Sonic Mega Collection Plus : Recensione  0

La velocissima mascotte di SEGA torna ancora una volta. Dalla sua prima incarnazione a 16bit, scopriamo quantra strada ha fatto attraverso questa bella collezione di classici!

Un gustoso retrogame

Si definisce retrogaming quella pratica che ci vede giocare con titoli di passata generazione, tecnicamente ormai vetusti, stravisti, stragiocati ma sempre presenti nei nostri cuori di appassionati. Qualcuno pensa forse che i giochi di una volta abbiano conservato una certa "magia", un certo feeling che i videogame moderni raramente riescono a dare al giorno d'oggi. "Si stava meglio quando si stava peggio", dicono alcuni, e sicuramente questo Sonic Mega Collection Plus potebbe farvi tornare molto alla mente. La pratica del retrogame diventa così frequente tra i giocatori di vecchia data, spesso romantici e sognatori. Sicuramente tra tutti quelli che hanno conservato una parte fanciullesca e spensierata che li porta a guardare maggiormente alla sostanza che all'apparenza. Ovviamente al giorno d'oggi i vecchi Sonic ad 8 e 16 bit non possono più impressionare un occhio giovane.

..Qualcuno pensa forse che i giochi di una volta abbiano conservato una certa "magia", un certo feeling che i videogames moderni raramente riescono a dare al giorno d'oggi

Un gustoso retrogame

Possono forse commuovere o emozionare chi quei giochi li ha vissuti in prima persona all'epoca della loro prima uscita. Per questo valutare in sede di recensione un'insieme così eterogeneo di titoli in modo oggettivo è praticamente impossibile senza tener conto di chi poi effettivamente ne usufruisce. Nonostante siano trascorsi più di dieci anni, i primi Sonic per Megadrive, riproposti oggi, risultano estemamente freschi, colorati e veloci, come da buona tradizione la saga di Sonic ci insegna. Le differenze tra la versione PlayStation2 ed Xbox non sussistono, praticamente impossibile distinguere l'una dall'altra, risultano identiche sia nell'aspetto sia nei contenuti ludici ed extraludici. Qualcuno potrebbe poi notare che, a parte il recente "Heroes", si tratta della prima apparizione ufficiale di Sonic, con una sua avventura, su una console Sony e Microsoft. E chi mai l'avrebbe detto, qualche anno fa.

La lista completa dei giochi

  • Sonic The Hedgehog (Sega Megadrive)
  • Sonic The Hedgehog 2 (Sega Megadrive)
  • Sonic The Hedgehog 3 (Sega Megadrive)
  • Sonic & Knuckles (Sega Megadrive)
  • Sonic 3D Blast (Sega Genesis, Saturn)
  • Sonic The Hedgehog Spinball (Sega Megadrive)
  • Dr. Robotnik's Mean Bean Machine (Sega Megadrive)
  • Sonic & Knuckles lock-on: Sonic The Hedgehog 2
  • Sonic & Knuckles lock-on: Sonic The Hedgehog 3
  • Sonic & Knuckles lock-on: Blue Spheres
  • The Ooze (Sega Megadrive)
  • Comix Zone (Sega Megadrive)
  • Flicky (Sega Megadrive)
  • Ristar (Sega Megadrive)
  • Sonic the Hedgehog (Game Gear)
  • Sonic Chaos (Game Gear)
  • Sonic Drift (Game Gear)
  • Sonic Labyrinth (Game Gear)
  • Dr. Robotnik's Mean Bean Machine (Game Gear)
  • Sonic Blast (Game Gear)

Un gran bel pezzo da museo

Considerato che le versioni di Sonic per GameGear erano state studiate per essere visualizzate su un piccolo schermo largo pochi centimentri, la resa a video su un televisore moderno non poteva non essere che mediocre. Gli sprite, disegnati all'epoca, oggi appaiono sgranati su un teleschermo piatto a 29 pollici, e non poteva essere altrimenti. I colori inoltre risultano leggermente appannati e scoloriti. Nonostante ciò, la situazione poteva risultare sicuramente più drammatica. In realtà tutti i Sonic si lasciano giocare con piacere. Sopratutto quelli del Sega Megadrive, che risultano in tutto e per tutto identici agli originali. Velocità di scrolling, colori e sprites risultano inalterati dall'emulazione.

..i motivetti di Sonic rimangono dentro e chi se li ricorda ancora, ovvero chiunque ci avesse già giocato, non può che goderne ad ogni ascolto

Un gran bel pezzo da museo

Il comparto audio, all'epoca di prim'ordine, risulta oggi un pò troppo "gracchiante" e semplice. Ma i motivetti di Sonic rimangono dentro e chi se li ricorda ancora, ovvero chiunque ci avesse già giocato, non può che goderne ad ogni ascolto, a prescindere dalla qualità audio. I nuovi comandi dei pad Xbox e PlayStation2 si comportano molto bene, sopratutto il dualshock di quest'ultimo. La sua croce direzionale, posizionata in un punto più comodo rispetto a quella di Xbox, pare più appropriata per usufruire di titoli in due dimensioni.

Questione di feeling

Il gameplay di Sonic è oggigiorno universalmente riconosciuto e conosciuto da chi i videogames li segue un minimo. Scrolling velocissimo, azione serrata ed un level design curatissimo sono il piatto forte della mascotte blu di casa SEGA. Grafica colorata e accattivante gli ingredienti. Musiche orecchiabili e leggendarie il contorno sugoso. Come già accennato prima, il giudizio per un titolo così "anziano" (portiamo rispetto a Sonic) è incredibilmente soggettivo. Un must-have per tutti gli appassionati SEGA, per i nostalgici, per i collezionisti o per chi semplicemente ha voglia di rigiocarsi tutti i capitoli di Sonic in serie o se n'era perso qualcuno per strada. Per chi non l'avesse mai giocato, sicuramente una raccolta che sopperisce alla grave mancanza in modo definitivo, ma le nuove generazioni potrebbero non gradire la grafica bidimensionale e l'apetto tecnico ormai vetusto di questi giochi. Per questo il "feeling", il sentimento che si prova per i videogames in generale o per Sonic in particolare, dovrebbe far decidere ognuno sull'eventuale acquisto. Anche il voto finale, quindi, terrà conto di una sommaria media tra un valore altissimo, vicino al capolavoro, e l'inflazione che Sonic oggigiorno ha su macchine a 128bit.

Commento

Sonic Mega Collection Plus è un una bellissima foto del passato. Un passato per alcuni mai dimenticato, per altri mai conosciuto. Per tutti vale comunque la pena di (ri)vivere certe bellissime emozioni che solo un platform "alla Sonic" può regalare. Frenetico, pazzoide, colorato e bellissimo, oggi guardiamo Sonic con un sentimento a metà strada tra la nostalgia e lo stupore nel ricordarsi quello che un Megadrive (ed un GameGear) poteva offrire così tanti anni fa. Acquisto caldo per tutti noi appassionati di "mamma" SEGA, per chi si fosse perso solo un capitolo della lunga saga o per chi vuole, in un unico comodissimo disco, accedere ad un qualsiasi gioco di Sonic.

    Pro
  • gameplay sempre fresco e divertente
  • raccolta definitiva su Sonic
  • ci vorrà del tempo per finirli tutti
    Contro
  • tecnicamente datato
  • inutile per chi già li possiede

Ed eccolo tornare ancora una volta sui nostri teleschermi. Il porcospino più veloce del mondo lo fa con una delle raccolte più ghiotte e complete mai apparse su console. Tutti i suoi più illustri capitoli, dagli 8bit del SEGA GameGear ai 16 del Megadrive, raccolti in un unico disco. Togliendo solo gli ultimi capitoli in 3D, usciti anni or sono per Dreamcast e recentemente su GameCube, siamo di fronte ad una lista praticamente completa dell'universo videoludico di Sonic. Il "Plus" inserito a fine titolo è ampiamente giustificato. Rispetto alla prima Collection uscita sul 128bit Nintendo sono stati inseriti molti altri giochi, e stavolta la raccolta può considerarsi veramente "definitiva" per gli appassionati di questo famosissimo platform anni '90. Andiamo ad ispezionare nello specifico questo "Sonic Mega Collection Plus", in uscita per Xbox e PlayStation2 in queste settimane.