La soluzione di Torchlight  4

Multiplayer.it vi aiuta a far luce in questo divertente dungeon crawl!

Attenzione

La soluzione è basata sulla versione americana del gioco, alcuni termini potrebbero dunque variare rispetto alla versione italiana.

Personaggi

La classe scelta per affrontare il gioco influenza notevolmente l'esperienza. Tuttavia, a differenza di altri giochi, le classi non sono eccessivamente limitanti. Le tre tipologie disponibili infatti (Alchemist, Destroyer e Vanquisher) si differenziano per la propensione all'uso della magia, delle armi e dello scontro fisico. Nonostante ciò è comunque possibile utilizzare un personaggio più portato alla magia e sviluppare, ad esempio, la sua abilità con le armi da tiro. Vediamo ora le caratteristiche principale di ciascuna classe.

Alchemist: inizialmente la sua peculiarità è l'abilità nel controllo della magia. Le sue statistiche collegate alle arti magiche aumentano con maggiore rapidità rispetto alle altre e ciò si traduce in incantesimi e supporto alle evocazioni. Oltre a ciò scoprirete presto che l'Alchemist non è del tutto impreparato sul piano del combattimento fisico. È comunque il caso di concentrarsi, quantomeno inizialmente, sul miglioramento delle statistiche collegate alla magia, per poi occuparsi della difesa e della forza. Se però volete sfruttare le possibilità offerte dalla sua abilità nel combattimento non trascurate il battle tree e concentrate gli sforzi su forza e difesa. Altrimenti potreste specializzarvi nell'evocazione e prediligere il comparto magico, indirizzando i vostri sforzi verso il potenziamento dei danni elementari grazie all'uso di bacchette magiche.

Destroyer: se la vostra intenzione è quella di picchiare selvaggiamente i vostri nemici il Destroyer è il personaggio che fa per voi. La sua forza cresce vertiginosamente ed è accompagnata da numerose skill collegate all'attacco. Come nel caso dell'Alchemist però le spiccate capacità in un campo non precludono la padronanza di altre arti. Il Destroyer infatti sa destreggiarsi ugualmente con alcuni incantesimi ed è capace di utilizzare attacchi basati sulla magia. Inoltre è il solo a disporre di incantesimi per l'aura. In ogni caso è bene che inizialmente consideriate una priorità il potenziamento di tutte le abilità collegate all'attacco fisico. Quando avrete raggiunto un livello che ritenete soddisfacente su quel piano potete pensare di concentrarvi sulle arti magici, migliorando gli attacchi elementari. L'abilità meno utile a questa classe di personaggi è probabilmente la destrezza.

Vanquisher: la Vanquisher è l'ideale per non sporcarsi le mani e uccidere i nemici da distanza di sicurezza. Si tratta del personaggio più difficile da padroneggiare, anche a causa della debolezza delle sue capacità iniziali. Ovviamente si tratta comunque del personaggio più forte negli attacchi dalla distanza. Tuttavia, una volta ottenuti gli Esploding Shot la Vanquisher diventa probabilmente il personaggio più forte del mazzo. Serve in ogni caso una buona dose di pazienza per impararae a padroneggiarla ed attendere che le sue capacità sboccino. Quando ciò avviene vi troverete per le mani il personaggio più dotato in destrezza, in grado di accedere alle Rogue Skill, ma anche abile nel corpo a corpo. Benché quest'ultima abilità sia ancora poco efficace se paragonata al combattimento dalla distanza, la lotta fisica può regalare soddisfazioni inattese per una arciera. La capacità di posizionare trappole le conferisce poi un quid che la differenzia e la eleva sopra le altre due possibili scelte.
Lo sviluppo delle sue abilità è collegato alle vostre decisioni. Se volete usare principalmente gli attacchi dalla distanza concentratevi su destrezza e difesa, senza trascurare del tutto la magia. Altrimenti concentratevi sulla forza per sviluppare maggiormente le vostre capacità nella lotta.

Sviluppo del personaggio

Al di là della classe scelta, potrete decidere di sviluppare il vostro personaggio secondo quattro direzioni.

Evocatore: qualora vogliate diventare un evocatore la scelta più ovvia è quella di interpretare un Alchemist. Questo infatti ha la possibilità di rivolgersi a Golem ed Imp. È la classe adatta se volete sporcarvi le mani il minimo indispensabile, lasciando che siano le vostre evocazioni a fare il lavoro sporco. È comunque possibile intraprendere il cammino per diventare un buon evocatore anche utilizzando un Destroyer o una Vanquisher. Tra i due, il più malleabile risulta essere il Destroyer, che dispone di due skill da evocatore, mentre la Vanquisher non ne ha nessuna. Tuttavia utilizzando gli incantesimi anche quest'ultima può facilmente ricorrere alle evocazioni. Una buona scelta per un evocatore è quella di potenziare la Pet Mastery, così da sfruttare anche i bonus all'armor e all'attack raddoppiando la vostra della creatura evocata. Qualora non siate un evocatore naturale, ma un Destroyer o un Vanquisher concentratevi sul miglioramento delle doti magiche, ricordando che quelle influenti sulle evocazioni sono collegate allo Charm.

Incantatore: L'incantatore ovviamente fa un abbondante ricorso alla magia, consumando parecchio Mana. La magia può essere utilizzata grazie alle skill innate, o attraverso gli incantesimi appresi. A seconda di ciò che trovate più divertente specializzatevi in una Spell Mastery, poiché questa scelta influenzerà pesantemente i vostri Advanmced Spell. Anche il Critical Strike ha una buona influenza sull'efficacia dei vostri incantesimi.

Tank: Come suggerisce il termine stesso, il Tank è portato per la battaglia, adora le cariche, e sa dispensare tanto dolore quanto è in grado di assorbirne. Dopo aver potenziato forza e difesa concentratevi su skill quali Critical Strike, Block, Armor Expertise. Quindi specializzatevi nell'utilizzo di un arma. La scelta spazia tra la combinazione arma e scudo, due armi, o un'arma a doppia impugnatura. Ovviamente la decisione dipende dalle capacità difensive del vostro personaggio e dalla disponibilità a soffrire nelle fasi iniziali (soprattutto usando un'arma a doppia impugnatura) per poi risultare decisamente più potente sulla lunga distanza. Una buon aggiunta può essere rappresentata da qualunque cosa vi potenzi con Bonus Damage e Life Leech.

Cannon: sacrificando un po' di abilità difensive si può costruire un'autentica macchina da guerra addestrata al combattimento dalla distanza. Potreste addirittura uccidere i nemici prima di entrare nel loro campo visivo. Ovviamente la classe naturale per questa specialità è la Vanquisher. Anche in questo caso potete decidere la combinazione di armi da utilizzare. Potreste infatti affiancare uno scudo a una pistola (compensando in parte anche le lacune difensive). Oppure optare per due armi o per un'arma a doppia impugnatura. Non curatevi della forza, ma concentratevi su destrezza e magia, cercando di non far crollare eccessivamente difesa. Nella scelta delle skill prediligete la Magic Weapon, la Ranger Weapon e il Critical Strike.

Cenni iniziali & Torchlight

Torchlight è un hack'n'slash che ripropone fedelmente le meccaniche di gioco di Diablo e simili. I livelli sono piuttosto lineari e i nemici, per chi ha un'infarinatura del genere, risultano facilmente riconoscibili per tipologia e grado di manaccia. Il gioco è organizzato in dungeon, ma una volta che li avrete completati tutti l'esperienza non si esaurirà. Allora infatti potrete dedicarvi all'esplorazione della Shadow Vault, sezione che vi sottopone una varietà infinità di dungeon generati casualmente da esplorare alla ricerca di oggetti e rarità. Se ciò non fosse abbastanza potrete inoltre acquistare delle mappe, seguire delle quest, o esplorare i livelli della Ember Scholar Map.

Dall'hub del gioco avete a disposizione diverse opzioni.

Vasman: la ricerca dei pezzi di Ember è gestita da Vasman. Parlando con lui verrete inviati a svolgere missioni nell'area di gioco, il cui scopo ultimo è ovviamente il ritrovamento di diversi pezzi di Ember. In particolare questi possono essere scovati nei livelli 1, 5, 10, 18, 23, 28 e 33, tuttavia egli vi affiderà compiti da svolgere nelle maggiori aree della mappa di gioco. Assicuratevi di non lasciare indietro nessun pezzo di Ember, la ricompensa per il loro ritrovamento è sempre di valore (per il primo pezzo, ad esempio, riceverete una gemma del caos), e inoltre solo così potrete ottenere mappe particolari che vi consentono l'accesso a nuovi dungeon.

Duran: questo personaggio ha la capacità di mutare forma agli oggetti. In generale i suoi servigi sono richiesti al fine di far salire di livello degli oggetti in possesso dei giocatori. Le combinazioni in grado di generare oggetti utili e preziosi sono numerose (ci limitiamo qui ad elencare le più comuni; sappiate che è comunque possibile scoprirne altre). Se gli consegnate due gemme le trasmuterà in due gemme del livello superiore, oppure con quattro sarà in grado di far salire di due unità il loro livello. Con due oggetti magici sarà in grado di consegnarvi o una Cracker Ember o una Dull Ember. Oppure ancora, con quattro item unici è in grado di confezionare una Ember di quarto livello. Le sue capacità non si esauriscono qui: da tre anelli magici può ricavare un altro anello (dalle caratteristiche causali), stessa cosa per le collane, mentre con tre pozioni di pari livello può confezionare una pozione di livello superiore. Per evitare delusioni ricordate solamente che le Gemme del Caos non possono essere upgradate.

Gorn: si tratta di un distruttore, la sua specialità consiste nella distruzione degli oggetti in vostro possesso, da cui ricava girelli incastonati all'interno.Grazie a lui potrete dunque riutilizzare Ember ed altri oggetti altrimenti inutili.

Furl: questo individuo è in grado di estrarre le gemme ed altri elementi incastonati all'interno degli oggetti. Se nel prezioso oggetto che possedete avete incastonato una pietra di poco valore e volete rimediare è a lui che dovete rivolgervi.

Duros: è un commerciante che ama l'azzardo. Presso di lui si compra a scatola chiusa, e se avete molta fortuna l'oggetto acquistato per pochi spicci può rivelarsi raro, o addirittura unico. Come in ogni gioco d'azzardo però, le fregature sono sempre dietro l'angolo.

Kolos: la classica figura del fabbro rinvenibile in numerosi altri giochi di ruolo. Egli confezione armature ed armi, ma è anche in grado di upgradare quelle in vostro possesso. Frequentate la sua bottega di frequente, soprattutto durante i primi tempi di gioco, per scovare inattesi oggetti rari. Col prosieguo dell'avventura gli oggetti raccolti durante l'esplorazione della Shadow Vault sostituiranno la necessità di rivolgersi ai suoi servigi.

Tarn: un venditore di oggetti di poco conto, principalmente pozioni e pergamene. Utile nelle prime fasi di gioco non vi rivolgerete più a lui dopo aver provato un Identify Spell.

Goren: la peculiarità di Goren consiste nella capacità di rimuovere incantesimi che condizionano gli attributi dei vostri oggetti. Le probabilità di successo variano a seconda delle condizioni in cui versano gli oggetti.

Triya: la migliore mercante di oggetti, anche magici, che potete incontrare, almeno nelle fasi iniziali. Si occupa di Ember, gemme, anelli, amuleti, occasionalmente incantesimi, ma anche bacchette magiche. Le Ember in suo possesso sono, quasi sempre, Cracked Ember. Tuttavia in qualche occasione può capitarvi di trovarne una intatto, a un prezzo d'occasione, più basso di quello che vi servirebbe ad acquistare due Cracked Ember da cui ricavarne una utilizzabile

Stash: fondamentalmente, un grande ed utile armadio, un capiente inventario in cui conservare ogni tipo d'oggetto.

Tranfer Chest: simile allo Stash, questa cassa vi consente di scambiare oggetti tra i diversi personaggi. Oltre a oggetti ormai inutili e ad altri, curiosi, ma altrettanto inutili, potete immagazzinare in questo luogo anche Ember, poiché solo attraverso questo mezzo vi sarà possibile ottenere una collezione completa durante il normale svolgimento del gioco.

Hatch: dopo aver battuto Brink otterrete una prima quest. In tutte le altre che seguiranno vi sarà richiesto di ritrovare e raccogliere artefatti attraverso portale da tempo dimenticati dall'uomo. Ogni volta che scoprirete una nuova area oltre le miniere vi sarà assegnata una quest relativa a questa trama. I livelli da esplorare per lo svolgimento di questi compiti sono in genere su due livelli, e decisamente più ostici rispetto a quelli che costituiscono la trama portante. Tuttavia la quantità e la qualità degli oggetti che è possibile raccogliere durante la loro esplorazione rendono più tollerabili le difficoltà che vi troverete ad affrontare.

Trill-Bot 4000: questo essere vi fornisce un set completamente nuovo di missioni collegate alla storia, nelle quali potrete imbattervi in mostri unici, da aggiungere alla vostra collezione di bestie rare uccise.


Quando credete di aver visto tutto quello che inizialmente c'è da vedere è giunto il momento di iniziare l'avventura principale. Dal luogo in cui entrate a Torchlight andate a ovest, dove vi attende un gruppetto di mostri. Liberatevi di loro e per qualche tempo non dovrete più preoccuparvi di altre minacce. Parlate allora con Syl ed ascoltate il racconto che introduce la main quest, dopodichè recatevi a colloquio con il suo amico Brink. Terminata la conversazione parlate anche con Trill e Vasman per conoscere altre faccende che daranno spunto ad altre quest nel corso del gioco.

Mines

I quattro livelli successivi a quello iniziale sono ambientati nelle profondità delle miniere. Imparate che è il caso fi da subito di guardarsi intorno con attenzione. È possibile infatti scorgere pergamene, portali verso la città, ma anche incantesimi, Identify e altri oggetti di valore. Non solo: quando vi imbattete in quelli oggetti che assomigliano tanto a stura-lavandini non esitate a usarli, poiché così facendo spalancherete l'accesso ad aree segrete solitamente colme di gioielli ed altri oggetti. La discesa nelle miniere però non regala solo momenti piacevoli: ogni qual volta vi trovate a camminare vicino ad un buco o a un canale di scolo tenente alta la vostra attenzione nell'attesa che un grosso ratto o un uomo pipistrello spunti ad attaccarvi.
Nel secondo livello farete la conoscenza di Brink, il quale vi seguirà fin quasi al termine di questa ambientazione. Poiché Brink non può morire (per necessità narrative, come scoprirete in breve) approfittate di questa sua presenza ed esplorate alcune delle mappe alternative che vi è possibile acquistare al momento. Fatelo prima del quarto livello, però, poiché in quel punto Brink diventerà un nemico, grazie alle manovre di Master Alric, e vi toccherà combatterlo e sconfiggerlo: la pozione che lascerà al suolo però vi garantirà un notevole boost difensivo. Poco tempo dopo incontrate Syl: ascoltate i suoi suggerimenti e proseguite con l'esplorazione fino alle cripte per trovare una cura al male che cerca di impossessarsi di voi. Non dimenticate di attivare il portale così da poter tornare in quest'area ogni volta che vogliate senza dover ripercorrere l'intero tragitto.

Tomb of Awakened

In quest'area trovate spesso oggetti utili, soprattutto pergamene, adagiate sui leggii. Non trascurate comunque l'esplorazione finalizzata alla ricerca di leve, che aprono zone segrete del livello in genere traboccanti di accessori e pozioni. Assicuratevi ad ogni modo di visitare ogni angolo dell'area delle cripte, poiché alcuni passaggi segreti potrebbero rivelarsi alla vista (spesso sotto forma di scivoli) semplicemente quando vi passate affianco. Non muovetevi comunque con eccessiva leggerezza, oltre a vantaggiose opportunità questo ambiente cupo cela anche numerose trappole. Sappiate ad esempio che ciascuna cassa potrebbe contenere, invece di utili armamenti, non-morti pronti ad attaccarvi. Dopo averli uccisi però potrete ugualmente raccogliere degli oggetti dai loro resti. Quando arrivate poi nei pressi di gruppi di tre leve ricordatevi di tirarle partendo da destra.
Di questo gruppo di livelli due in particolare meritano una menzione. Il sesto ospita il Lair of the Sister. In tutto e per tutto simile a un livello normale, riservaa alla sua conlusione un Boss Fight; ricordatevi al termine dello scontro di leggere il libro. Dopo aver raccolto tutti gli oggetti e aver ucciso tutte le sorelle potete passare oltre.
L'ottavo invece ospita l'Overseer. Dopo aver acceso il braciere ed averlo ucciso potrete raccogliere da suolo un occhio il quale vi garantirà un boost di 25 punti (permanenti) alla vostra salute. Ancora una volta attivate il portale prima di passare oltre così da poter fare comodamente ritorno in questo luogo qualora lo necessitiate.

Estherian Ruins

Presto incontrate Syl. Vi verrà posta una lista di possibilità tra cui scegliere. In realtà dovrete comunque esplorare tutte e tre le scelte a vostra dispostone. Per farlo nel corretto ordine ed essere sicuri di non mancare nessuna quest iniziate dall'opzione più in alto e poi scendete. Percorrete con calma ogni ambientazione ed osservate l'ambiente circostante, poiché alcuni segni potrebbero rivelarvi la presenza di oggetti o aree nascosti. I muri coperti da piante rampicanti infatti sono spesso false barriere, e vi sarà sufficiente avvicinarvi e oltrepassarli per raggiungere le aree che essi celano. Altre volte per accorgersi di luoghi non immediatamente accessibili sarà necessario tenere sottocchio la mappa e osservare la presenza di una vasta area apparentemente irraggiungibile. Stazionando nei dintorni con pazienza potrete assistere all'emersione di un sentiero che, spuntando dalla palude, vi conduce a zone ricche di oggetti preziosi. Inoltre, qualora teniate particolarmente al completamento del bestiario, in questa sezione vi imbatterete più di una volta in pozze d'acqua che ospitano una gran quantità di pesci. Il sedicesimo ed ultimo livello di quest'area è popolato da nuove pericolose tipologie di nemici (Tu'Tara Lizardmen ed Elementar, principalmente). Se non riuscite a trovare la direzione per l'ultima piattaforma rivolgetevi a sudest. Non dimenticate ancora una volta di attivare il portale prima di parlare con Syl e passare al gruppo di livelli successivo.

Tu’Tara

Quest'area è più povera di tesori ed aree nascoste rispetto alle precedenti. Tuttavia avrete ugualmente l'opportunità di visitare alcune aree, non presenti sulla mappa, dove fare raccolta di tesori ed oggetti utili. I Phase Beast, una volta uccisi, lasciano un portale passando attraverso il quale si accede a zone in cui verrete attaccati da alcuni nemici più forti della norma, ma la cui morte causa la caduta di armi e gemme.
I nemici principali di questo livello sono due. I Lizard Men e gli Ember Giant. Questi ultimi, se uccisi, lasciano al suolo Ember. I Lizard Man invece si distinguono in base al colore. Quelli rossi sono caratterizzati da uno scudo che li protegge dai vostri attacchi. Quelli blu invece hanno capacità magiche ed oltre ad attaccarvi con degli incantesimi possono anche guarire i loro compagni intorno. Quelli arancioni infine sono abili nell'uso delle armi e nel corpo a corpo.

Goblin Dungeons

Anche in questa sezione potete incontrare i Phase Beast. Come in precedenza, accedete al portale che compare alla loro morte per esplorare zone esterne alla mappa in cui raccogliere oggetti rari, a patto di sopravvivere ai forti nemici che le popolano. Altre aree segrete possono essere raggiunte facendo saltare in aria i corni che incontrate sparsi per il livello: così facendo appariranno dei ponti che collegheranno il luogo dove prima c'era il corno alla nuova area segreta.
Come il nome lascia intendere però i nemici principali dei livelli che compongono quest'area sono i goblin. Diffidate in particolare di quelli armati di dinamite, in grado di privarvi di metà della vostra salute con un solo lancio di esplosivo. Al 24° livello, durante l'assedio alla prigione, farete la conoscenza di Krag, un troll piuttosto ostico. Per facilitarvi la vita durante lo scontro uccidete per prima cosa il suo Trollmaster, così da indebolirlo. Dopo averlo ucciso parlate con Syl e passate ai livelli successivi.

Lost Fortress

Se l'area precedente era territorio dei goblin qui sono invece i nani a farla da padrone. Non c'è molto da segnalare. Le aree segrete sono decisamente facili da individuare, tanto da dubitare della loro segretezza. Tuttavia è bene che non procediate in assoluta leggerezza, poiché il percorso è disseminato di trappole composte da spuntoni che sorgono dal terreno, e la cosa potrebbe mettervi in difficoltà. Ricordate inoltre che le catapulte lanciano il proprio carico solo in avanti, perciò il loro raggio d'azione è piuttosto ristretto.
Nei livelli finali di questa sezione la storia si smuove. Al 27° Syl vi libera dell'influenza negativa, poco prima di essere rapita da Alric. Procedete fino al 29° livello e sconfiggete Medea, un mostro dalle sembianze di un gatto, quindi attivate il portale e proseguite verso il Black Palace dove dovrete affrontare Alric.

Black Palace

Quest'area è piuttosto oscura e di conseguenza è difficile capire dove bisogna andare. Il consiglio è quello di esplorare ogni centimetro quadrato del livello, poiché i tesori nascosti abbondano e questo appare il modo migliore per trovarne un gran numero e al contempo essere sicuri di scovare una via per proseguire. I cerchi rossi presenti su alcune piattaforme sono in realtà teletrasporti che conducono in aree piene di utili oggetti da raccogliere. I nemici principali sono Dragonkin e Dark Servant, ma è possibile incontrare anche Phase Beast, che anche questa volta lasciano portali esplorabili dopo la loro morte. La storia portante termina in quest'area. Al 31° livello dovrete combattere un mostro per liberare Syl dalla sua prigionia. Seguitela e poco oltre, al 34° livello, affronterete Alric una prima volta. Il vostro avversario però si rivela un codardo e scappa. Nel 35° e ultimo livello dovrete infine sconfiggere Ordrak e la sua orda di Dragonkin e Skeleton che evoca per disturbarvi durante lo scontro. Dopo la sua morte Syl vi mostrerà il suo affetto, ma per voi si apriranno altre possibilità nel gioco.

Eventi successivi alla sconfitta di Ordrak

Dopo gli eventi che chiudono la battaglia con Ordrak, Goldenrod vi dà la possibilità di ritirarvi. Così facendo potrete lasciare in eredità un Heirloom ai vostri discepoli. Questo oggetto consente di aggiungere un +10%, oppure un +1, a qualunque statistica, a prescindere dal livello già raggiunto. Inoltre, agisce anche sulle statistiche degli oggetti, aumentando ad esempio la distanza che una freccia può percorrere. Sappiate però che i suoi effetti su oggetti che influenzano la salute, o che danno bonus per danni elementari, possono essere alquanto bizzarri.
La conclusione della vicenda principale schiude la Shadow Vault. Tre personaggi vi possono assegnare missioni collegate alla Shadow Vault.
Vasman vi chiede di recuperare Ember da un piano della Shadow Vault. Per ogni piano della Shadow Vault ci sarà una missione di questo tipo
. Valeria vuole che uccidiate un nemico particolare (e unico) per ogni piano della Shadow Vault. Anche in questa occasione ci sarà una quest associata ad ogni piano.
Gar vi incarica infine di raccogliere oggetti che si possono trovare, ovviamente, solo all'interno della Vault . Ogni oggetto unico è collocato su un differente livello, perciò dovrete soddisfare di volta in volta le quest collegate a ciascun livello.

Mappe acquistabili

Durante il corso del gioco vi imbatterete in numerosi mercanti che vi proporranno di acquistare le loro mappe. Queste mappe consentono l'accesso ad aree esterne all'avventura principale, costituite in genere da due livelli sovrapposti. Ciascuna area è caratterizzata da un paio di nemici unici, il cui livello è solitamente stabilito sul vostro grado di avanzamento, così da garantire sfide interessanti, ma mai eccessivamente frustranti. Il numero che compare dopo il nome della mappa sta ad indicare il range entro il quale varierà il livello dei nemici lì presenti. Queste mappe offrono ottime opportunità, sia perché consentono di livellare e guadagnare esperienza facendo così salire il livello del vostro personaggio, sia perché custodiscono spesso oggetti rari e di valore. È consigliabile approfittare della compagnia di Brink, nel livello delle miniere, per esplorare quante più mappe vi è possibile. Ricordate che qualora moriate all'interno di una mappa verrete ricondotti all'esterno e non vi sarà più possibile accedere all'area descritta da quella mappa a meno di non recuperare un'altra mappa identica, evento piuttosto raro.

Mappe segrete

Completando la ricerca di Ember per conto di Vasman all'interno della Shadow Vault potrete mettere le mani su delle Mappe Segrete. Queste mappe consentono l'accesso ad aree particolari, simili per concezione a quelle raggiungibili attraverso le mappe acquistabili dai mercanti. Anche qui infatti il livello dei nemici è bilanciato sul vostro (se affrontate a difficoltà normale), tuttavia a ciò aggiungono la presenza di rompicapo e trappole. La presenza di ricompense di alto valore rende la loro esplorazione decisamente conveniente.
La mappa Crypt vi richiede di riempire la piscina che troneggia nel centro dell'area. Andate quindi inizialmente a sud per tirare la leva, quindi tornate sui vostri passi e salite a tirare l'altra leva a nord. Ora potrete entrare nella sala centrale e, dopo aver attraversato la sezione resa pericolosa dalle fiamme, raggiungere la leva che abbassa il ponte. I vostri sforzi vengono premiati con un Enchantment Strine e altri oggetti.
Swamp invece, ambientata in una palude, vi richiede di attraversare le pareti spugnose per giungere al fondo dell'area dove si trova la leva da premere. Sappiate fin da ora che la vostra evocazione e il vostro pet potrebbero non uscire bene da questa sezione. Dopo aver utilizzato la leva tornate alla parte iniziale dell'area e tirate la leva che vi dà accesso alle scale: al livello superiore vi attende un'altra stanza simile a quella appena affrontata.
La terza mappa, Lava, è semplice nella meccanica: ciò che dovrete fare infatti è semplicemente tirare le leve in sequenza per aprire la porta che conduce al ponte. Meno facile sarà avere successo in questo compito.
Anche nella quarta mappa, la Dwarven Fortress, avrete a che fare con leve e ingranaggi. Questa volta il vostro fine è aprire l'area centrale, disseminata di spuntoni, così da poter passare oltre. Per farlo dovrete eseguire una sequenza sul gruppo di leve per accedere ai passaggi che conducono ad altre leve che smontano la trappola. Tirate allora le leve in sequenza (destra-sinistra-destra) e accedete al passaggio di sinistra. Tirate la leva lì presente, quindi eseguite un'altra sequenza (sinistra- sinistra- sinistra). Percorrete il nuovo passaggio aperto, attivate il successivo con la sequenza sinistra-destra-sinistra ed infine uscite dalla mappa.

Video della soluzione - Prima parte