Crysis WarheadLa Soluzione di Crysis Warhead 

Caro Sergente Sykes c'è ancora bisogno di te!

Attenzione

La soluzione si basa sulla versione americana del gioco, quindi è possibile trovare delle divergenze nella versione italiana.

Call Me Ishmael - 1° Parte

Come spesso succede, la prima parte del primo livello di gioco sarà dedicata in maniera principale all'allenamento ed a prendere un po' di confidenza con i comandi di gioco, anche se trattandosi di una sorta di espansione dell'originale Crysis molti di voi giocatori dovrebbero già avere una certa infarinatura per quanto concerne il sistema di controllo del personaggio.
Comunque, il percorso iniziale è molto lineare, come si addice ad una zona di addestramento, e vi vedrà superare uno stretto passaggio costituito da materiale roccioso, per poi saltare verso una piattaforma utilizzando la vostra modalità "Forza", la quale vi servirà anche per raggiungere una specie di aereo caduto (o, quantomeno, ciò che ne rimane), nei pressi del quale però sarete purtroppo messi KO.
Comunque, potrete quasi subito riprendere il vostro cammino, il quale dovrà essere diretto verso il cratere, per poi superarlo percorrendolo in maniera trasversale e continuare lungo la successiva strada, fino ad arrivare al punto chiaramente segnalato sulla vostra mappa, il quale corrisponde ad un ponte. Sfortunatamente nei suoi paraggi sarete vittime di un incidente, che sebbene non vi veda coinvolti in prima persona molto probabilmente causerà dei danni; in pratica sarete colti di sorpresa dall'arrivo di un veicolo dall'altro lato della strada - più che arrivo, si potrebbe chiamare "atterraggio di fortuna" - che allerterà una schiera di soldati della KPA.
E' comunque possibile, a questo punto del gioco (oltre che possibile, diciamo consigliato) evitare il contatto diretto con le truppe nemiche tuffandosi all'interno della vegetazione che vi circonda, così da non essere da loro notati. Da questa postazione potrete procedere ad ucciderli uno ad uno, compito che non dovrebbe rivelarsi difficile.
La direzione nella quale dovrete dirigervi sarà facilmente intuibile seguendo il corso del fiume. Dopo una breve scarpinata, arriverete nei paraggi di un ponte, che nonostante sia rotto potrà comunque essere da voi saltato con una certa facilità utilizzando la modalità Forza, così da allungare il raggio del vostro salto.
Arriverà una comunicazione, la quale vi avvertirà di servirvi del vostro binocolo per osservare il bombardamento (verranno bombardate alcune navi); immediatamente dopo incamminatevi verso l'acqua - dopo che vi sarà stato assegnato il nuovo obiettivo - prestando attenzione alla possibilità, tutt'altro che remota, di trovare nemici lungo la via.
Il metodo migliore per evitare lo scontro diretto con le truppe (che come ben sappiamo in Crysis può sempre essere letale, anche nel caso in cui le truppe non siano le meglio armate) conviene cercare una posizione dalla quale siete in grado di vedere agevolmente il letto del fiume, attorno al quale si posizioneranno la maggioranza delle truppe nemiche. La direzione nella quale procedere è sud-est, a breve potrete anche notare la comparsa di alcuni veicoli; si consiglia di eliminare le truppe di guardia e dunque prendere possesso di uno di essi. In questo modo, potrete facilmente arrivare alla base nemica alla fine della strada stando allo scoperto.
Il vostro obiettivo è il computer all'interno della base, ma per potervi accedere dovrete chiaramente prima sterminare chiunque sia posto a sua protezione; non sarà difficile dato che la piccola base nemica è dotata di una mitragliatrice a terra, perfetta per il compito.

Call Me Ishmael - Seconda Parte

Subito dopo che avrete rintracciato il computer e scaricato i dati, vi verrà assegnato un nuovo obiettivo. Esso vi condurrà ad un'isoletta, che sarà chiaramente indicata sulla mappa; per raggiungerla dalla posizione in cui siete ora dovrete però prima procedere lungo la spiaggia, dunque una volta arrivati al suo limite continuare verso sud.
Non appena entrerete in contatto visivo con le truppe nemiche, utilizzate il travestimento per non essere notati e rubate uno dei loro veicoli, quindi dirigetevi verso l'isola di cui parlavamo prima (come già indicato, è chiaramente segnata sulla mappa, dunque non sono necessarie ulteriori precisazioni).
L'isola ha una morfologia collinare, e voi dovrete dirigervi verso la cima della collina più alta. Lì vi attendono alcuni nemici, posti di guardia ad una piccola base simile a quella dove avete prelevato i dati. Chiaramente, essendo in posizione sopraelevata rispetto a voi, essi avranno un grosso vantaggio visuale, dunque dovrete cercare di pianificare con cura la vostra strategia di avvicinamento.
Ciò che vi consigliamo è di iniziare a tirare granate non appena sentirete il rumore dei fucili nemici, così da eliminare il grosso prima di avvicinarvi; la tattica funziona specialmente bene per coloro (vostri oppositori, s'intende) che si trovano all'interno del casolare, i quali non potranno scampare all'onda d'urto della granata. Il vostro scopo finale è quello di distruggere la stazione di trasmissione accanto alla base, dunque non appena avrete fatto fuori tutti i sorveglianti, servitevi dell'ultima granata per questo compito.
Tornate ora alla costa dove avete recuperato il veicolo ed affrontato le truppe avversarie, continuando nella direzione verso la quale stavate procedendo prima di deviare verso l'isola. Arriverete ad una specie di precipizio, dove sarete forzati a scegliere in che direzione andare, vi consigliamo di girare a destra, c'è una stradina di sassi/povere ben tracciata e battuta. Attenzione però, dovrete essere preparati perchè alla fine di questa stradina troverete un'accampamento nemico, il che significa un combattimento contro una grande quantità di truppe.
Fortunatamente, non sarete completamente soli: gli Americani procederanno al bombardamento dell'assemblamento di lì a poco. Il metodo migliore per uscirne indenni consiste nell'utilizzare due accorgimenti: uno, quando avrete bisogno di un attimo di pace e copertura dirigetevi verso nord ove troverete uno spazio scevro da presenza nemica ove ricaricare le vostre forze ed i vostri nervi; due, seguendo la strada principale lungo la sua curva verso sinistra vi troverete di fronte ad una mitragliatrice sorvegliata da un soldato, che potrà essere facilmente eliminato con un travestimento per poi utilizzare la mitragliatrice per fare strage dei presenti e facilitare immensamente il combattimento.
L'accampamento si estende anche verso la spiaggia, diciamo che i soldati disponevano apparentemente di uno spazio ove prendere il sole e fare il bagno (anche loro - anzi soprattutto loro - hanno bisogno di rilassarsi); dovrete dirigervi verso questa parte di accampamento per completare l'opera di distruzione. Conviene nettamente cercare di avvicinarsi silenziosamente e con travestimento, dato che alcuni camion sono stati inviati per capire cosa stia succedendo (e voi non volete che si sappia che siete la causa di tutto).
Il segreto per il successo è individuare immediatamente il "Dragon Crab Restaurant" e fiondarsi verso la sua entrata, dato che all'interno troverete il paradiso terrestre del guerrafondaio: lanciamissili e munizioni a volontà. Dopo aver fatto incetta di armamentario, uscite fuori - sarà un gioco da ragazzi decimare le rimanenti truppe nemiche. L'ultimissima parte della missione vi vedrà procedere lungo la naturale estensione della strada che stavate prima percorrendo, fino ad arrivare all'ultimo carro armato Koreano, da polverizzare con il lanciamissili appena recuperato. La Soluzione di Crysis Warhead

Shore Leave - Prima Parte

La zona è fittamente popolata da truppe nemiche, il che significa che una strategia stealth è sempre preferibile ad una strategia di attacco sconsiderato. Il metodo migliore per pianificarla consiste nell'utilizzare immediatamente il binocolo per prendere nota del collocamento delle truppe nemiche lungo la mappa di gioco, così da sapere quali poter evitare e quali invece vanno senza dubbio affrontate, dando la priorità alle seconde piuttosto che alle prime.
Percorrete la brulla foresta a voi antistante, muovendovi verso nord, utilizzando gli alberi come schermo per gli sguardi dei soldati avversari. Si consiglia di cominciare a farvi notare da soldati da voi selezionati come cruciali per l'avanzamento, attirarli verso la vostra comoda postazione in mezzo agli alberi, ed ucciderli in uno scontro uno-contro-uno che vi vede chiaramente favoriti. Il vostro obiettivo è il fuoco che troverete muovendovi in direzione nord-ovest, il quale segnala il punto di schianto dell'aereo che state cercando. E' circondato da truppe di vario genere, conviene dunque temperare l'entusiasmo di averlo trovato così da evitare una prematura fine della missione.
A lato della schermata, potrete vedere un muro che circonda l'area dell'atterraggio fortuito. Rimanendo adiacenti ad esso, cominciate ad uccidere i nemici uno ad uno, cercando di non rimanere mai scoperti - dato che in questo caso il fuoco nemico comincerebbe ad arrivare da tutti i fronti. Nel caso in cui abbiate problemi con i proiettili, giratevi e vedrete un sacco di casse di munizioni. Dopo aver ucciso il grosso delle truppe qui stazionate, dirigetevi verso il jet. Ciò che cercate è la fotocamera rossa, sarà facilmente visibile.
Dovrete dunque dirigervi al vostro appuntamento con O'Neill, il luogo dove esso è programmato si trova a nord del punto di atterraggio. Evitate di cadere nel burrone ricordandovi di utilizzare la modalità Forza (che per ora non è stata quasi mai necessaria), quindi seguite O'Neill e guardate la scenetta di intermezzo che seguirà.
Il vostro obiettivo consiste nel raggiungere l'elicottero nemico utilizzando il veicolo che vi troverete improvvisamente a controllare; lungo la via, sarete assaliti da una grande quantità e varietà di veicoli nemici, specialmente gli Hummer - non esiste un particolare metodo in grado di porvi in una situazione chiaramente di vantaggio, dovrete semplicemente cercare di mirare a tutto ciò che si muove e distruggere, distruggere, distruggere. L'unica vera avvertenza rimane quella di evitare di far esplodere dei veicoli a voi molto vicini: sussiste in questo caso la possibilità che siate coinvolti nell'esplosione, una cosa che chiaramente volete evitare ad ogni costo.

Shore Leave - Seconda Parte

Dopo aver raggiunto e distrutto l'elicottero, comunque, la vostra sessione di guida non sarà completamente terminata. Infatti, dovrete continuare fino al successivo accampamento (quantomeno). L'accampamento in questione sarà anche letteralmente circondato da veicoli nemici, il che di primo acchitto potrebbe rendervi piuttosto indisposti nei confronti della situazione. La chiave per uscirne indenni consiste nel notare che l'area pullula di barili esplosivi, che potranno essere da voi utilizzati per polverizzare sia i soldati che i veicoli nemici.
Una volta terminata la sequenza, continuate a seguire O'Neil, il quale procederà verso la cima della collina, ove è presente un obiettivo (secondario, ma è comunque conveniente portarlo a completamento). Dovrete cercare di eliminare tutti le guardie nemiche presenti nell'area, il compito sembrerebbe piuttosto difficile ma vi verrà in aiuto la presenza di un fucile di precisione con incluso mirino di precisione, che potrete trovare nei paraggi della cima della collina. Posizionatevi comodamente sulla vetta, e con calma e sangue freddo terminate tutti i soldati della KPA.
Sfortunatamente la cabina di pilotaggio non è stata a voi assegnata, bensì ad O'Neil. A voi, invece, spettano compiti principalmente di assistenza, non si può avere tutto dalla vita. Prendete delle ruote per poi incamminarvi lungo l'unica strada presente avanti a voi, a breve vi troverete di fronte ad un bivio ma potrete prendere la strada che più vi piace dato che entrambe hanno simili profili di rischio. La destinazione ultima, alla quale entrambe conducono, è il porto.
Dato che quest'ultima località sarà davvero piena di soldati - come nessun'altra prima d'ora - si consiglia di utilizzare la tipica strategia consistente nell'attirare uno ad uno dei nemici fuori dal porto così da potersene disfare tranquillamente. Dopo che ne avrete fatti fuori un po' - una decina, diciamo, per avere la massima sicurezza possibile - potrete incamminarvi all'interno dell'area portuale.
Ci sono due obiettivi qui da raggiungere, uno primario ed uno secondario; quest'ultimo richiede che voi eliminiate le guardie presenti nell'area chiamata Dock 94 e, dato che quest'area è a voi nettamente più vicina rispetto a quella dove potete completare l'obiettivo primario, si consiglia di "riscaldarvi" appunto ripulendo la zona 94.
Continuate poi verso l'angolo più a nord dell'intero complesso di costruzioni, ove è collocato l'obiettivo principale. Si consiglia, prima di entrare, di utilizzare sia il vostro fucile da cecchino sia un lanciarazzi (se ne avete a disposizione) per evitare un impatto deflagrante con i nemici.
Comunque, alla fine, riuscirete ad entrare ed all'interno dovrete scaricare i dati dal computer; questo evento causerà immediatamente un altro evento, cioè l'arrivo in massa di una grande quantità di soldati del KPA. Conviene comunque trovare una zona sicura dove nascondersi, piuttosto che uscire allo scoperto ed affrontarli (sono davvero in tanti).
Non appena vedrete la via libera, dirigetevi a sud-ovest ove è localizzato il sottomarino che dovrete raggiungere. Dato che ci sarà molto fumo in zona proprio in questo frangente, fumo che potrebbe impedire la vostra chiara visione della situazione, è conveniente evitare scontri non strettamente necessari, correndo semplicemente il più velocemente possibile verso il sottomarino in questione per completare la missione. La Soluzione di Crysis Warhead

Adapt or Perish

Avrete subito da fare - due guardie tenteranno immediatamente di fermarvi, ma voi ormai siete abituati a ben altro genere di opposizione, dunque le eliminerete in due secondi e farete vostre le armi. Individuate le casse, ed utilizzatele per uscire fuori dal sottomarino (potrebbe essere necessario utilizzare la "Forza", anche se non è un gioco di Star Wars). Dirigetevi velocemente verso l'hovercraft, lasciando perdere i soldati che tenteranno di fermarvi (sono molto forti nel corpo-a-corpo, ma probabilmente non riusciranno neppure a raggiungervi se correrete velocemente).
La mappa vi segnalerà chiaramente la direzione verso la quale condurre il vostro hovercraft, attenzione che il salto necessario a raggiungere il punto di attracco richiede l'utilizzo della forza, pena la caduta. Individuate dunque i lanciamissili in zona, dovrebbe essercene una coppia, localizzabile verso nord. Il cielo pullula di alieni, ma voi potrete servirvi dei lanciarazzi per farli esplodere come fuochi d'artificio. Dopo la festa, continuate il vostro cammino, sempre seguendo la direzione nord.
Continuate avanti fino a raggiungere una specie di base di piccole dimensioni; sarà protetta da una certa quantità di ASV, ed è meglio evitare il combattimento diretto contro questo genere di nemici, per questo si consiglia di utilizzare il lanciarazzi appena recuperato per eliminarli da lontano. Sempre poi verso nord, ove troverete il seguente checkpoint.
Vi troverete dunque a guidare un veicolo acquatico, in quello che pare essere l'oceano. Fortunatamente, nonostante non sia particolarmente facile controllare il vostro non specificato veicolo, non avrete grande opposizione di cui dovervi occupare. Evitate di ficcare il naso nella battaglia tra KPA ed alieni di cui sarete testimoni di lì a breve, cercando invece di saltare sulla piattaforma antistante così da avere di nuovo accesso alla terraferma.
Superate il ponte, e troverete alcuni alieni. Saranno protetti da loro leader; conviene cercare di eliminare quest'ultimo con una bella granata, in grado anche di confondere il resto della ciurma, consentendovi dunque di ottenere un grande vantaggio competitivo. La seguente mossa dovrà essere quella di procedere lungo la strada principale, la quale vi condurrà ad una riunione con i vostri alleati.

Frozen Paradise - Prima Parte

Subito a sinistra, prelevate tutte le armi che riuscite ad inserire nel vostro inventario. Non appena uscite dalla protezione del tunnel, si consiglia di dirigersi immediatamente e velocemente verso sinistra, dato che alcuni cecchini sono appostati nei paraggi con l'obiettivo, chiaramente, di uccidervi. La vostra destinazione è "segnata" (non in senso positivo) dalla presenza di un ASV, che potrà essere comunque abbastanza facilmente distrutto servendovi di un missile.
La seguente mossa vi vedrà procedere verso nord, altra locazione ben guarnita di armi di vario genere, ma chiaramente anche di nemici contro i quali queste armi dovranno essere utilizzate senza alcuna remora. Localizzate le piattaforme ghiacciate nei pressi della nave, ed utilizzate i vostri salti potenziati dalla modalità "Forza" per raggiungerle, esse vi consentono di entrare in un hangar.
Per uno spettacolo (?) particolare, girate subito verso destra, potrete entrare in contatto con alcuni soldati nemici...congelati. Sfortunatamente ciò non significa assenza di nemici attivi in zona, dato che le nano-tute possono comunque essere utilizzate con qualsiasi clima; se siete stati intelligenti ed avete fatto scorta di armi nella zona precedenti - come vi era stato consigliato - non troverete però difficile disfarvene. Salite le scale, ed uscite, prelevando le granate, quindi tornate dentro e cercate l'altra uscita disponibile - in uno degli angoli del capannone - che vi condurrà verso la seguente zona di gioco.
Vi troverete in una specie di corridoio; al bivio, prendete a sinistra, quindi evitando di farvi coinvolgere emotivamente dalla spazzatura presente, scendete giù arrivando ad un laboratorio, popolato da alcuni soldati con armatura, tipica popolazione caratteristica di questo livello. Si tratta comunque di un ambiente perfetto per utilizzare le granate, sufficienti a decimare la popolazione nemica senza troppi sforzi da parte vostra. L'uscita che vi consente di procedere è ben visibile sulla destra. Prelevate tutte le munizioni nella sala d'intermezzo tra l'interno e l'esterno dell'edificio, per poi continuare avanti.

Frozen Paradise - Seconda Parte

Tutte quelle munizioni non potevano essere state messe lì per nessun motivo. Infatti, vi attende qui una battaglia quasi epica, data non tanto la quantità ma la qualità dei nemici. Fortunatamente le fazioni che si staranno fronteggiando saranno 3, e la vostra è percepita come la meno pericolosa; conviene dunque prima osservare il combattimento tra KPA ed alieni, per poi neutralizzare unicamente il vincitore. E' possibile che vi convenga comunque dare una spinta verso l'aldilà al grosso nemico che occupa la piattaforma di ghiaccio sopraelevata, dato che da lì avreste una netta superiorità tattica.
Terminata la battaglia, conviene prelevare le Nanotute prima di avventurarvi nella caverna finale del livello. Procedete tranquillamente lungo la caverna, non vi attende alcun nemico al suo interno. L'azione ricomincerà solo quando uscirete fuori dall'altro lato, in un canyon. Anche qui è in corso uno scontro tra alieni e KPA, ma in questo caso saranno entrambi più aggressivi dunque conviene nettamente impostare una strategia più attiva piuttosto che attendere che si scannino tra di loro.
La conformazione del canyon rende perfetto l'utilizzo delle granate, specialmente nei confronti dei nemici che si trovano, in linea d'aria, sotto di voi. Continuando ancora avanti, vi troverete a percorrere un sentiero roccioso sul fianco del canyon per raggiungere l'edificio posto alla base dell'insenatura; potrete già cominciare l'opera di pulizia sparando dei razzi nei pressi dell'edificio, è molto probabile che riusciate a colpire dei nemici volanti in questo modo.
Il consiglio che vi diamo è di correre verso la parte est del complesso di costruzioni non appena entrerete. La base è letteralmente infestata da nemici, dunque rimanere da soli anche per pochissimo tempo si può rivelare letale. Fortunatamente, con l'assistenza dei vostri compagni le vostre fatiche saranno più che dimezzate, dunque assolutamente tollerabili.
Se avete conservato delle munizioni del fucile Gauss, è questo il momento perfetto per utilizzarle senza lesinare assolutamente; sfortunatamente non è utile contro i nemici più grosso, per quelli dovrete servirvi principalmente dei missili. La fortuna in tutto ciò (non è facile trovarla) è che non è necessario uccidere tutti i nemici, bensì sufficiente riuscire a tenerli a bada per un po', verrete chiamati e vi verrà ordinato di penetrare la miniera dietro il complesso di edifici. La Soluzione di Crysis Warhead

Below The Thunder - Prima Parte

Vi troverete all'interno di una miniera, uno scenario abbastanza tipico per uno shooter di atmosfera dark come Crysis. La prima parte della miniera è di fatto un segmento di gioco atto a consentirvi di ambientarvi, dato che non ci saranno molti nemici ad avversarvi. Il primo momento in cui sarete testimoni di un po' di sana azione è uno scontro da KPA ed alieni, e come sicuramente avete già imparato è sempre meglio non interferire in queste situazioni. Attendete che una delle due fazioni abbia la meglio, ed uccidete i sopravvissuti (magari con delle granate, dato che la locazione è particolarmente adatta al loro utilizzo).
Continuando lungo il tortuoso percorso disegnato dai tunnel della miniera, arriverete ad assistere ad un secondo combattimento tra alieni e coreani. Stavolta però non ci sarà scampo per gli alieni dato che il posizionamento dei Koreani è nettamente superiore (sono i posizione rialzata rispetto ai Koreani) e dunque voi dovrete immediatamente pensare come avere la meglio degli orientali, ancora prima di vedere l'esito finale della battaglia.
Conviene guardare verso la parte destra del punto in pendenza, dove potrete notare un piccolo sentiero che, circumnavigando le postazioni koreane, vi consente di cogliere di sorpresa alle spalle il militare a comando della mitragliatrice principale. Questa mossa vi consente, di conseguenza, di prendere possesso della mitragliatrice stessa.
Cominciate da qui a sparare a tutti i sottostanti, dunque una volta che il avrete distrutti, correte verso l'alto per completare l'opera cercando di fare vostra la seconda mitragliatrice in cima (per fare in modo che quest'ultima non vi colpisca a morte, si consiglia di utilizzare o un fucile da cecchino o un lanciarazzi per occuparsi del soldato addetto alla mitragliatrice, così da renderla sguarnita). Da qui, potrete fare piazza pulita anche dei soldati presenti sul livello intermedio dove eravate collocati in precedenza.
Ora continuate verso sinistra tenendo come punto di riferimento una fioca luce; essa segnala la presenza di alcuni soldati koreani, ci saranno comunque svariati anfratti dai quali ve ne potrete prendere cura senza subire alcun danno. Continuate fino ad una stanza con un buldozzer, cercando comunque sempre di mantenere un approccio cauto, cercando di eliminare gli orientali uno ad uno - non vale in questo caso la massima "molti nemici, molto onore".
Superato il buldozzer, alla fine della stanza potrete notare un buco lungo il quale potrete agevolmente scendere. Vi ritroverete nei pressi dell'entrata ad una stanza che letteralmente pullula di soldati. Ma il vostro occhio ormai allenato sicuramente noterà la presenza di una mitragliatrice. Conviene cercare di essere il più silenziosi possibile, avvicinarvi alla mitragliatrice senza farvi sentire, prenderne possesso e cominciare la carneficina - che terminerà anche ben presto.

Below the Thunder - Seconda Parte

Dovrete procedere lungo il seguente corridoio, ma attenzione perchè sarete subito "vittime" dell'arrivo improvviso di un Hummer Koreano. E' comunque possibile neutralizzarlo abbastanza facilmente, basterà mirare in maniera diretta al soldato che si occupa di mirare i colpi, cosicchè il macchinario non possa più danneggiarvi (anche se, effettivamente, avrete senza dubbio bisogno di armi in grado di agire a lungo raggio per questo scopo).
Girate ora verso destra, arrivando ad una stanza di dimensioni piuttosto grandi, dove potrete fare vostra una Nanotuta che comprende un ottimo fucile di precisione. E' chiaro che la Nanostanza non contiene unicamente la tuta, ma bensì anche una certa quantità di soldati Koreani che tenteranno di farvi la pelle. Tuttavia, con l'aiuto del pezzo appena ritrovato, non sarà poi così difficile disfarsene: dovrete semplicemente salire le scale ed utilizzare il fucile per mirare alle singole teste dei singoli soldati e singolarmente spedirli in paradiso (si spera per loro). Salite su utilizzando l'ascensore.
Uscite dall'ascensore stesso, quindi procedete lungo le svariate stanze scevre (fortunatamente) da nemici. La sequenza di stanze vi condurrà infine ad una grande stanza adibita a centro di controllo delle telecomunicazioni, nella quale riceverete proprio una comunciazione radio. Dirigetevi verso destra, ove troverete i binari verso i quali dirigervi, dunque eliminate i nemici presenti (saranno tanti ma arriveranno letteralmente in sequenza, e voi potrete falcidiarli facilmente mirando dritto con la vostra arma e sparando a manetta).
Non sarà tutto finito però, perchè in tutte le stanze che seguiranno troverete un bel po' di soldati; fortunatamente, potrete anche sempre impiegare la solita, colladuata, brevettata tecnica del cecchinaggio, sempre molto molto efficace in questo gioco. La fine di questo capitolo è in pratica costituita da una lunga serie di stanze anomime ed omologhe, e probabilmente non vi rendereste neppure conto di aver completato la zona se non fosse segnalato dalla presenza di una scena d'intermezzo.

From Hell's Heart - Prima Parte

Antistante alla vostra postazione d'inizio potrete prendere visione di un treno, dirigetevi verso esso e comincerete il livello, che vi vedrà guidare questo treno - o meglio, utilizzare le mitragliatrici che sono poste nella sua parte anteriore per distruggere tutti i nemici che vi verranno incontro. Non ci dovrebbero essere problemi, supponendo che vi ricordiate che la mitragliatrice che dovrete scegliere è quella più in avanti, dato che è l'unica in grado di muoversi di 360 gradi - tutte le altre lasciano una parte del raggio visivo completamente scoperta.
Dopo qualche minuto incontrerete O'Neill, o meglio O'Neill vi verrà incontro. Scendete dal treno non appena quest'ultimo si sarà fermato, quindi appiedati continuate lungo la direzione ben indicata dalle rotaie. Fortunatamente non incontrerete molti nemici, dunque la mancanza di armi non condurrà a situazioni complicate. Al bivio, continuate verso destra. Vi troverete di fronte ad un largo burrone, che potrete facilmente superare usando la modalità Forza, arrivando ad una piccola base nemica dotata di una torre.
Dopo aver disposto dei nemici, scalate la torre. Ben presto vi renderete conto che avete fatto fatica per niente, dato che vi verrà comunicato che il treno starà per partire, e voi dovrete velocemente tornare indietro per evitare di perderlo; sicuramente i pendolari avranno un certo vantaggio nel completare questa zona di gioco (!). A parte gli scherzi, utilizzate la modalità Armatura così da poter saltare dalla torre senza subire danni, e quindi la modalità Velocità per raggiungere il treno prima che se ne vada. La Soluzione di Crysis Warhead

From Hell's Heart - Seconda Parte

Dovrete eliminare qualche nemico lungo il percorso, ordinaria amministrazione. La stazione di fermata del treno non sarà però una piacevole località di villeggiatura, anzi: la locomotrice sarà letteralmente invasa da una grande quantità di alieni. Aggrappandovi alle mitragliatrici cominciate a decimare gli attaccanti, cercando di utilizzarle anche come copertura. Ricordate che gli alieni "standard" vengono uccisi da un semplice colpo di qualsiasi arma, dunque raffiche casuali della vostra miglitratrice possono causare seri danni alla fanteria nemica.
Prima di poter continuare, dovrete attendere l'arrivo dell'equivalente dei boss; fortunatamente, esiste un metodo per liberarsene velocemente: utilizzate l'arma lenta e potentissima che si trova sulla parte frontale del mezzo, non è efficace contro gli sciami ma dato che in questo caso potrete mirare con più cura riuscirete ad eliminare i boss molto velocemente. Sarete dunque trasportati all'interno della giugla fino alla fine del livello.

All The Fury - Prima Parte

Conviene utilizzare una strategia che vi permetta di non entrare nel campo visivo delle truppe nemiche, come ormai solito in questi frangenti. Prima cosa, il vostro punto di riferimento dovranno essere le rotaie, dunque mantenetele sempre chiaramente in vista. Seconda cosa, cercate di rimanere alla destra del boschetto, è il metodo migliore per restare invisibili. Gli eventuali soldati che troverete lungo la via potranno essere uccisi con semplici colpi di fucile da cecchino, data la mancanza di pressanti limiti di tempo potrete mirare con calma e cura ed ucciderli a colpo sicuro.
Arriverete ad un carro armato, che potrà essere neutralizzato servendovi di nuovo del vostro fucile da cecchino, questa volta mirando al soldato adibito allo sparo prima che egli possa notarvi. Gli altri due saranno ordinaria amministrazione. Utilizzate dunque il carro armato per arrivare alla base nemica, seguendo la strada principale. Vi servirà, dato che le difese della base sono tutt'altro che scarse.
Il vostro primo obiettivo dovrà essere la torre che si trova nell'angolo nord-ovest della base, la quale contiene un cecchino che è in grado di uccidervi con un colpo ben mirato; servitevi del carro per arrivare fino alla sua base, quindi salite su e neutralizzate il cecchino. Dunque, recuperate il suo fucile e da questa posizione privilegiata cominciate a distruggere tutti gli avversari nelle sezioni sottostanti della base.
Quando il potenziale della torre sarà esaurito, fatevi strada verso il container che sulla vostra mappa è segnalato come deposito di armi, così da recuperare un utilissimo lanciarazzi. Se vi girate verso sud, vedrete un grade edificio che sembra essere lì posizionato solo per attirare la vostra attenzione - specialmente la sua entrata apparentemente completamente libera da presenza nemica.
In realtà, la mossa più conveniente consiste nel dirigervi verso la scaletta presente a lato, salire su, osservare i nemici che avranno cominciato a popolare l'area sottostante, usare il lanciarazzi per polverizzarli, e quindi continuare per la vostra strada verso sud (non è necessario entrare nel capannone sul quale siete saliti, si trattava unicamente di una trappola).

All The Fury - Seconda Parte

Vi troverete di fronte ad un attacco aereo - o meglio, un bel po' di uomini nemici verranno rilasciati da un elicottero avversario, con il chiaro obiettivo di farvi lo scalpo. Cominceranno a creare problemi solo nel caso in cui voi lascerete che si disperdano; ciò signfica che il metodo migliore per distruggerli è evitare che si disperdano, dunque sparare nel mucchio non appena essi toccheranno terra, magari con un bel lanciarazzi. Lo stesso tipo di arma potrà anche essere senza problemi utilizzato per distruggre l'elicottero.
Il vostro obiettivo - in termini di "posto dove andare per ricevere i nuovi ordini" - è il contanier nei pressi dell'entrata dell'hangar aereo nemico. Vi verrà ordinato di procedere verso sud, evitando di farvi tentare dai vari veicoli che saranno disseminati nei dintorni. Chiaramente però i veicoli nemici che cercherebbero di uccidervi dovranno essere distrutti, e ciò è specialmente vero per i carri armati - ce ne saranno un po' in zona.
Fortunatamente siete in possesso del lanciarazzi, unica arma in grado di far esplodere un carro armato in un solo ben mirato colpo. Nel caso in cui rimaniate a corto di munizioni, potrete dare un'occhiata all'interno dei resti dell'aereo distrutto per rifarvi gli occhi.
Solo una volta che tutti i nemici saranno stati eliminati potrete saltare su uno dei tanti veicoli presenti, e continuare lungo la vostra strada. Dirigetevi verso il complesso di edifici sulla parte sinistra della luna strada, il quale sarà chiaramente (sono le sezioni finali del gioco, dunque non c'è modo di evitarlo) fittamente popolato da nemici. Fortunatamente, sarà anche fittamente popolato da postazioni mitragliatrici pressochè sguarnite, di cui potrete largamente fare uso per decimare le guardie avversarie presenti.
Anche nel caso in cui stiate guidando un veicolo piuttosto potente, è consigliato utilizzare queste mitraglie poichè la loro altezza è tale che riusciranno praticamente sempre a colpire i nemici in zone vitali e dunque a fare una vera e propria strage con una sola raffica di colpi.
Comunque, ricordate che il vostro vero ultimo obiettivo è la torre di controllo aereo, dato che si tratta di una torre non avrete troppe difficoltà ad individuarla. Potrete sareli con una scaletta al suo fianco, sulla parte posteriore rispetto alla direzione dalla quale (probabilmente) voi arriverete.
La cima della stazione di controllo è occupata dalla stanza di controllo. Utilizzate immediatamente il pannello radio presente, e dunque molto velocemente dovrete fare ritorno fino alla carcassa del jet che avete visitato poco fa. Fortunatamente, questa volta potrete aprire la cassa segreta, al cui interno troverete l'arma esplosiva definitiva, denominata PAX. La nuova e definitiva direzione di spostamento dovrà essere verso il container.
Sfortunatamente, sarete fermati lungo la via da un grosso mostro robot a forma di ragno. Ne avete già affrontato uno simile, dunque sapete già come sconfiggerlo: mirate verso la sua "bocca", magari utilizzando la vostra nuova arma così da accorciare notevolmente il tempo di combattimento. In pochi colpi esploderà, e voi potrete tornare al Container dove il vecchio amico O'Neil vi starà attendendo preoccupato, e voi porete tranquillizzarlo e finire il gioco.

Video della soluzione - L'inizio

TI POTREBBE INTERESSARE