Che ne dite di una bella partita a Tennis, magari come Roland Garros? Torna l'edizione 2001 di uno dei migliori giochi di tennis in circolazione, firmato dalla francese Cryo.

Roland Garros 2001 Roland Garros 2001

Grafica e sonoro

La grafica di RG 2001 non fa di certo gridare al miracolo, ma neanche storcere il naso.
Le animazioni sono state catturate con il motion capture e risultano molto realistiche, anche se il passaggio tra un animazione all’altra risulta un po’ legnosa e manca di fluidità.
Altre piccola nota stonata è rappresentata dalle ombre, che non sono realizzate in modo corretto, c’è anche da dire che questo potrebbe essere un problema di driver della mia scheda video (di questi tempi trovare dei driver che funzionino alla perfezione con tutti i giochi è una vera impresa).
La prospettiva in 3D ci fornisce numerose visuali, anche se poi quelle a campo intero sono le più utili. Il campo di gioco è esente da critiche e sfoggia una texture del terreno molto appariscente e realistica, anche la struttura dello stadio non sfigura. Ah non vi o detto che a dispetto del titolo, in RG 2001 vi sarà la possibilità di giocare su tutti e 4 gli impianti protagonisti del Grande Slam. Ho parlato di impianti e non di campi a proposito, dato che oltre ai “centrali” sono presenti anche i campi più piccoli.
Il pubblico è realizzato in 2D e le animazioni non sono le migliori che abbia visto, inoltre c’è da sottolineare un comportamento alquanto singolare. Se un giocatore sbaglia e butta la palla in rete, il pubblico fischia, nello stesso modo di una decisione arbitrale di out ambigua. Il sonoro è realizzato seguendo standard più elevati, con la campionatura delle voci degli arbitri internazionali più famosi. Anche i colpi e gli altri effetti ambientali sono resi in maniera egregia.

Roland Garros 2001 Roland Garros 2001

La potenza è nulla senza controllo

Prendendo a prestito lo slogan di una nota pubblicità, andiamo ad analizzare uno degli aspetti fondamentali di RG 2001: il sistema di controllo.
Intanto vi ricordo che ogni giocatore/giocatrice (non dimentichiamoci del gentil sesso) ha delle caratteristiche ben precise che sono: il dritto, il rovescio, la battuta, il gioco di volo e la velocità.
Queste caratteristiche non si possono variare e soprattutto non progrediscono. Scelto il nostro giocatore, siamo chiamati ad una scelta complicatissima: la racchetta! Peso, rigidità, corde, materiali? No solo la forma del cursore!
Tutto qui, quindi siamo pronti a scendere in campo (ogni riferimento a situazioni politiche e puramente casuale!) ed affrontare un avversario, in un incontro singolo, in un doppio o partecipare ad un intero torneo. In quest’ultimo caso le nostre vittorie saranno ricompensate con la disponibilità di nuovi giocatori, nuovi campi ed altri bonus.
Tutto qui.
Dicevamo del sistema di controllo. Sono presenti due tasti, uno per i colpi tagliati e l’altro per quelli in top. La combinazione di pressione e movimento del controller (è vivamente consigliato un joypad dotato di leva analogica), oltre alla velocità iniziale ed al tempo che abbiamo a disposizione per compiere il colpo, genererà il nostro tiro.
Le prime volte ci si troverà un po’ in difficoltà, ma poi si acquista un’ottima padronanza e si riescono ad eseguire colpi sempre più precisi e forti, e dopo un altro po’ ci si rende conto di subissare la CPU di colpi! Se poi le cose diventano troppo semplici, possiamo sempre inibire la vista del puntatore.

IA? Hmm no grazie!

Una delle caratteristiche che devono essere meglio sviluppate in un gioco del Tennis riguarda la IA degli avversari.
Realizzare un giocatore virtuale che giochi a Tennis è un impresa molto più difficile di quanto si pensi. Non solo deve giocare bene, ma deve comportarsi (errori compresi) in maniera del tutto realistica, senza contare che deve essere capace di cambiare la tattica di gioco durante l’incontro (lasciamo stare gli aspetti psicologici del gioco del Tennis di cui i nostri portabandiera sono tristemente affetti). Beh in questo caso siamo in presenza di una discreta IA che fa onestamente il suo lavoro, ma niente di più.
All’inizio vincere un match costituirà una vera impresa, ma più per via del sistema di controllo che per una reale bravura del nostro avversario.
Già e qui esce fuori una delle problematiche storiche dei giochi di Tennis: i colpi vincenti. Se si riesce a trovare “il modo” di fare degli scambi vincenti, il gioco diverrà monotono e ripetitivo e a quel punto l’impresa consisterà nel perderla la partita! Ed ecco che la naturale predisposizione di Roland Garros 2001 esce fuori. Il gioco con avversari umani, che in questo caso può vedere affrontarsi fino a quattro giocatori in una bella partita in doppio.
In questo caso il divertimento è assicurato e le partite acquistano un qualità ed un’intensità notevole.
Purtroppo si deve anche segnalare l’assoluta mancanza del gioco in rete, sia con standard TCP/IP che il semplice Direct Link.

Roland Garros 2001 Roland Garros 2001

Roland Garros 2001 vs ???

Per giudicare un titolo lo si deve analizzare in maniera oggettiva, ma lo si deve anche confrontare con i concorrenti. Bene. Allora la domanda che mi pongo è: Qual è il miglior gioco di Tennis disponibile al momento?
Se dovessimo considerare tutte i sistemi, la risposta sarebbe Virtua Tennis su Dreamcast, ma in campo PC, probabilmente non otterrei delle risposte omogenee.
Bene, allora vi rispondo io in maniera volutamente provocatoria. Il miglior gioco di tennis fruibile su PC è Final Match Tennis per l’emulatore PC-Engine (una vecchia console a 16 bit, molto diffusa in Giappone). Cosa !?!?! Un giochetto su un emulatore? Beh sembra strano ma è così e chi ci ha giocato non potrà che convenire con me che la giocabilità di questo titolo è assolutamente perfetta (non nego che ogni tanto mi faccio delle lunghe partite con i miei amici). Ma come è possibile confrontare un gioco pubblicato nel 2001 con un giochino di pochi K di qualche anno fa (secoli in campo informatico e videoludico)?
Beh, in effetti no,non si possono confrontare e questo semplicemente perché Final Match Tennis e Roland Garros 2001, anche se sono due giochi sul Tennis, sono due prodotti totalmente diversi.
E qui mi ricollego al discorso fatto prima. Le modifiche subite nel coso degli anni da questo tipi di giochi li ha trasformato in qualcosa ti talmente diverso (parlo sempre del gameplay) che non li rende più parenti dei primi titoli. Ora il discorso sta nel capire se erano più divertenti i primi o i secondi. Ad ognuno di voi spetta la risposta.

Roland Garros 2001 Roland Garros 2001

Point, Set and Match.

Come avrete capito, Roland Garros 2001 è un gioco divertente, l’ideale per passare delle spensierate serate insieme ad amici organizzando qualche torneo e magari scommettere le birre della serata.
D’altronde una certa semplicità nel concept e nella realizzazione si pagano in termini di interesse e longevità, soprattutto nel SinglePlayer. Prima di concludere vi ricordo che insieme al gioco viene fornita una valida enciclopedia del Tennis in cui si può misurare la propria conoscenza sull’argomento attraverso dei Test.

Un gioco di Tennis? Un gioco di Tennis!!

Ci sono dei generi videoludici che non trovano più molto spazio all’interno dei nostri cari PC e tra questi si possono annoverare i giochi di Tennis, eppure ricordo con immenso piacere le mitiche partite tra amici a Match Point per C64, che insieme a International Soccer monopolizzavano i nostri pomeriggi da videogiocatori.
Ma cosa è successo? Come mai questi giochi sembrano essere tramontati, dopo che sono stati per parecchio tempo sulla cresta dell’onda? Beh iniziamo a capire cosa rendeva il Tennis così divertente: la fortuna di questi giochi era in gran parte dovuta alla grande semplicità nell’imparare i comandi e alla grande giocabilità che ne derivava, inoltre era uno dei migliori giochi da giocare in compagnia. Insomma un vero must del Multiplayer!
Con il naturale aumento della potenza dell’hardware, il gioco ha subito notevoli cambiamenti sotto vari punti di vista, tra cui il passaggio alla 3th dimensione e le animazioni figlie del capture motion, ma il gameplay (a parte qualche isolato caso) non si è mai discostato dal concept iniziale. E’ questo non è stato un bene, anche se c’è da dire che è difficile immaginare qualcosa di diverso e innovativo in questo genere. Inoltre la naturale predisposizione del gioco ad essere giocato a più giocatori sulla stessa macchina, ha ancor di più, allontanato il Tennis dal PC. E difatti troviamo una gran numero di titoli per console, che è la macchina di elezione per questo tipo di situazioni. Insomma il gioco del Tennis su PC ha detto tutto (o quasi), ma ogni qual volta che esce un nuovo titolo, non nego che la curiosità di giocarvi cresce in me.
Bene! Allora quale migliore occasione dell’uscita del nuovo capitolo di Roland Garros 2001 di Cryo? Ok mettiamoci le nostre care scarpe da Tennis ed incamminiamoci dentro il Tunnel che ci porta dentro al favoloso campo centrale del Roland Garros.

TI POTREBBE INTERESSARE