KOL 2005 Zoo TycoonZoo Tycoon 

Gestire uno Zoo, occupandoci della felicità degli animali ospitati e dei visitatori: saprà la Microsoft trasformare quello che sembra un compito improbo in puro divertimento?

Zoo Tycoon Zoo Tycoon

Gli animali...

Gli aspetti fondamentali su cui Zoo Tycoon focalizza la propria attenzione, sono fondamentalmente tre: gli animali, i visitatori e la gestione economica.
Per quanto riguarda gli animali che a mano a mano potremo portare all'interno del nostro Zoo, sarà necessario non solo creare un Habitat a loro favorevole (cioè ricreare all'interno delle gabbie un ambiente simile a quello dove vivono in cattività), ma anche prendersi cura dei loro bisogni igenici e materiali, assumendo alcuni guardiani che si possano dedicare a tale attività.
La prima domanda che nasce avvicinandosi a Zoo Tycoon è essenzialmente una: come posso realizzare degli Habitat idonei per ogni animale, considerando che ce ne sono più di 40 tipi diversi? Anche se il manuale di gioco non propone molte informazioni a questo proposito, fortunatamente l'aiuto in linea offerto dal gioco offre un importante contributo in questo senso.

Zoo Tycoon

Gli animali...


Ogni animale è infatti dotato di una scheda di descrizione nella quale viene descritto in maniera generica, forse troppo, dandoci la prima possibilità di conoscere le preferenze della specie: in aggiunta una volta immesso un'animale in una gabbia, basterà leggere i consigli che ci offre il guardiano per capire se stiamo procedendo nella giusta direzione. Se abbiamo creato una gabbia troppo piccola, o non abbiamo messo abbastanza terreno acquoso o rocce artiche, potremo infatti leggere i "pensieri" dell'animale (non gradisce, è contento, vorrebbe meno acqua), accedendo alla schermata di riepilogo.
Il problema è che avremmo preferito conoscere prima le preferenze dell'animale, perchè nella maggior parte delle volte dovremo ricostruire quasi totalmente l'habitat che abbiamo creato seguendo le poche indicazioni della scheda di cui sopra...
Inoltre, a rendere più frustrante questo aspetto del gioco, spesso gli animali risultano soddisfatti solo per un breve periodo di tempo, dopo il quale cambiano completamente idea. Non credo si possa parlare di Bug vero e proprio, in quanto alla fine dei conti questa variazione di umore dell'animale è uno dei pochi elementi variabili del gioco (e non lo dico certo in senso positivo).
Non si può negare che per le prime ore di gioco capire come costruire delle gabbie adatte e riempirle di tutti gli oggetti di abbellimento, per poi osservare le reazioni (leggere, più che osservare) degli animali sia molto divertente: il problema è che a lungo andare diventa più ripetitivo di quanto dovrebbe, anche perchè non sono state purtroppo implementate delle varianti che avrebbero potuto aumentare l'imprevedibilità del gioco (gli Ufo in Sim City erano decisamente un'altra cosa...).

Zoo Tycoon Zoo Tycoon

...i visitatori, il parco ed i soldi.

Il secondo aspetto fondamentale su cui focalizzare la nostra attenzione di Manager è, come in ogni gestionale che si rispetti, quello dei visitatori del parco: ciò che dovremo fare è non solo costruire uno Zoo a loro misura, ma impegnarci per non fargli mancare mai nulla, dalle razioni alimentari ai posti dove poter espletare i loro bisogni fisiologici.
All'inizio di ogni missione (che, vale la pena ricordare, pone sempre degli obiettivi legati al raggiungimento dei criteri felicità animali/soddisfazione visitatori/introiti zoo) quando costruiamo le gabbie e le attrazioni extra, dovremo stare attenti a posizionare ristoranti, distributori di Hot Dog, di Panini e di bevande in numero assolutamente elevato, in quanto i visitatori saranno per la maggior parte del tempo o assetati o affamati.
Panchine, cestini per la raccolta delle cartacce, bagni, tavolini da pic-nic, ed in parte minore piante e lampade per lo Zoo: questo è quello di cui lo Zoo, per raccogliere i consensi del pubblico, dovrà possedere in buona misura.
Tuttavia, nonostante il gioco offra la possibilità di abbellire il parco con questi oggetti, la maggior parte di essi risulta completamente inutile, poichè mai mi è capitato di leggere nei pensieri dei visitatori (l'unico modo per capire quanti consensi raccolga la struttura) qualcosa a riguardo dell'estetica del parco: a confermare ciò, sono riuscito a portare a termine più di una missione senza dover aggiungere nessuno (a parte i cestini e le panchine, fondamentali) degli oggetti "minori".

Zoo Tycoon Zoo Tycoon

...i visitatori, il parco ed i soldi.


Discorso diverso invece per quanto riguarda le varie attrazioni, ognuna dotata di una scala di gradimento misurata in cinque stelle, osservabile mediante una schermata che ci indica anche quanti guadagni porti ai fini del bilancio generale: e' possibile, naturalmente, modificare a piacere i prezzi di ogni singolo elemento del parco, dal biglietto di ingresso al singolo Hot Dog.
Ciò che non mi ha convinto totalmente è la definizione di quali criteri possano soddisfare i visitatori, poichè se si costruiscono cinque ristoranti, a pari di offerta e di richiesta economica, si scoprirà presto che solo uno di questi, o nei casi migliori due, sono visitati: il risultato è che, nonostante si abbia dedicato gran parte delle risorse economiche alla costruzione di strutture alimentari, i visitatori risulteranno quasi sempre affamati...
Fortunatamente un aspetto capace di influire in maniera importante sulla soddisfazione dei visitatori, e sul quale è possibilie intervenire, è la felicità degli animali: mantenere felici gli animali (vedi comunque sopra), significa fare felici i visitatori.
Per quanto riguarda infine l'aspetto puramente di manutenzione dello Zoo, è necessario assumere del personale manovale che si occuperà della pulizia delle strade e delle diverse gabbie. A differenza di quanto avveniva, per esempio nell'ormai vecchio Theme Hospital, il personale non è differenziato da nessuna caratteristica, ma solamente dall'ingaggio economico: ciò non contribuisce a rendere vario questo aspetto, dando l'impressione al giocatore che qualunque scelta decida di fare, sia comunque valida.

Zoo Tycoon Zoo Tycoon

Graficamente parlando.

Nonostante in questo genere di giochi l'aspetto grafico non sia certo fondamentale per la riuscita del prodotto (anche se Theme Park World e Dungeon Keeper2 hanno dimostrato come la grafica sia capace di attirare anche i non-appassionati), vale la pena spendere qualche parole su questo lato di Zoo Tycoon.

Zoo Tycoon Zoo Tycoon

Graficamente parlando.


Il motore grafico realizzato dai programmatori, infatti, seppure non eccellente nello scrolling (soprattutto quando cominciano ad esserci molte strutture), a mio modo di vedere è essenziale ma decisamente funzionale, offrendo una visuale isometrica 2d (la stessa più o meno di Rollercater Tycoon), ruotabile di 90°, piuttosto dettagliata. Anche per quanto riguarda le animazioni il risultato è discreto, anche se forse i personaggi (sia gli animali che i visitatori) risultano troppo piccoli: è possile anche zoomare ogni momento per apprezzare qualche particolare.
Una nota d'elogio va invece all'interfaccia utilizzata, user-friendly e intuitiva: anche il giocatore meno esperto sarà aiutato dalle varie tabelle di riepilogo realizzate ad Hoc dai programmatori del gioco.
In breve, non si può certo gridare al miracolo o alla rivoluzione visiva, ma la grafica di Zoo Tycoon svolge il proprio lavoro: esattamente, come vedremo nelle conclusioni, quello che dovremo fare noi per poter giocare al titolo...

Zoo Tycoon Zoo Tycoon

Conclusioni.

Perchè questo Zoo Tycoon non riesce a decollare?
L'argomento trattato, come già visto negli altri gestionali dedicati ai parchi di divertimento, è interessante e stimolante (personalmente mi sono divertito a ritrovare molti degli animali amati durante la mia infanzia), e sicuramente avrebbe potuto attirare un buon numero di giocatori.
Ciò che rende avvincente qualunque titolo gestionale, capace di mantenere alta l'attenzione del giocatore anche con il passare del tempo e delle missioni, è la possibilità che durante il gioco accadano degli avvenimenti fuori dal comune, che trascendano il semplice e ripetivito compito di soddisfazione dei criteri preposti. Per farvi un esempio, già citato nell'introduzione all'articolo, vi ricorderò gli Ufo di Sim City, oppure le "ondate di vomito" di Theme Hospital, o magari le ire degli Dei di Zeus...
Ecco, nessuno in futuro ricorderà Zoo Tycoon per un elemento di questo tipo.

Zoo Tycoon Zoo Tycoon

Conclusioni.


A peggiorare le cose, nel gioco sembra di dover semplicemente soddisfare le richieste degli animali (con tutte le difficoltà sopra descritte) e la fame dei visitatori, ripetendo in continuo (anche da una missione all'altra) le stesse, identiche cose: certo, come dicevo, è divertente costruire un Habitat giusto per ogni animale, la prima volta. La seconda comincia a diventare meno divertente, per trasformarsi in noia pura alla terza: a questo aggiungete la voglia di sbattere fuori l'animale quando questi dopo essersi accomodato deciderà chissà per quale motivo di non trovarsi più a suo agio...
Svolgere il proprio compito, che è quello che questo Zoo Tycoon sembra svolgere ed allo stesso tempo chiedere al giocatore, potrebbe non bastare agli appassionati del genere, già smaliziati da molti altri titoli simili e meglio realizzati. Per chi invece vuole avvicinarsi ai gestionali, magari attratto dall'argomeno indubbiamente interessante, potrebbe trovare un buon antipasto per la propria sete di novità.
Ma il pasto principale è ben altro, e si trova nei ristoranti Impression, Bullfrog, Maxis e Hasbro: buon appetito.

Zoo Tycoon Zoo Tycoon

La storia del genere.

E' innegabile come il genere gestionale, di cui questo Zoo Tycoon fa parte, abbia sempre esercitato un fascino piuttosto importante tra i videogiocatori.
Senza tornare indietro con la memoria ai tempi del Vic20 e dei primi computer compatibili (quando ci si divertiva ad amministrare Feudi medievali in titoli Only-Text), il primo gioco che ebbe un enorme successo tra i possessori di Pc fu senz'altro Sim City. A questo seguirono nel corso degli anni innumerevoli tentativi di imitazione, che diedero al giocatore la possibilità di amministrare torri, aereoporti, pizzerie, ospedali, linee ferroviare, parchi giochi, civilità scomparse da migliaia di anni... ed addirittura un Dungeon Fantasy pieno di orchi e vampiri.
Chi più (Dungeon Keeper, Caesar,Theme Park), chi meno (Pizza Tycoon, Sim Tower), tutti seppero comunque ritagliarsi un piccolo spazio nella ludoteca degli appassionati: ogni gioco offriva, a modo suo, il pieno potere gestionale su tutti gli aspetti dell'argomento trattato, regalando un'esperienza impegnativa, ma totalmente soddisfacente, a chiunque avesse provato ad avvicinarsi ad esso.
Questo Zoo Tycoon non fa certo eccezione, ed è pronto a dimostrarci che amministrare uno Zoo è tanto stimolante quanto divertente: cerchiamo di scoprire insieme se quanto sopra corrisponde a verità...

TI POTREBBE INTERESSARE