You're in the MoviesYou're in the Movies! - Recensione 

Pensate di avere un potenziale inespresso nell'arte della recitazione? Credete di non essere da meno di un Al Pacino o Robert De Niro? Dimostratelo direttamente dal vostro salotto, grazie alla telecamera di Xbox 360!

La fresca passione per i videogiochi di società e le recenti condizioni meteo avverse tipiche di questo periodo invernale rappresentano una dicotomia pressochè perfetta in grado di rinnovare la voglia di stare in casa sotto le coperte a giocare insieme agli amici o la famiglia. La vasta categoria dei party game, ormai eterogenea e stratificata per tutte le età e gusti, rinnova tra le sue fila titoli di karaoke, quiz e giochi di carte. Per la prima volta, però, grazie all'utilizzo della telecamera di Xbox 360 possiamo recitare davanti alla TV come fossimo consumati attori hollywoodiani per creare i nostri film personalizzati, oppure seguire i copioni già scritti dal regista!

You're in the Movies! - Recensione You're in the Movies! - Recensione You're in the Movies! - Recensione

Il viaggiatore è giunto. Scegliete e perite!

You're in the Movies è un gioco a metà, nel senso che si tratta di un software che ci permette di recitare ed essere montati in una pellicola virtuale, ma che lo fa attraverso numerosi mini-giochi nei quali dobbiamo sfidare la CPU o un avversario, creando le scenette che rappresentano i presupposti ed il pretesto per eseguire certe azioni che poi troveranno un senso logico nel montaggio finale. Ad esempio ci sono giochi dove dobbiamo colpire dei bersagli virtuali sullo schermo e schivare colpi: in questo caso le nostre mosse saranno catturate dalla lente della telecamera per poi essere riutilizzate in un contesto diverso, quello del film, dove ad esempio c'è da prendere a pugni un mostro che ci sputa addosso palle di fuoco. In un altro mini-gioco, invece, il regista ci chiede di correre una maratona: queste scene saranno successivamente utilizzate per montare la nostra corsa in un film thriller che ci vede inseguiti da un killer sanguinario. Insomma, la parte del gioco è assimilabile a quanto già provato o visto con l'EyeToy di Playstation, ma il risultato finale è assolutamente innovativo e divertente. You're in the Movies è un mezzo gioco perchè non in tutte le scene c'è da sfidare qualcuno oppure ottenere punti come in ogni videogioco classico; in tantissime riprese c'è solo da recitare, senza competere. In questi casi sarà il regista stesso a suggerirci le emozioni da mostrare alla telecamera ed è nostra bravura rendere al meglio. Queste scenette, a fine copione, si vanno poi ad integrare con tutte le altre registrate per formare un micro film della durata di circa mezzo minuto, con la possibilità di uplodare direttamente il video su internet e condividerlo con i nostri amici.

You're in the Movies! - Recensione You're in the Movies! - Recensione You're in the Movies! - Recensione

Se io posso cambiare...e voi potete cambiare, tutto il mondo puo cambiare!

Prima di iniziare a giocare, You're in the Movies ci chiede di toglierci dal campo visivo della telecamera, in modo da poter tagliare lo sfondo una volta che ci mettiamo davanti a recitare, proprio come avviene nei veri studi di produzione con i fotomontaggi. In questa fase iniziano i primi problemi. Per funzionare correttamente, il software ha bisogno di elaborare una immagine omogenea, dal colore a tinta unita e possibilmente chiaro. Un qualsiasi quadro, mensola o divano che sia all'interno dell'inquadratura compromette inevitabilmente la qualità del fotomontaggio e quindi dell'intero gioco. Per poter funzionare perfettamente sarebbe ideale giocare in una stanza abbastanza grande e con una parete dal colore omogeneo sullo sfondo, un requisito oggettivamente non sempre semplice da avere. Inoltre, per avendo uno spazio dedicato ottimale, anche l'illuminazione dev'essere abbastanza forte ma non troppo: con luci troppo basse o eccessivamente alte la telecamera vede nero. Un altro problema che ci viene posto fin da subito è la grandezza dello spazio all'interno il quale dobbiamo recitare: il gioco ci dice di posizionarci con il corpo all'interno della traccia su schermo, che risulta decisamente piccola e quindi dovremmo spostarci molto distanti dalla televisione, per poter tagliare perfettamente la nostra sagoma.

una stanza abbastanza grande e con una parete dal colore omogeneo sullo sfondo, un requisito oggettivamente non sempre semplice da avere

Non tutte le persone, ricapitolando, possono permettersi una stanza grande, dal colore uniforme ed un'illumazione perfetta. Se però riusciamo ad ottenere una qualità d'immagine ottimale e soddisfare tutte queste richieste, il gioco risulta poi piacevole e divertente, sopratutto se giocato in quattro persone, ogununa delle quali è chiamata ad interpretare un ruolo ben preciso (ad esempio gli eroi, il cattivone, ecc.) e recitare uno alla volta o a coppie davanti alla TV. I copioni da eseguire sono numerosi, ed una volta terminati è anche possibile prendere spezzoni di film e montarli a nostro piacimento, creando così delle sceneggiature inedite. You're in the Movies non è un videogioco classico, nella sua accezione nuda e cruda, ma rappresenta un simpatico diversivo accessibile e fruibile da tutta la famiglia, anche e sopratutto a chi non ha mai giocato in vita sua, rappresentando per Microsoft quella fetta di mercato che Nintendo e Sony si sono già conquistati con Wii ed EyeToy. L'altra parte della medaglia è che i mini-giochi proposti risultano un po' troppo semplicisti, dove l'azione si riduce ad effettuare un movimento continuo di mani o braccia, oppure un movimento particolare.

Commento

You're in the Movies è un simpatico e divertente diversivo da usare durante le piovose serate invernali in compagnia di amici o insieme alla famiglia. E' dedicato a chi vuole stare insieme a persone che non hanno mai usufruito dei videogiochi e vogliono stare insieme, creando simpatici filmati dalla trame più disparate. Per poter utilizzare al meglio il software è necessario avere un ambiente adatto, altrimenti tutto il gioco risulta compromesso da una qualità d'immagine scadente che non consente nè di giocare, nè di poter visionare correttamente i filmati. I mini-giochi sono forse un po' troppo brevi, molto semplici e tanti si assomigliano. Il ritmo non è molto frenetico, visto che la recitazione avviene una persona alla volta, e per risultare divertente necessita quindi anche di un buon affiatamento tra le parti. Pro Idea originale ed innovativa Tanti copioni da fare e la possibilità di crearne di nuovi Possibilità di scaricare da internet i propri filmati Contro Requisiti ambientali troppo difficili da ottenere Mini giochi troppo semplici Ritmo blando

Xbox 360 - Obiettivi

You're in the Movies! è un titolo generoso sotto il profilo degli obiettivi da sbloccare. Dopo poche partite vedrete accumulati già qualche centinaio di punti, ottenuti semplicemente partecipando a tutte le pellicole disponibili e sbloccando nuovi copioni. Non ci sono azioni particolarmente difficili da compiere, per ottenere tutti e 1000 punti messi in palio basterà semplicemente giocare (in multiplayer, sopratutto).

TI POTREBBE INTERESSARE