The OCThe OC 

"The O.C.", meglio conosciuto come Orange County e viceversa, amato-odiato telefilm adolescenziale californiano, lo riconosci a primo acchitto dal ritornello che ne accompagna ogni passaggio pubblicitario e che ci dà il benvenuto anche nel gioco su cellulare, il pretesto è quello di una singola puntata in cui, tanto per cambiare, Ryan riesce a infilarsi nei guai alla grande e in qualche maniera dovrà cavarsene fuori e nei panni suoi o dei suoi amici starà a voi rimediare.

L'engine di fondo è grossomodo lo stesso già visto in Miami Nights: Singles in the City (ma senza i passaggi di effusioni) quindi alla Sims, scegliete il vostro paladino o eroina e vi spostate da un angolo all'altro di Newport facendo favori a quegli scrocconi dei vostri amici sotto forma di missioni in linea col leit-motiv dell'episodio tentando di bilanciare i valori di Bellezza, Maturità, Intelligenza e Stile (per tacere del Denaro) su cui vi giudicherà la vostra degna combriccola, composta da Marissa, Summer, Seth, Kirsten, Sandy, Julie, tutti arcinoti ai loro fan e che quindi non mi dilungherò a ripresentare individualmente.

I favori di cui sopra finiranno annotati nella vostra agenda con tanto di data, luogo, bellimbusto coinvolto di turno e oggetto dell'aiuto, sia ben chiaro che essi saranno utili ai fini del completamento del gioco ma ben distinti dagli Obiettivi, segnati a parte ed indispensabili per il prosieguo verso il gran finale, in questa bailamme di compiti si schiera a vostro favore la possibilità di rintracciare via cellulare i vostri compagni per sapere dove siano in quel dato momento, ultima ma stavolta davvero meno importante è la funzione di inventario dove immagazzinerete gli oggetti che acquisterete da Julie (io il gioco l'ho finito e non me ne è servito neanche mezzo, soldi buttati!).

Non mancano come in molte altre produzioni Gameloft i minigiochi, in questa occasione di qualità superiore alla media cui ci aveva abituato, tra l'altro selezionabili individualmente dal menù principale e rigiocabili a parte: Guidare (clone di Spy Hunter e Monaco GP), Parlare (slalom tra gli smile, più facile a vedersi che a spiegarlo), Cucinare (raccogliente gli ingredienti giusti che cadono dall'alto) Comet Command! (adattamento dignitosamente fedele di Asteroids), Punching Bag (memorizza sequenze numeriche), Karaoke (punzona delle note verdi!). La sezione di guida e sopratutto il remake di Asteroids sono particolarmente ben fatti e degni di essere rigiocati a parte.

Clicca per votare!
S.V.

Redazione

S.V.

Lettori

The O.C. è un adattamento della serie tv che gronda di sarcasmo e mantiene molto dello spirito originale poggiando su un engine collaudato e senza rischiare di innovarsi più di tanto (come invece hanno fatto, a torto o a ragione, in Desperate Housewives), definirlo un The Sims in piccolo coi personaggi del telefilm non sarebbe poi tanto sbagliato.

La Redazione
 

Pro

Contro

Pro

  • Sarcasmo da tutti i pori
  • I minigiochi ispirati ad Asteroids e Spy Hunter sono un valore aggiunto

Contro

  • Non troppo innovativo

TI POTREBBE INTERESSARE