7.0

Redazione

7.4

Lettori (55)


  • 55
  • 5
  • 54
  • 8
  • Data di uscita: 25 maggio 2012
  • Piattaforme: 3ds
  • Tipologia di gioco: Arcade, Sportivo

Mario Tennis OpenLa soluzione di Mario Tennis Open 0

Preparate la racchetta, si va a scuola di tennis!

Attenzione

La soluzione è basata sulla versione americana per Nintendo 3DS del gioco, potrebbero dunque esserci divergenze rispetto alla versione italiana.

Ingresso in campo

Quando si mette piede per la prima volta sul manto erboso o sulla terra battuta di Mario Tennis Open, la prima decisione che bisogna compiere riguarda la visuale. Dynamic View o Normal View? Partiamo dal presupposto che le due visuali sono strettamente collegate all'utilizzo del giroscopio: con questo strumento attivo infatti potrete utilizzare la Dynamic View, senza di esso invece sareste costretti ad affidarvi alla Normal View.
Al di là di ciò, ci sono motivazioni più strettamente legate al gameplay da tenere in considerazione. La Dynamic View viene attivata posizionando il 3DS di fronte al vostro volto. In questa modalità la vostra visuale sarà filtrata attraverso una telecamera virtuale posta alle spalle del vostro personaggio. Da un lato, ciò vi permette di godere di una migliore comprensione della profondità del campo di gioco influendo positivamente sulla calibrazione dei tiri, d'altro canto tuttavia vi sarà difficile comprendere la posizione della palla in alcuni frangenti, in particolare sui Lob e cosa più grave vi impedirà di accorgervi di eventuali Chance Shot disponibili alle vostre spalle. La soluzione di Mario Tennis Open Peculiarità di questa visuale è la possibilità di mirare sia usando il circle pad sia muovendo il 3DS fino a puntarlo verso il punto esatto in cui volete indirizzare la pallina.
La Normal View invece propone una visuale decisamente più tradizionale, leggermente rialzata e in grado di mostrare l'intero campo di gioco. Probabilmente risulterà più facile mirare ed indirizzare la palla dove volete voi, anche se potrete farlo solo attraverso il circle pad. La differenza più sostanziale tra le due visuali riguarda il posizionamento del vostro personaggio che avviene spesso in automatico in Dynamic View, mentre deve essere messo a punto manualmente nella Normal View.
La discriminante principale in questa decisione riguarda la vostra volontà di giocare muovendo in aria il vostro 3DS o meno. Qualora infatti non abbiate problema a dimenarvi impugnando la console, la Dynamic View è da preferirsi in virtù della miglior precisione consentita nella mira. Nonostante ciò è comunque possibile giocare con ottimi risultati usando entrambe le visuali. Probabilmente risulterà più comodo utilizzare la Normal View quando si affrontano match di tennis classici, mentre potreste risultare avvantaggiati dall'utilizzo della Dynamic View nelle sfide speciali. Al di là di questi consigli generali, dunque dipenderà molto dalla vostra predisposizione verso un gioco più fisico e dinamico o uno più tradizionale.

Le regole del tennis

Prima di addentrarci in una disanima più approfondita dei diversi aspetti del gioco, può essere utile una veloce rassegna delle regole principali del gioco del tennis.

Una partita di tennis si divide in Game e Set. Un Set è composto di diversi Game, ciascun Game può essere vinto segnando per primo almeno quattro punti e distanziando di due l'avversario. Il conto dei punti in un Game segue questo andamento: 15 - 30 - 40 - Game. In caso di parità a 40 si prosegue fino a quando uno dei due giocatori non riesce a distanziare di due punti l'avversario. Durante un game, il servizio spetta sempre allo stesso giocatore; il cambio in battuta avviene ad ogni cambio di game.
Per aggiudicarsi un Set, bisogna vincere almeno 6 Game distanziando di due l'avversario. Nel caso il punteggio vada sul 6-6, si gioca un Game risolutivo chiamato Tie Break. Nel Tie Break il punteggio abbandona la sequenza " 15 - 30 - 40 - Game" per seguire il più canonico andamento sequenziale 1 - 2 - 3 - eccetera. Per aggiudicarsi il Tie Break, bisogna ancora una volta distanziare di almeno due punti l'avversario: in ogni caso risulterà vincitore il primo giocatore in grado di arrivare a 7
Generalmente le partite si giocano al meglio di 3 o 5 set, ma in Mario Tennis Open è possibile cambiare questa ed altre impostazioni, giocando ad esempio partite di un solo Set o cambiando il numero di Game per ogni Set riducendolo fino a 2.
Dopo aver illustrato il sistema di punteggio, è giunto il momento di chiarire come si può mettere a segno un punto. Il primo e più comune metodo consiste nel lanciare la palla nella metà di campo dell'avversario e farle compiere due rimbalzi senza che il vostro rivale riesca a rispedirla dalla vostra parte. Un altro metodo - che tuttavia è meglio non applicare sui veri campi da gioco - prevede che colpiate l'avversario direttamente con la pallina: potete usare questa tecnica mettendo a segno un flat shot o un topspin shot (per le descrizioni dei tiri passate al paragrafo successivo) mentre il vostro avversario non sta caricando. Un punto si può anche conquistare attraverso gli errori dell'avversario: una palla fuori che rimbalza fuori dalle linee del campo, una palla scaraventata addosso alla rete di metà campo o un doppio fallo nel servizio.

I tiri

Ora che abbiamo messo in chiaro quale siano le regole del gioco, possiamo esaminare più nel dettaglio la componente principale del gameplay di Mario Tennis Open: i tiri. Partiamo dal presupposto che Mario Tennis Open offre una gran varietà di tiri diversi, ciascuno più adatto in determinate situazioni piuttosto che in altre, ciascuno con i propri lati positivi e negativi. Assicuratevi dunque di conoscere bene le caratteristiche di ciascun tiro a vostra disposizione in modo da usare sempre quello più appropriato al momento giusto.

Per iniziare, spendiamo qualche parola riguardo i Chance Shot. Si tratta in buona sostanza di versioni potenziate delle diverse varietà di tiri che andremo in breve ad elencare. Per ottenere questo effetto dovrete eseguire il tiro giusto al momento giusto. L'opportunità di eseguire un Chance Shot infatti si concretizza sotto forma di un cerchio colorato, ciascun colore è associato a un tiro specifico, perciò premendo il tasto del tiro rappresentato dal colore del cerchio, il vostro personaggio eseguirà un Chance Shot. La soluzione di Mario Tennis Open Statisticamente i cerchi che vi consentono di eseguire un Chance Shot tendono ad apparire poco dopo l'inizio di uno scambio. Tuttavia il ricorso frequente a Flat Short minimizza le probabilità che un Chance Shot si renda disponibile.

Al di là dei tiri più elaborati che descriveremo in breve, è comunque possibile eseguire tiri normali, di media forza e senza effetto. Per mettere a segno uno di questi tiri è sufficiente premere il tasto X oppure il grande pulsante verde nello schermo inferiore. La traiettoria di questo tipo di tiri viene visualizzata sotto forma di una scia giallognola. Da notare inoltre che il tiro normale, se eseguito quando il vostro personaggio si trova sopra il cerchio di uno Chance Shot, vi permette di realizzare una versione depotenziata del Chance Shot corrispondente al colore del cerchio: benché inferiore alla versione corretta, i Chance Shot eseguiti con questo escamotage possono rivelarsi ugualmente parecchio utili.

Topspin Shot
Questo particolare tiro applica uno strano effetto alla pallina alterando la traiettoria verso l'alto. Quel che ne scaturisce è un tiro piuttosto infido e veloce, anche se non così veloce come il Flat Shot. Si esegue usando il tasto A oppure il pulsante rosso posto in alto a destra nello schermo inferiore del 3DS. Allo stesso modo è rosso il cerchio che indica il suo Chance Shot e rossa è la scia che ne esplicita la traiettoria. Se eseguito nella sua versione Chance Shot, risulterà così potente da spingere all'indietro l'avversario che si azzarderà a respingerlo: la distanza a cui sarà spinto il vostro rivale dipenderà da parecchi fattori legati alle sue caratteristiche. Tuttavia una buona arma per respingerlo senza particolari effetti collaterali è il ricorso allo Slice Shot. Ciò nonostante non figura certo nel novero dei tiri più efficaci a cui potete ricorrere: diciamo che spesso serve più a generare una situazione di vantaggio che a mettere a segno un punto. Benchè infatti sia basato su una traiettoria sostanzialmente lineare, il suo utilizzo può servire anche a fini strategici, spingendo ad esempio verso il fondo l'avversario per preparare il terreno a un colpo corto in grado di prendere alla sprovvista il vostro rivale.
Per controbattere un Topspin Chance Shot dovete fare estrema attenzione al punto del campo da cui il vostro avversario lo sta eseguendo: la soluzione migliore spesso è quella di posizionarvi specularmente a lui.

Slice Shot
Uno Slice Shot infligge alla palla un movimento rotatorio contrario al suo senso di marcia che spinge l'oggetto ad assumere una traiettoria che tende a curvare verso l'esterno. Il colore di questo tipo di colpo è il blu, che caratterizza sia la sua scia, sia i cerchi collegati al suo Chance Shot. Per eseguirlo ricorrete al tasto B o al pulsante blu che si trova in basso a destra sullo schermo inferiore del vostro 3DS. Lo Slice Chance Shot è un tiro caratterizzato da un marcatissimo effetto che spesso coglierà di sorpresa i vostri avversari. Ad ogni modo i personaggi tecnici incontreranno meno difficoltà a respingerlo. La non eccessiva velocità gli impedisce di rientrare tra i colpi più difficili da respingere, tuttavia mantiene ugyualmente un coefficiente di difficoltà piuttosto elevato. Il modo migliore per sfruttare lo Slice Shot è quello di dirigerlo nella porzione di campo scoperta dal vostro avversario, impostando la traiettoria in modo che gli passi davanti, cullandolo così nell'illusione di poter raggiungere la palla e curvando poi la traiettoria della sfera fuori dalla sua portata. Il pratica uno Slice Shot può letteralmente aggirare il vostro rivale senza concedergli alcuna possibilità di risposta.
Per controbattere uno Slice Shot è importante studiare bene la sua traiettoria e cercare di capire quanto prima quanto la pallina tenderà a curvare durante il suo tragitto in aria. Per i tiri caratterizzati da più effetto, il consiglio migliore è quello di posizionarvi al centro del campo perché, con ogni probabilità, passeranno da quel punto mentre si dirigono verso uno dei due lati. Nel caso di tiri con meno effetto, invece è necessaria una precisa e puntuale lettura della traiettoria per indirizzarsi fin da subito verso il lato corretto del campo. Piuttosto che lanciarvi immediatamente verso un punto che si rivelerà errato, mantenete il sangue freddo ed attendete qualche breve istante per compiere una scelta che abbia più probabilità di rivelarsi corretta.

Flat Shot
Si scrive Flat Shot, si legge tiro veloce. Niente effetto, nessun trucco: semplicemente una staffilata forte e tesa. Non è certo il tiro preferibile per un personaggio tecnico, ma il ricorso alla forza bruta si rivela più efficace di quanto si sia portati a pensare. Il colore che caratterizza questo tiro è il viola. Il suo Chance Shot, incredibile a dirsi, è una versione ancora più potente di questo tiro veloce. Una rasoiata all'ennesima potenza che avrà il semplice effetto sull'avversario di rendergli estremamente complicata la ricezione: nel migliore delle ipotesi vi servirà come risposta una palla servita su un piatto d'argento che non aspetta altro che essere rimandata dall'altra parte del campo con un altro Flat Shot il quale si trasformerà con ogni probabilità in un punto. Facile immaginare dopo questa descrizione che il Flat Shot sia uno dei tiri che può vantare la più alta percentuale di efficacia dell'intero gioco.
Per massimizzare la sua efficacia basta dirigere la sua traiettoria verso la parte del campo non coperta dal vostro avversario, il quale - salvo una velocità davvero elevata - si ritroverà impossibilitato a raggiungerla in tempo. In alternativa potete martellare il vostro rivale continuando a eseguire Flat Shot tesi verso di lui fino a indurlo in errore, oppure sorprendendolo cambiando d'improvviso la direzione del tiro.
Se invece vi trovati voi dall'altra parte di un Flat Shot, onestamente non c'è molto da fare. La soluzione più saggia è correre a rete verso il centro del campo poiché quello è il punto da cui avrete più probabilità di raggiungere la pallina. Rispondere da fondo campo infatti vi esporrà sistematicamente al martellamento dell'avversario il quale avrà tutto il tempo per mirare e caricare un altro tiro violento. Gli altri rimedi, come il tuffo o la corsa alla "spera in Dio" verso un punto del campo sperando di azzeccare la direzione del prossimo tiro, si rivelano pressoché inutili.

Lob Shot
Il Lob è quel colpo che in italiano viene spesso più semplicemente chiamato pallonetto. La sua caratteristica principale non consiste tanto nell'effetto, minimo, quanto nella parabola arcuata e alta. Deve essere eseguito con forza e decisione per arrivare a rimbalzare nei pressi della linea di fondo, solo in questo modo infatti può mettere in difficoltà l'avversario. Un lob smorzato, che si spegne nel centro del campo, sarà solo una grossa opportunità per il vostro avversario che non troverà alcuna difficoltà nello schiacciare con forza quella palla docile e morbida.
Il colore che caratterizza il Chance Shot di questo colpo e la sua traiettoria è il giallo. Se usato in modalità Chance Shot, il Lob sarà caratterizzato da un una parabola ancora più alta, che metterà seriamente in difficoltà il vostro avversario nel caso questi sia umano e si sia affidato alla Dynamic View. Inoltre, la versione potenziata di questo tiro tende anche ad assumere un effetto più accentuato, finendo spesso per concludere la sua corsa verso gli angoli del campo, alzando ulteriormente il coefficiente difficoltà.
L'efficacia di questo colpo dipende molto dalla posizione dell'avversario: se si trova sotto rete le speranze di successo sono molto alte. La soluzione di Mario Tennis Open Se si trova invece a fondo campo dovrete affidarvi all'imprevedibilità della sua traiettoria, nella speranza che finisca per sorprendere il malcapitato. Non esiste infatti una strategia che sia efficace sempre contro un Lob Shot. L'unica cosa da fare è correre quanto più rapidamente possibile verso il fondo del campo: se non avete un'idea precisa di dove il colpo sia destinato a scendere, rimanete nella parte centrale del campo e attendete qualche istante per avere le idee più chiare prima di spostarvi in una direzione o nell'altra. La cosa importante è accorgersi quanto prima che l'avversario sta per realizzare un Lob Shot e in questo caso è bene staccarsi rapidamente dalla rete - se vi trovate lì - ed iniziate ad arretrare quanto prima, finché si è in tempo.

Drop Shot
Il classico colpo a "foglia morta", la palla viene praticamente appoggiata sul campo dell'avversario dove atterrerà, compiendo un minimo rimbalzo prima di spegnere del tutto il suo moto. La potenza impressa in questo colpo è molto poca, ed è proprio questa la sua caratteristica principale: si tratta spesso di un colpo inatteso, eseguito a sorpresa, d'improvviso, che lascia l'avversario spiazzato e necessita di tempi di reazione quasi nulli per poter essere respinto.
Il Drop Shot può essere eseguito premendo il tasto B, seguito dalla rapida pressione del tasto A, oppure usando il pulsante bianco in basso a sinistra nello schermo inferiore del 3DS. Il colore che caratterizza questo tiro è il bianco.
Nella sua versione Chance Shot, il Drop Shot annulla o quasi il rimbalzo: la palla non si allontanerà più di tanto dalla rete e dopo aver toccato il suolo si rialzerà di pochissimi centimetri prima di ritornare a terra e fermarsi: controbattere un Drop Chance Shot è uno degli aspetti più complicati del gioco.
Anche in questo caso l'efficacia del colpo è strettamente legata alla posizione sul campo del vostro rivale: se si trova a fondo campo, le sue speranze di raggiungere la pallina prima del secondo rimbalzo sono, sostanzialmente, minime. Se invece si trova sotto rete ha qualche speranza in più di rimandare la pallina nella vostra porzione di campo.
Come è facile intuire da quanto appena scritto, il Drop Shot è un colpo ideale da utilizzare quando il vostro avversario si trova lontano sul fondo del campo; in genere il Drop Shot funziona bene dopo un Lob, che costringe il rivale a una precipitosa corsa verso il fondo. Se il vostro avversario invece è sotto rete, il Drop Shot è un colpo da evitare, perché con ogni probabilità finirete per servirgli una palla d'oro da schiacciare nel vostro campo. Potreste però contare sull'effetto sorpresa e sperare che la direzione della palla lo colga impreparato.
Se siete voi invece a notare che l'avversario sta preparando un Drop Shot, avvicinatevi quanto più possibile a rete: data la natura lenta del colpo, le risposte forti e veloci funzionano alla perfezione. Non è necessario tuttavia ricorrere necessariamente a un Topspin Shot, anche un semplice Flat Shot può bastare.

Il servizio

Ogni vittoria nel tennis si costruisce rubando il servizio all'avversario, ovvero vincendo un Game in cui è l'avversario a battere. Ciò rende l'idea di quanto il servizio sia una componente fondamentale nel gioco del tennis.
Prima di tutto però è bene conoscere le regole che dovrete rispettare durante il servizio. Potete battere solo dalla linea di fondo, vi è concesso muovervi solo su metà dell'estensione del campo e la palla deve terminare nel quadrante opposto. Inoltre, Mario Tennis Open vi consente di utilizzare solamente Simple, Flat, Topspin o Slice Shot.

Per decidere come servire, dovete avere ben presente le caratteristiche del vostro personaggio. Iniziamo con i personaggi tecnici, Tricky o High-Spin. Queste tipologie di personaggio non fanno della forza bruta il loro punto di forza, perciò probabilmente sarà inutile cercare di mettere a segno un servizio basato sulla potenza, poiché in ogni caso il risultato non sarà irresistibile. Meglio puntare sull'effetto, in grado di sorprendere l'avversario, in special modo se il vostro personaggio è caratterizzato da una stella in questa categoria o rientra nel novero dei Tricky. Il tipo di tiro consigliato in questa situazione dunque è lo Slice Shot.

Il discorso cambia con i personaggi che eccellono in Power, Defense, High-Power o All-Around. I Mii che rientrano in queste categorie sono in grado di servire intorno ai 200 Km/h in media, mentre quelli stellati possono agilmente superare questa già impressionante barriera. È ovvio dunque che in questi casi fare affidamento sulla potenza bruta della battuta risulta una scelta praticamente scontata. Qualunque personaggio rientri nelle categorie elencate poco fa, deve necessariamente scegliere un Flat Shot come opzione di battuta: nella migliore delle ipotesi infatti potrebbe trovare impreparato l'avversario e portare facilmente a casa il punto con un Ace; in ogni altro caso il vostro rivale troverà comunque molte difficoltà nel respingere la palla e finirà per rimandare verso di voi una palla morbida e addomesticata. Qualora infine il vostro avversario sia costretto a tuffarsi per arrivare a respingere il servizio, si attiverà con ogni probabilità la possibilità di eseguire un Chance Shot.

Il gruppo peggiore di personaggi su cui fare affidamento in caso di servizio è quella raccolta sotto la categoria Speed. Yoshi, Baby Mario e tutti gli altri infatti non dispongono né di un servizio potente, né di una particolare abilità nell'effetto. In buona sostanza, non importa quale tiro scegliate, il risultato sarà sempre pressoché equivalente. La decisione insomma in questo caso non rappresenta affatto un problema.

Uno dei dilemmi più assillanti in fase di servizio riguarda il punto in cui indirizzare la pallina. Partiamo da un presupposto solido: lasciare il personaggio nella posizione di partenza e da lì battere centralmente è una pessima idea. Non esiste tuttavia una soluzione valida sempre. Ci sono in realtà diverse scuole di pensiero su quale sia la battuta più efficace: una prima variante prevede il posizionamento del personaggio nel punto più esterno, mettendo a segno un servizio incrociato sul lato opposto del quadrante di ricezione dell'avversario; in alternativa potete posizionare il personaggio il più vicino possibile alla linea centrale e da quella posizione battere quasi in linea retta, cercando di mettere la palla quanto più centrale possibile sul quadrante opposto.

Di contro, in fase di ricezione la posizione di partenza che vi assegna la CPU si rivela spesso quella ottimale. Per essere più sicuri potete al massimo avanzare il vostro personaggio di qualche passo.

Il gioco a rete

Nel gioco del tennis, il gioco a rete è sinonimo di strategia offensiva. Di solito andando a rete si cerca di conquistare un punto attivamente, mentre rimanendo sul fondo del campo si tende a costruire pressione ed operare un lento logoramento dell'avversario nella speranza di portarlo all'errore. Tuttavia non tutti i personaggi del gioco si prestano a una strategia di questo tipo. Semplificando la questione, Dry Bowser, Waluigi, Luigi, Mario e Yoshi sono ottime scelte per l'attacco a rete, mentre qualora vestiate i panni di Baby Mario, Baby Luigi, Baby Peach, Luma o Peach è meglio che optiate per un'altra strategia.

Affinché il gioco a rete si riveli produttivo, dovrete mantenere pronti i vostri riflessi e giocare ogni Quick Shot possibile. Solo un ritmo molto elevato infatti vi garantirà un vantaggio sull'avversario. La soluzione di Mario Tennis Open Di tanto in tanto potrebbe capitarvi la possibilità di poter eseguire un Flat Shot da questa posizione: cogliete ovviamente la volo l'occasione, ma non aspettatevene molte. La pressione esercitata sull'avversario infatti è l'asso nella manica del giocatore a rete: quando questa viene a mancare, le cose iniziano a mettersi male. Sotto rete infatti si è naturalmente esposti a parecchi rischi che si concretizzano sotto forma di Lob Shot o Flat Shot ben piazzati. Quando vi rendete conto di aver perso il polso della situazione, è inutile insistere con la sfrontatezza a rete: allargate il raggio dei vostri tiri e fate correre il vostro avversario nel tentativo di guadagnare tempo prezioso per retrocedere verso il fondo del campo.

Il gioco dal fondo

Se il gioco a rete non fa per voi, non vi rimane che esercitarvi con il gioco da fondo campo. Questa strategia è più riflessiva rispetto alla precedente e si basa su un lungo ed attento studio delle caratteristiche dell'avversario al fine di riconoscerne le debolezze e sfruttarle a proprio vantaggio. In genere questo tipo di gioco si associa più facilmente ai giocatori dotati di velocità, tecnica o Tricky.

La base su cui poggia il gioco dal fondo è il Flat Shot. Iniziate a martellare il vostro avversario sfruttando tutti gli aspetti positivi che possono derivare da una simile scelta: non solo infatti questi tiri sono difficili da controbattere, ma il loro utilizzo diminuisce anche le probabilità che appaiano Chance Shot al vostro rivale. L'obiettivo da raggiungere nella fase iniziale dello scambio è impedire che il giocatore avversario riesca ad avvicinarsi a rete: cercate dunque di farlo correre da un lato all'altro del campo mentre vi impegnate a far rimbalzare la palla sempre nei pressi della linea fondo. Così facendo, otterrete anche un altro vantaggio collaterale: lo scambio lungo vi permette infatti di osservare quale dei vostri colpi mette più in difficoltà il rivale.

Due filosofie di gioco

Tra i giocatori di Mario Tennis Open ci sono due diverse scuole di pensiero circa la strategia di gioco più efficace. Da un lato ci sono i cultori di un gioco più efficace sul breve periodo, finalizzato al colpo sul lato scoperto dall'avversario. Questa visione di gioco prevede una lettura immediata di ogni situazione al fine di sfruttare in ogni colpo i vantaggi derivanti dalla posizione in campo dell'avversario: se si trova sotto rete potete caricare un Lob Shot, se si trova a fondo campo potete provare a sorprenderlo con un Drop Shot. Contro avversari controllati dalla CPU la scelta più ovvia si rivelerà spesso anche quella migliore. Contro avversari umani invece potreste invece sfruttare l'effetto sorpresa, specialmente in quei frangenti in cui un colpo sembra fin troppo telefonato; un avversario rimasto troppo tempo sotto rete ad esempio cercherà di riguadagnare il fondo del campo appena leggerà in voi un minimo di esitazione: potreste dunque lasciare che compia qualche passo indietro per poi sorprenderlo con un Drop Shot che si spegnerà sotto rete. Viceversa potreste sorprendere con un Lob Shot l'avversario che si affretterà a guadagnare la rete dal fondo.

All'opposto di questa visione di gioco si trova chi intende ogni giocata come una lenta opera di lavoro ai fianchi dell'avversario, che verrà portato all'errore per logoramento. Questa strategia si basa sullo sfruttamento di ogni Chance Shot, abbinato a un attento studio dei colpi, delle loro contromosse, e dei metodi utili a ridurre le probabilità che Chance Shot si rendano disponibili per il vostro rivale. Il coronamento di questo tipo di gioco è un colpo che costringe l'avversario a lanciarsi al suolo per raggiungere la pallina, esponendolo così a quello che probabilmente si rivelerà il colpo del punto.

Come avrete potuto desumere da quanto appena scritto, non esiste una strategia universale per eccellere a Mario Tennis Open. Molto dipende da voi, dal vostro stile di gioco innato e dalla pazienza di cui disponete. Nel tennis vero, però, così come nella sua versione videoludica del portatile Nintendo, ricordatevi che l'arma più importante di cui disponete è il sangue freddo, per reagire razionalmente in ogni situazione, anche la più disperata, unito alla perseveranza: nessuna partita è mai persa fino all'ultima palla e un match ball per l'avversario è solo il primo punto su cui costruire la rimonta!

Video della soluzione - Prima parte