Madden NFL 12La soluzione di Madden NFL 12 

Tutti seduti davanti alla lavagna, si va a scuola di football!

Cenni iniziali

Come l'anno scorso, anche quest'anno Multiplayer.it ha deciso di occuparsi di Madden Football e fornire agli appassionati una guida in italiano per affrontare il gioco con maggiore consapevolezza. La guida redatta l'anno passato si preoccupava di illustrare gli aspetti più basilari del gioco: regole, strategie offensive, strategie difensive e ruoli. Poiché ovviamente tutti questi aspetti non sono mutati da un anno all'altro potete ancora fare riferimento a quella guida se approcciate per la prima volta un gioco di Football. Tuttavia il pubblico di Madden è composto anche da giocatori più esperti, che ormai padroneggiano le tecniche di base, e cercano qualche consiglio per il salto di qualità.
La guida di quest'anno dunque si propone di fornire una visione più approfondita del gioco, analizzando nel dettaglio alcune giocate specifiche, soppesandone pro e contro, divise in due macro-aree: le strategie offensive e quelle difensive. Buona lettura.

Strategie offensive

Qui di seguito trovate alcuni consigli per il vostro gioco offensivo, utili sia per gestire meglio alcuni aspetti del gioco, sia per conoscere alcune giocate particolari e limare il gap che vi separa da avversari più esperti o più preparati in materia.

Audibles
Le Audibles sono una novità mutuata dalla precedente incarnazione di Madden e riproposte anche nella versione 2012. Per ogni playbook ci sono audibles specifiche collegate a ciascuna formazione, da chiamare sulla linea di scrimmage. La soluzione di Madden NFL 12 Premendo X + la croce direzionale potrete infatti selezionare una delle quattro audibles impostate sulle diverse direzioni - una per ogni direzione, ovviamente. Di norma, delle quattro, due prevedono una giocata di lancio, una corsa e un passaggio in movimento.

Configurazione delle Audibles
Una delle attività più frustranti del gioco è il settaggio degli audibles prima di ogni gara. In particolare, la frustrazione aumenta durante le partite on-line in cui bisogna aspettare lunghi minuti in attesa che l'avversario finisca la procedura di sistemazione. In realtà è possibile occuparsi delle audibles prima degli incontri, senza perdere poi tempo a ridosso di ogni gara. Dal menù principale entrate nel sottomenù My Madden, cliccate su Strategy e poi ancora su Offensive Audibles. In questa sezione potete ora decidere quali audibles usare, ma assicuratevi che siano collegate al playbook che usate solitamente, poiché solo con quello specifico playbook potrete evitare la trafila abituale. Cliccando RB in questo menù, passate alla definizione degli audibles difensivi. Dopo aver scelto gli audibles collegati ai tasti Y, A, X, RB ed LB sia in attacco che in difesa potete salvare i setting e risparmiare molto tempo nelle partite successive, poiché ovviamente usiate il playbook che avete configurato.

Fullback Dives
Chi ha giocato la precedente versione di Madden Football, si ricorderà sicuramente del Fullback Dibe, la strategia di corsa più efficace in assoluto. Anche quest'anno le cose non sono cambiate, e il Fullback Dive è ancora l'opzione più redditizia tra le strategie offensive di corsa. La velocità con cui si sviluppa l'azione infatti rende questa tattica molto difficile da fermare: maggiore sarà la velocità con cui verrà eseguita l'azione, minori saranno le probabilità che i difensori avversari riusciranno ad interromperla.
In generale le azioni di corsa funzionano molto bene contro le difese schierate a zona. La zona infatti prevede che la difesa non si accalchi sul portatore, ma arretri in attesa di un passaggio. Gli attimi necessari alla difesa per comprendere che quel passaggio non arriverà mai, vi consentiranno di guadagnare facilmente alcune yard del tutto indisturbati. La peculiarità del Fullback Dive è che vi impedisce di combinare disastri anche qualora non andasse esattamente a buon fine. La soluzione di Madden NFL 12 Infatti, anche se il vostro avversario fosse estremamente perspicace e riuscisse a decifrare la vostra giocata intuendo ciò che state per fare, il cambio di mano del pallone avviene a una distanza così ravvicinata che è praticamente impossibile che l'ovale finisca a terra incustodito, e così vicino alla linea di scrimmage che mal che vada - proprio nella peggiore delle ipotesi - perderete un paio di yard.
È molto più probabile, tuttavia, che la giocata vada a buon fine. La messa in pratica nei dettagli del FB Dive Play dipende molto da voi. È possibile non usare un Lead Blocker se vi fidate della velocità del fullback. In genere il fullback supererà la linea di scrimmage mentre i difensori saranno occupati dai Lineback, perciò almeno una manciata di yard di corsa sono garantite, ma in media la giocata ben realizzata porta a un guadagno di decina di yard.
Il Fullback Dive non deve mancare nella conta delle formazioni che userete nel corso della stagione, poiché sarà quella a cui ricorrete ogni volta che avrete bisogno.

Toss & Sweep
Toss e Sweep sono delle opzioni che vi consentono di fornire al Running Back un po' di libertà nel backfield. È bene che vengano usate solo con Running Back particolarmente veloci, altrimenti il vantaggio strategico garantito dalla giocata rischia di essere vanificato da un'incursione di un difensore nel backfield.
In linea di massima, Toss e Sweep danno i migliori risultati se scelti all'interno di un set Twin WR. In questo caso, trovandovi di fronte a una difesa a uomo, vi troverete il lato opposto del campo completamente sguarnito. La giocata è rischiosa, poiché nel caso la penetrazione difensiva all'interno del backfield vada a buon fine, vi ritroverete a perdere alcune yard di campo; d'altra parte, qualora la giocata riesca alla perfezione, avrete altissime probabilità di coprire una lunga distanza di corsa prima che un difensore riesca a mettere le sue mani su di voi. Lo scenario ideale in cui mettere in pratica questa giocata prevede che la difesa avversaria sia concentrata nel mezzo; a quel punto il Quarterback può servire una palla larga al Running Back, il quale, difeso da dal Lead Blocker che gli sgombera la strada, avrà gioco facile a coprire una discreta distanza indisturbato.
Gli elementi chiave per affidarsi a Toss e Sweep dunque sono la velocità del Running Back e la difficoltà di penetrazione nel centro del campo. Ricordate ad ogni modo che questo tipo di giocata parte dal cuore del backfield e nel caso qualcosa vada storto, vi ritroverete a perdere yard, o addirittura a consegnare la palla agli avversari nel cuore del vostro terreno di gioco.

Flipping Run
Quella che andiamo ad analizzare ora - insieme alla successiva - è una tecnica di corsa un po' particolare. La soluzione di Madden NFL 12 La Flipping Run è una strategia che consente di cambiare all'improvviso la direzione dell'attacco senza dare il tempo all'avversario di prepararsi a questo cambiamento. Nonostante la giocata venga chiamata da un gesto del Quarterback, questo può in realtà rivelarsi un falso indizio, dunque gli avversari si trovano sempre in posizione di incertezza.
Per realizzare questo tipo di azione è necessario saper leggere con attenzione la disposizione difensiva della squadra avversaria e capire se è il caso di prendere la decisione sul campo, quando avete già chiamato una corsa. La situazione tipica è quella in cui la difesa avversaria è concentrata su un lato, lasciando sguarnito quello opposto, oppure quando ci si accorge che il rivale - nello scontro contro un umano - sta spostando manualmente gli uomini.
Questo tipo di decisione viene preso con un colpetto di analogico destro verso la direzione in cui si vuole spostare l'azione offensiva prima dell'inizio del gioco.

La gestione del Lead Blocker
Quello del Lead Blocker è un ruolo sottovalutato. In pochi infatti credono che attraverso il suo controllo si possa raddrizzare un'azione. Ci sono in realtà scenari in cui tutto sembra andare per il verso sbagliato, quando invece entrando in controllo del Lead Blocker potreste salvare la situazione. Esempio: ad azione appena iniziata, a causa di una serie di errori, la difesa ha già bloccato il Runningback che non ha così più possibilità di avanzare. Che fare? Potete chiamare d'istinto un'altra giocata, oppure nei panni del Block Leader - che dovete aver impersonato prima dello snap, perciò anche in questo caso serve una buona capacità di lettura - rispondete al blocco difensivo, puntando la Left Guard e liberando il Running Back.
In altri casi invece il Lead Blocker torna utile per controllare un particolare giocatore e cambiare così le marcature. In definitiva, si tratta di un ruolo ampiamente trascurato dai giocatori di Madden. Con un po' di dedizione potreste elaborare giocate inedite e imprevedibili, in grado di sorprendere la stragrande maggioranza dei giocatori che andrete ad affrontare.

Player Package
L'introduzione dei Player Package da parte di EA è un tentativo fatto per concedere una maggiore flessibilità nella disposizione dei giocatori. Di recente infatti il gioco imponeva serie limitazioni nella disposizione sul campo dei diversi giocatori al fine di aumentare il livello di simulazione. Alcuni giocatori si erano accorti che attraverso alcuni accorgimenti potevano posizionare degli uomini in campo completamente fuori ruolo ed ottenere risultati migliori del previsto grazie ad alcune caratteristiche: ora questi spostamenti non sono più disponibili, ma c'è ancora spazio per la creatività.
Alcune formazioni NFL infatti sono diventate famose proprio grazie a una disposizione creativa degli uomini sul terreno di gioco. Madden 12 è ora in grado di replicare alcune di queste disposizioni. Una delle più note, ad esempio, è l'aggiunta dei Linebacker sulla goal line, nota come New England Patriots Package. Ma non è la sola: scorrendo con LB/RB la lista, potrete trovare altri package adatti a svariate situazioni, che aggiungono un extra Offensive Lineman, oppure un Quarterback di scorta. Il vostro playbook vi propone centinaia di package differenti, sta a voi studiare quelli più affini al vostro stile di gioco.

Slide Protection
La Offensive Slide Protection è una tecnica che vi permette di ordinare ai vostri giocatori cosa fare dopo lo snap, più specificatamente chi andare a bloccare subito dopo l'avvio del gioco. Si tratta del modo più efficace di contrastare il tipico pressing sul Quarterback in cui storicamente la difesa si esibisce nella serie di Madden.
In particolare, usando la Slide Protection potrete orientare l'angolo verso cui la Offensive Line andrà a bloccare. Ovvio che l'uso della Slide Protection deve essere accompagnato da una lucida lettura della disposizione in campo della squadra avversaria. La soluzione di Madden NFL 12 Non solo, è bene conoscere anche le abitudini offensive di chi si va ad affrontare. Contro squadre più propense al blitz, la SP è una scelta quasi obbligata, resta solo da capire da quale angolo sarà portato il tentativo di blitz.

Cambio di rotta del ricevitore
Da queste edizione del gioco è possibile far cambiare la direzione di corsa del ricevitore quando la giocata è già partita, grazie a una nuova feature chiamata Playmaker. Per fare ciò dovete utilizzare lo stick analogico destro: la difficoltà è capire quale ricevitore controllerete toccando lo stick, poiché ce ne possono essere fino a cinque in azione. Di norma il gioco vi consente di modificare la corsa del ricevitore più vicino all'uomo che state controllando.

Smart Route
Le Smart Route sono la diretta evoluzione delle Hot Route, già presenti nelle passate edizioni di Madden, che consentivano di comunicare al ricevitore una traiettoria di corsa diversa da quella collegata ala giocata chiamata in precedenza.
Le Smart Route ora permettono di verificare che il percorso stabilito sia sufficiente a superare il primo down: se la chiamata originale infatti non consentisse il raggiungimento del down, la Smart Route provvederebbe a correggere la rotta di quel tanto che basta. Le differenti route disponibili sono selezionabili attraverso la pressione di Y + X + una direzione dello stick analogico destro o sinistro.

Palle in profondità
Come avrete notato fin dalle prime partite, in Madden non è più così semplice scagliare la palla in profondità per decine di yard nelle mani del ricevitore. Oggi il lancio nel cuore del campo avversario è estremamente più complicato da realizzare.
Per prima cosa è necessario assimilare l'idea che non è più possibile, o meglio non è più facile, lanciare la palla mentre il Quarterback è in corsa. Per eseguire un buon lancio infatti il Quarterback deve avere i piedi ben saldi al suolo e deve avere abbastanza tempo per coordinarsi prima dell'arrivo dei difensori: la nuova animazione ha una durata leggermente superiore e qualora il Quarterback venga colpito prima che la palla si sia staccata dalle sua dita il lancio risulterà corto e sbilenco. Inoltre sono state aggiunte nuove routine di IA dei difensori: un lancio morbido, a pallonetto, ora funzionerà fino a circa 20 yard e solo se il ricevitore è davanti ai difensori; su distanze più lunghe invece i difensori avranno tutto il tempo di recuperare la distanza dal ricevitore e tentare addirittura un intercetto. In questi casi bisogna ricorrere a un lancio molto teso, ma per eseguirlo serve il giusto tempismo nel far uscire la palla dalla linea di scrimmage.
Scordate le meccaniche di lancio imparate in passato e focalizzatevi invece sul tipo di lancio che, realisticamente, ha probabilità di andare a segno.

Il ricevitore
Il controllo diretto del ricevitore non solo è estremamente divertente, ma può anche rivelarsi un'opportunità strategica da non sottovalutare. È meglio chiarire che per sfruttare le possibilità creative concesse dal controllo diretto del ricevitore dovete poter contare su un Quarterback dotato di un alto valore in consapevolezza. Le vostre movenze, molto probabilmente, scombussoleranno i piani di gioco previsti e voi non volete che un lancio in situazione critica sia affidato a un Quarterback inesperto che potrebbe andare in panico e lanciare comunque verso il punto prestabilito, dove però rischiano di trovarsi solo difensori avversari.

Strategie difensive

Dopo aver esaminato alcuni aspetti del gioco offensivo, passiamo ora alla difesa. Come noterete presto, anche qui ci sono delle novità inedite rispetto all'anno passato. Per affinare la vostra abilità nel fermare gli avversari continuate a leggere.

Formazioni
Iniziamo con una panoramica sulle formazioni difensive più utili tra le tante a vostra disposizione.
Per prima cosa dovete sapere che la base di una buona difesa si fonda sulla capacità di nascondere le proprie intenzioni all'avversario. Madden offre strumenti molto semplici in questo senso. Ciascuna formazione infatti dispone di quattro audibles predisposti che possono essere richiamati rapidamente e con facilità premendo X - Quadrato su PlayStation 3 - insieme ad una delle quattro direzioni dell'analogico destro.
Tornando alle formazioni, partiamo dalla "46 defense", schieramento difensivo molto simile al 4-3 e usato da molti come la formazione difensiva di base grazie al mix di pressione costante sull'attacco e facilità di contrasto della corsa. Tuttavia perché risulti efficace è necessario prestare particolare attenzione al Quarterback. Uno schieramento molto flessibile è il Nickel 3-3-5, che prevede tre Difensive Lineman, tre Linebacker e cinque Defensive Back e risulta efficace contro svariate strategie offensive. D'altra parte però con questa formazione è difficile riuscire a portare molta pressione sul Quarterback e non sempre si riesce a contrastare efficacemente le corse, perciò sarà necessario porre manualmente rimedio a queste mancanze.
Nickel 1-5-5 invece è una formazione unica nel suo genere, con cinque Linebacker, cinque Defensive Backe e un solo Defensive Lineman. La soluzione di Madden NFL 12 Come è facile intuire, questa non è la formazione migliore per garantire pressione costante o per fermare le corse, tuttavia si può disporre a piacimento di ben dieci uomini sul terreno di gioco e uno schieramento di questo tipo finisce spesso per confondere gli avversari. Ne esiste anche una variante, detta 1-5-5 prowl, dove varia leggermente la posizione del Defensive Lineman.
Si tratta in ogni caso di un espediente da usare con cautela, poiché alla lunga i difetti si fanno sentire molto più dei pregi.
Con la Nickel Normal si torna a una formazione flessibile, composta da quattro Defensive Lineman, due Linebacker e cinque Defensive Back con cui si può sia creare una buona dose di pressione sia pensare di rallentare la maggior parte delle corse. Ottima per le fase iniziali in cui si vogliono limitare i rischi costringendo l'avversario a guadagnare con fatica ogni yard.
La variante Nickel Strong, rispetto alla Normal, posiziona il Nickel Back vicinissimo alla defensive end sul lato sinistro dell'attacco e la strong safety 3 o 4 yard più vicino alla linea di scrimmage. Ciò fornisce la possibilità di eseguire ottimi blitz dall'esterno, anche se il semplice utilizzo della Strong potrebbe mettere in allarme un avversario esperto. Un blitz portato con la Normal può invece contare sul fattore sorpresa. La Dime Normal si usa per rispondere a quella che si prevede essere un azione di passaggio. Prevede quattro Defensive Linema, un Linebacker e sette Defensive Back. Il suo utilizzo limitato alle situazioni di passaggio la rende poco diffusa, ma se siete certi che quella che andrete a fronteggiare non sarà un'azione di corsa, si tratta indubbiamente di una buona scelta.
La Quarters 3 Deep è un'ottima possibilità da giocarsi quando il vostro avversario ha bisogno di coprire molte yard. Spesso viene utilizzata in combinazione con due hot route dei Defensive Lineman, lasciando un solo uomo sul Quarterback: con altri dieci uomini a coprire alle sue spalle quel poco spazio in più concesso al Qaurterback non dovrebbe costituire un problema.
Quando l'azione si svolge all'interno della vostra linea delle 10 yard la formazione tipica è la Goal Line. Tuttavia contro avversari che continuano a chiamare audibles potreste trovarvi in difficoltà, perché questo non è esattamente lo schieramento più indicato per curare quattro o cinque ricevitori per volta.
Tirando le somme, non c'è una formazione valida in assoluto, ma molto dipende dalla situazione in cui vi trovate. In linea generale sono più utili le formazioni versatili, che vi consentono di fronteggiare con buone probabilità di successo un ventaglio di scelte offensive il più ampio possibile. In questo senso, di solito la scelta migliore in avvio di partita è una Nickel Normal o 46 Normal, da usare fino a che non pensate di aver intuito quali saranno le mosse successive del rivale: fino a quel momento in ogni caso saprete farvi trovare preparati sia in caso di passaggi, sia in caso di corse. Ad ogni modo, avrete bisogno di conoscere piuttosto bene sia i diversi schemi difensivi sia i punti di forza dei vostri giocatori per arrivare a scoprire la combinazione più adatta per ogni fase difensiva che vi troverete ad affrontare.

Defensive Shift
Abbiamo visto poco fa che è possibile cambiare la strategia offensiva all'ultimo secondo sul campo di gioco. Ovviamente ai difensori è concesso cambiare la propria disposizione all'ultimo istante, magari come reazione alle decisioni offensive, ma anche per effettuare dei semplici aggiustamenti.
Per agire sulla linea difensiva, sui Linebacker o i Defensive Back, utilizzate l'analogico sinistro; per ulteriori aggiustamenti usate invece l'analogico destro. Questi ultimi sono molto utili per contrastare la giocata offensiva prevista, proteggere un lato da cui pensate possa partire una corsa, o ancora per chiamare all'improvviso un blitz.

Defensive Playmaker
Ci sono giocate offensive che risultano particolarmente fastidiose, perché le normali strategie difensive paiono inutili contro di essa. Madden 12 mette a disposizione alcuni strumenti per reagire manualmente a queste particolari situazioni. Andiamo ad analizzarle nel dettaglio. Per ordinare a un vostro giocatore di eseguire un blitz all'ultimo secondo selezionate e premete A -X su PS3- e spostate in basso l'analogico destro. Se invece sospettate che l'avversario possa provare un'incursione direttamente col Quarterback potete assegnare a un difensore il ruolo di QB Spy selezionandolo, premendo A -X su PS3- e spostando l'analogico destro a sinistra.
Altre volte invece potreste sentire la necessità piazzare un difensore nella Flat Zone: ancora una volta selezionate il difensore scelto, poi premete A -X su PS3- e muovete l'analogico sinistro a destra. Per selezionare una Hook Zone premete A e spostate l'analogico sinistro in su.
Nella parte conclusivo del paragrafo sulla fase offensiva si è parlato delle hot route: queste in realtà possono essere utilizzate anche in fase difensiva e la loro gestione passa attraverso il sistema di Defensive Playmaker. Potete ad esempio ordinare un difensore di contenere il Quarteback: premete A - X su PlayStation 3- e muovete l'analogico sinistro in giù, ma fate attenzione perchè l'uomo assegnato a questo compito non andrà a contenere il Quarterback finché questi non si affaccerà nella zona dei difensori. Un'altra hot route può essere utilizzata per assegnare una marcatura a uomo: scegliete il giocatore che volete mandare in marcatura, premete A - X su PlayStation 3- + l'icona del ricevitore, e spostate a destra l'analogico sinistro. La soluzione di Madden NFL 12 Se temete particolarmente un ricevitore avversario, dopo avergli assegnato un uomo in marcatura potete assegnargliene anche un secondo, usando sempre lo stesso metodo descritto poco fa.

Affrontare il ricevitore
Madden 12 offre la possibilità di selezionare un determinato ricevitore avversario, evidenziandolo con un cerchio blu visualizzato ai suoi piedi. Questa opzione risulta particolarmente utile quando si tratta di gestire una situazione di lancio e si ha necessità di fermare il ricevitore quanto prima. In questo caso infatti se un ricevitore evidenziato passa nella zona assegnata a un difensore questi si attiverà immediatamente ed andrà a marcarlo.
Fermare il portatore di palla lanciato verso la meta è una delle azioni più difficili del gioco da eseguire manualmente, per questo l'aiuto automatico sul giocatore evidenziato è tanto importante. Il portatore di palla solitamente arriverà vicino al vostro uomo a piena velocità, mentre il difensore che impersonate sarà quasi sicuramente più lento di lui. Avere un uomo in zona che si attiva per intercettare la corsa del corridore vi permette di guadagnare qualche istante e pensare più lucidamente, dandovi il tempo di cercare una traiettoria che finisca per intersecare quella del portatore di palla al momento giusto, così da poter cercare il semplice contatto fisico per rallentarlo e fargli perdere l'equilibrio, invece di un rischioso placcaggio. Spesso infatti è molto più redditizio usare il tasto del contatto, invece di ricorrere a uno spettacolare passaggio: la realtà è che il placcaggio ha una percentuale di successo notevolmente inferiore al contatto, ma resta ugualmente la tecnica preferita da una gran quantità di giocatori per la sua spettacolarità. Abbandonando le pretese di spettacolo e puntando alla concretezza invece vedrete che porterete a casa molte più partite.

Il Bump e il suo mascheramento
Molti giocatori di Madden tendono ad usare il Bump, e il perché è presto detto: se il Corneback applica Bump e Run Coverage, i ricevitori risulteranno rallentati, il Quarterback dovrà guadagnare del tempo in attesa che questi si liberino mentre i difensori si avvicinano inesorabili. Questa strategia però è ormai così diffusa che tutti se l'aspettano, rendendo praticamente impossibile avvantaggiarsi dell'effetto sorpresa che invece dovrebbe garantire. Diventa così importantissimo saper mascherare la messa in pratica del Bump, in modo da eseguirlo quando l'avversario ormai non se l'aspetta.
Di norma infatti per eseguire il Bump si sceglie prima lo schema difensivo, poi ci si prepara ad effettuare il cambiamento prima dello snap: tenete premuto Y su 360 - Triangolo su PlaySTation 3 - e spostate in basso la levetta analogica sinistra. A questo punto i Cornerback si spostano, lasciando intuire le vostre intenzioni. Quello che dovete fare ora è chiamare un reset premendo X + il grilletto sinistro su 360 - oppure Triangolo + il grilletto sinistro su PlayStation 3 - in modo che i Cornerback tornino indietro alla loro posizione originale: ora il Bump avrà luogo ugualmente, nonostante i Cornerback si trovino più indietro, verrà solamente eseguito con solo qualche istante di ritardo, mentre il vostro avversario sarà portato a credere che abbiate ripensato la vostra giocata. Oppure, ancora meglio, se riuscirete a resettare la giocata prima che i vostri difensori si dispongano il vostro avversario non si accorgerà proprio di nulla.
In alternativa potete manualmente indietreggiare i Cornerback: come prima il Bump & Run Coverage avrà luogo ugualmente, ma con qualche istante di ritardo.
In altre occasioni potete far credere al vostro avversario che state per usare il Bump, mentre in realtà la vostra difesa farà tutt'altro. Questo metodo prevede il ricorso a una difesa a zona. La più adatta a questa soluzione è la Dime Cover 3 Zone. Chiamate dunque il Bump & Run Coverage, attendete che i Cornerback si spostino e che il vostro avversario se ne avveda. Il vostro avversario sarà portato ad attendersi un Bump, ma i Cornerback schierati in Deep Zone non andranno mai contro i ricevitori oltre la linea di scrimmage, al di là di qualunque indicazione ricevuta in precedenza. Questa confusione può portare il Quarterback a mancare l'attimo giusto per il passaggio, ponendo i vostri difensori in posizione di vantaggio.
Ovviamente ripetere troppe volte questi trucchetti finirà per renderli prevedibili, perciò assicuratevi di giocarli al momento opportuno.

Video della soluzione - Leggere la difesa

TI POTREBBE INTERESSARE