Warhammer: Battle MarchWarhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione 

Arriva finalmente per PC e Xbox 360, il nuovo episodio della saga fantasy di Warhammer, pronto a immergerci tra violente battaglie ed eroi potentissimi.

E' passato oramai un anno dall'arrivo di Warhammer: Mark of Chaos, strategico in tempo reale ambientato nel bellicoso universo di Games Workshop. Il titolo si è saputo ritagliare una certa schiera di ammiratori grazie al carisma dell'ambientazione in tutto il suo splendore, e a un interessante gameplay. Battle March è la prima espansione per lo strategico di Namco, che arriva adesso anche per Xbox 360, includendo anche il gioco base (indispensabile per la versione PC). Gli eventi narrati in questo episodio vedono gli umani oramai alle strette contro le potenti armate del Chaos, ma da est un nuovo temibile esercito costituito da un'alleanza di Orchi e Goblin avanza pericolosamente, minando tragicamente gli equilibri del conflitto e rendendo la situazione ancora più incerta. Tuttavia una misteriosa fazione lavora nell'ombra, intenzionata a favorire l'avanzata degli orchi per motivi che verranno svelati nel corso delle missioni.

Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione

In Warhammer la pace non esiste

La nuova campagna mette il giocatore inizialmente al comando di due eroi orchi, quali un guerriero e un potente sciamano, impegnati in una sequenza di missioni decisamente varie e stimolanti. A differenza di altri strategici, qui manca campletamente la raccolta delle risorse e la produzione delle unità, anche se nel corso di alcune missioni sarà possibile aggregare nuovi squadre di guerrieri, ma si tratta di eventi completamente scriptati. Inoltre non è consentito salvare nel corso delle missioni, ma solamente al completamento di ognuna. L'impossibilità di poter salvare, obbliga il giocatore a ponderare attentamente ogni singola mossa, soprattutto optando per i gradi di difficoltà medio-alti. Fortunatamente il titolo offre una certa profondità di gameplay e consente di gestire non solo le formazioni, ma anche la velocità di spostamento, il morale e le abilità degli eroi, che nelle battaglie più concitate assumono un'importanza cruciale nell'economia degli scontri. La pratica gestione della telecamera (completamente libera), consente di godere sempre della migliore visuale. Il gameplay prevede il controllo di intere squadre di unità, rendendo più snella e pratica, la gestione delle truppe in battaglia, soprattutto su Xbox 360. Oltre alle truppe standard, sono presenti gli immancabili eroi, che accumulano esperienza e salgono di livello nel corso delle battaglie, accedendo così ad abilità sempre più potenti. La sopravvivenza dell'eroe rappresenta un aspetto fondamentale soprattutto nel corso della campagna, visto che in caso di morte prematura sarà necessario ricominciare la missione. La meccanica degli scontri si basa sul classico pietra-forbice-carta, con unità letali nei confronti di altre, ma svantaggiatissime contro altre ancora. A dir la verità, le unità di fanteria appaiono in generale come quelle più versatili, capaci di adattarsi a quasi tutti i nemici, anche se nelle battaglie più concitate, la loro efficacia diminuisce per l'impossibilità di far combattere tutte le unità nel corso degli scontri.

Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione

Battaglie spettacolari

L'approccio migliore nel corso delle numerose missioni, prevede l'identificazione delle forze nemiche, mandando in avanti le unità corazzate, supportandole con arcieri e maghi a infliggere danni al sicuro. La presenza di altre tipologie di unità come quelle d'assedio, volanti o di cavalleria, rende le battaglie decisamente varie e profonde, visto anche che mandare allo sbaraglio le proprie truppe, è una tattica che nel lungo periodo non paga, visto che ritrovarsi con un numero di unità esiguo, può compromettere le fasi finali di una missione o addirittura dell'intera campagna. Alla fine di ogni missione, sarà possibile fare una capatina nell'accampamento, allo scopo di rinfoltire le fila delle proprie truppe, acquisire equipaggiamento per gli eroi e potenziare armi e armature. Per fare questo è necessario utilizzare l'oro, reperibile nel corso delle missioni e come bonus al completamento delle stesse. In tutti i casi, anche giocando al più basso dei tre livelli di difficoltà, non si hanno mai sufficienti risorse a fare tutto quello che si desidera, obbligando il giocatore a prendere delle scelte. In tutti i casi, iniziando la missione successiva, si potranno portare con se solo un numero limitato di truppe.

Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione

Longevità di tutto rispetto

La longevità in Battle March, si assesta su valori piuttosto alti, vista la presenza di un buon numero di mini-campagne, composte mediamente da 5-6 missioni. Queste a parte qualche caso particolare, sono tutte quante sequenziali e impediscono ad esempio di attaccare prima un avamposto piuttosto che un altro. Chi dispone delle versione per Xbox 360, oltre alla campagna inedita, potrà beneficiare anche di quelle di Mark of Chaos, per un monte ore finale di tutto rispetto. Oltre alle campagne, è possibile disputare le classiche battaglie personalizzate e naturalmente giocare contro altri utenti in carne e ossa sia in lan che online. La possibilità di poter optare tra ben 9 schieramenti differenti (ma non totalmente diversi l'uno dall'altro), garantisce battaglie piuttosto varie.

Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione

Tutto il fascino dell'universo di Warhammer

Nonostante sia passato un anno dall'uscita del primo episodio, la grafica di Battle March si presenta decisamente attuale sia su PC che su console, grazie soprattutto a un'ottimizzazione del motore di gioco, che ai suoi esordi appariva un po' scattoso anche su macchine potenti. Oltre alla mera qualità grafica, il gioco si distngue per un'atmosfera e un dettaglio capaci di fare la felicità degli appassionati di strategia e delle miniature. I contorni delle ambientazioni così come dei personaggi appaiono volutamente sfumati e questo regala al gioco un fascino particolare. Avvicinando la telecamera poi, si possono ammirare unità ben realizzate e altrettanto ben caratterizzate per abbigliamento e stile. Solo ammirando le battaglie da distanza molto ravvicinata è possibile godere appieno della bellezza delle battaglie, che appaiono cruente al punto giusto, con unità differenti fra di loro e ottime animazioni. Anche gli effetti speciali relativi ai poteri degli eroi fanno la loro bella figura, con onde d'urto e di distorsione davvero belle da vedere. Un piccolo appunto va fatto ai tempi di caricamento, che sulla configurazione di prova superano abbondantemente il minuto. L'audio è un altro aspetto piuttosto ben riuscito, con voci (sottotitolate in italiano) ben caratterizzate e dialoghi curati.

Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione Warhammer: Mark of Chaos - Battle March - Recensione

Commento

Warhammer: Battle March è un'ottima espansione per Mark of Chaos, che pur non introducendo novità di rilievo, garantisce comunque una struttura di gioco originale e allo stesso tempo snella, capace in colpo solo di accontentare chi si è già dilettato con il gioco base, sia gli utenti Xbox 360, che si porteranno a casa entrambi gli episodi. Ottima anche la grafica e il carisma del titolo, penalizzato da tempi di caricamento a volte troppo invasivi.

Pro:
Grafica e ambientazione ben fatte Gameplay originale Ottima longevità sia su PC che su Xbox 360
Contro:
Tempi di caricamento piuttosto lunghi Nessuna novità di rilievo

Requisiti di sistema


Requisiti minimi: Processore: Pentium IV da 1,5 GHz o AMD equivalente RAM: 256 MB Scheda Video: GeForce 3 con 64 MB di Ram Spazio su disco: 3 GB Warhammer: Mark of Chaos Requisiti consigliati: Processore: Pentium IV da 3,0 GHz o AMD equivalente RAM: 1 GB Scheda Video: GeForce con 256 MB di memoria Spazio su disco: 3 GB Warhammer: Mark of Chaos Configurazione di prova Processore: Processore Intel Core 2 Duo 1,66 GHz RAM: 2 GB DDR2 Scheda Video: Geforce 7300 con 256 MB di memoria

TI POTREBBE INTERESSARE