Sexy Tower QuestSexy Tower Quest 

Se la speranza di qualsiasi specie è affidata alla riproduzione, il pianeta di (ehm) Vulvax 13 si trova in grossi guai: le donne hanno improvvisamente perso il desiderio di accoppiarsi, e la faccenda può essere risolta solo con l'aiuto di cinque principesse venusiane. Trovarle non sarà semplice, perché ognuna di esse è prigioniera di una altissima torre piena di trappole e circondata da creature ostili...

1987: Triffix Entertainment sviluppa per U.S. Gold un platform originale e innovativo, che viene convertito per tutti gli home computer dell'epoca (Commodore 64, ZX Spectrum, Atari ST, ecc.): Nebulus. Il gioco ci vede controllare una specie di ranocchio verde chiamato Pogo, che si trova a dover distruggere otto torri spuntate dalle acque marine. Per riuscire in questa impresa, il personaggio dovrà scalare queste torri percorrendo le piattaforme intorno a esse, evitando le numerose trappole ed eliminando tutti i nemici presenti. La particolarità di questo titolo sta nel concetto di base, visto che di fatto non è Pogo a muoversi, ma l'ambiente che lo circonda: la torre ruota a sinistra o a destra, a seconda dei nostri movimenti, utilizzando un effetto grafico davvero sorprendente. Quasi dieci anni dopo, nel 1995, il team Traveller's Tales realizza per Mega Drive e Super NES un platform per celebrare la carriera del topo più famoso del mondo: Mickey Mania. Il titolo si impone per grafica e giocabilità, e nel suo stage più spettacolare cita appunto Nebulus, con Topolino che deve scalare una torre il più rapidamente possibile mentre dal basso salgono delle fiamme.

Dunque, cosa c'entrano questi due classici con la nuova produzione targata Twistbox Games? È semplice: Sexy Tower Quest riprende la stessa meccanica di Nebulus, ovvero ci mette nei panni di un personaggio che deve scalare cinque torri fino alla loro sommità per liberare delle principesse venusiane. Durante il tragitto, troveremo numerosi nemici di varia natura nonché trappole più o meno pericolose: piattaforme che crollano, rulli che tirano a destra o sinistra, ecc. Il sistema di controllo del gioco è estremamente semplice, con il d-pad deputato al movimento e al salto (azionabile anche tramite i tasti 1 e 3, per una maggiore precisione), e il tasto 5 per sparare con la pistola laser. Le torri da scalare sono in tutto cinque, ognuna dotata di un'ambientazione differente e un livello di difficoltà che cresce man mano e che può essere ulteriormente aumentato una volta completati tutti i livelli. Al termine di ogni stage vedremo la torre collassare su sé stessa e acquisiremo l'immagine "sexy" della principessa che abbiamo liberato. Ecco, in tal senso c'è da aprire una doverosa parentesi: aggiungere il prefisso "Sexy" al titolo di questo gioco appare come una mossa controversa, in quanto non ci troviamo certamente di fronte a una produzione a sfondo erotico e le stesse immagini delle principesse risultano oltremodo caste.

Passando a un discorso prettamente tecnico, è chiaro che il grosso del comparto grafico è rappresentato dall'ottimo effetto di rotazione della torre, che si muove fluida e senza incertezze. Il resto, a onor del vero, lascia un po' a desiderare: il design dei personaggi, tallone d'Achille un po' di tutte le produzioni Twistbox Games, è tutt'altro che eccezionale, mentre le animazioni sono di discreta fattura e i nemici abbastanza numerosi e vari. Le location sono state differenziate soprattutto in base ai colori, ma gli accostamenti cromatici molto spesso lasciano a desiderare. Per quanto concerne il sonoro, abbiamo alcune musiche MIDI con qualche spunto interessante ma a lungo andare noiose. I controlli rispondono agli input con sufficiente velocità e precisione.

Clicca per votare!
S.V.

Redazione

S.V.

Lettori

Non basta clonare un classico come Nebulus per ottenere un prodotto di qualità, e Sexy Tower Quest dimostra questo assunto ampiamente. In primo luogo, il titolo di Twistbox Games è tutt'altro che "sexy": le uniche ragazze che vedremo sono disegnate (neanche tanto bene) e molto più vestite di quanto sia possibile vedere ormai in un qualsiasi spot televisivo di bagnoschiuma. In secondo luogo, il gameplay è davvero troppo limitato e semplice per appassionare il giocatore: i primi due o tre stage si completano praticamente senza alcun problema, mentre quelli successivi attuano delle misure ridicole e frustranti per renderci la vita più complicata. Liberare tutte e cinque le principesse, infine, diventa una questione di pochi minuti. Se a questo aggiungiamo che la realizzazione tecnica, rotazione delle torri a parte, è tutt'altro che straordinaria, avremo ben chiaro il quadro della situazione. Di platform validi per cellulare ce ne sono diversi, dopotutto...

Tommaso Pugliese

Pro

Contro

Pro

  • Bello l'effetto di rotazione delle torri
  • Semplice e immediato

Contro

  • Troppo facile e limitato
  • Realizzazione tecnica mediocre
  • Tutt'altro che "sexy"

TI POTREBBE INTERESSARE