che perderanno punti preziosi se eliminati.
In modalità Sopravvissuti, invece, i nemici non danno alcun punteggio, ma sono comunque pronti a cogliervi alle spalle se troppo distratti dagli scontri contro gli altri giocatori, visto che lo scopo principale è proprio quello di eliminarli il maggior numero di volte possibile per aumentare il punteggio.
I premi per la vittoria si materializzano in alcuni punti, identici a quelli che si ottengono durante la campagna di gioco, i quali possono essere spesi nella sezione "Extra", ad esempio per sbloccare tutti e dieci i personaggi presenti nel Versus stesso, ovviamente presi a prestito dalla modalità storia. 
Si parte infatti con Chris e Sheva, con il primo in possesso della classica pistola e di fucile a canne mozze, mentre la seconda di un mitra, fino a sbloccare poi accessori e armi più diversificati.

Ma Come si gioca?

Possiamo definire questa sorta di multiplayer come "d'altri tempi", in virtù delle opzioni presenti e del suo ben noto sistema di controllo, dove non è possibile sparare e muoversi allo stesso tempo.
Addio quindi a movimenti laterali o combattimenti in corsa, benvenute situazioni in cui ci si trova faccia a faccia (per non dire a 20 cm di distanza) contro un avversario in una lotta a colpi di doppietta o pistola, per decretare il più veloce col grilletto oppure quello con più colpi in canna, salvo interruzioni da parte di nemici che si aggirano li attorno. L'altra strategia è invece quella del "mordi e fuggi", ovvero quella di trovare il personaggio, scagliargli contro qualche bomba o approfittare per colpirlo mentre si trova impegnato in un altro scontro a fuoco, per poi fuggire a gambe levate per tutta la mappa allo scopo di ricaricarsi e trovare qualche erba medicale.
Le mappe stesse, che rappresentano estratti del gioco in singolo, contengono alcuni barili e scrigni che permettono di acquisire nuove armi piuttosto che bombe di vario genere, danno la possibilità di muoversi su più livelli e sono abbastanza facili da memorizzare, dando quasi sempre vie di fuga in tutte le direzioni. Il risultato quindi è piuttosto divertente e atipico (il che è un bene di questi tempi), esilarante in alcuni punti per le situazioni di cui sopra, peccato però che gli incentivi siano pochi, e che tutta la componente sia ridotta all'osso in quanto a profondità e personalizzazione, venendo a mancare ad esempio la possibilità di modificare parametri basilari quali tempo di gioco piuttosto che il matchmaking o la presenza o meno della mappa, senza contare che alla fine di ogni partita si ritorna al menu principale senza la possibilità di poter giocare direttamente un'altra partita. Dulcis in fundo, non c'è alcuna penalità per la disconnessione, e più di una volta è capitato che il nostro avversario si fosse disconnesso a pochi secondi dalla fine mentre eravamo in vantaggio, con conseguente irritazione finale.

Commento

Resident Evil 5: Versus, aldilà delle critiche che possiamo rivolgere a Capcom per come è stato proposto agli utenti, prende una modalità in singolo e la butta in chiave multigiocatore, sfruttandone le caratteristiche salienti. Certo, in ottica assoluta 5 euro per questa espansione sono affrontabili per chi ha apprezzato il titolo, ma vanno sommati a quelli di un gioco che, per sua impostazione, è molto più valido nella campagna in singolo o cooperativa e che adesso timidamente mette il muso verso un multiplayer competitivo, interessante e atipico per certi versi, ma largamente incompleto e poco profondo.

Pro

  • Divertente nel breve periodo
  • Buone le mappe
Contro
  • Gameplay poco profondo
  • Opzioni ridotte all'osso

Xbox 360 - Obiettivi

Resident Evil 5 mette a disposizione i classici 200 punti aggiuntivi per un espansione, alcuni facilmente raggiungibili come i 40.000 punti in modalità Sopravvissuti, altri un po' più impegnativi come le 30 vittorie in Assassini. Ad ogni modo con poche ore di gioco dovrebbe essere possibile riuscire a sbloccarli tutti.