Mega Man 9La Soluzione di Mega Man 9 

La Soluzione è basata sulla versione americana del gioco. Alcuni termini potrebbero non corrispondere con la versione italiana.

Jewel Man

Scendete subito verso la parte più bassa della prima schermata, quindi destra preparandovi ad affrontare una lunga serie di nemici. Tre saranno i quelli particolarmente fastidiosi: i carrellini pieni di rocce - a cui dovrete sparare prima che vi arrivino addosso - , gli esseri verdi provenienti da cielo - a cui dovrete sparare prima che arrivino a terra -, e le pistole rosse - i cui proiettili dovrete distruggere prima che vi colpiscano.
Quindi continuate a scendere. Attirate i ragni verso di voi per finirli con una veloce scarica mentre vi rincorrono. Distruggete anche il robot, quindi ancora giù, dove vi attendono avversari di stampo analogo. Poi destra.
Noterete una nuova tipologia di piattaforma, e cioè un genere semovente di colore arancione; la loro particolarità è che il loro movimento seguirà il movimento di Megaman! Potrete in questo modo superare il burrone a voi sottostante, che a prima vista parrebbe insormontabile. Arriverete dunque al portale che conduce al miniboss. Rendete la piattaforma stazionaria, quindi saltate dal suo bordo così da evitare gli aculei.
Farete conoscenza con un simpatico masso antropomorfo di enormi dimensioni. Noterete sopra di voi sette pietre; esse cadranno a turno verso di voi, ed ogni tanto da lì cadrà anche la simpatica pietra con il faccione. Non appena la vedrete cadere, prestate particolare attenzione alla schivata e dunque riempitela di colpi prima che ritorni sul tetto (mentre è sul muro potrete ancora colpirla). E' possibile capire da dove cadrà la pietrona guardando la pietrina dalla quale escono dei detriti: non appena li vedrete uscire, saprete da dove sarete al prossimo turno attaccati.
Dirigetevi subito verso destra, e dunque immediatamente verso il basso. Dovrete dunque vedervela con un nuovo nemico - si tratta di specie di gioielli che cadono dall'alto, invulnerabili fino a che non vi faranno vedere la loro faccia (ma che a quel punto saranno facilmente eliminabili con un solo colpo). Ancora giù, dove ci saranno dei carrellini di rocce da eliminare da lontano.
Attenzione ai salti: usciranno fuori dei nemici dal vuoto. Attendete, come da tradizione, che essi siano scesi giù e dunque balzate con il giusto tempismo. Destra, ove vi attendono svariati salti, alcuni dei quali saranno particolarmente difficoltosi. In particolare potreste avere dei seri problemi nel governare la piattaforma che slitta verso destra senza incappare negli artigli.
Il consiglio è quello di non premere troppo sull'acceleratore della piattaforma, e di spostarsi lentamente progressivamente verso destra così da poter effettuare una transizione con la successiva piattaforma senza la necessità di saltare. Scendete giù, dunque portando la vostra piattaforma verso un estremo dell'arena piena di aculei, saltate giù cercando di avere principalmente fede. Dovreste farcela se ricordate di portare la piattaforma molto verso un lato, dato che in caso contrario sareste invece a rischio di "slittare" contro uno degli aculei (che è comunque equivalente a prenderlo in pieno).
La successiva zona sarà fortunatamente scevra da difficoltà di questo genere, essendo popolata da nemici già in precedenza identificati in maniera univoca. Continuando verso desta raggiungerete la tana di Jewel Man
Boss: Jewel Man L'unica arma a disposizione di Jewel Man è uno scudo che, oltre a servire per la sua protezione, può anche essere lanciato verso di voi per causarvi dei danni. Le tattiche che dovrete utilizzare per sbarazzarvene senza problemi sono essenzialmente due: servitevi del Black Hole Bomb per risucchiare il suo scudo, rendendo così sia vulnerabile ai vostri colpi sia incapace di infliggervi danno; dunque dovrete fare finta di saltare per poi atterrare velocemente - Jewel Man è programmato per saltare in maniera automatica verso di voi -, e dunque colpirlo mentre si trova in aria. Ripetendo questa semplice procedura lo distruggerete molto velocemente.

Plug Man

Destra, noterete dei nuovi nemici che escono da dei trasportatori circolari: uccidetene lo stretto necessario per procedere, dato che hanno un respawn continuo. Continuate avanti, cercando di evitare i raggi - non possono essere distrutti - ed usando l'invincibilità temporanea nel caso in cui cadiate in uno dei soliti pozzi di aculei.
Salite dunque la scaletta, evitate i raggi, quindi continuate a salire sempre destra - non ci saranno nuovi nemici che vi possono creare problemi particolari. Dunque arriverà uno dei momenti più fastidiosi del livello, e cioè il percorso di piattaforme verdi intermittenti. In pratica dovrete capire che percorso vanno a formare queste piattaforme intermittenti, rimanendo ad esaminarle per un po'. Si sconsiglia l'impulsività poiché vi porterà sicuramente ad una morte prematura.
Ricordate che nonostante uno dei percorsi non sia strettamente necessario, in realtà vi conduce ad una buona ricompensa, dunque pensateci due volte prima di procedere avanti senza visitarlo. In ogni caso, prima o poi, dovrete scendere giù attraverso il buco.
Ora incontrerete per la prima volta le macchine clonanti di MegaMan. Esse producono una copia esatta di MegaMan che potrà essere uccisa con due soli colpi, ma che sarà comunque molto agile (tanto quanto voi stessi), dunque potrebbe crearvi qualche problemino. Evitate specialmente di passare più di una volta sopra al tappeto-duplicante, così da non doverne mai affrontare due in un sol colpo.
Noterete che procedendo lungo il livello la colorazione diventerà sempre più scura. Vi attenderà una nuova serie di puzzle composti da piattaforme verdi intermittenti, che come il precedente richiederà principalmente una grande pazienza piuttosto che abilità. Nel caso in cui abbiate già acquisito il Rush Jet completando un'altra missione, potrete utilizzarlo, ma se avete seguito l'ordine della guida ciò non sarà possibile.
Vi troverete dunque di fronte ad un E-Tank; salite verso la piattaforma con gli ingranaggi e quindi correte verso destra, usando il cannone per eliminare i vostri cloni. Alla fine del percorso ci saranno diversi robot fluttuanti, che non dovrete per forza distruggere ma anzi preferibilmente evitare; dunque servitevi del Rush Coil per prelevare il chiodo in cima all'ultima della serie di piattaforme. Potrete vedere dinanzi a voi una scaletta, da utilizzare per arrivare alla prossima area di gioco.
Uccidete tutti i nemici presenti - saranno pochi e di non rilevante potenza - per poi procedere lungo le piattaforme intermittenti che vi conducono alla scaletta. Attendete che i raggi vadano giù, quindi continuate verso destra, arrivando proprio nei paraggi della tana di PlugMan. Il robot di guardia potrà essere ucciso con discreta facilità tenendo presente che dovrete sparargli da lontano per non entrare neppure nel suo raggio d'azione (e renderlo dunque completamente innocuo).
Boss: Plug Man
Il vostro nemico, PlugMan, possiede due attacchi principali: la PlugBall, una palla energetica in grado di ridurvi in fin di vita, ed un normale attacco fisico (che sarà però utilizzato con frequenza molto più alta degli attacchi fisici a cui siete abituati da parte dei due boss precedenti). Sulla carta, ciò dovrebbe farvi preoccupare. In realtà, basterà usare un piccolo trucchetto per renderlo quasi del tutto inoffensivo: utilizzate il Jewel Satellite, lo scudo di Jewel Man. Esso vi proteggerà dalla PlugBall, e potrà poi essere lanciato verso il vostro nemico non appena questi deciderà di approcciarvi per uno scontro corpo-a-corpo. Chiaramente c'è una piccola limitazione: il Jewel Satellite è un vero succhia-Watt, dunque dovrete utilizzarlo con parsimonia ed accertarvi che ogni vostro colpo sferrato tramite esso vada a segno.

Tornado Man

Salite subito le piattaforme per arrivare in cima all'area iniziale di gioco; dovrete qui affrontare delle specie di palloncini antropomorfi: sparate in direzione della loro faccia per ucciderli velocemente, dunque continuate a percorrere le piattaforme in senso verticale. Incontrerete qui un nuovo tipo di piattaforma rotante, sulla quale dovrete continuare a saltare per poter rimanere in piedi: saltate sempre durate la parte crescente del movimento per essere certi di non cadere miseramente.
Continuate avanti fino all'area dove ricomincerete a viaggiare in orizzontale. Ci saranno alcuni puzzle composti da piattaforme da affrontare; il primo vi vedrà impegnati con delle piattaforme rotanti analoghe a quelle appena viste - in questo caso però, purtroppo, invece di essercene solo una dovrete saltare lungo una lunga serie di esse. La tecnica migliore è anche quella più semplice ed ovvia: continuare sempre a saltare, per fare sì che MegaMan non capiti mai nella fase discendete.
Continuate dunque verso destra, dove dovrete vedervela con qualche altro robot-palloncino, ma nulla di particolarmente scabroso. Dunque arrivati alla fine dell'isoletta di terra, scendete giù: vi troverete di fronte alcune piattaforme ghiacciate, sulle quali dovrete fare particolarmente attenzione a...non scivolare, molto semplicemente. Ancora giù, ci saranno alcuni nemici a forma di scudo, ma non sarà troppo complicato colpirli nel loro punto vulnerabile e dunque rendere lo scudo completamente inutile. Sempre a destra, vi troverete dunque a percorrere una leggera salita, molto progressiva dunque inizialmente potreste anche non notare che la salita sta cominciando. Purtroppo qui dovrete affrontare un nemico particolarmente fastidioso a causa della sua elevata resistenza: per uccidere Sniper Joe dovrete colpirlo per ben sei volte - e dovrete anche attendere che abbassi il suo scudo. Con un po' di pazienza, comunque, riuscirete anche a superare questa difficoltà.
Qui il tempo atmosferico sottostante, tutt'altro che positivo, avrà un grosso effetto sull'andamento di MegaMan: dovrete dunque cercare di posizionarvi più a destra possibile prima di saltare così da neutralizzare l'influenza del vento, che sarà sicuramente ben presente. Ricordate che le nuvole non sono ostacoli, bensì delle piattaforme aggiuntive (o meglio, nascondono sempre piattaforme al loro interno).
Dunque vi attende la parte più ardua del livello, ove ve la dovrete vedere in congiunzione con le piattaforme rotanti ed il tempo piovoso. Anche qui si consiglia sempre di posizionarsi nella parte più a destra delle piattaforme per portare a termine il salto con successo, anche se chiaramente potrebbe rivelarsi una questione non proprio semplicissima; in pratica sarà necessario semplicemente un bel po' di allenamento.
Superata quest'area, scendete giù e quindi andate verso destra. La direzione del vento cambierà, dunque questa volta dovrete dosare i salti in maniera opposta, dunque dovrete posizionarvi leggermente più a sinistra rispetto alla posizione ottimale senza vento. Ricordatevi di prelevare la vita extra, e quindi procedete verso la tana di Tornado Man (non prima di aver equipaggiato la PlugBall).
Boss: Tornado Man
L'attacco principale a disposizione di Tornado Man è il Tornado Blast, un vero e proprio tornado che vi coinvolgerà portandovi verso l'alto. Nonostante sembri innocuo, il suo meccanismo di funzionamento si basa sugli aculei che ricoprono parte della tana di Tornado Man: per scampare a questa trappola sarà sufficiente posizionarsi lontani dagli aculei. Cercate inoltre di colpire Tornado Man con la vostra PlugBall (in grado di infliggerli molti danni) solamente quando questi sarà a terra, pena la sicura schivata del vostro colpo - il momento migliore risulta essere proprio nel bel mezzo della sua evocazione del Tornado Blast. Tenendo a mente come rendere inoffensiva la sua mossa principale, è un boss di facile completamento.

Magma Man

Come è ormai tradizione, cominciate il livello correndo verso destra, cercando di evitare i pozzi di lava disseminati lungo tutto il percorso (il livello di Magma Man deve tenere fede alla nomea!). Noterete subito che dietro di voi si formerà una vera e propria coda di robot sputa-fuoco: invece di tentare di combatterli, è molto più conveniente continuare a correre dritti per la vostra strada, dato che viceversa rischiereste seriamente la vita.
Potreste avere qualche problema nel saltare dalla piattaforma verso la scaletta, ma l'unico rimedio sarà una maggior attenzione: è un salto leggermente più difficile degli altri. Salite la scaletta per fare conoscenza con gli sputafiamme - trattasi di nuovi nemici che sputano fiamme dalla testa. Paradossalmente, nonostante sia la sorgente delle fiamme, la testa è anche l'unico punto del loro corpo che risulterà vulnerabile. Salite la seguente scaletta, dunque prestate attenzione ai flussi di lava che arriveranno improvvisamente dal soffitto; specialmente mentre combattete i nemici potrebbero cogliervi di sorpresa, dato che sarete concentrati su altre cose.
Destra, saltando verso l'area a voi sottostante. Uccidete lo sputalava e prendete l'ingranaggio. Continuando giù vi attende il combattimento con un mini-boss: un dragone sputafuoco. Finalmente un boss classico! L'unica strategia suggeribile è quella di evitare le sue fiamme e di colpire le sue uniche parti vulnerabili, le quali si riducono alla testa e la faccia.
Procedete lungo il corridoio, sbrigando prontamente la pratica di eliminazione del nemico che vi starà seguendo (voltatevi e lo vedrete subito). Davanti a voi ne vedrete subito un altro; dopo aver sbrigato anche questa pratica saltate sulla piattaforma di sua residenza. Destra, continuando a saltare lungo svariate piattaforme nessuna delle quali dovrebbe risultare particolarmente complessa con un'eccezione: l'ultima, la quale richiede una maggiore attenzione per essere superata con successo. Destra, evitando gli spruzzi di lava sopra di voi, per poi salire la scaletta e tornare indietro in modo da essere al sicuro da qualsiasi tipo di spruzzo.
Sempre verso destra, vi troverete ad affrontare una sezione costituita principalmente da flussi di lava che andranno prontamente evitati. In pratica, l'intero percorso che vi conduce alla tana di Magma Man è disseminato di flussi di lava: trattasi dell'unico ostacolo che vi separa dal vostro acerrimo nemico. Prima di entrare nella tana, ricordate di equipaggiare Tornado Blow.
Boss: Magma Man
Magma Man vi attacca principalmente tramite flussi di lava diretti verso di voi; sono flussi in grado di danneggiarvi in maniera considerevole, ma voi avete dalla vostra un'arma che vi permetterà di ottenere un vantaggio cruciale: il Tornado Blow. Non ci sarà neppure bisogno di mirare, dato che il Tornado Blow farà tutto il suo lavoro da solo. L'unico piccolo problema è che non avete sufficiente energia per distruggere Magma Man facendo unicamente ricorso al Tornado Blow: per il resto, servitevi dei vostri colpi standard, magari utilizzando l'invulnerabilità temporanea se finora siete riusciti a risparmiarla.

Hornet Man

Come spesso ormai succede, la prima azione del nuovo livello vi vedrà procedere verso destra, ove troverete un gruppetto di carrellini di rocce ad attendervi. Avendoli già affrontati, siamo sicuri che non rappresenteranno un problema. Continuando verso destra farete conoscenza con dei fiorellini che sparano missili, analoghi a quelli visti anche in giochi come Super Mario Land - evitate i missili con un salto e non ci saranno guai.
Salite dunque la scaletta, e vi verrà presentato un nuovo particolare tipo di piattaforma - una specie di vite (nel senso di pianta del vino) elettrica. Sparandole essa si estenderà per alcuni secondi: voi dovrete essere svelti ad utilizzarla, dato che in pochi secondi si ritrarrà, e nel caso in cui sotto di voi ci sia il vuoto non avreste speranze. Comunque, per la prima volta, i creatori del gioco hanno preferito un approccio soft.
Destra, vi troverete ad affrontare un nemico piuttosto curioso: delle forbici create dall'unione di due robot; fate esplodere i robot prima che facciano in tempo ad unirsi, dato che in quel caso potrebbero diventare pericolosi.
Quindi un'altra peculiare zona di questo peculiare livello: dovrete sparare al robot, il quale dal vostro proiettile creerà tre proiettili spaccaterra, i quali se utilizzati per più volte consecutive andranno a creare un vero e proprio buco sotto i vostri piedi, rendendo possibile l'accesso alla nuova zona di gioco.
Vi troverete qui a fronteggiare il boss di metà livello, un fiorellino che spara dei pedali metallici verso di voi. C'è un piccolo problema, rappresentato dal meccanismo centrale che forza il vostro continuo movimento, e dalla conformazione del territorio che vi mette a serio rischio di trapasso da parte di un aculeo. Dovrete fare in modo di trovarvi dal lato opposto rispetto a quello dove apparirà il boss; nel caso in cui ciò non succeda, invece di tentare di colpirlo inutilmente rimanete nella vostra posizione ed evitate i suoi colpi, attendendo una maggior fortuna alla successiva ricomparsa; sparategli solo quando sarà completamente vulnerabile concentrandovi invece sull'evitare i colpi in tutti gli altri casi; seguendo questa strategia non dovreste avere troppi problemi. La sua uccisione vi consentirà di procedere, come sempre verso destra.
Ricordate le viti robotiche prima affrontate? Sarà il momento di fare sul serio. La velocità in questa serie di piattaforme è la variabile cruciale per la vostra facile riuscita; cercate semplicemente di percorrere le scalette retrattili alla massima velocità possibile, evitando di farvi distrarre dai nemici e confidando nella fortuna per non essere da loro colpiti a morte.
Boss: Hornet Man
Sarete ormai arrivati nei paraggi della tana di Hornet Man. L'unico ostacolo sarà rappresentato da alcuni fiori lanciamissili, ma nulla che non avete già visto; cercate però di fare vostra la vita aggiuntiva che sarà visibile dal percorso principale, e raggiungibile con alcuni arditi salti.
L'arma che si rivelerà più efficace contro Hornet Man è il Magma Bazooka che avrete recuperato da Magma Man nel livello precedente. Solitamente il boss si posiziona su uno dei due lati del livello, salta verso l'alto e vi spara alcuni missili a ricerca automatica. Voi dovrete mirare ai missili con il Magma Bazooka, e solo dopo aver distrutto quelli utilizzarlo contro il boss (sarebbe troppo rischioso cercare di evitare manualmente i missili stessi!). Non dovreste aver problemi per quanto riguarda l'energia consumata dal Bazooka, è un'arma ecologica (?).

Splash Woman

Il livello si svolgerà quasi completamente in ambiente subacqueo, dunque sono necessarie alcune raccomandazioni prima di partire, riguardanti la fisica di gioco: i salti risulteranno essere leggermente più alti e generalmente arriveranno molto più avanti rispetto a quelli eseguiti sulla terraferma (ovviamente). La conseguenza non immediatamente intuibile di questa situazione è che sarà molto più facile essere colpiti da nemici, anche in maniera del tutto involontaria, e ciò saltando loro in braccio.
Arriverete ad una specie di abisso, del quale consigliamo di scegliere la parte destra; dunque dovrete vedervela con alcuni nemici di vario tipo, tra i quali gli unici nuovi saranno dei robot che cammineranno sui muri: dovrete distruggerli non avendo paura dei loro proiettili che si dividono, dato che potrete facilmente eliminare anche i proiettili che risulteranno dalla moltiplicazione, seguendo sempre il solito processo.
Dovrete ora servirvi delle bolle che viaggeranno verso la superficie per arrivare al proseguio del livello; non sarà difficile, ricordatevi di utilizzare il Jewel Satellite nei momenti in cui i nemici vi arriveranno addosso, così da evitare di far scoppiare la bolla. Arrivati in cima servitevi del Jet per procedere verso la seguente area di gioco.
Destra, eliminate il robot prima che possa individuarvi, quindi il suo amichetto che si troverà leggermente più a destra. Servendovi delle piattaforme, raggiungete la scaletta - non dovreste aver problemi a capire la sequenza ottimale per l'attraversamento.
Per il secondo insieme di piattaforme conviene servirvi del Rush Coil: piazzatelo in maniera tale che vi consenta di arrivare velocemente al mattone in alto a destra, e dunque attendete la sua fuoriuscita dal muro per poi saltare verso di esso senza dover stare a badare alla sequenza degli altri mattoni. Il terzo dei tre puzzle di piattaforme potrebbe darvi dei problemi dato che non ci sono vere e proprie scorciatoie per risolverlo, dovrete semplicemente cercare di essere il più veloci possibile.
Vi troverete dunque di nuovo immersi in acqua. Dirigetevi verso destra, cercando di evitare le mine che arriveranno verso di voi, quindi scendete verso il basso per arrivare alla tana del boss di fine livello. Purtroppo ci sarà un robot post come sorveglianza: cercate di eliminarlo come sempre con colpi da lontano, così da non perdere preziosi punti vita prima dello scontro.
Boss: Splash Woman
La battaglia potrà essere risolta piuttosto velocemente avendo l'accortezza di utilizzare l'Hornet Chaser: oltre ad essere la sua debolezza, non richiede neppure un diretto controllo da parte vostra, rendendo dunque la distruzione di questo boss quasi una pura formalità. L'unico attacco a disposizione di Splash Woman è diviso in due parti: nella prima, muovendosi in cerchio si dirigerà verso l'alto creando dei pesci che tenteranno di ostacolarvi (ma che potrete distruggere abbastanza facilmente); nella seconda, una volta arrivata alla cima dello schermo, lancerà il suo tridente tentando di centrarvi: sarà facilissimo evitarlo muovendosi velocemente in direzioni casuali così da non rendere il vostro percorso prevedibile. Nel mentre, continuante ad usare i razzi: la fine della battaglia arriverà molto presto.

Concrete Man

Nella prima sezione del livello dovrete fronteggiare una vera e propria carica di uccelli robotici che pioveranno da quasi ogni direzione. Il consiglio qui è quello di equipaggiare prima della battaglia il Jewel Satellite, così da far schiantare gli uccelli contro il vostro scudo ed eliminare ogni possibilità di essere da loro colpiti. Salite la scaletta alla fine del percorso.
Ci saranno qui svariate piattaforme che dovrebbero essere attraversate per arrivare alla scaletta in alto; personalmente suggeriamo di utilizzare la Rush Coil per arrivare velocemente alla scaletta senza dover penare. Quindi destra, salite la scaletta al centro, e da qui sparate al grosso elefante che si sarà fatto strada lungo la piattaforma nel mentre: dovreste essere completamente al sicuro.
Dunque dovrete fronteggiare gli altri due (gli elefanti sono in tutto tre): si consiglia di utilizzare questa tattica; prima sparate a più non posso da lontano, quindi correte velocemente verso gli elefanti e sparate tutti i vostri colpi migliori da vicinissimo senza pensare nemmeno a schivare o a parare: è possibile che veniate colpiti dall'elefante, ma riuscirete sicuramente a distruggerli entrambi in un batter d'occhio, compito che in caso contrario si rivelerebbe molto lungo e laborioso. Uccidete il ragno con un missile inseguitore, e procedete avanti verso la nuova zona.
Scendete la scaletta, procedendo dunque verso sinistra e superando le svariate cascate - non preoccupatevi perchè nonostante la vostra vista sia da esse ostruita, non ci saranno ostacoli significativi al loro interno. Salite la scaletta che raggiungerete dopo qualche secondo.
Vi ritroverete in una stanza, all'interno della quale vi sarà un'altra scaletta: ve ne potrete agevolmente servire per andare ad uccidere il solitario ragno. Quindi procedete verso l'altra scala, la quale vi può condurre alla seguente zona di gioco - attenzione alle piattaforme false che vi potrebbero far irrimediabilmente cadere giù, senza alcuna speranza di recuperare. Sarà comunque facile identificarle: le frecce che puntano verso il basso segnalano una piattaforma che cadrà giù non appena vi poggerete, mentre quelle che puntano verso l'alto segnalano una piattaforma che vi proietterà verso l'infinito ed oltre. Procedendo lungo la sequenza di piattaforme vi ritroverete, quasi inconsapevolmente, nei paraggi della tana di Concrete Man: non vi rimane altra scelta che entrare.
Boss: Concrete Man
Il colpo a disposizione di Concrete Man che potrebbe crearvi qualche problema è il suo Concrete Shot, il quale letteralmente vi imprigionerà all'interno di un blocchetto di cemento. Sarà pero facile, utilizzando il Laser Trident recuperato da Splash Woman, liberarsi dalla presa: semplicemente sparate ripetutamente mentre siete all'interno del cemento per sbloccare la vostra peculiare situazione. Altre buone notizie: il vostro nemico è particolarmente sensibile al tridente stesso, dunque potrete utilizzarlo abbastanza facilmente per dargli il colpo di grazia dopo esservi liberati dalla sua morsa senza troppi problemi (ed averlo in questa maniera reso completamente inoffensivo).

Il Castello di Dr. Wily<br><br>Prima Parte

Prima di procedere all'interno del castello, conviene cercare di fare scorta di tutti gli oggetti che pensate potrebbero tornarvi utili per la battaglia; ricordate innanzitutto che dovrete riuscire a percorrere il castello tutto in una sola tornata di gioco, in caso contrario dovrete ricominciare daccapo - come in tutti i plataform vecchio stile, d'altronde.
Subito cominciate a seguire il percorso che si snoda a zigzag, prima a destra e poi a sinistra, e che vi vede fronteggiare dei piccoli nemici robotici, tra i quali gli uccelli. Il problema è che questi uccellini vi tireranno delle rocce mentre voi state saltando sopra i burroni disseminati lungo il livello; problema accentuato dal fatto che da questi burroni escono fuori altri nemici. Per poter superare questa incombenza senza diventare pazzi si consiglia di utilizzare la forza bruta: servendovi del Jewel Satellite create uno scudo che vi permetterà di procedere senza preoccuparvi troppo degli ostacolo. Arriverete dunque ad un robot rosso, distruggendolo servendovi del Mega Buster; quindi raggiungete la scaletta usando il tornado sulla piattaforma.
Immediatamente troverete un'altra piattaforma sulla quale dovrete utilizzare la medesima mossa - il tornado. Dunque salite la scaletta, e continuate verso destra, finalmente in un'area scevra da presenza nemica. Ricordate di prendere tutti i punti energia che troverete dato che vi saranno indispensabili. Continuate sempre attraverso le svariate scalette. Altri due robot si faranno avanti; dovrete prima sparargli da vicino con un'arma qualsiasi, quindi quando avranno deciso di tirare giù il loro scudo dare il colpo finale servendovi del Mega Buster. Continuate verso la seguente schermata di gioco, che non sarà caratterizzata da incipienti difficoltà.
Vi troverete di nuovo di fronte ad un Dragone analogo a quello combattuto nel livello di Magma Man; seguendo la medesima strategia (che consiste praticamente nel mirare alla testa) dovreste riuscire ad ucciderli con una certa facilità, soprattuto a questo punto del gioco (dato che sicuramente avrete acquisito un bel po' di esperienza da tutti i precedenti combattimenti). Continuate verso destra, quindi uccidete i robot prima di procedere lungo la scaletta che vi farà arrivare alla nuova zona di gioco.
Prendete immediatamente il Rush Coil; ed attendete che il flusso di magma vi sorpassi; dunque saltate verso la scaletta ed arrampicatevi. Dunque utilizzate di nuovo il Rush Coil nel seguente modo: fatelo apparire alla vostra destra ed usatelo come trampolino di lancio per raggiungere le scalette immediatamente successive. Dovrete essere veloci per avere successo, ma confidiamo nelle vostre capacità; la strategia generale è comunque questa, dunque nel caso in cui non ce la facciate al primo colpo ripetetela. Procedete lungo la scaletta in mezzo, la quale vi mette temporaneamente al sicuro dai flussi di lava; dunque saltate verso la scaletta a destra che vi permetterà di arrivare alla seguente schermata di gioco, e poi ancora avanti.
Arriverete ad una piattaforma di colore arancione, utilizzatela per arrivare al teletrasporto poco più in alto verso destra; quindi continuate verso la scaletta. Equipaggiate il Rush Jet e superate la lunga serie di aculei che popolano il pavimento di una parte di questa area di gioco, dunque arriverete ad un'altra scaletta, dopo un breve zigzag. Eliminate il mostro con lo scudo verde, quindi fate il vostro ingresso all'interno della tana del boss di fine livello (sì, nonostante sia il castello finale, ogni sotto-sezione avrà un boss di fine livello a sè stante, purtroppo).
Boss: Le Teste Robotiche
Noterete sulla destra l'arrivo di quattro teste robotiche. Ebbene sì, il boss non è unico, ma è bensì costituito da queste quattro teste. Tuttavia non disperate completamente: la barra di energia è da loro condivisa, dunque non dovrete moltiplicarla per quattro per ottenere la barra finale che dovrete ridurre a zero. Noterete anche che hanno una specie di palla chiodata davanti a loro: la controlleranno utilizzando un raggio laser, cercando di spararla verso di voi: voi dovrete invece cercare di evitarla e, nel migliore dei casi, farla schiantare contro le teste per causare loro ingenti danni. Noterete anche che in alcuni casi le facce diventeranno rosse: ecco, chiaramente in quei momenti il vostro livello di attenzione dovrà leggermente salire, dato che il cambio di colorazione sarà accompagnato da un aumento di potenza del loro raggio al plasma, il che significa che potranno lanciare le loro palle più velocemente ed ad una distanza superiore.
Voi dovrete evitare di disperdere la vostra attenzione: tentate di colpire un massimo di due teste alla volta. Durante la prima fase del combattimento, non dovreste incontrare problemi nel respingere le palle chiodate al mittente; quando la barra di energia sarà alla metà del suo livello iniziale, le teste miglioreranno leggermente la loro mira: potrebbe essere il momento di utilizzare un E-Tank per ripristinare i vostri HP nel caso in cui dovessero tentennare. Continuando con la strategia di focalizzazione su massimo due teste dovreste finire il boss abbastanza velocemente, dato che le teste cominceranno a sparire quando la barra degli HP sarà quasi vuota.

Seconda Parte

Prelevate immediatamente dalla stanza le riserve di energia, dato che vi serviranno lungo l'incombente livello. Quindi continuate su verso la prima vera schermata di combattimento. Dopo aver eliminato i nemici, continuate ancora verso l'alto. Servendovi del Jewel Satellite, eseguite i salti verso sinistra senza essere infastiditi dai nemici.
Quindi continuate verso destra, servendovi del Tornado Blow per rendere inoffensivi i nemici che si dividono in quattro una volta colpiti. Destra, quindi utilizzando il Rush Jet superate l'insieme di aculei che occupa in maniera quasi completa quest'area di gioco, per poi arrampicarvi lungo la seguente scaletta.
Farete qui conoscenza con un nuovo nemico: si tratta di pipistrelli robotici che sono in grado di camuffarsi da piattaforme, confondendovi e mettendo a repentaglio la vostra vita (e anche la vostra sanità mentale, se non riuscirete a superare questo frangente di gioco). Il metodo migliore per non cadere nella loro trappola consiste, molto facilmente, nel cercare di uccidere tutti i nemici non appena entrerete in questa zona di gioco, cosicchè non abbiano neppure il tempo di andare a posizionarsi come false piattaforme.
Il consiglio è quello di utilizzare Rush Jet quando possibile, così da non correre neppure il rischio di atterrare su una piattaforma falsa; prima servitevene per arrivare alla piattaforma più in alto, direttamente connessa ad una scaletta, quindi servitevene per superare tutti i nemici nella schermata seguente. Prendetevi tutto il tempo necessario per mirare con cura al buco nel quale dovrete saltare, dato che sarà circondato da aculei.
Dovrete ora affrontare lo stesso mini-boss che avete dovuto tenere a bada durante il livello di Hornet Man. Dato che l'avete appunto già ucciso una volta, si suppone che non incontrerete problemi particolarmente grossi.
Continuate entrando nel buco che si creerà sul pavimento una volta sconfitto l'avversario, arrivando ad una locazione ove fortunatamente non ci saranno nemici e potrete tranquillamente riprendere fiato. Dunque tuffatevi in acqua; nella prima parte di questo bagno dovrete cercare di evitare i polipetti (che avete già incontrato durante il livello di Splash Woman); diciamo evitare e non uccidere perchè è molto più efficiente evitarli rispetto a perdere tempo nel tentare di eliminarli tutti.
La seguente zona sarà leggermente più popolata, se non altro perchè sarete anche impegnati a distruggere i blocchi gialli servendovi del vostro tridente; nel caso in cui rimaniate senza energia non disperate: disseminate lungo questa parte del livello ci sono svariate ricariche. Arriverete dunque finalmente ad una scaletta, dopo una lunga processione verso destra; la scaletta vi riporterà sulla terraferma.
Qui vi troverete di nuovo a fronteggiare gli odiosi robot-piattaforma già conosciuti. Come in precedenza, dovrete cercare di eliminarli immediatamente, prima che riescano a trasformarsi in piattaforme. Dunque saltate il burrone dal quale provenivano, per poi continuare sulla scaletta che conduce al seguente sentiero, svoltando a sinistra. Sempre a sinistra, fino ad incontrare l'ennesima scaletta, che vi farà cambiare di nuovo zona di gioco.
I nemici qui abbonderanno, davvero. Dovrete cercare di utilizzare al meglio le vostre abilità di schivata che sicuramente avrete sviluppato combattendo svariati nemici fino ad ora, dato che non è comunque possibile riuscire a sconfiggerli tutti. La gamma di nemici non è ampia, è la loro numerosità che vi metterà sicuramente in difficoltà. Raggiunta la seguente area, scendete all'interno del pozzo (ci saranno anche qui dei nemici, ma nulla di particolare, dunque presumiamo automaticamente che riuscirete a sconfiggerli senza patemi d'animo eccessivi).
Saltate giù - cercando di stare a destra per non incappare in alcun avversario - per poi tornare leggermente più su verso la piattaforma, e quindi continuare a destra arrivando alla tana del boss di fine livello. Anche questa come le precedenti avrà un guardiano, ma come i precedenti sarà incredibilmente facile disfarsene.
Boss: Il Robot Dovrete in pratica combattere contro tre diversi boss. Il primo tenterà di lanciarvi dei missili inseguitori. Voi dovrete servirvi del vostro Laser Trident in due modi: prima, distruggere tutti i missili; e dunque andare ad eliminare senza pietà il boss stesso colpendo il punto da dove i missili escono. Ripetendo questa strategia fino a che l'avversario non isserà bandiera bianca potreste anche riuscire a non subire alcun danno.
Passerete dunque a fronteggiare il secondo boss della serie di tre. La tattica qui si centra sull'utilizzo di Tornado Blow immediatamente ad usarlo ancora prima che l'avversario sia completamente attivo, così da danneggiarlo in in maniera massiccia; in realtà il consiglio è quello di sparare in maniera seria prima che egli possa compiere anche la più banale delle possibili mosse. Quando esaurirete l'energia, potrete continuare con i vostri colpi standard oppure con il laser trident: in ogni caso mancherà così poco alla sua disfatta che non potrete che trionfare.
La terza parte del combattimento è anche quella nettamente più difficoltosa, perchè vi vedrà fronteggiare la testa del grande robot, la quale è in grado di sparare dei raggi laser che, contrariamente a quanto siete ormai abituati, saranno piuttosto ardui da evitare. Il metodo migliore per non avere problemi consiste probabilmente nel cercare di colpire la sua bocca con il Laser Trident non appena egli cercherà di spararvi il suo raggio energetico; potreste riuscire ad ucciderlo ancora prima di rendervi conto che il combattimento è iniziato.

Terza Parte

Procedete subito verso destra, eliminando i due robot saltellanti - non vi creeranno alcun problema data l'esperienza acquisita finora. Sempre verso destra.
In quest'area la forza di gravità assumerà forma particolare; in pratica sarete trasportati automaticamente verso l'alto di un sacco di schermate. Fortunatamente la prima sessione non è che di pratica, dunque non incontrerete troppi nemici lungo la via; tuttavia cercate di prendere la mano con i controlli dato che non andrà sempre così bene. E' possibile controllare Megaman nel suo fluttuare utilizzando i colpi della sua arma: egli si muoverà nella direzione opposta rispetto a quella verso la quale il colpo sarà diretto. Arrivati in cima, salite la scaletta per arrivare alla successiva zona di gioco.
Qui non vi troverete a fronteggiare grosse difficoltà; l'unica potrebbe essere il posizionamento delle piattaforme ma sicuramente avete incontrato di peggio durante i livelli precedenti. Continuando sempre verso destra, potrete poi scendere giù dove avrete la possibilità di rifocillare le riserve di energia delle vostre armi. Scendete dentro il buco sulla sinistra, e poi continuate lungo la scaletta più a destra, dove potrete di nuovo rifocillare le vostre riserve - ne avrete sicuramente bisogno.
Tornate giù, quindi cercate di prestare attenzione a non muovervi eccessivamente verso destra, dato che i nemici popolano molto intensamente quella zona di gioco. Vi converrà anche perchè questa tipologia di nemici può essere danneggiata unicamente con colpi al didietro, e da questa posizione sarete particolarmente favoriti per effettuare questo genere di colpi. Continuando sempre verso destra incontrerete l'ennesima scaletta, percorretela servendovi dell'invincibilità per evitare i possibili colpi nemici per poi prendere l'energia e continuare velocemente verso destra.
Potrete qui di nuovo incontrare l'inversione di gravità con cui (si spera) avete familiarizzato all'inizio di questo livello. Purtroppo in questo frangente la difficoltà sarà di molto superiore, a causa della massiccia presenza di nemici e di aculei killer lungo tutto il percorso a gravità invertita. La chiave per riuscire ad uscire indenni è mantenere la calma, e sparare in maniera precisa e mirata cercando di evitare gli spostamenti casuali, i quali aumentano solo le vostre chances di finire contro un aculeo killer (che vi uccide immediatamente); è anche possibile sfruttare una gabola per evitare gli aculei: se venite colpiti da un nemico sarete invincibili per un attimo; in quell'attimo potrete colpire gli aculei e non essere danneggiati. Se siete dunque certi della collisione imminenti, cercate di tamponare i danni in questo modo.
Arrivati in cima, procedete verso destra con una certa continuità, quindi verso sinistra. ATTENZIONE, perchè qui ci sarà un nemico che, senza avvertimenti, è praticamente impossibile da evitare. Proprio accanto alla scaletta che vi conduce fuori da questo inferno ci sarà un nemico in grado di sbattervi senza pietà verso i soliti aculei. Voi dovrete servirvi del Jewel Satellite per rendere i suoi tentativi completamente inoffensivi. Una volta che siete a conoscenza della sua presenza è facilissimo evitare l'impatto, ma in caso contrario perdereste di sicuro una vita.
Non fatevi fregare dalla quasi angelica apparizione di tre vite extra, che sembrano piazzate lì per rendere la vostra vita davvero facile fino alla fine del livello. In realtà due di esse non sono altro che nemici travestiti. Avvicinatevi con circospezione, e vedrete che presto vi mostreranno la loro vera identità; a quel punto non rimarrà che distruggerle senza alcuna pietà. Comunque ne avrete sempre una a disposizione, ed è quella posizionata più in alto, direttamente sopra di voi.
Continuate verso destra ove vi troverete a fronteggiare nemici dello stesso genere di quelli che vi hanno appena teso il tranello (ma stavolta non mascherati). Saltate di piattaforma in piattaforma - cercando di non saltare troppo in alto, dato che ci saranno dei pericolosi aculei ad attendervi nel caso in cui non abbiate una mira particolarmente brillante - e dunque continuate fino alla tana del boss.
Ricordatevi che, nel caso in cui incontriate delle difficoltà nel procedere lungo le svariate piattaforme che vanno a comporre questa zona di transizione, la chiave per non avere problemi consiste nell'avere molta molta pazienza. Ogni piattaforma sarà occupata da uno cecchino, il quale rivelerà la sua faccia (e sarà dunque eliminabile) solo dopo un certo tempo di osservazione. Invece di essere impulsivi, attendete sempre questo momento, dato che per affrontare il boss finale avrete bisogno di quante più vite possibile.
Sfortunatamente la vita extra che vedrete alla fine di questa serie di salti non sarà altro che l'ennesima trappola; si consiglia dunque di lasciarla perdere e di continuare lungo la sterminata serie di piattaforme - fortunatamente non ci saranno molti nemici a darvi fastidio. Scendete poi giù nel pozzo per arrivare finalmente alla tana del boss di fine livello.
Boss: Le Palle di Gelatina
Il boss è in pratica composto da due grosse palle di gelatina, con un occhio elettronico all'interno di una di esse, il quale cambierà di tanto in tanto posizione. Le palle si scambieranno dell'energia e della materia, la quale se colpisce MegaMan lo danneggia abbastanza seriamente; oltretutto le palle non sono vulnerabili in sè e per sè, ma unicamente l'occhio semovente può essere colpito. Oltretutto, può essere colpito unicamente nel momento in cui si muoverà di palla in palla. Ciò significa che la battaglia sarà forzatamente piuttosto lunga come durata.
Anzitutto, cercate di memorizzare la sequenza di movimento delle due palle di gelatina, la quale non varierà mai. In questo modo, saprete quando potrete colpire l'occhio. Seconda cosa, cercate sempre di evitare i pezzi che vengono lanciati dalle palle: non è difficile, ed il fatto che non vi dovrete occupare di colpire il nemico nel mentre gioca a vostro favore. Terza cosa: servitevi della Black Hole Bomb; è la maniera più efficace ed efficiente per colpire l'occhio con sicurezza e danneggiarlo in maniera ingente, rendendo dunque più sopportabile il tedio dovuto alla lunghezza della battaglia. In cinque colpi della Black Hole Bomb la battaglia sarà completata.

Quarta Parte - Battaglia Finale

Trattasi finalmente dell'ultimo livello di gioco; il cuore del livello sarà rappresentato dal combattimento contro il boss finale, dunque come da aspettativa la parte puramente "plataform" sarà leggermente meno impegnativa e lunga di quella degli stage precedenti. L'unico problema che potreste incontrare potrebbe essere relativo alla presenza di una grande quantità di laser lungo tutto il livello, dei laser che comunque non vi danneggiano in maniera significativa, e che possono essere resi inoffensivi utilizzando il Concrete Shot. Per questo motivo, dovrete subito fare incetta di tutte le riserve di energia che potete vedere attorno a voi.
Continuate dunque lungo il sentiero principale; come prima descritto, servitevi del Concrete Shot quando volete essere certi di non essere colpiti dai laser disseminati lungo il livello, preferendo invece altri approcci, diciamo maggiormente diretti (come ad esempio camminare attraverso il laser in maniera diretta) nel caso in cui siate sicuri di non necessitare delle eventuali vite perse. Prendete la vita extra prima di scendere giù verso la successiva zona di gioco.
Sfortunatamente, in questa stanza dovrete combattere in sequenza tutti i mostri di fine livello che avete combattuto finora, fatta eccezione per quelli dei livelli contenuti all'interno del castello; in pratica, tutti gli altri "Man". Quando avrete completato anche questa fatica, arriverà finalmente il momento di confrontarvi contro l'ultimo, finale boss del gioco in questione.
Boss: Dr. Wily Chiaramente il combattimento contro Dr. Wily sarà più complicato e lungo rispetto a quelli che avrete affrontato fino ad ora. Si divederà in tre diverse forme. La prima sarà costituita da una specie di macchinario gigante sputa-uova. Chiaramente non si tratta di uova normali, bensì di uova tossiche. Sfortunatamente le vostre usuali tattiche in grado di infliggere danni ai nemici non funzioneranno contro questo specifico avversario, infatti non sarà vulnerabile a nessuna arma eccetto...le sue stesse uova. Sì, dovrete ri-lanciare le uova contro di lui per poterlo sconfiggere. Ancora più particolarmente, l'uovo dovrà essere colpito un certo numero di volte prima di poter essere lanciato con efficacia contro il mostro. Ciò significa che la battaglia sarà piuttosto lunga; non esistono delle strategie particolari, ma con le abilità che avete acquisito finora dovreste riuscire a rispedire tutte le uova al mittente senza troppi problemi, anche se il tempo di gioco lieviterà.
Passerete dunque a fronteggiare la sua seconda forma. L'unico punto vulnerabile è il posto di comando del Dr.Wily, e l'arma che vi consigliamo per colpirlo è il Mega Buster dato che è in grado di coniugare una certa capacità di fuoco con una buona velocità, essenziale per riuscire a colpire al momento giusto. Questo momento è identificabile nella caduta dal salto del mostro: atterrando dovrà ammortizzare il salto, e per fare ciò dovrà posizionarsi esattamente il linea con la vostra linea di fuoco, rendendosi così un facilissimo bersaglio. Nonostante il Mega Buster sia l'arma consigliata, in realtà quella in grado di danneggiarlo maggiormente è il Concrete Shot; purtroppo la sua lentezza ostacola la sua efficacia, tuttavia se vi sentiti abbastanza bravi da poterlo utilizzare, fatelo senza problemi.
Finalmente arrivati alla forma finale del boss finale. Si tratterà in pratica di una specie di UFO molto veloce, ricavato dalla sala di comando della sua seconda forma. L'UFO è anche in grado di scomparire e ricomparire all'improvviso in un'altra sezione dello schermo, rendendo la sua identificazione un compito abbastanza nebuloso. I colpi da lui utilizzati sono solitamente di due tipi: quattro raggi che prima divergono e poi convergono (verso di voi, chiaramente); oppure sei raggi che non convergeranno verso di voi ma che andranno ad occupare quasi tutto lo schermo, rendendo la situazione abbastanza spinosa. La strategia che funziona meglio è quella che coniuga due diversi tipi di armi: nel caso in cui sia a voi vicino, sparate la PlugBall alla quale è particolarmente sensibile; nel caso in cui si sollevi in aria, sparate i razzi inseguitori che lo colpiranno con totale certezza. Il combattimento potrebbe essere lungo, ma seguendo questa strategia la vittoria è assicurata!

Galaxy Man

Come spesso succede nei primi livelli, trattasi di un qualcosa di esclusivamente introduttivo a ciò che verrà dopo, dunque nulla di eccessivamente complicato.
Procedete immediatamente verso destra, ci saranno alcune piattaforme collegate da scalette, che vi condurranno in alto. Uccidete gli UFO (è sufficiente un solo colpo a testa), quindi continuate avanti. Incontrerete altri nemici - i Mets - per ucciderli attendete che mostrino la loro faccia e quindi sparategli. Scendete dunque giù cercando di evitare gli artigli. Destra, evitate gli UFO in arrivo da ogni lato, facendo attenzione particolare a quelli che attraversano l'area di gioco trasversalmente, dato che vi possono far cadere giù - servitevi dell'invincibilità nel caso in cui accada, così da evitare di essere danneggiati dagli aculei. Salite la scaletta.
Vedrete due cerchi in aria di colore rosa-rosso, essi sono come tunnel spaziali collegati l'uno all'altro. Saltate verso quello a destra (servendovi di Rush Coil), quindi uscite e salite le scaletta immediatamente successiva; attendete la caduta del robot e fatevi trasportare da esso.
Salite la scaletta, continuate verso la piattaforma, ed evitate i robot che cadranno dal cielo camminando in maniera cauta. Superate gli aculei e scendete la scaletta.
Salite di nuovo la scaletta che troverete immediatamente dopo, così da lasciarvi definitivamente alle spalle il robot. Scendete lungo il buco sulla sinistra, continuate dunque verso destra evitando il pozzo, e ancora verso destra cercando di non incappare negli UFO. Vi troverete di fronte ad alcuni anelli analoghi a quelli visti nella prima parte; entrate e non appena arriverete a quello più a destra, voltatevi velocemente verso sinistra e poi ancora destra così da procedere nella direzione corretta.
Continuate lungo la scaletta per ben 3 piani; non preoccupatevi dei nemici che si moltiplicheranno al vostro sparagli: un colpo a testa al risultato della mitosi e la preoccupazione svanirà. Quando arriverete agli scudi rossi, guardateli un attimo con attenzione per vedere che una delle loro parti sarà scevra da protezione: si tratta proprio del punto in cui dovrete colpire.
Via lungo le piattaforme che seguiranno senza soluzione di continuità, cercando di prestare attenzione ai robot che pioveranno dall'alto quando starete procedendo verso sinistra: è possibile che tentino di letteralmente sbattervi verso il muro, ed in questo caso perdereste immediatamente dei punti vita.
Salite la scaletta, avvicinandovi al boss di fine livello. Vedrete un complesso di teletrasportatori; nonostante l'apparenza, sarà di facile utilizzazione: limitatevi ad un percorso lineare e non dovreste essere colpiti dai robot che piovono dal cielo (prendendo anche il cacciavite accanto al primo teletrasportatore).
Boss: Galaxy Man
L'attacco principale a disposizione di Galaxy Man è rappresentato dalla Black Hole Bomb, la quale in pratica è un buco nero che vi attirerà verso di esso non appena raggiungerà una certa altezza rispetto al suolo. Nel mentre Galaxyman tenterà di accogliervi in seguito alla caduta, posizionandosi sotto al luogo di creazione del buco nero. Dovreste riuscire ad evitarlo con facilità muovendovi velocemente lungo la schermata di gioco. L'altro attacco è una specie di corsa (ma piuttosto lenta) verso il vostro personaggio: più che un attacco è un'opportunità che vi viene fornita per colpire Galaxy Man, dato che in questi momenti sarà completamente alla mercè dei vostri colpi. Non dovrebbe essere complicato batterlo.

TI POTREBBE INTERESSARE