La Soluzione di Madden NFL 08  0

I RUOLI

Uno degli elementi più difficili da capire del football americano è sicuramente quello legato ai ruoli da svolgere sul campo, sia in attacco che in difesa. A prima vista, infatti, non è per nulla semplice intuire quali sono i compiti precisi di ciascun giocatore. Eccovi quindi una breve guida ai vari ruoli che i giocatori di una delle varie squadre del campionato NFL possono ricoprire.

ATTACCO

C (Center)
Passa la palla al quarterback ad ogni giocata, tenta di bloccare i difensori, apre varchi per la giocata in corso e cerca di evitare che la palla sia bloccata o rubata dagli avversari.
FB (Full Back)
Un Running Back (RB) che ha il compito di bloccare i palloni che andranno poi passati all'Half Back, ma anche quello di correre palla in mano per il campo.
HB (Half Back)
Un Running Back che ha il compito di correre palla in mano durante la giocata in corso, ma anche di intercettare i palloni avversari.
LG (Left Guard)
Un giocatore posizionato a sinistra del Center, che ha come compiti quelli di intercettare i palloni, creare varchi in mezzo agli avversari ed evitare che questi rubino o intercettino i palloni.
LT (Left Tackle)
Un altro giocatore posizionato a sinistra, che risulta però molto più mobile di una Guard. Ha anch'egli il compito di intercettare, ma è autorizzato a muoversi di più in campo.
QB (Quarterback)
Il giocatore più importante negli schemi offensivi, i cui compiti sono quelli di passare e lanciare il pallone, ma anche di correre palla in mano. Ogni azione offensiva deve obbligatoriamente passare da lui.
RG (Right Guard)
Un giocatore posizionato a destra del Center, che ha come compiti quelli di intercettare i palloni, creare varchi in mezzo agli avversari ed evitare che questi rubino o intercettino i palloni.
RT (Right Tackle)
Un altro giocatore posizionato a destra, che risulta però molto più mobile di una Guard. Ha anch'egli il compito di intercettare, ma è autorizzato a muoversi di più in campo.
TE (Tight End)
Un giocatore versatile, il cui compito principale è comunque quello di intercettare o bloccare i palloni avversari.
WR (Wide Receiver)
I Wide Receiver sono, come suggerisce il loro nome, quei giocatori il cui compito principale è ricevere i palloni lanciati dal Quarterback.

DIFESA


FS (Free Safety)
Lo specialista difensivo nei passaggi è un giocatore piuttosto versatile che, in caso di necessità, può essere utilizzato per contrastare i Running Back avversari.
LCB (Left Cornerback)
Un corridore veloce che tiene d'occhio ogni movimento del Wide Receiver, spesso marcandolo stretto, e cerca di intercettare o interrompere i passaggi in arrivo.
LDE (Left Defensive End)
Questo giocatore è la versione "mobile" del Defensive Tackle, i cui compiti sono quelli di intercettare i passaggi, chiudere i varchi ed evitare che gli avversari rubino palla. E' uno specialista nei contrasti.
LDT (Left Defensive Tackle)
Questo difensore lotta senza esclusione di colpi con gli "attaccanti" avversari, cerca di raggiungere il Quarterback, chiude i varchi ed intercetta i passaggi avversari.
MLB (Middle Linebacker)
Questo giocatore assomiglia al Tight End ed è molto versatile, oltre che estremamente efficace sia con i corridori che nel bloccaggio dei passaggi avversari.
RCB (Right Cornerback)
Un corridore veloce che tiene d'occhio ogni movimento del Wide Receiver, spesso marcandolo stretto, e cerca di intercettare o interrompere i passaggi in arrivo.
RDE (Right Defensive End)
Questo giocatore è la versione "mobile" del Defensive Tackle, i cui compiti sono quelli di intercettare i passaggi, chiudere i varchi ed evitare che gli avversari rubino palla. E' uno specialista nei contrasti.
RDT (Right Defensive Tackle)
Questo giocatore assomiglia al Tight End ed è molto versatile, oltre che estremamente efficace sia con i corridori che nel bloccaggio dei passaggi avversari.
SLB (Strongside Linebacker)
Anche questo giocatore è molto assomigliante al Tight End, ovviamente con scopi difensivi, e risulta estremamente efficace sia con i corridori che nel bloccaggio dei passaggi avversari.
SS (Strong Safety)
Questo giocatore è uno specialista nel bloccare i corridori avversari, ma è anche abbastanza versatile, motivo per cui può anche essere utilizzato per intercettare passaggi e lanci.
WLB (Weakside Linebacker)
Anche questo giocatore è molto assomigliante al Tight End, ovviamente con scopi difensivi, e risulta estremamente efficace sia con i corridori che nel bloccaggio dei passaggi avversari.

RUOLI SPECIALI
K (Kicker)
Il Kicker viene utilizzato nei kick-off, nei calci piazzati e per segnare punti extra.
P (Punter)
Il Punter si occupa invece di tutti i rinvii.

CONSIGLI GENERALI

E' molto importante capire, se si desidera giocare al meglio, come si svolge una partita di football americano. Se siete fan di questo sport, potete anche saltare queste prime righe, mentre in caso contrario forse vi conviene dare un'occhiata. Le partite del campionato NFL sono composte da quattro tempi da un quarto d'ora, per un totale di sessanta minuti di gioco. Dopo due tempi, quindi dopo mezz'ora, si ha quello che viene definito "half-time", ossia l'intervallo tra le due metà di gioco, quello in cui i giocatori si riposano, ricevono consigli ed incitamenti, ma soprattutto si mettono a pensare alle strategie da impiegare nella parte del match rimasta. Il tempo va avanti solitamente anche a palla morta, ma con alcune eccezioni, come per esempio dopo il primo touchdown, in caso di infortunio oppure in seguito ad un lancio, una corsa o un'intercettazione fuori dalle linee regolamentari del campo. Il lancio della moneta da parte degli arbitri darà la possibilità al capitano della squadra che ha vinto il testa o croce di scegliere se cominciare in attacco o in ricezione. Nel caso dobbiate disputare la prima metà della partita, il nostro consiglio è quello di partire all'attacco, visto che non si sa mai cosa potrebbe succedere nella seconda metà del gioco, tanto in ricezione, nel secondo tempo, ci andrete comunque. Dopodiché, entreranno in campo i giocatori che rivestono i ruoli speciali, ossia il Kicker ed il Punter. La squadra all'attacco farà calciare al Kicker (alcune squadre ne hanno due) la palla verso gli avversari, che dovranno vedersela con la vostra linea offensiva, lanciata dall'altra parte del campo alla ricerca dell'azione giusta per fare touchdown. Ricordatevi che il Kicker è quello che solitamente si occupa dei calci piazzati. A questo punto, sul campo entreranno il resto dei giocatori, che svolgeranno la partita seguendo quello che viene definito il ciclo classico di questo sport. Le squadre, a meno che non sia chiesta una penalità, partono con quello che viene chiamato "1st and 10", che tradotto in linguaggio comune sta ad indicare il primo dei quattro down che fanno parte del ciclo, con un avanzamento di 10 yard. Le partite di football americano si svolgono su campi della lunghezza di 100 yard, inframezzati da una linea centrale, che si trova quindi sulle 50 yard, dalla quale si dipartono, in entrambe le direzioni, altre linee che attraversano il campo, sistemate a 10 yard di distanza l'una dall'altra.

Utilizzando strategie fondate sui passaggi o sulla corsa, la squadra in attacco tenta di scalare il campo ed ottenere i down per avere la possibilità di poter andare avanti con il suo gioco. Il fine ultimo dell'attacco è il touchdown, che ha una validità di sei punti, al quale viene associato a sua volta un PAT, quasi mai realizzato, che permette di guadagnare un ulteriore punto. Anche raggiungere la distanza dalla quale si può calciare un Field Goal, che per la maggior parte dei Kicker è quella delle 40 yard difensive, è comunque un bel traguardo, visto che permette di guadagnare tre punti, nel caso il tiro vada a segno. La difesa, invece, adotta strategie di copertura e tenta di rubare la palla agli avversari, magari lanciandosi anche sul Quarterback, in modo da impedire a chi attacca di avanzare. Anzi, molto spesso gli schemi della difesa sono atti a far perdere yard alla squadra avversaria. Nel caso che il team in attacco non riesca a raggiungere il primo down guadagnando yard, magari perché ha subito una penalità che lo ha fatto retrocedere, ma invece riesca ad avanzare fino al quarto, si verifica quasi sempre un capovolgimento di fronte, con il team in attacco che rinvia la palla e quello che era in difesa che passa invece ad attaccare, o vice versa. Anche in questo caso ci sono delle eccezioni come quando, ad esempio, la squadra in attacco si trova entro la distanza di tiro di un Field Goal e, anziché rinviare, preferisce tentare di andare a segno per guadagnare qualche punto. Altri tipi di eccezione sono quelli legati alle cosiddette opportunità "4th and 1" o ai "Desperation Acts". Le prime sono molto interessanti per le squadre, specialmente quando si trovano a metà campo ed hanno poco da perdere, o vogliono necessariamente attaccare. In tal caso, tenteranno di ottenere le yard necessarie per giungere al quarto down, in modo da poter ripartire da zero e tornare al primo down.

Se una squadra non riesce, però, ad avanzare fino al quarto down senza ottenere il primo, spesso si va a verificare quel capovolgimento di fronte di cui si parlava prima, che può essere addirittura devastante quando una squadra ha appena rinviato ed ha avvicinato così gli avversari alla loro parte del campo. La squadra con il maggior numero di punti alla fine dei quattro tempi, quindi dei sessanta minuti di gioco, vince la partita. Visto che ci sono soltanto quattro modi per andare a segno nel football americano, ossia tramite un touchdown (sei punti), un PAT (un punto), un Field Goal (tre punti) o un Safety (del valore di due punti, che consiste nel rubare palla al Quarterback avversario o ad un altro giocatore in possesso del pallone nella propria zona finale del campo), molte squadre pianificano tattiche e strategie in base a ciò di cui hanno bisogno per vincere. Un altro modo per guadagnare due punti è quello che viene definito "Two Point Conversion", che può avvenire soltanto in seguito o al posto di un PAT. Il vostro obiettivo deve comunque essere quello di fare punti, in ogni modo e di qualunque tipo. Solo nelle fasi finali della partita, si può pensare a rimpiazzare i Field Goal con azioni disperate, come un tentativo di touchdown all'ultimo minuto o la sostituzione di un sicuro PAT da un punto con una "Two Point Conversion". Nelle partite che fanno parte della stagione regolamentare, se le squadre sono pari al termine dei quattro tempi, si va al quinto tempo, quello definito supplementare, della durata di quindici minuti, dal quale uscirà vincitrice la prima squadra a segnare. In questi casi, le tattiche cambiano, visto che le squadre hanno quasi sempre come obiettivo quello di segnare dei Field Goal. Se al termine dei supplementari nessuno ha segnato, la partita finisce con un pareggio, un evento di incredibile rarità nel campionato NFL. Nei playoff, invece, si va avanti a giocare finché non è stata decretata una squadra vincitrice.

ATTACCO


PASSARE
Giocare all'attacco nel football americano è quasi sempre l'aspetto più divertente ed interessante per tutti coloro che amano questo sport, ma è anche quello che richiede maggiori abilità per essere svolto in maniera appropriata. Rubare palla ad una difesa composta da tre o quattro uomini è sempre piuttosto facile, mentre ci vuole un bel po' di pratica per imparare ad eseguire in modo efficace le strategie offensive contenute nel libro di gioco della vostra squadra, spesso anche molto diverse da team a team. E' necessario far sì che la difesa avversaria sia sempre in allerta, bisogna sfruttare le sue debolezze e, soprattutto, cercare di mischiare corsa e passaggi per metterli in confusione. Solo combinando questi tre aspetti sarà possibile guadagnare yard e raggiungere così la zona finale del campo. Peccato che, purtroppo, non sia facile, visto che il libro di gioco, spesso e volentieri, risulta alquanto ostico da comprendere. Leggere i movimenti della difesa, giocare in modo appropriato in condizioni di notevole pressione ed improvvisare determinate strategie in caso di bisogno sono le caratteristiche fondamentali per far sì che ogni azione porti ad un risultato. Non è possibile spiegare tutte le strategie, ci vorrebbe un libro intero, ma è comunque possibile riassumere i concetti fondamentali in qualche manciata di paragrafi, così da fornirvi qualche consiglio sulla linea generale da tenere in campo.

Passare la palla è, senza ombra di dubbio, molto più divertente che mettersi a correre con il pallone tra le mani su ogni down. Questo perché si tratta di un metodo più interattivo, ovviamente nel vostro caso, armati di pad in mano, rispetto ad una semplice corsa, diversamente da quanto accade invece realmente sui campi di gioco. Non bisogna comunque abusare dei passaggi, come di ogni altra tattica. Rischiereste di diventare prevedibili, gli avversari capirebbero come intercettarvi e tutti i vostri sforzi verrebbero vanificati. Cercate di confondere il team rivale, facendogli credere che state usando una determinata strategia, quando in realtà ne avete adottata un'altra. Se volete tenere la difesa avversaria in allerta, facendo in modo che si aspettino una giocata in corsa, non vi conviene affatto scegliere la formazione a fucile dal libro di gioco. Conviene essere più ambigui, magari selezionando la formazione Singleback o quella ad I, che faranno pensare agli avversari che cercherete di avanzare correndo palla in mano. In questo modo, non appena vedrete che i loro giocatori d'angolo avranno lasciato ampio spazio al Wide Receiver, potrete fregarli lanciando la palla al vostro giocatore avanzato. Ricordate poi che una buona copertura difensiva può impedire quasi totalmente al Quarterback avversario di lanciare, ed è quindi necessario cercare di mettere in difficoltà quegli armadi a sei ante che si trovano in difesa se non ci si vuole ritrovare in una situazione difficile. In questi casi, non abbiate paura e lanciate via la palla, magari cercando di non farvela intercettare o evitando di perdere prezione yard. Quando lanciate via il pallone, anche se siete parecchio indietro rispetto alla linea di scrimmage, si tornerà alla situazione precedente alla vostra ultima giocata, ma con un down in più. Questo vi darà la possibilità di provare a portare avanti la palla con il Quarterback, una soluzione che però potrebbe rivelarsi anche decisamente inefficace, visto che questi giocatori molto spesso sono fragili e propensi ad infortunarsi.

Se il vostro Quarterback è fatto per correre, colpire ed essere colpito, cose che potrete capire dalle sue caratteristiche e dalla sua condizione fisica, potrete andare tranquilli con questa tattica, soprattutto quando non riuscirete ad avanzare passando la palla. Correte verso l'esterno del campo, fatevi colpire leggermente oppure cercate di scivolare via se qualche difensore di grosse dimensioni vi si avvicina minaccioso. Usare la carta del Quarterback, se la situazione lo consente, permette quasi sempre di guadagnare yard, contrariamente a quanto succede lanciando la palla, in cui i rischi sono maggiori. Ci sono poi dei giocatori il cui compito è quello di procedere su percorsi ben definiti, a meno che non si dica loro di fare altro, in modo piuttosto efficace. Per questo motivo, conviene dare un'occhiata ai percorsi sia sul libro di gioco che sul campo, in modo da capire in quale posizione potrebbero trovarsi determinati giocatori in certi momenti, aumentando così le probabilità di successo in seguito al lancio del pallone. Sapere dove si troverà un giocatore, dove taglierà, dove salterà e via dicendo è a dir poco vitale quando è necessario lanciargli la palla prima che gli altri possano capire cosa farà. Quando si sceglie di utilizzare una strategia in cui i passaggi sono l'elemento fondamentale, ci sono numerose possibili opzioni, e la difficoltà di scelta aumenta, logicamente, quante più possibilità di gioco sono disponibili. La cosa interessante è che, in una partita di football americano, possono essere sfruttate tutte, dalla prima all'ultima. Quando si gioca, bisogna comunque avere sempre in mente una tattica ben precisa, un piano A, se così possiamo definirlo, e di solito questa strategia coinvolge il fidato e talentuoso Wide Receiver, oltre a sfruttare percorsi che metteranno in seria difficoltà la difesa avversaria. Se questo piano funzionerà, avrete quasi sicuramente un altro Wide Receiver libero, a cui poter lanciare la palla. Ricordate però, che queste scelte vanno fatte nel giro di una manciata di secondi, visto che le partite non sono eterne. Se vedete che il piano A sta fallendo, invece, abbandonatelo e pensate immediatamente ad un'altra soluzione.

Il lancio della palla al Wide Receiver da parte del Quarterback costituisce solo una metà delle strategie legate ai passaggi, questo perché il pallone, una volta nelle mani di un Tight End, di un Running Back o di qualsiasi altro giocatore, risulta in gioco finché questo non è uscito dal campo palla in mano o si è buttato per terra. Ciò significa che, se non siete abbastanza rapidi ad avanzare verso la vostra destinazione, potreste addirittura perdere yard. Dopo aver intercettato la palla ed aver acquisito il controllo del portatore, pensate subito a quale sarà la vostra prossima mossa. L'importante è guadagnare yard, non conta se sono soltanto una o due, basta avanzare. Se tutto andrà bene, dovreste ritrovarvi con un sacco di spazio per muovervi e per posizionare al meglio i vostri giocatori. Cercate quindi di essere sempre attivi e di non farvi sorprendere, perché molto spesso anche poche yard guadagnate possono essere il crocevia per la vittoria finale. I migliori Quarterback di tutti i tempi, poi, sono anche dei veri propri specialisti ad intercettare il pallone, azione che d'altronde fa parte del loro ruolo. Spesso, però, non sono loro a sbagliare, ma qualche elemento della difesa (come un Cornerback) o un Wide Receiver a cui capita di procedere sul percorso errato. Il football americano è uno sport di squadra e, logicamente, sono parecchi i fattori indipendenti dalle vostre mani. Quando gli avversari intercetteranno un vostro lancio, passate subito ad una tattica difensiva, assicurandovi che la difesa faccia ciò che gli state ordinando di fare. Farsi intercettare la palla non è bello e se poi a questa azione corrisponde un avanzamento di 30 yard da parte degli avversari, beh, è pure peggio. Limitate quindi le perdite e siate pronti a vedervi intercettare il pallone quando vi state avventurando in una zona piuttosto affollata del campo, dove ovviamente, per ovvie ragioni numeriche, le possibilità di farsi fregare la palla sono superiori.

CORRERE

Ci sono squadre nella NFL che scelgono di giocare quasi esclusivamente in corsa, fornendo ai loro Quarterback da 10 ai 15 tentativi per partita. Questa è una delle tattiche meno brutali tra quelle disponibili in una partita di football, ma non è nemmeno una tra quelle più consigliate. Ci sono infatti modi migliori per avanzare in corsa e fare punti. Le difese avversarie sono piuttosto brave a prevedere se avanzerete in corsa, specialmente quando giocano contro certe formazioni. E' possibile ingannarli parzialmente adottando la formazione a fucile e partendo successivamente in corsa, ma non si tratta di una tattica molto efficace, visto che questo tipo di giocate si basano più sulla forza che sull'inganno. Quando si sceglie di correre, lo si fa per guadagnare costantemente manciate di yard con rischi minori di quelli che si avrebbero tentando di avanzare di metà campo in un colpo solo. Se avete pazienza, guadagnare 3 o 4 yard alla volta vi consentirà di mettere a segno down su down. In altre parole, non importa se la difesa avversaria è a conoscenza della tattica che adotterete, perché intanto riuscirete a guadagnare yard praticamente contro ogni formazione, tranne, magari, quelle tremendamente aggressive. Solitamente, quando si gioca, si tende a cominciare con una strategia, cambiandola al volo in base al proprio umore ed alle proprie preferenze. Tenete quindi d'occhio il vostro libro di gioco quando scegliete una tattica in modo da sapere sempre dove dovrebbe andare il portatore di palla. Il libro di gioco mostrerà dove avvengono i placcaggi, così da permettervi di creare un buco che vi permetterà di guadagnare yard.

Cambiare tattica al volo è una scelta molto rischiosa, visto che nella maggior parte dei casi porterà ad avanzare di un numero minore di yard rispetto a quello che avreste percorso restando con la strategia originale. Quando adottate una tattica, quindi, non cambiatela, a meno che non vi troviate in uno di quei rarissimi casi in cui la coerenza non vi porterebbe a guadagnare yard. Se ciò dovesse succedere, chiamate un timeout, riunite i vostri giocatori oppure cercate di sfruttare le vostre abilità. Quando correte con il pallone tra le mani, ma anche se scegliete di basare la vostra tattica sui passaggi, potete spingere via i difensori avversari, toglierveli di dosso, aggirarli con mosse speciali oppure sfondare i muri che creeranno nel tentativo di non farvi passare. Per correre palla in mano non basta tenere premuto il pulsante Turbo, cercando di entrare in ogni singolo passaggio aperto che vedete sul campo. Bisogna anche usare l'astuzia, cercando di ingannare la difesa in modo da creare varchi in cui buttarsi dentro, nel caso non ce ne siano. Se un difensore pensa che siate diretti a sinistra, andate a destra e poi, quando siete molto vicini, schivatelo cambiando nuovamente direzione. Difficilmente riuscirete ad ingannare i difensori avversari senza fare pratica ed acquisire un po' di sensibilità con i comandi, per cui allenatevi in modo da poter sfruttare questa vostra abilità sul campo. Quando mancano soltanto una o due yard, o addirittura qualche pollice, giocare in corsa è quasi sempre la scelta migliore, anche se una serie di passaggi potrebbe sorprendere le difese avversarie. Cercate di utilizzare tutte le strategie contenute nel libro e trovate quella che si adatta meglio alla situazione. Solitamente, quando bisogna avanzare solo di qualche pollice, correre a mo' di ariete nel mezzo della difesa vi farà andare a segno. Nelle altre situazioni in cui dovrete avanzare soltanto di qualche yard, valutate tutte le tattiche disponibili, anche quelle che hanno a che fare con deboli avanzamenti laterali. Non vi consentiranno di guadagnare molte yard, ma vi basteranno per sorprendere la difesa ed aggiudicarvi il down.

ALTRI CONSIGLI

In una partita di football americano si possono verificare situazioni in cui non si sa cosa fare. Le strategie "classiche" solitamente non funzionano e quindi bisogna trovare altri metodi per superarle. Il quarto down, ossia l'ultimo tentativo per ottenere il primo down o per fare punti, è senza dubbio una di queste situazioni. Bisogna entrare nell'ordine di idee che tutto quello che si trova oltre la linea avversaria delle 40 yard al quarto down deve portare all'utilizzo ed alla conseguente realizzazione di un Field Goal, la cui potenza dipenderà ovviamente dalla forza del vostro Kicker. Quando vi trovate invece vicino al centro del campo, specialmente quando siete ancora nella vostra parte del rettangolo di gioco, al quarto down dovete assolutamente rinviare la palla. Ci sono comunque alcune eccezioni a questa regola: la prima è che le giocate di tipo "4th and inches" o "4th and 1" risultano molto più attraenti in Madden che nel vero football americano, la seconda è che spesso ci si ritrova in queste situazioni a poco tempo dallo scadere e si ha la necessità di segnare, la terza è che in questi casi ci si può trovare sia vicini alla meta che in una zona del campo in cui non vale affatto la pena di rinviare o di tentare un Field Goal. Il nostro consiglio è quello di prendere queste situazioni come vengono e di utilizzare, a meno che non vi troviate nella vostra parte del campo, le giocate di tipo "4th and inches". Se invece siete ancora nella vostra metà del campo, rinviate senza farvi problemi. Se manca poi poco tempo allo scadere e state perdendo di uno o due touchdown, tentare di metterne a segno uno è una tattica assolutamente insensata. Meglio optare per un Field Goal e non perdere quei tre punti sicuri che si riuscirebbero ad ottenere in questo modo. Quando raggiungete il quarto down, è obbligatorio prendere una decisione nel più breve tempo possibile, che dovrà dipendere dalla zona del campo in cui vi trovate. E' inutile, per esempio, calciare un Field Goal se non ci si trova entro la distanza per poter andare a segno, quindi in quei casi potrebbe essere necessario rinviare, o addirittura giocare in difesa. A quel punto, l'azione potrà ricominciare e si andrà avanti così per tutta la partita, visto che, purtroppo, non è possibile passare tutto il match all'attacco. Nel campionato NFL, quello vero, i giocatori utilizzano raramente le finte, sia per quanto riguarda i Field Goal che per i rinvii. Inutile dire che in Madden queste mosse sono molto difficili da eseguire e vi conviene utilizzarle solo quando state giocando contro un vostro amico, visto che quasi sicuramente porteranno al fallimento dell'azione ed al conseguente capovolgimento di fronte. Ricordate sempre che il vostro obiettivo deve sempre essere quello di guadagnare yard, quando vi trovate in attacco, per cui cercate di sfruttare tutti i trucchi e le abilità di cui siete in possesso per avanzare ed andare a segno.

DIFESA

Quello del difensore è davvero un lavoro duro. I giocatori che fanno parte della difesa, infatti, sono quasi sempre quelli che devono metterci più impegno e forza, a cui non corrisponde praticamente mai un riconoscimento da parte del pubblico. Si dice infatti sempre che una partita si vince in attacco, ma non ci si ricorda mai che senza una buona difesa non si va da nessuna parte. Purtroppo, come già detto, giocare in difesa non è affatto facile. Certo, ci sono metodi per rendere le cose più agevoli, ma ci sarà comunque sempre da sudare le proverbiali sette camicie, molto più che in attacco. Capire come funziona la difesa renderà sicuramente la vita più facile quando il gioco si fa duro. Molti detestano giocare da questa parte in Madden perché, a differenza di quando si sta in attacco, non viene spiegato molto. E' infatti necessario osservare il posizionamento dei giocatori in partita per capire qualcosa di più, ed è vitale sia conoscere le tattiche difensive contenute nel libro di gioco che i metodi per contrattaccare certe strategie e formazioni avversarie. Non è possibile, nemmeno in questo caso, vista l'incredibile varietà di tattiche disponibili in questo sport, dire quale strategia utilizzare in seguito ad una determinata giocata. Non è detto, per fare un esempio, che una squadra al "3rd and 20" deciderà di lanciare la palla, in quanto i fattori che determinano questa scelta sono davvero troppi. E' comunque possibile seguire alcune linee generali e fare certe cose che vi consentiranno di ottenere maggiori risultati. Bisogna sempre ricordare, però, che il gioco in difesa è legato a doppio filo alle sensibilità del giocatore ed è possibile acquisire maggiore sicurezza soltanto facendo molta pratica e testando le varie soluzioni sul campo. Quando si gioca in difesa, si parte quasi sempre con una tattica in corsa che, purtroppo, non è praticamente mai la più adatta. Molti di quelli che giocano a Madden adottano la formazione 4-3 quasi esclusivamente perché permette di gestire sia la corsa che i passaggi. Questa strategia, invece, può rappresentare una buona idea, anche se gli avversari potranno facilmente piegarla ai loro scopi. Ed è questo il motivo per cui dovete imparare a capire quando la squadra avversaria si appresta a fare qualcosa di inaspettato. In queste situazioni, la formazione 4-3 è decisamente efficace, soprattutto se avete la necessità di rubare palla.

Le formazioni di tipo Dime e Nickel servono invece principalmente per intercettare i passaggi, anche se offrono modi per bloccare anche chi decide di correre palla in mano. Familiarizzare con il libro di gioco è l'unico modo per sapere quale formazione e quale strategia si adattano meglio alle varie situazioni. Nel caso di una "3rd and 20", ad esempio, con una formazione Dime si va a colpo sicuro, visto che la squadra avversaria si metterà sicuramente a passare il pallone. Per fronteggiare una "2nd and goal", invece, conviene disporre i propri giocatori sulla linea finale del campo con una formazione di tipo Goal Line, che rappresenterà la migliore difesa contro la strategia avversaria. La formazione che vi consigliamo di adottare, comunque, è la 4-3. E' facile da gestire e, soprattutto, consente di rubare la palla ad ogni giocata. Certo, non si tratta di una scelta realistica, visto che nel vero football adottare una tattica simile porterebbe ad una sconfitta certa, ma a quanto pare, gli allenatori e le squadre governate dalla CPU non ragionano come le loro controparti umane, pur adattandosi dopo un po' alle vostre strategie, cosa che consentirà loro di prevedere abbastanza spesso come vi comporterete. Con una formazione 4-3, però, la difesa avversaria perderà la testa. Questa strategia è adatta a fronteggiare entrambe le opzioni offensive, soprattutto i passaggi, e sarà probabilmente il vostro punto di forza nel gioco difensivo. Cercate quasi sempre di colpire a sorpresa gli avversari, cosa che li metterà, dopo un po' di tempo, sotto pressione. Il loro Quarterback sarà quasi sicuramente il giocatore che sentirà di più questa situazione, cosa che lo costringerà a buttare spesso via il pallone. Se la squadra avversaria dovesse scegliere di correre palla in mano, potete cercare di colpirli a sorpresa sugli angoli, anche se con questo rischierete di perdere yard. Certo, potreste anche guadagnarle, ma è praticamente impossibile determinarlo a priori. E' necessario valutare ogni situazione ed utilizzare la tattica più adatta per quel momento se si vogliono ottenere certi risultati. Sorprendere gli avversari è divertente ed andrebbe fatto molto spesso. Se l'avversario è ostico, però, meglio non abusarne, visto che questo potrebbe prendervi le misure ed agire di conseguenza. Se si tratta di un giocatore medio, però, si può provare qualche volta a sorprendere l'avversario e rubargli palla, ovviamente solo quando ogni parte del campo risulta ben coperta. Quando si gioca in difesa è poi molto divertente anche cambiare tattica a sorpresa, in modo da cogliere in fallo la squadra avversaria e ritrovarsi dopo qualche secondo, grazie al capovolgimento di fronte, in attacco. La possibilità di controllare tutti i giocatori vi permette di dare il via piuttosto spesso ad eventi in grado di sconvolgere la partita. Intercettare il pallone, ad esempio, vi consente di ripartire subito verso la zona finale del campo, sia per guadagnare yard che per fare punti. E' molto più difficile, invece, controllare una palla persa, perchè bisogna recuperarla, prenderla tra le mani e poi ripartire. Molto spesso è meglio buttarsi sopra di essa in modo da fermare il gioco e guadagnare il possesso palla, per poi ripartire non appena l'arbitro fischierà di nuovo.

I GIOCATORI CHIAVE

Ogni squadra dispone di veri e propri campioni, giocatori indispensabili alla vittoria in tutte le partite della stagione regolamentare e dei play off, oltre che ovviamente nella finale a cui tutte le squadre sperano di arrivare. Eccovi quindi un breve elenco di giocatori (seguiti dal loro ruolo tra parentesi), suddivisi per divisione e squadra di appartenenza.

AMERICAN FOOTBALL CONFERENCE

BALTIMORE RAVENS
McNair (QB)
Heap (TE)
Lewis (HB)
McGahee (HB)
Pryce (LE)

CINCINNATI BENGALS
Palmer (QB)
C. Johnson (WR)
R. Johnson (HB)
Houshmandzadeh (WR)
Henry (WR)

CLEVELAND BROWNS
Frye (QB)
Edwards (WR)
Lewis (HB)
Dawson (K)
Wimbley (ROLB)

PITTSBURGH STEELERS
Roethlisberger (QB)
Ward (WR)
Parker (HB)
Reed (K)
Farrior (MLB)

HOUSTON TEXANS
Schaub (QB)
Johnson (WR)
Green (HB)
Dayne (HB)
Ryans (MLB)

INDIANAPOLIS COLTS
Manning (QB)
Harrison (WR)
Addai (HB)
Wayne (WR)
Vinatieri (K)

JACKSONVILLE JAGUARS
Garrard (QB)
Jones (WR)
Taylor (HB)
Jones-Drew (HB)
McCray (RE)

TENNESSEE TITANS
Young (QB)
Jones (WR)
Henry (HB)
Bironas (K)
Vanden Bosch (LE)

BUFFALO BILLS
Losman (QB)
Evans (WR)
Thomas (HB)
Lindell (K)
Schobel (RE)

MIAMI DOLPHINS
Green (QB)
Booker (WR)
Brown (HB)
Thomas (MLB)
Taylor (ROLB)

NEW ENGLAND PATRIOTS
Brady (QB)
Caldwell (WR)
Maroney (HB)
Watson (TE)
Bruschi (MLB)

NEW YORK JETS
Pennington (QB)
Coles (WR)
Jones (HB)
Cotchery (WR)
Thomas (LOLB)

DENVER BRONCOS
Cutler (QB)
Walker (WR)
Henry (HB)
Elam (K)
Ekuban (RE)

KANSAS CITY CHIEFS
Huard (QB)
Kennison (WR)
Johnson (HB)
Gonzalez (TE)
Allen (RE)

OAKLAND RAIDERS
Russell (QB)
Porter (WR)
Jordan (HB)
Sapp (DT)
Burgess (RE)

SAN DIEGO CHARGERS
Rivers (QB)
Gates (TE)
Tomlinson (HB)
Kaeding (K)
Merriman (LOLB)

NATIONAL FOOTBALL CONFERENCE


CHICAGO BEARS
Grossman (QB)
Muhammad (WR)
Benson (HB)
Urlacher (MLB)
Anderson (RE)

DETROIT LIONS
Kitna (QB)
Williams (WR)
Jones (HB)
Furrey (WR)
Sims (ROLB)

GREEN BAY PACKERS
Favre (QB)
Driver (WR)
Morency (HB)
Hawk (ROLB)
Kampman (LE)

MINNESOTA VIKINGS
Jackson (QB)
Williamson (WR)
Taylor (HB)
Longwell (K)
Henderson (MLB)

ATLANTA FALCONS
Vick (QB)
Dunn (HB)
Crumpler (TE)
Jenkins (WR)
Brooking (MLB)

CAROLINA PANTHERS
Delhomme (QB)
Smith (WR)
Foster (HB)
Kasay (K)
Peppers (LE)

NEW ORLEANS SAINTS
Brees (QB)
Colston (WR)
Bush (HB)
McAllister (HB)
Smith (RE)

TAMPA BAY BUCCANEERS
Garcia (QB)
Galloway (WR)
Williams (HB)
Bryant (K)
Brooks (ROLB)

DALLAS COWBOYS
Romo (QB)
Barber (HB)
Owens (WR)
Glenn (WR)
Ware (ROLB)

NEW YORK GIANTS
Manning (QB)
Jacobs (HB)
Burress (WR)
Shockey (TE)
Pierce (MLB)

PHILADELPHIA EAGLES
McNabb (QB)
Westbrook (HB)
Brown (WR)
Cole (RE)
Trotter (MLB)

WASHINGTON REDSKINS
Campbell (QB)
Betts (HB)
Portis (HB)
Moss (WR)
Cooley (TE)

ARIZONA CARDINALS
Leinart (QB)
Boldin (WR)
James (HB)
Fitzgerald (WR)
Okeafor (LE)

SAN FRANCISCO 49ERS
Smith (QB)
Battle (WR)
Gore (HB)
Nedney (K)
Moore (MLB)

SEATTLE SEAHAWKS
Hasselbeck (QB)
Jackson (WR)
Alexander (HB)
Tatupu (MLB)
Peterson (ROLB)

ST. LOUIS RAMS
Bulger (QB)
Holt (WR)
Jackson (HB)
Wilkins (K)
Little (LE)

Sommario della mini-guida

I RUOLI
CONSIGLI GENERALI
ATTACCO: PASSARE
ATTACCO: CORRERE
ATTACCO: ALTRI CONSIGLI
DIFESA
I GIOCATORI CHIAVE