La soluzione completa di Empires: Dawn Of The Modern World  0

Riccardo Cuor Di Leone

CAPITOLO 1: IL CUORE DELL’IMPERO
Si tratta dell’introduzione: in effetti è un lungo filmato che introduce al gioco, non è skippabile e va sentito almeno una volta in modo da poter passare alla fase successiva. In questo frangente farete semplicemente da spettatori.
Rispetto al predecessore, questo titolo è caratterizzato da filmati più lunghi e complessi che gli conferiscono un taglio maggiormente cinematografico.

CAPITOLO 1: PROSIEGUO
Innanzitutto è necessario trovare la via per procedere che si trova alla destra dell’inizio del ponte.
Proseguite verso Clairveaux, verso Nord e scortate Suor Caterina alla Chiesa. Per aprirvi la strada tentate di proseguire dal ponte in modo da vedere che è franato, poi proseguite dalla strada indicata nella foto spostandovi leggermente a destra in modo da trovare il capo dei boscaioli che ordinerà di farvi passare, quindi incontrate Suor Caterina, seguite il selciato e scortatela alla Chiesa. Mettete i civili al lavoro estraendo legno e cibo, utilizzate la barca da trasporto per recarvi a Partenay, imbarcate Goffredo e Riccardo insieme a un civile per costruire la trivella di estrazione sull’isoletta e la torre difensiva a Parteney.
Disinfestate dai banditi Parteney, salvando la Madre di Caterina, uccidete i banditi sull’isoletta e, solo dopo, fate sbarcare il civile facendogli costruire la trivella, quindi portate il civile a Partenay e attendete l’estrazione di tutta la pietra che vi permetterà di fortificare Partenay. Costruite a Nord dove possibile la torre e attendete i banditi con Riccardo e Goffredo. Con la loro azione combinata, coadiuvata dalla torre non dovreste avere difficoltà a sgominare lo stato maggiore dei banditi. Come ringraziamento i villici vi regaleranno un trabucco (quello già presente a Clairveaux, ma non utilizzabile prima d’ora). Usate il Trabucco per abbattere la torre di difesa dei banditi e aprirvi la strada verso lo scalpellino a Nord a Nord. Quindi fate sbarcare dove c’era la torre Goffredo, Riccardo e il solito civile. Trovate lo scalpellino che vi chiederà di recuperare gli attrezzi attaccando i banditi. Proseguite a Est lungo la strada per trovare i banditi. Per prima cosa distruggete la torre, poi occupatevi dei banditi. Debellato il nemico mandate il civile a costruire la trivella per estrarre pietra dalle rovine della torre.
Estraete quindi pietra dalle rovine all’interno e nei pressi di Clairveaux e, per ultimare le fortificazioni distruggete la Fortezza (lasciate almeno 20 unità di vita alla chiesa altrimenti scoppierà la rivolta!). Una volta che avrete innalzato la torre sul colle a Sud della città sarete attaccati da Sud dai nemici. Producete un buon numero di spadaccini e arcieri in modo da potervi difendere. Usate i due eroi per distruggere al più presto il trabucco nemico.
Qualora Goffredo venga ferito portatelo in luogo sicuro per permettergli di rigenerarsi.
Quando avrete respinto la prima ondata da Sud ne arriverà un’altra, più facile da sconfiggere. Quando avrete sconfitto anche questa il Duca che presidiava la fortezza si rivelerà un traditore ed aprirà la porta a Nord permettendo ai nemici di entrare. È da notare che non potrete colpire il Duca prima che abbia aperto la porta, quindi non potete impedire che lo faccia.
Distruggete tutti i nemici e solo dopo occupatevi del Duca facendo attenzione che non scappi all’esterno della città per rifugiarsi vicino alle proprie torri.
Quando lo avrete sufficientemente indebolito passerete allo scenario partirà il filmato che vi porterà allo scenario successivo. È da notare che la difesa di Partenay è opzionale quindi l’attacco dei nemici sarà sferrato dopo che avrete completamente ricostruito le mura di Clarveaux e ultimato la torre. Qualora decidiate di non salvare Partenay non sarà necessaria la distruzione della fortezza e potrete usare il potere speciale dei legami feudali, non disponibile qualora venga distrutta la fortezza. Ad ogni modo non è indispensabile dal momento che è possibile difendersi anche senza usare questo potere, abbiate solo l’accortezza di mettere un bel po’ di unità in coda di produzione delle due caserme in modo da disporre sempre di truppe fresche perché sarete piuttosto impegnati a difendervi!

CAPITOLO 2: LE DUE FACCIE DELLA MEDAGLIA
Qui iniziate con il solo Riccardo che deve infiltrarsi nelle file nemiche per trovare la Regina Madre. A Sud troverete un ladro che vi proporrà di comprare la mappa, per 100 pezzi d’oro, per infiltrarvi, prima di acquistare la mappa salvate, acquistate la mappa, visualizzate il percorso, ricaricate la partita ed effettuate lo stesso percorso un po’ più a Sud. senza però comprare la mappa in modo da non spendere! Tenete presente che se comprerete la mappa eviterete le trappole disseminate lungo il percorso potendo passare in mezzo alla foresta, tuttavia, essendo Riccardo molto resistente non dovreste avere problemi anche se le trappole lo indebolissero leggermente; inoltre, se non acquisterete la mappa, dovrete affrontare alcuni banditi che, comunque, non costituiranno un problema.
Prima di infiltrarvi, a Nord Est del vostro punto di partenza troverete un meleto, proseguite verso l’alto della mappa, tornando indietro sulla sinistra dove troverete un contadino che vi chiederà di recuperare le pecore scappate. Per farlo tornate al meleto e rubate le mele senza pagarle (vi costerebbero 15 pezzi), eliminate il fattore per non pagare (tranquilli tanto non sarete penalizzati).
Avvicinatevi alle pecore e avviatevi verso il recinto per completare la mini quest e ricevere 100 monete d’oro.
Recatevi quindi più a Sud della strada rivelata con la mappa e potrete osservare che Riccardo scoprirà alcune trappole, proseguite nell’unica direzione disponibile, verso la destra e tenendovi in basso alla minimappa. Arrivati alle mura, recatevi immediatamente presso la chiesa per recuperare il prelato. Usate il potere del prete per convertire i nemici. Prendetevi il tempo che necessita e convertite più nemici che potete in modo da formare un piccolo esercito.
Preferite la conversione all’uccisione, tuttavia tenete presente che una volta convertito un nemico, il prete avrà bisogno di riposarsi prima di effettuare una nuova conversione. Radunate un piccolo drappello e recatevi presso la fortezza ove è prigioniera la Regina Madre (l’obbiettivo verrà indicato sulla minimappa) Trovata la Regina provvedete a scortarla appena fuori dalle mura. Non perdete tempo a recuperate un po’ d’oro per creare qualche arciere addizionali, non perdete troppo tempo e scortate la Regina al porto.
Quindi sgominate l’esercito ribelle.
Cercate di non far distruggere le vostre due torri difensive perché non potrete erigerne altre, piazzate glia arcieri all’interno delle mura e battagliate all’esterno con Riccardo e gli spadaccini.
Distrutto l’esercito passerete allo scenario successivo.

CAPITOLO 3 : L’ASSEMBLEA DEI LEONI
Questo scenario è semplicemente di collegamento, dovete solo gustarvi il filmato senza fare alcunchè!

CAPITOLO 4: IL FLAGELLO DELLA RIVOLTA – PROSIEGUO
Dapprima assistete al filmato, quindi portate Riccardo a Mirabeaux, sgominando la banda di ribelli. Arrivati in città mettete all’opera i cittadini, è inutile tagliare legna, mandate tutti a estrarre oro e raccogliere cibo portandoli a Sud e facendo vostra Partenay.
Proseguite quindi a Nord a Louduns e create qualche cittadino per estrarre pietra con cui costruire le torri. A tal fine impostate il punto di uscita del municipio direttamente sulla cava di pietra in modo che i cittadini, appena creati, si metteranno immediatamente all’opera.
Parlate con il pastore di pecore che vi dirà di aver visto dei fuochi a Est. A questo punto otterrete il potere “Oltrepassa Foreste”., assegnatelo a Riccardo e trovate a Sud Est nella Boscaglia, i due genieri col pentolone, portateli a Nord sul sentiero obbligato, erigete un paio di torri e qualche trappola all’imboccatura del sentiero e attendete il nemico.
Nel frattempo costruite qualche torre anche vicino alla cava d’oro di Partenay.
Quando arriverà il barone , una volta che avrete respinto il primo attacco, non inseguitelo, ma aspettatelo a Partenay.
Non è possibile ucciderlo, quindi non perdete tempo con lui e concentratevi sulla scorta. Quando arriveranno i rinforzi di Goffredo il Barone scapperà necessariamente senza che voi possiate fermarlo.
È Necessario esplorare un po’ la mappa per trovarlo. Muovete le unità in gruppo e, in ogni caso non avrete problemi.
A Mirabeaux si renderanno disponibili due vicari da usare per giungere Nord dal Barone.
Non preoccupatevi troppo di convertire le unità e pensate, invece, a distruggerle.
Cercate il Barone e quando lo avrete sufficientemente indebolito assisterete al filmato che vi farà passare al livello successivo che, ancora una volta, sarà solo un filmato.
Agite al più presto possibile per impedire che il Barone ribelle completi la sua opera di rivolta fomentando 10 città.

CAPITOLO 5 ROVESCIO DI FORTUNA
È, ancora una volta, uno scenario di collegamento dove assisterete all’assassinio del Re, Padre di Riccardo.

CAPITOLO 6 CUOR DI LEONE
Andate al Monastero per incontrarvi col Re di Francia e sconfiggete i 5 fuori legge sul vostro cammino. Assistete al filmato, quindi recatevi a CHALENNES e, poi al villaggio amico. Mettete subito all’opera le barche da pesca costruite una caserma (ricordatevi che gli inglesi dispongono della gilda dei costruttori, perciò appena iniziata una costruzione da un solo elemento questa sarà completata automaticamente e voi potrete dedicarvi ad altro), ricercate le segherie e le miniere.
Producete arcieri costruite trappole e un paio di torri a Nord e Sud-est, verso CHALLENNES. Mandate un paesano sull’isoletta per aprire una miniera che provvederà in modo automatico a fornirvi oro, tornate alla base e impiegate tutti i popolani per raccogliere legno.
Resistete agli attacchi e una volta preparato l’esercito attaccate la fortezza di CHALENNES con 2 o 3 trabucchi e una decina di unità appiedate capeggiate da Goffredo e Riccardo. Producete almeno un paio di navi da guerra per affondare opportunamente gli attacchi dal mare prima che le truppe possano sbarcare.
Attaccate la fortezza dall’esterno, una volta distrutta potrete entrare a CHALENNES per eliminare i ribelli. Non distruggete l’università e nessun altro edificio in modo da poterne beneficiare. Quindi ricercate nell’Università il potere Analisi del sottosuolo per creare una miniera d’oro di 3600 unità dove volete, quindi installate una miniera per recuperare l’oro.
Usate eventuali popolani aggiuntivi per tagliare la legna.

CAPITOLO 7 IL GAMBETTO DEL RE DI FRANCIA
Cominciate a muovervi a Nord, create quante più truppe possibile e recuperate risorse. Non create villici ma unità da combattimento, bilanciando fra arcieri e soldati. Costruite a Nord almeno una torre. Quando avrete rinforzato opportunamente il primo insediamento passate al secondo, più a Sud, sconfiggete i nemici e continuate a fortificarlo con un paio di torri. Non abbiate fretta di reclamare gli altri due accampamenti perché sarete sopraffatti. In ogni caso lasciate a presidio di ogni accampamento reclamato almeno una decina di unità (un paio di cavalieri, tre arcieri e il resto soldati). Costruite almeno una torre per accampamento. Ad un certo punto le ondate di briganti scemeranno, radunate, con calma il massimo delle vostre truppe e attaccate la roccaforte avversaria con almeno un paio di catapulte.
Prima di sferrare l’attacco finale raggiungete il limite massimo demografico consentito, quindi attaccate, preferibilmente a distanza con le catapulte.

CAPITOLO 8 PATTO E TRADIMENTO
Si tratta dell’ultimo atto! Recatevi a Rouen, non esitate ad usare almeno un potere a vostra disposizione per avere la meglio all’inizio (decidete voi quale potere usare). Producete più combattenti possibile, recuperate i sacerdoti nella chiesa vicina a dove avete iniziato la missione e, possibilmente createne altri prima che la Chiesa venga distrutta.
Agite con calma e conquistate Beauvais senza danneggiarne gli edifici che torneranno utili. Appena presa Beauvais installate due campi minerari sui giacimenti d’oro per assicurarvi costanti rifornimenti.
In ogni caso non lasciate sfornita Rouen. Quando avrete le due città sotto controllo e sarete in grado di contrastare senza problemi le ondate di nemici che attaccheranno Beauvais, dedicatevi alla marina, costruite almeno 4 navi da guerra, designate l’ammiraglia e sbarazzatevi dei nemici in acqua. Devastate il più possibile i dintorni di Parigi e fate passare le truppe da Sud dopo aver abbattuto le Mura ed eliminato i nemici appostati.
Quando attaccate Parigi usate sempre almeno due catapulte e assicuratevi di assestarvi sul limite demografico massimo consentito.
Sicuramente saranno necessarie più ondate per la conquista di Parigi, no9n curatevi delle fortezze secondarie ma puntate direttamente a quella principale sull’altopiano a Sud. Abbiate pazienza e dopo l’urto iniziale usate la tattica di logoramento attaccando a gruppi nutriti. Il segreto è avere pazienza dal momento che i nemici non si riorganizzeranno in fretta come voi. Distruggete tutti gli edifici militari e attaccate direttamente Re Filippo usando tutti i poteri residui a Vostra disposizione. È inutile occuparsi delle altre unità in quanto una volta annientato il Re francese finirete lo scenario e la campagna (Il capitolo 8, EPILOGO è solo narrativo).

AmmraglioYi

CAPITOLO 1 PRESAGI
Questa non è particolarmente difficile, bisogna solo avere un po’ di pazienza perché i popolani saranno solo due da adibire a raccolta d’oro. Innanzitutto muovetevi a Nord andando un po’ a sinistra per attivare il lanciabombe, tenetevi a distanza e incendiate le casse di polvere da sparo decimando i nemici. Quindi andate a Nord, aprite le porte (Cliccando sul portone e sull’opzione apri) e liberate i prigionieri.
Dirigetevi verso gli ubriachi, tornate indietro, intrappolateli fra le porte e proseguite ancora per recuperare l’ultimo guerriero che, appena attaccato smaltirà la sbornia e passerà dalla vostra parte. Non appena gli ubriachi avranno smaltito la sbornia fateli uscire e dirigere verso le mura della città amica a Nord Ovest, usate il potere “Armi Marziali” per incrementare la velocità e superare la guardia. Espplorate l’accampamento fino a quando troverete due villici, fondate un municipio il più vicino possibile alla miniera d’oro e adibite i contadini ad estrarre l’oro. Attendete di reclutare tanti cavalieri da raggiungere il limite massimo demografico. È da notare che in questa fase sarà permesso produrre solo cavalieri e con i cittadini potrete solo costruire il municipio quale punto di raccolta di risorse, quindi adibiteli a raccogliere oro perché le altre risorse non sono necessarie e, in ogni caso, ne disponete già abbastanza.
Attaccate in massa, fate attenzione agli orsi. Non dovreste avere alcun problema a distruggere tutti i nemici. Attirateli fuori dalla portata delle torri e per ultimo distruggete le torri.

CAPITOLO 2 LA CITTÀ DEL PERICOLO
Questo è solo di collegamento! Assistete al filamato!

CAPITOLO 3 UN PERICOLOSO RITORNO A CASA
Recatevi a SOWON e aiutate i villici impegnati nel combattimento, quindi, senza preoccuparvi dei nemici che stanno saccheggiando le case, andate al ponte interrotto, chiudetevi la porta alle spalle e fate la spola sul guado fra le due sponde.
Dovete salvare 10 civile e tutte le vostre unità militari. È inutile salvare più civili perché non ci sono bonus di sorta.
Quindi salvate l’università e ricercate le tecnologie che preferite. Dopo l’altro filmato attraversate il fiume così: caricate il monaco e la guardia, tornate indietro col monaco e caricate l’ammiraglio, scaricate il monaco e tornate indietro con l’ammiraglio a caricare il prigioniero. Recatevi nel villaggio, quindi al porto usate i poteri a vostra disposizione, cercando di convertire più unità possibile per farvi aiutare nel compito. Sventato l’attacco raggiungete il limite massimo della popolazione creando contadini da adibire a raccolta delle risorse per reclutare un esercito.
Adibite i contadini a raccogliere cibo nei campi, piuttosto che creare barche da pesca perché dopo un po’ il pesce si esaurirà. Ricercate nell’università il potere “attrezzature specifiche e usatelo sui giacimenti di oro prima che si esauriscono. Se vi recate a Est, nell’isola di KAL-TO vi chiederanno di sconfiggere il cosiddetto “Signore della Guerra a Est. Accwettate e attaccate in massa con almeno 5 o sei navi da combattimento cariche di truppe e non dovreste avere problem9i a vincere. Ormai, avendo ben avviato la produzione sarà più redditizio tenersi il signore della guerra al proprio servizio che consegnarlo a chi ve lo ha chiesto. Infine attaccate l’isola dei pirati dalla baia a Sud, distruggendo le torr e quant’altro! Se farete un attacco in massa non avrete alcuna difficoltà!

CAPITOLO 4 LA VENUTA DEI SAMURAI
Non preoccupatevi di perdere le unità e non producete niente, è inutile andare ad uccidere i contadini per crearne di propri in quanto non si avrà il tempo di raccogliere risorse!
Resistete con i vostri tre lancia bombe, sacrificateli facendo più vittime possibili. Usate senza timori il loro potere “Arti Marziali” dal momento che sono vittime sacrificali perché una volta che i nemici avranno abbattuto il centroo cittadino spariranno dalla mappa anche se ancora in piena salute!
Trasferitevi quindi nel castello a fianco dove è richiesta la vostra presenza, prendete possesso dei cannoni e decimate gli avversari. Dopo 200 vittime dovrete fuggire in un terzo castello per poi riappropriarvi di entrambi. In realtà l’azione è piuttosto obbligata dal momento che non ci sarà il tempo di produrre niente!
Quando richiesto aggiornate i cannoni con il potere “Comando” aumentandone la forza distruttiva, piuttosto che con la gittata che non vi sarà molto utile visto che gli scontri saranno sempre piuttosto ravvicinati.
Lanciatevi alla riconquista senza troppi timori! Uno schema abbastanza semplice anche perché, finora, le scelte, sono state praticamente obbligate.

CAPITOLO 5 IL DRAGONE COLPISCE ANCORA
Anche questo è uno schema abbastanza lineare. È necessario portare le truppe sull’isola di Koje, ma prima bisogna far piazza pulita dei cantieri navali giapponesi, altrimenti non sarà possibile trovare il mastro carpentiere.
Avete a disposizione solo una nave che dovrete tenere cara e riparare quando sarà danneggiata. Aspettate ad affrontare i nemici, abbattete tutte le torrette difensive e tutti i porti nemici.
Per arrivare all’isola passate dall’alto della mappa o dal limite estremo inferiore per non entrare nella Baia dove il nemico tiene tutte le sue navi.
Una volta recuperato il carpentiere eliminate i nemici dal villaggio e vi ritroverete al punto di partenza. Approntate quante più navi da guerra potete e buttatevi all’assalto della flotta giapponese. Con 6 navi non dovrebbe essere difficile avere la meglio.
Quindi dal castello andate a est per trovare la polvere da sparo, non è necessario eliminare i nemici, basta avvicinarsi sufficientemente ai carri per prenderne il controllo. Non c’è tempo, non curatevi dei nemici e rientrate con i carri, senza attaccare le strutture nemiche. Recuperate almeno 2 gruppi di carri e aspettate l’assalto. Prima di contrattaccare aspettate che i nemici aprano una breccia e attirateli al fuoco incrociato delle torri.
Anche in questo caso non dovreste avere nessuna difficoltà!

CAPITOLO 6 ALLEATI E TRADITORI
Qui iniziate con solo tre monaci e il vostro eroe che deve sopravvivere insieme al monaco grigio. Dirigetevi a Sud e convertite, piuttosto che attaccare le unità che incontrate. Andate a sud distruggendo tutto fino a quando non sarete richiamati ad andare alla vostra destinazione. Radete al suolo l’accampamento dei giapponesi all’ANDATA, altrimenti al ritorno sarà molto più difficile farlo, inoltre le ondate di assedio che subirete quando sarete nella vostra fortezza saranno devastanti.
Convertite quante più unità nemiche possibile e preservate i vostri monaci.
All’andata non sarà possibile abbattere il portone, quindi dedicatevi a distruggere i porti. Quando avrete raso al suolo l’accampamento giapponese e starete attaccando il porto per traghettare le vostre truppe, compariranno due navi amiche. Finite l’opera di distruzione (che deve essere totale altrimenti ve ne pentirete più avanti) e traghettate le vostre truppe alla città. Qui mettete all’opera i cittadini raccogliendo cibo e oro. Ricercate la tecnologia attrezzature specifiche e usatela sul giacimento appena fuori dalle mura in modo che non si esaurisca. Non producete civili ma monaci!
Dopo che avrete resistito a un paio di ondate verrete attaccati ad intervalli regolari da sparuti gruppi di nemici: convertiteli! Abbiate pazienza, preservate i monaci e permettetegli di curare le vostre unità prima di iniziare un altro attacco.
Quindi, quando siete pronti, attaccate, da Nord, con calma ma in forze, la città di PYONGANG, e distruggete tutto preoccupandovi, innanzitutto, delle torri.

CAPITOLO 7 LA COREA DIVISA
All’inizio sconfiggete il primo drappello di navi nemiche, quindi ritiratevi al porto e riparate le perdite. Usate senza indugio le barche kamikaze perché sono la chiave del successo potendo affondare in un colpo solo tutte le navi intorno alla zona di esplosione (solo nemiche e massimo 4). In alto a destra vedrete il numero delle navi rimaste da eliminare.
Verso la fine della battaglia vi verranno forniti due poteri di tempesta marina, usateli immediatamente entrambi per aiutarvi nella vostra opera, non preoccupatevi di conservarli perché se non li usate li perderete comunque!
Quindi vi ritroverete in un villaggio dove dovrete approntare un esercito per conquistare WAJO.
Producete 4, massimo 5 barche da pesca e mandatele a raccogliere il pesce sviluppando anche l’aggiornamento “anfora di sale”. Non producete paesani ma guerrieri assortiti e mandate i villici a raccogliere legna. Quindi iniziate la vostra marcia verso WAJO. Appena guadato il fiume recatevi a nord e usate il potere ZEN sulle vostre truppe prima di lanciarle nel canyon dove subirete necessariamente delle perdite. Non perdete tempo e recatevi inforza subito sull’altopiano eliminate tutti i nemici e prendete possesso dei mortai.
Preparatevi, curatevi e raggiungete il limite demografico massimo, quindi attaccate la fortezza.
Solo dopo, potrete mandare i civili che prima raccoglievano legna (ormai dovrebbero averne raccolta abbastanza) nelle cave d’oro in mezzo alle quali erigerete un insediamento. Ricercate la tecnologia “Attrezzature Specifiche” e usatela su una delle due cave in modo che non si esaurisca.
Sviluppate con calma tutte le tecnologie e upgradate le vostre unità come meglio credete. Quindi iniziate con delle incursioni a cavallo nei pressi del castello nemico. Giunti nelle vicinanze attirate i nemici fuori e fatevi inseguire fino al vostro accampamento dove li sterminerete con comodo.
Ripetete diverse volte l’operazione, quando vedete che vi seguono sempre in numero minore o non si arrischiano più a seguirvi è il momento di attaccare con tutte le vostre forze. Distruggete innanzitutto le torrette, cercate di penetrare con la cavalleria mentre escono i nemici in modo da eliminare i mortai, quindi abbattete la prima porta.
Quando cominciate ad andare in inferiorità cercate di ritirarvi e ricostituite il vostro esercito per il successivo assalto. Con diverse ondate non dovreste avere difficoltà a vincere.
Radete tutto al suolo, non risparmiate niente! Quindi il Generale avversario scapperà su un altura inaccessibile. Distruggete i mortai sull’altura con i vostri e recatevi sulla costa a Sud dove si renderà disponibile un porto per creare navi testuggine Intanto richiamate la lancia e l’altra nave testuggine.
Affrontate le navi nemiche e cercate di affondare quella dove salirà il generale. Lasciatelo salire! È più semplice infatti affondare la nave che lo ospita piuttosto che ucciderlo.
Una volta che avrete a disposizione il porto per costruire le navi testuggine sarà uno scherzo vincere. In ogni caso è inutile bloccare gli stretti perché la battaglia finale avrà luogo davanti al vostro porto a patto che abbiate affondato la nave col comandante nemico. Quando rimarranno circa una decina di navi avrete terminato la campagna e potrete godervi l’Epilogo con il capitolo 8 che, ancora una volta, è solo narrativo.

Generale Patton

CAPITOLO 1 ACCENDERE LA TORCIA
In realtà si tratta dell’introduzione, la missione inizia col prosieguo

CAPITOLO 1 PROSIEGUO
Sbarcate sull’isola, ed eliminate il “comitato di benvenuto” Proseguite a Nord, eliminate il bunker e la contraerea, quindi stabilite la vostra base operativa. Tenete il geniere al sicuro e cominciate il logoramento. Conquistate per prima l’armeria ed applicate l’aggiornamento x aumentare i punti ferita ai vostri uomini mentre quello di potenza ai carri armati. I rinforzi arrivano quando cadono tutti i vostri uomini o entrambi i carri armati. Concentratevi poi sulla fortezza ma ricordatevi di eliminare il mezzo anticarro sulla collina. Non avvicinatevi alla base aerea a Nord dei francesi altrimenti prenderanno il volo e sarà finita!, Viceversa tornate indietro e attaccate le truppe a difesa dell’università.
Solo quando non ci sono più nemici nelle vicinanze potete inviare il geniere per convertire gli edifici. Non tentate altre strade perché portano al fallimento!

CAPITOLO 2 CACCIA ALLA VOLPE DEL DESERTO
È il primo capitolo veramente interessante: andate a Sud dal vecchio Sentiero montano (verrà indicato a video) e oltrepassate i rilievi, quindi liberate i prigionieri a ovest Sud e, per ultimi a Nord.
Non si può dire l’ordine in cui troverete i prigionieri (è variabile), in ogni caso saranno 2 genieri, 2 cecchini, due “guastatori” in grado di usare le bombe e due “mortaisti”. È importantissimo proteggere i cecchini e i mortaisti!
La mappa è disseminata di cassette mediche che cureranno completamente una sola unità alla volta. Aspettate ad usare i kit medici e fatelo, possibilmente quando le unità sono prossime alla morte!
Per eliminare le torri nemiche vanno bene anche i mortai, mentre i guastatori sono in grado di far esplodere qualsiasi bersaglio in un colpo solo!
Recuperate quando possibile un camion di trasporto tedesco, caricatelo di truppe in modo da ingannare i vostri nemici e farvi aprire la porta e procedere allo sterminio (tipo cavallo di Troia).
Prima di recarvi al meeting con gli alleati fate irruzione a Tunisi e distruggete gli aeroporti, quindi andate al meeting, curate i soldati e andate a prendere lo scienziato italiano sterminando tutto! È inutile eliminare eventuali forze tedesche chiuse nelle fortezze, abbiate solo l’accortezza di non passare troppo vicino in modo da evitare che si aprano le porte: così facendo potrete agire indisturbati.
Eventualmente prima di recarvi al meeting prendete la base di appoggio dell’Afrika Korps (lasciate stare il quartier generale altrimenti subirete una carneficina) e sviluppate le tecnologie nell’università.
Dopo che avrete evitato ai tedeschi di far fuggire lo scienziato fermate l’avanzata dei panzer usando tutti i poteri a vostra disposizione e attendendo l’attacco tedesco eliminando due carri alla volta. Non attaccate ma attendete!

CAPITOLO 3 OPERAZIONE HUSKY
Per prima cosa producete una nave da guerra e almeno una decina di civili. Sviluppate subito l’idrometallaurgia e la refrigerazione e mandate i civili inattivi a tagliare legna e a caccia. Portate PATTON e i suoi nell’isola, eliminate i sottomarini individuandoli col Sonar, liberate l’isola dai tedeschi, mandate i vostri uomini in perlustrazione a Nord per scoprire l’aeroporto, ma non danneggiatelo perché vi serve catturarlo! Tornate con DEMARCO E PATTON dall’aiutante di campo e avvicinatevi alle truppe demoralizzate: solo ora, con un doppio clic, potrete sevirvene a1 costo di 150 pezzi d’oro ciascuna. Quindi portate almeno 8 civili sull'isola, costruite un insediamento ed estraete oro. Recuperate tutte le truppe demoralizzate, costruite un’altra nave trasporto e attaccate in massa l’isola coi nazisti. Se volete sull’isola dove estraete oro potrete conquistare un aeroporto ma gli aerei non vi saranno di aiuto in quanto saranno abbattuti dalla contraerea nazista rendendo di fetto nullo il loro apporto.
Una volta che avete attaccato in massa distruggete tutto quello sulla vostra strada continuate ed arrivate a Gela dove un pastore vi chiederà di recuperargli il cane, un po’ più avanti. Per riportarglielo dovete avvicinarvi col carro di PATTON e farvi seguire dal cane. In cambio il pastore vi dirà dove si trovano degli insediamenti tedeschi. Continuate dopo Gela, eliminate i nemici ed impossessatevi degli edifici , soprattutto del Centro Intelligence e sviluppate tutte le tecnologie usandole come più vi aggrada.proseguite e prima di seguire la rotta BRAVO, recatevi a Sud per trovare un PANZER abbandonato. Tornate indietro e attaccate in massa dalla rotta BRAVO che si rivelerà essere un’imboscata. Resistete fino all’arrivo di O’RAILY e, intanto convertite ai vostri scopi la fabbrica di obici producendone quanto più ne potete. Indietreggiate e battete la rotta ALFA per eliminare le truppe in zona, quindi entrate a Palermo dalla rotta bravo e passate al livello successivo.

CAPITOLO 4 LA SFIDA DI MESSINA
Non si tratta di una missione particolarmente impegnativa: la chiave è usare correttamente i guastatori SAS, facendoli nuotare a Nord, sulla seconda isola, successivamente fateli attaccare i due aeroporti più vicini. Prima di attaccare sviluppate tutte le tecnologie all’università e all’armeria e assegnate maggiori punti ferita ai guastatori.
Con la prima squadra fate saltare i primi due aeroporti, quindi attaccate gli altri due, se necessario con la seconda squadra. Attaccate gli aeroporti da dietro, piazzatevi esattamente dietro a essi e cominciate a sparare al muro avendo la cura di non avere nemici nei dintorni e di non far suonare l’allarme. Fino a quando non distruggete gli aeroporti limitatevi a difendervi nel vostro campo base altrimenti subirete una carneficina grazie ai bombardieri nemici!
Una volta distrutti tutti e quattro gli aeroporti la difesa alleata avanzerà e voi con loro. Distruggete tutto ciò che trovate sul vostro cammino, senza pietà! Mandate i genieri a riparare lo Zeppelin e con questo eliminate i “Big Bertha” dei tedeschi. Un colpo una vittima. Tenete da conto lo zeppelin e curatevi di distruggere prima la contraerea, solo dopo lanciatelo all’attacco. In situazioni critiche può essere utile conferirgli l’aggiornamento dell’aumento di velocità.
Attaccate sempre in massa, se vedete che siete inferiori ritiratevi e curate le ferite (portatevi sempre un ambulanza al seguito). I civile dovrebbero essere al massimo una decina, adibiti a raccogliere cibo e oro in quatrro, mentre i restanti adibiti alla legna. Ricercate immediatamente nel municipio le tecnologie per migliorare il tasso di estrazione d’oro, raccolta legna e raccolta cibo.
Una volta che entrerete in possesso dello Zeppelin sarete una furia inarrestabile!

CAPITOLO 5 IL GIORNO PIÙ LUNGO
In realtà non è uno scenario particolarmente difficile, anche se è necessario fare attenzioni nelle prime fasi.
Innanzitutto costruite un paio di portaerei oltre a quella che già avete e fatevi un giro per le acque eliminando gli unici due sottomarini che le infestano. Quindi caricate i tre ranger su una barca da trasporto e portateli a Nord, scaricateli prima che il vostro mezzo venga affondato (lo sarà comunque ed irrimediabilmente). Quindi procedete, con calma con i ranger. Eliminate le torrette e le batterie costiere a Nord e centrali, quindi avvicinatevi al campo nemico con calma, senza usare l’abilità bombardamento altrimenti farete saltare l’allarme! NON SALVATE! Perché per un “bug” del programma se procederete con i vostri ranger semplicemente sparando potrete eliminare un gran numero di nemici prima che questi si accorgano della vostra presenza e inizino a spararvi facendovi fuori senza possibilità di scampo! Se salvate, infatti, alla ripresa della parti (o del caricamento), verrete immediatamente scoperti! Proseguite verso il campo nemico a Nord, eliminate i primi guardiani e tutti i bunker sulle colline, quindi eliminate la contraerea.
Quando perderete i ranger potrete attaccare con gli aerei. Producete truppe e imbarcatele sui mezzi di trasporto, fateli sbarcare di fronte effettuando un azione di forza per prendere il primo campo. Nemico. Cercate di non distruggere la caserma perchè vi tornerà utile per produrre uomini senza trasportarli dalla vostra base. Quando conquisterete il primo campo nemico alla vostra base diventerà possibile reclutare Guastatori SAS e carri anfibi. Prima di farlo raggiungete il limite massimo della popolazione con le truppe norrmali perché quelle speciali non vengono contate n e ne potete produrre quante ne volete! Difendete il vostro campo conquistato e, quando siete pronti avanzate in massa. Non dimenticate le ambulanze e tenete presente che è meglio convertire gli edifici dopo il ponte invece che demolirli. Quando attaccherete il secondo accampamento, invece, assicuratevi di eliminare prima le batterie costriere e i bunker sulle colline e distruggete tutto senza pietà!

CAPITOLO 6 OMICIDIO IN TEMPO DI GUERRA
Si tratta solo di un filmato di intermezzo preparatorio del massacro finale! Godetevelo!

CAPITOLO 7 VERDETTO FINALE
Attendete a salire sul carro-armato usate invece solo PATTON per eliminare le prime resistenze. L’eroe userà la pistola e potrà colpire restando fuori dal tiro nemico. Trovando i punti giusti potrete agire indisturbati e fare una strage semplificandovi molto il compito Altra tecnica consiste nel salire subito sul carro armato ma lasciare che siano i bombardamenti a sfiancare il nemico. In ogni caso pensateci bene quando attaccate perché perderete molte truppe, inoltre quelle rimaste vi serviranno per la seconda parte della Missione
Quando lo ritenete opportuno attaccate in massa, concentrandovi su un obbiettivo per volta. Distruggete tutto! Una volta conquistata SAINT-LO passerete alla seconda fase.
Una volta conquistata SAINT LO, procedete a Este al centro della mappa intercettando i camion di rifornimento nemici: sparandoci sopra, appena avranno subito un certo danno (circa il 20%) passeranno dalla vostra parte e sarà possibile usufruire dei rifornimenti.
Avanzate sempre in massa e distruggete le caserma, tenendone una e conquistandola quando lo riterrete più opportuno. Viceversa occupate l’università che troverete sul vostro cammino e l’armeria sviluppando tutte le tecnologie a disposizione.
Arrivati a Metz avrà inizio l’ultima fase con O’REILY e i ranger (non potrete individuare l’equipaggiamento segreto se prima non vi impossessate di METZ.
Arrampicatevi sulla scogliera e distruggete la caserma di Nordhausen, seguite il cane sperduto e troverete il pilota che vi rivelerà dove si trova il laboratorio segreto. Non è necessario eliminare i tedeschi, anzi affrontate lo scontro solo se non potete proprio evitarlo e usate O’REILY per attirare i colpi in modo che possa curarsi da solo. Col pilota recatevi a Sud Est, attaccate la base con un ranger da dietro facendola saltare in modo che non suoni l’allarme. Eliminate i ssoldati fuori e usate il pilota per fare saltare il muro messo di traverso. Quindi inseguite demarco con OREILY. Non preoccupatevi dei russi tanto non vi potranno colpire. Bloccate entrambe le porte con gli interruttori (portate sopra essi O REILY e cliccate col destro e col sinistro sopra gli interruttori. Quindi prendete Demarco e gustatevi il finale.

Sommario della Soluzione

Riccardo Cuor Di Leone
Generale Yi
Generale Patton