La soluzione di Shank  4

Multiplayer.it vi accompagna nel viaggio di Shank, mano calda e pistola in pugno.

Attenzione

La soluzione è basata sulla versione americana per PlayStation 3 del gioco, alcuni termini e/o passaggi potrebbero dunque variare rispetto alla versione italiana.

Cenni generali

Non lasciatevi tentare eccessivamente dalla motosega, la quale è sì molto efficace, ma vi espone agli attacchi nemici durante l'animazione con cui viene eseguita. Evitate allo stesso modo gli attacchi pesanti durante sezioni molto affollate: l'animazione è piuttosto lunga e può essere interrotta dagli spari nemici. Imparate piuttosto a fare affidamento sull'attacco in salto, rapido, letale, e in grado di colpire più di un nemico in una volta sola. In situazioni affollate poi è bene ricorrere al lancio dei nemici che vi permette sia di liberarvi del nemico più vicino, sia di atterrare buona parte di quelli alle sue spalle. Quando avrete campo libero poi potrete utilizzare le armi per fermare i nemici prima ancora che riescano ad avvicinarsi.

Nemici

I nemici standard si presentano in diverse versioni, ma la differenza sostanziale tra esse è rappresentata solamente dalle armi che impugnano. Dopo aver bloccato i loro attacchi potrete mettere a segno un contrattacco premendo uno qualsiasi dei tasti d'attacco. Tutti i nemici, compresi quelli standard, lampeggiano per breve tempo prima di eseguire un attacco. I nemici standard poi sono gli unici su cui potete eseguire una combo aerea.

I nemici più grossi si differenziano da quelli standard principalmente per una maggior forza ed energia, ma le differenze non si limitano a ciò. Innanzi tutto non possono essere scagliati, ma solo afferrati. In generale i nemici più grossi arrivano insieme a un gruppo di nemici standard: eliminate prima quest'ultimi per essere poi più liberi di muovervi in seguito. Contro i nemici grossi infatti la velocità con cui si schivano i loro colpi è fondamentale. Se possibile però cercate di tenerli a distanza bersagliandoli con le armi da fuoco.

Infine i cani: per non soffrire eccessivamente la loro presenza vanno tenute a mente due cose. I loro attacchi devono essere parati, così facendo Shank lancerà il cane a distanza, atterrando anche io nemici sulla traiettoria. La schivata infatti con loro non funziona: usate sempre la parata, che si rivela la mossa migliore. Ovviamente sono sensibili ad armi da fuoco e pugnalate, ma non possono essere scagliati una volta afferrati.

Livello 1 – Return Home

Nulla da segnalare, il primo livello vi mette davanti ad alcuni nemici, grandi e piccoli, ma la curva della difficoltà resta sostanzialmente piatta. Potreste comunque incontrare difficoltà, perciò ricordatevi di utilizzare le bottiglie per rimpinguare la barra della salute.

Livello 2 – Boss - A Big Show

Contro questo boss sfruttate gli attacchi rapidi e sgusciate velocemente alle sue spalle usando la schivata ogni volta che parte alla carica. L'arrivo di una carica è segnalatoe dal fatto che il boss lampeggia per qualche breve istante: in quel momento evitate il suo attacco con una schivata facendolo finire contro il muro, poi siate pronti a premere R1 per saltargli sulle spalle e ferirlo. Ripetete questa operazione fino alla sconfitta del boss. Volendo potreste rimanere aggrappati al muro per tutto il tempo e attendere il momento giusto per premere R1.

Livello 3 – Other Side of the Track

Da questo livello avrete a disposizione lo shotgun: ottima arma da usare sulla breve distanza. Un uso alternativo di quest'arma è quello di creare spazio: anche qualora non uccida i nemici infatti un suo colpo stordisce l'avversario e lo scaglia a distanza. Imparate d'ora in avanti a usare anche l'assassinio silenzioso, eseguibile con R2 mentre vi muovete da un palo all'altro verso un nemico. Nel corso del livello farete poi conoscenza dei nemici che impugnano mini-gun: fermatevi e non continuate a procedere verso destra per non aumentare ulteriormente il numero di nemici a video, visto che la mini-gun vi darà già abbastanza grattacapi., Dopo averlo sconfitto afferrate la mini-gun e usatela voi. Oltre arriverete in uno spiazzo dove, in aggiunta ai nemici al suolo, dovrete preoccuparvi anche dagli spari che arrivano dall'alto. Cercate dunque di abbattere subito i nemici in posizione sopraelevata con la pistola per non dover subire troppo a lungo i loro colpi.

Livello 4 – Ride

Livello semplice in cui c'è poco da segnalare: dopo la cut-scene mirate ai barili di propano per liberarvi rapidamente di loro

Livello 5 – Cars and Granades

Inizialmente utilizzate la vostra scorta di bombe, sfruttando la cassa sul fondo del treno come riparo. Quando avrete finito con le granate estraete al pistola e utilizzate la copertura per infliggere quanti più colpi vi è possibile. Nel contempo tuttavia dovrete anche stare attenti ai colpi e alle granate nemiche: la cosa migliore da fare è allontanarsi con la schivata e ritornare nella posizione di copertura con la stessa mossa. Sempre da lì potrete agilmente schivare anche i colpi di lanciamissili semplicemente saltando. Occasionalmente vi capiterà di dovervi occupare anche dei nemici che giungono dalle vostre spalle, ma spesso le granate lanciate dalla jeep finiranno per ucciderli, semplificandovi il compito.

Livello 6 – Meatpacking Plant

Si tratta sostanzialmente di un livello platform. Il gioco vi aiuta rallentando nel momento in cui, durante una discesa, vi sarà necessario salvare per evitare una trappola mortale.

La soluzione di Shank

Livello 7 – Boss – The Butcher

Per prima cosa evitate con la schivata la carica iniziale di Butcher. Poi estraete le doppie pistole e mirate ai pezzi di carne appesi al soffitto per farli scendere quanto più in basso possibile. Ora frapponete sempre tra voi e Butcher un pezzo di carne, così che al termine della carica il boss afferri la bestia penzolante, lasciandovi la possibilità di colpirlo con R1. Ripetete questa dinamica finché il boss non cadrà sconfitto.

Livello 8 – Red Lights

Questo livello si fa notare solo per l'introduzione dei nemici armati di shotgun e protetti da scudo, che vanno affrontati da una certa distanza, attendendo il momento in cui si scoprono spostando lo scudo. Altrimenti potete sempre saltargli alle spalle e sorprenderli in questo modo.

Livello 9 – A Good Fight

La difficoltà maggiore di questo livello è data da Cassandra, il boss finale. Inutile provare a colpirla con le armi da fuoco, parerà praticamente ogni vostro proiettile Il suo vero punto debole è rappresentato dai contrattacchi. Avvicinatevi e martellatela con attacchi veloci, poi quando lampeggia siate pronti a schivare e a premere L1, come indicato a video, per bloccare la sua carica e avere a disposizione qualche seconda per martellarla. In generale, non attaccate con troppa fiducia mentre Cassandra è in parata, poiché la rapidità con cui sa uscirne per afferrarvi può stupire. Ad ogni modo, continuate ad approfittare degli attimi che vi concede dopo aver parato i suoi colpi con L1 e una cut-scene chiuderà il duello.

Livello 10 – On the Run

La novità del livello è rappresentata dall'introduzione del corrispettivo femminile del nemico standard, più resistente ai vostri colpi e più abile a scansarli. Per eliminarle è consigliabile afferrarle e scagliarle a suolo così da avere qualche istante per colpirle in libertà mentre si rialzano. Il momento di peggiore difficoltà sarà alla base della rampa di scale, dove verrete aggrediti da un'orda di nemici donne: facendo buon uso delle granate potreste liberarvi di parecchie di loro con facilità.

Livello 11- Sweet Love

Il boss del livello, Denny, sa essere piuttosto ostico se non affrontato nel modo corretto. Le armi e le bombe infatti infliggono danni a Denny, ma di entità davvero modesta. La strategia vincente prevede che teniate sempre tra voi e Denny uno dei tizi con la maschera da topo che periodicamente irrompono nell'area di gioco. Così facendo il boss lo afferrerà trovandolo sulla sua strada, lasciandovi il tempo per eseguire con R1un attacco più incisivo dei normali spari. Per essere sicuri che Denny afferri il tizio con la maschera e non voi arrampicatevi sulla parere.

Livello 12 – Venom of the Vipers

La difficoltà in questo livelli si impenna d'improvviso da metà in poi, quando iniziano a piovere incessantemente bombe. È consigliabile a quel punto correre in avanti ignorando i nemici finché lo schema non si blocca impedendovi di proseguire, ed affrontare gli avversari lì. Nel mucchio spunterà fuori il granatiere che vi bersaglia di bombe: ovviamente eliminate lui per primo così da avere un problema in meno a cui pensare. Dopo di che una mini-gun vi risulterà parecchio utile per liberarvi dei nemici rimanenti.

Livello 13 – World of Warriors

Si tratta di un livello in cui dovrete sostanzialmente resistere a diverse ondate di nemici, che di ondata in ondata diventano più grossi e cattivi. È bene che conserviate le bombe per le ultime ondate. Come fare a riconoscerle? Sono composte da nemici armati di mini-gun, lanciafiamme e lanciagranate. Non fatevi tentare dalle grosse armi dei nemici, poiché il loro funzionamento spesso non è l'ideale in un'area affollata di nemici.

Livello 14 – A Bad Confession

Come in precedenza, se vi trovate in difficoltà potete semplicemente correre a destra più che potete finchè il gioco non impedisce di proseguire, e affrontare lì i nemici con più calma. Si renderà in particolare molto utile l'attacco col salto. La schivata poi va usata con parsimonia e precisione millimetrica nel tratto di livello in cui il tetto, colpito dai missili, vi crolla addosso. Infine, per muovervi più rapidamente sui pale, potete premere X e saltare invece che passare da uno all'altro, stando però attenti a non cascare di sotto.

Livello 15 - Bombs and Bells

Come prima, se il combattimento coi ninja vi mette in difficoltà correte più lontano che potete, seminandoli sulle piattaforme ed arrivando in cima alla torre.

Livello 16 – Boss – Unjust Steward

La chiave dello scontro con Angelo risiede nello scivolargli alle spalle e da lì colpirlo senza pietà Così facendo potreste anche spingerlo tra le fiamme, stordendolo per qualche secondo, il tempo necessario a premere R1 e mettere a segno una combo. Angelo non è comunque inerme, ma sa parare con discreta abilità: dopo qualche colpo parato lampeggerà e risponderà con un contrattacco molto violento.

Livello 17 – The Underworld

La cosa migliore in questo livello è sfruttare le bombe per tenere a distanza i nemici armati di scudo e shotgun. Qualora riuscissero ad avvicinarsi rotolate alle loro spalle ed attaccateli sul lato scoperto. Inoltre, i barili esplosivi vi vengono incontro: ricordate che qualora fossero coperti potrete colpirli ugualmente sparando attraverso i nemici con lo shotgun, oppure afferrare un nemico e scagliarlo sulla tanica.

Livello 18 – Leap of Faith

Il tremolio dello schermo vi avvisa che è in arrivo una pioggia di pietre. Il fastidio è dato dal fatto che ciò può avvenire non solo mentre vi muovete a piedi, ma anche mentre oscillate tra un palo e l'altro. Nel primo caso vi è sufficiente tenere premuto L1 per pararvi dai sassi in caduta libera. Qualora siate in una fase platform invece non c'è purtroppo nulla che possiate fare se non ripartire dall'ultimo salvataggio. Anche se i checkpoint abbonando, dover ripetere parti del livello già affrontate può scocciare. Mantenendo il ritmo previsto dal gioco è possibile evitare di essere sorpresi dalle rocce in un momento in cui non è possibile evitarle.

Livello 19 – Fertile Ground

Avvicinandosi alla fine del gioco gli scontri si fanno più duri, ma questo livello è decisamente più lineare rispetto ai precedenti. Come in precedenza affronterete una sessione in cui sarete bersagliati dall'alto da alcuni nemici sul soffitto: ignorate momentaneamente i nemici al suolo e occupatevi per prima cosa di quelli in alto, cercando al contempo di evitare i colpi di quelli al suolo.
Il boss del livello, Toro, si comporta esattamente come il primo boss incontrato nel corso del gioco (Livello 2), la sola differenza è che quando una sua carica termina sul muro il boss riesce a prendere lo slancio per effettuare un salto all'indietro provando a schiacciarmi. Scansate questa mossa e premete R1 per mettere a segno un attacco.
Successivamente affrontate un'altra fase in cui i nemici vi sparano dall'alto: questa volta però potrete proteggervi sotto le balconate e da lì rispondere al fuoco.

Livello 20 – The Final Fight

Il boss finale è cesare. A differenza degli altri boss affrontati in precedenza questo non offre alcun punto debole da sfruttare. Per venire a capo dello scontro bisogna essere abili a premere L1 quando indicato a video per parare un suo attacco e rispondere prontamente: evitate perciò di premere furiosamente tutti i tasti di attacco, altrimenti mancherete l'istante in cui L1 sarà efficace. In genere è bene non premere più di un paio di volte consecutive il tasto di attacco, ricorrendo subito dopo a una schivata. Gli attacchi pesanti e le armi si rivelano estremamente controproducenti in questo scontro, evitate entrambi se non volete istigare Cesare ad usare a sua volta le armi. Solo nella terza parte dello scontro avrete la possibilità di eseguire una presa sul boss, come nelle boss battle precedenti. Ognuna delle tre fasi di cui si compone la sfida con cesare mette a vostra disposizione due bottiglie per recuperare energia. Al termine un filmato celebrerà la vostra vittoria. Congratulazioni, avete finito Shank.

Video della soluzione