Thrustmaster 360modena Raching Wheel  0

Altro giro, altra periferica Thrustmaster di buona qualità costruttiva. Questa volta lo sponsor chiamato in causa è la nostra amata- odiata Ferrari con la 360 Modena ed il suo cavallino rampante che fanno bella mostra di se. Questo volante presenta piacevoli scelte estetiche e la presenza di "funzioni ed accessori" molto utili. Anche questo articolo è corredato da foto comparative esclusive ed un piccolo video per saggiare con mano alcune caratteristiche.

Packaging

Il Look & Feeling che il packaging trasmette al potenziale acquirente è fantastico... un cubo nero e verde (mm mi ricorda qualcosa heheh), lo stesso volante con foto d'effetto, la foto di una fantomatica Ferrari Modena 360 sfocata per l'occasione (altrimenti che effetto velocità avremo? ;P) e tanti loghi ufficiali ordinatamente disposti intorno alla scatola; il tutto corredato di una bella maniglia per agevolarne il trasporto.
Su due lati trovano posto tutte le caratteristiche principali, elencate in 9 lingue (naturalmente c'è l'italiano), corredate da foto esplicative; una su tutte vale la pena citare... quella dove si raffronta il volante Thrustmaster con l'originale della vera Ferrari 360 Modena... davvero ben riprodotto (ad esclusione dei materiali utilizzati naturalmente)
All'interno della scatola troviamo ben dislocati, tra due cartoni per imballo, il blocco volante, la pedaliera, la morsa per il tavolo e il supporto per le gambe.
A completare il "cubetto", un depliant esplicativo multilingua, dove viene spiegato il funzionamento delle varie funzioni "avanzate" e del montaggio stesso del volante con i vari supporti.

[***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***][***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***]

Costruzione...

Come avrete intuito dal primo paragrafo, questo prodotto si presenta davvero bene, e non solo a livello estetico... prendendolo tra le mani il senso di solidità e robustezza è buono.
Al primo "tocco", notiamo la forma ergonomica del volante (e vorrei vedere se quello della 360 Modena fosse scomodo ;P), ben due sistemi a farfalla dietro al blocco sterzo, una buona disposizione dei tasti che possiamo parzialmente cambiare con la funzione "programmable".
Ogni farfalla è divisa in due sezioni, una superiore con switch per cambiare marcia (farfalla sinistra per scalare la marcia, farfalla destra per salire di marcia), ed una inferiore con sistema analogico per dosare l'acceleratore ed il freno. Questo sistema si rivela ottimo qualora non si desideri utilizzare la pedaliera, magari per problemi di spazio o semplicemente perchè la troviamo scomoda; avrei preferito che questo sistema fosse stato realizzato almeno con un'anima di "metallo" piuttosto che di sola plastica, ma in questo caso il prezzo sarebe sicuramente lievitato...

[***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***][***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***]

Costruzione...

La disposizione generale dei tasti è abbastanza buona, soprattutto se non dobbiamo usarli frequentemente, magari mentre stiamo eseguendo un'impegnativa derapata in controsterzo... in casi troppo movimentati rischieremo di perderci i tasti A e X che risultano un pò troppo bassi, ed almeno nel mio caso, richiedono un movimento "innaturale" dei pollici. Se proviamo ad impugnare il volante, per utilizzare efficacemente il sistema a farfalla, dobbiamo necessariamente tenere le mani al centro del volante... i tasti B e Y sono leggermente bassi per i nostri pollici... figuriamo ci A e X che sono ancora + in basso! Per premerli, almeno io, devo allargare leggermente i palmi delle mani, diminuendo la stabilità della presa, e inarcare verso il basso i pollici... insomma non proprio un gesto "naturale".
Per fortuna possiamo sempre contare sulla funzione "programmable".
Questa mirabolante funzione, già introdotta nel gamepad Firestorm di Thrustmaster, acquista una maggiore importanza in questo frangente, permettendoci di "spostare" su pulsanti (ma anche sul D-pad o sulle farfalle) facilmente raggiungibili, funzioni attribuite a tasti un pò scomodi e fuori "mano". Il suo funzionamento è molto semplice, premiamo una volta il tasto "Pro", poi il tasto che vogliamo "spostare" ed infine il tasto a cui assegnare la nuova "ubicazione"... una specie di copia incolla della funzione scelta. Ad esempio se volessimo assegnare la funzione del tasto A sul tasto B, dovremo premere prima il tasto "Pro", in seguito il tasto A e per finire il tasto B... semplice non trovate?
Anche in questa periferica, come nel sopraccitato pad, mancano del tutto gli inserti in gomma, quindi il problema sudore è ivi riproposto, seppur in forma meno pesante, vista la maggiore rugosità del volante rispesto al pad.

[***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***][***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***]

Costruzione...

Oltre ai soliti bottoni standard, trovano spazio altri due tasti funzione, entrambi di color grigio; quest'ultimo sono dislocati subito sotto i tasti "White" e "Black". Il primo tasto funzione (quello sotto a "White" per intenderci) ci permette di regolare la sensibilità dello sterzo, mentre il secondo (sotto a "Black", of course) l'intensità degli effetti di vibrazione. Entrambe le regolazione presentano "solo tre livelli di aggiustamento", ma ne parlerò in modo più approfondito nel prossimo paragrafo in merito al "comportamento su strada".
Un'altro punto a favore di questo volante risiede nei due sistemi di bloccaggio disponibili; possiamo scegliere di utilizzare il classico sistema a morsa per fissaggio su tavolo o scrivania, oppure un sistema ad "ali" appositamente studiato per utilizzare il volante sopra le nostre gambe in maniera comoda e stabile.
Entrambi i sistemi adottati funzionano a dovere, rendendo, soprattuto nel caso della morsa, il volante davvero stabile e piacevole da utilizzare.

...& Prove su Strada

Ed eccoci arrivati alla parte più importante... come si comporta il nostro nuovo fiammante Thrustmaster 360 Modena Racing Wheel?
Per assicurarmi una valida "idea" del suo comportamento, ho utilizzato tre titoli molto caratteristici: Project Gotham, Rallisport Challenge e Wreckless.
Come ben saprete sono titoli dall'impostazione diversa, PG richiede una certa precisione nella guida (diciamo anche "certosina" :P), Wreckless è un tipico arcade, molto permissivo in quanto a pulizia di guida ;); mentre RCS potremo collocarlo circa a metà tra questi due titoli, anche se richiede comunque un certo tempismo e molta attenzione ;).

[***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***][***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***]

...& Prove su Strada

Nel precedente paragrafo dicevo che tre livelli di sensibilità e d'intensità delle vibrazioni sono pochi, questo perchè essi non sono sufficienti a soddisfare le nostre necessità, variabili da gioco a gioco.
Sicuramente la cosa più importante è impostare fin da subito il massimo livello di sensibilità, dato che al livello medio la "zona morta" risulta di circa 30° per lato! Contando che la rotazione massima è di 90° per lato, la sensibilità già a livello medio risulta fin troppo bassa, rendendo di fatto ingiocabile PG e RSC, ma ancora accettabile Wreckless.
Impostando invece la sensibilità sul livello massimo, le cose migliorano decisamente: il volante risponde in maniera più rapida e lineare alle nostre "sterzate", rendendo molto appagante l'esperienza di gioco anche con Project Gotham, sicuramente il titolo dalle maggiori richieste.
Discorso analogo possiamo farlo anche per quanto concerne l'intensità dei 2 motori "vibratori" montati su questo prodotto, dato che riscontriamo una grande differenza comportamentale per i tre titoli usati per questo test. Anche qui troviamo tre livelli: completamente assente, metà forza e intensità completa (o masima).
In Wreckless sono completamente assenti effetti di Feedback, in PG questo sistema sembra ben rispondere alle sollecitazioni della strada, possiamo avvertire i cordoli sotto le nostre ruote e i tamponamenti con intensità diverse.

[***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***][***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***]

...& Prove su Strada

Dove la carenza di una regolazione più graduale delle vibrazioni si fà davvero sentire è in RCS; in questo titolo il rollio di fondo, seppure realisticamente presente, è fastidioso anche a livello più basso (che poi equivarrebbe alla metà della forza massima). Anche la riproduzione stessa degli urti e dei sussulti non sembra molto precisa e convincente: a volte tirando colpi che, almeno visivamente, non sembrano dovevano esserci, altre volte non trasmettendo al meglio particolari momenti "incidentati".
Un problema, non determinante, ma comunque fastidioso, è il "tremolio" da cui lo sterzo sembra essere affetto quando fissato saldamente al tavolo. In pratica possiamo scuoterlo leggermente nella sua sede, se cerchiamo di muoverlo con gesti perpendicolari al piano di rotazione (o se preferite paralleli all'asse su cui ruota il volante)... ripeto nulla che possa compromettere la precisione di questo volante per fortuna.

[***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***]

Conclusioni

Tutto sommato devo dire di essere rimasto abbastanza soddisfatto di questo prodotto, che se ben configurato sa regalare grandi sensazioni e tante soddisfazioni, soprattutto con titoli come RSC e PG, dove l'impegno e l'adrenalina aumentano, curva dopo curva, assicurandoci momenti irripetibili.
Forse abbiamo fra le mani il miglior volante fino ad ora disponibile per XBOX.
Se volete migliorare questo, già di per se ottimo, prodotto potete leggervi questo articolo dove spiego cosa utilizzare per migliorare la presa sulle vostre periferiche:
Articolo

PRO:
* Molto Robusto e stabile
* Bel Design, utilizza le forme del vero volante montato sulle Ferrari 360 Modena;
* Doppio Sistema a farfalla, che permette di utilizzare il volante anche senza la pedaliera;
* Possibilità di essere usato stabilmente anche sulle gambe (con apposita base in dotazione);
* Buon rapporto prezzo-prestazioni (69€ circa);

CONTRO:
* Sistema di calibrazione della sensibilità del volante e dell'intensità delle vibrazioni, troppo limitato;
* Totale assenza delle coperture in gomma almeno nelle zone "calde";
* Alcune parti avrebbero potuto essere realizzate in metalo per assicurare maggiore durata
* Effetto vibrazione non sempre convincente

[***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***][***dati incompleti: scheda gioco o num immagine mancante***]