Lezioni di guida per Burnout 3: Takedown  0

Burnout 3 è un gioco molto divertente, ma vincere a volte può essere piuttosto complicato, seguite i nostri suggerimenti per diventare piloti provetti!

SOLUZIONE di La Redazione  —  07 Gennaio 2005

Takedowns

Il takedown è la novità più importante di questo gioco, e consiste nello sbattere letteralmente fuori dalla pista gli avversari! Tenendo conto che è anche il modo più veloce per caricare la propria barra del turbo ci si rende facilmente conto della sua importanza. Una volta fatto fuori il primo avversario verrete ricompensati con una tacca di turbo in più fino ad un massimo di 4 avversari demoliti, dopo di chè non sarà più possibile aumentare ulteriormente la vostra razione di boost. La cosa più importante da ricordare è che sbattendo continuamente contro i vostri avversari non provocherete loro nessun danno, infatti il takedown lo si ottiene facendoli andare fuori pista, facendoli schiantare contro qualcosa,magari speronandoli di continuo. A dire il vero la via più facile per farli uscire di scena è quella di sbattere violentemente contro gli avversari da dietro, ovviamente questa tecnica provoca poco danno se le velocità delle due vetture si equivalgono, ma provate a essere più veloci dei vostri nemici anche con l’aiuto del turbo e ne vedrete delle belle! La cosa migliore è quella di risparmiare un po’ di turbo per usarlo subito per far fuori qualcuno, magari proprio con la tecnica appena descritta, se sarete fortunati causerete un incidente parecchio spettacolare e guadagnerete tanto di quel turbo che lo potrete amministrare fino alla fine della corsa. Un’altra tecnica molto redditizia ma molto più pericolosa e’ quella dello SLAM, letteralmente prendere a sportellate i vostri avversari. E’ una tecnica però rischiosa perché il controllo della vettura sarà molto difficile e correrete il rischio di farvi molto male, ma a voi questo non interessa giusto? Quest’ultima tecnica risulta molto efficace in presenza di traffico, infatti sarà molto più facile che il vostro avversario speronato finisca contro qualche altra macchina. Ricordatevi che ci sono moltissimi modi di causare un takedown, ma le maniere più efficienti sono quelle su descritte. Uno dei più divertenti è il PSYCHE OUT, che consiste nel piazzarvi in scia ad un vostro avversario così a lungo che lui stesso innervosito dalla vostra presenza commetterà qualche errore e si schianterà automaticamente! Un consiglio; non cercate di causare i takedown a tutti i costi, ricordatevi che voi correte per la medaglia d’oro, e i takedown per quanto divertenti a volte possono essere controproducenti. Così se vi ritrovate di fronte un avversario e il relativo takedown è semplice fatelo pure, ma se il vostro avversario è in un posto pericoloso, bè lasciatelo perdere e proseguite per la vostra strada, i vostri tempi miglioreranno sempre di più, fino a quando nessuna medaglia vi sarà sfuggita. Non sottovalutate in alcuni casi neanche l’utilizzo dei freni; specie nelle gare testa a testa, una tecnica molto utile è quella di frenare non appena vedrete arrivare il vostro avversario alla vostra destra o sinistra, e riaccelerare subito dopo, in questo modo infatti vi troverete il nemico subito davanti a voi a vostra completa disposizione per ogni tipo di takedown. In questo caso però controllate di avere un buon quantitativo di turbo per causargli del danno e fargli perdere il controllo, altrimenti correrete il rischio di vederlo andare via!

Guidare Pericolosamente

Guidare pericolosamente era il miglior modo in Burnout 2 di guadagnare velocemente del turbo. Ricordate? Guidare contromano, sfiorare la collisione con le altre vetture, sentire il loro clacson inveire contro di voi per un passaggio troppo ravvicinato, insomma essere dei veri pazzi. Adesso la musica è cambiata perché questo stile di guida rende molto meno di prima. Il guadagno in boost che avrete facendo ciò è davvero molto piccolo rispetto ai rischi che correrete; ricordate che il vostro obiettivo qui è cercare di non investire mai, quindi il miglior consiglio in questo caso è quello di guidare pericolosamente solo in certe gare quando avrete bisogno immediato di un po’ di turbo, come ad esempio nelle gare a tempo. In queste gare mettetevi subito nella corsia contro mano per guadagnare un po’ di boost e partire alla grande, ma fuori da queste ipotesi.. spetta a voi scegliere e calcolare attentamente il rischio!

Evitare gli scontri
Questo è il modo più veloce e sicuro per avere successo in Burnout 3. Andando a sbattere infatti non solo perderete ¼ della barra del turbo, ma perderete anche parecchio tempo, che il più delle volte sarà fatale, specie nelle gare uno contro uno e nelle gare a tempo. Dopo uno scontro infatti se il vostro avversario è bravo sarà molto dura recuperare lo svantaggio. Inoltre, molti di coloro i quali si avvicinano per la prima volta a questo gioco hanno la tendenza a guidare come matti, causando molti incidenti, e non c’è bisogno di dire che guidando così non andranno molto lontano. Ci sono un paio di suggerimenti che posso darvi per imparare a non andare a sbattere ad ogni curva di Burnout 3. Per prima cosa cercate di capire che cosa è pericoloso e cosa no. I muri ad esempio non sono poi così pericolosi come sembrano, perché possono essere affrontati in tante maniere, la più efficace ad esempio è lo SLIDE, cioè affiancarsi a loro, vedrete mille scintille provenire dalla vostra auto ma almeno non uscirete di scena, e perderete poca velocità. Colpire un veicolo può invece essere molto pericoloso ma qui tutto dipenderà dalla velocità alla quale starete viaggiando, infatti a bassa velocità non causerete un incidente, ma più alta è la velocità e più grande sarà il rischio. Ricordate inoltre che potrete usare anche la tecnica SLIDE contro i veicoli e non solo contro i muri. La cosa più importante da capire è che occorre evitare a tutti i costi i rischi inutili, specialmente se siete lanciati a 300 km/h. Se non siete sicuri del percorso, o magari non vi ricordate quale curva viene dopo, lasciate il pulsante del turbo e guidate in maniera meno rischiosa, a volte anche strisciando contro i muri in modo tale da non uscire di scena, magari scontrandovi con qualche vettura in mezzo al traffico. Perderete un po’ di velocità ma non vi sarete schiantati! Inoltre fate molta attenzione quando guiderete contromano, focalizzatevi sui fari dei veicoli che vengono contro di voi, infatti flasheranno con le luci parecchie volte per avvisarvi che siete contro mano; cercate di evitare i loro fari e dovreste essere a posto. Personalmente io guido contromano solo nelle strade molto larghe e con parecchia visuale, in modo tale da vedere con molto anticipo le macchine che vengono contro di me, e faccio molto uso anche del muro laterale, è il modo migliore per sfuggire ad un incidente!
Chiaramente alcune volte l’incidente sarà inevitabile, perché ad esempio non causato da voi. A volte i vostri avversari vi colpiranno così forte che sarà impossibile non perdere il controllo della vostra auto specie alle velocità folli a cui presto vi abituerete. La cosa migliore da fare in questi casi è imparare al meglio l’uso dell’aftertouch, cioè la possibilità di controllare il vostro rottame dopo un incidente. Facendo così potrete non solo causare al volo qualche altro takedown, ma anche colpire i vostri diretti avversari impedendo che possano prendere il largo dopo la vostra uscita di scena. Non sottovalutate l’importanza di questa nuova tecnica inserita in Burnout 3, il più delle volte farà la differenza e sarà utile per non perdere la gara.

Usare il turbo

La cosa meno intelligente da fare col turbo, è quella di consumarlo tutto subito. Cercate di guadagnarne subito un po’, guidando contromano, sfiorando le altre vetture, e salvatelo per quando ne avrete realmente bisogno. Inizialmente è meglio usare il poco turbo a disposizione per rimediare ad alcuni errori di guida, ad esempio per riprendere velocità dopo una curva affrontata male, o per star dietro ad un avversario. Se vi trovate di fronte ad un lungo rettilineo, almeno all’inizio non ha molto senso usare il turbo, alla prima occasione verrete raggiunti dagli avversari, tanto vale conservarlo per causare qualche bel takedown, e far crescere così la vostra piccola (almeno inizialmente) barra del turbo! Chiaramente il discorso è diverso se avrete parecchio turbo da gestire.
Se infatti causerete qualche takedown subito dopo la partenza verrete ricompensati con parecchio boost, in questo caso potrete usarlo per prendere il largo dai vostri avversari, specie nelle strade molto larghe o nei lunghi rettilinei, cercate sempre di evitare i rischi inutili però. Se vi trovate ad esempio 5-6 secondi avanti a tutti, la cosa più saggia da fare è quella di guidare in maniera pulita amministrando il vantaggio, togliete il ditino dal turbo arriverete al traguardo nella maniera più sicura e redditizia. Ricordate inoltre che nelle gare uno contro uno (le FACE-OFF) se sarete molto lontani dal vostro avversario guadagnerete il turbo in maniera molto più veloce, quindi cominciate a guidare pericolosamente e appena la barra sarà sufficientemente carica, via di turbo all’inseguimento!

Non usare il turbo
Lo so sembra quasi un controsenso, ma si tratta di una tecnica che renderà molto più semplice l’approccio a certe gare, permettendovi di vincere agevolmente. L’idea è quella di prendere il comando della gara e mantenerlo fino alla fine, facendo schiantare eventuali avversari che vi passeranno avanti. In questi casi, la cosa migliore è rimanere poco dietro al primo in classifica, per poi magari speronarlo vicino alla fine del percorso, e solo alla fine della gara usare il turbo nel rettilineo finale. Qui il consiglio è quello di usare il turbo solo per le piccole correzioni di guida; uscire più velocemente da una curva, riprendere velocità dopo una strisciata al muro o una toccata con un avversario e così via. Se guiderete in maniera pulita, noterete come sarà molto più facile mantenere così la leadership della corsa piuttosto che fare i pazzi col turbo sempre a manetta. Arriverete in certi casi ad avere un vantaggio di 10 secondi dai vostri avversari pur senza aver mai usato il turbo.

Modalità di gioco

All’interno dell’enorme mappa di Burnout 3, potrete divertirvi con tanti modi di gioco diversi. Infatti il gioco presenta molti eventi diversi tra di loro, non solo quindi delle gare, ma anche delle vere e proprie “missioni” con degli obiettivi da raggiungere. Vediamo quindi di dare un’occhiata più da vicino al fantastico mondo creato dai Criterion.

Gara
Si tratta della modalità principale del gioco, dato che è anche la prova che si ripete il maggior numero di volte. E’ la tipica sfida che si svolge in un numero variabile di giri (da 3 a 5), contro 5 avversari. Scopo della gara è quello di arrivare almeno al terzo posto, per guadagnare così la medaglia di bronzo e sbloccare altri eventi. Se conquisterete la medaglia d’oro la vostra ricompensa sarà ancora migliore, perché soltanto conquistando gli ori avrete accesso ai veicoli bonus, alle piste segrete e così via. Queste gare non rappresentano di certo lo scoglio più duro del gioco; allenatevi con i takedowns e alla fine gli ori saranno vostri!

Furia Stradale
Qui lo scopo principale è quello di realizzare tanti takedown quanti ve ne verranno richiesti. La difficoltà consiste nel fatto che non solo avrete un tempo limite entro il quale realizzare i takedown, ma ad ogni scontro la vostra macchina si danneggerà fino a quando non sarà più in grado neanche di camminare… Si tratta probabilmente della modalità più facile, in quanto la vostra macchina è capace di reggere parecchie botte, e gli avversari da sbattere fuori di certo non mancano, quindi mano al turbo e occhio a chi vi sta in coda!

Modalità di gioco

Confronto
Chi ha giocato ai precedenti capitoli di Burnout sa come funziona questa modalità. E’ il classico Faceoff o confronto uno contro uno, dove la caratteristica principale consiste nella ricompensa. Se vincerete infatti, conquisterete l’auto del vostro avversario! Come in precedenza si tratta forse di una delle gare più impegnative, dove per vincere dovrete sudare in alcuni casi le proverbiali sette camicie. I vostri avversari infatti sono sempre dannatamente veloci, e bastano un paio di incidenti per rischiare davvero di non vederli più fino alla fine del tracciato. Solitamente queste gare avvengono su dei percorsi per così dire “monogiro”, come se si trattasse di una tappa di rally per capirci. Inoltre in questo tipo di competizione i vostri nemici saranno sempre molto aggressivi cercando sempre lo scontro e il takedown. Il mio consiglio qui è quello di prendere subito la testa della gara e cercare di mantenere la prima posizione guidando attentamente. Ricordate che anche se sbatterete fuori il vostro avversario con i takedown dopo pochi secondi lo avrete di nuovo in coda, quindi qui la parola d’ordine è guidare con attenzione. Inoltre mentre magari all’inizio un paio di incidenti non vi saranno fatali, se sbaglierete verso la fine della gara, di sicuro vanificherete l’intera competizione vedendo il vostro avversario tagliare il traguardo prima di voi.

Grand Prix
Come intuibile dal suo nome si tratta di veri e propri Grand Prix. Generalmente sono 2-3 gare, una di fila all’altra con punti e classifiche per ogni G.P. disputato. Alla fine se avrete corso bene potrete aspirare ad una delle 3 medaglie. Andando avanti col gioco ci saranno anche G.P. con più gare il che renderà il tutto ancora più impegnativo, perché se riuscirete a vincere tutti gli ori in quei G.P. sbloccherete TUTTO quello che in quel livello si può unlockare!

Time Attack
Nel gioco in realtà non troverete il Time Attack, bensì due modalità chiamate “Giro Lanciato” ed “Evento Speciale” che sono praticamente una specie di Time Attack. In entrambi i casi infatti vi troverete alla guida di un bolide velocissimo, con l’obiettivo di battere il record della pista per aspirare ad una medaglia. Qui si raggiungono davvero velocità elevatissime, fortunatamente non ci saranno avversari ad ostacolarvi, ma solo il traffico sarà il vostro nemico. In alcune piste il traffico rappresenterà la vera grande difficoltà. In questa modalità anche un solo incidente può bastare per dire addio ad una medaglia, infatti qui occorre guidare davvero sempre al limite, cercando di non investire mai. Inoltre avrete sin da subito tutto il turbo e credetemi quando vi dico che dovrete usarlo quasi sempre se vorrete portare a casa la medaglia d’oro. Non è infrequente in questo tipo di gara raggiungere anche i 380 km/h!

Eliminazione
Come suggerisce già il nome stesso si tratta di una gara ad eliminazione. Eliminazione che avviene alla fine di ogni giro. Ci sono 5 giri disponibili e ad ogni giro l’ultimo viene eliminato con una fragorosa esplosione. Sebbene si tratti di gare molto lunghe (sono le più del gioco infatti) non si tratta delle più difficili. Qui ci vuole solo la pazienza di memorizzare il tracciato e guidare senza avere fretta di chiudere la gara. La cosa importante è innanzitutto quella di guadagnare perlomeno il terzo posto e quindi il bronzo, per poi tentare la scalata verso l’oro. Esattamente come le normali gare se investirete parecchio nell’ultimo giro praticamente rovinerete tutto perdendo contatto con i vostri avversari di testa.

Schianto

La modalità schianto è praticamente un gioco nel gioco. Si tratta del vecchio Crash Mode che è stato adesso integrato all’interno del gioco principale vero e proprio. Ho detto che si tratta di un gioco nel gioco, perché potrebbe essere benissimo venduto da solo visto quanto è vasto e quanti diversi livelli comprende. Ci sono infatti 100 livelli di pura follia che vi attendono. Scopo di questa modalità è quella di lanciarvi a tutta velocità da tantissimi posti diversi, incroci, strade, e quant’altro cercando di causare il maggior numero di danni possibili coinvolgendo ovviamente il maggior numero di veicoli! La novità è data dal divertentissimo “Crashbreaker” in poche parole dopo circa 7-8 incidenti causati da voi potrete fare esplodere la carcassa della vostra macchina col tasto B causando ulteriori danni con l’aftertouch! Davvero grandioso! Qui c’e’ solo un consiglio che posso darvi: molto spesso risultano fondamentali i moltiplicatori di danno (i 2X o i 4X) e i bonus in denaro (oro, argento, bronzo) prenderli tutti è quasi impossibile viste le velocità raggiunte, allora cercate di concentrarvi spesso sui moltiplicatori, sono quelli che vi faranno fare il salto di qualità!

Schianto

Suggerimento: La Partenza Turbo
Imparate la partenza turbo, vi aiuterà parecchio specie nella modalità schianto. Per realizzare una partenza turbo dovete non appena partirà il conto alla rovescia, premere il tasto dell’acceleratore e premere una sola volta il tasto del freno; quando il conto alla rovescia raggiunge l’1 poco prima che lo starter vi dia il GO lasciate stare l’acceleratore e velocemente ripremetelo. Se tutto è andato a buon fine partirete col turbo già inserito a quasi 100 km/h!

RICCHI PREMI E COTILLONS

Nella modalità WORLD TOUR potrete sbloccare queste auto:

Compact DX 4 medaglie d’oro
Muscle DX 10 medaglie d’oro
Coupe DX 18 medaglie d’oro
Sports DX 25 medaglie d’oro
Super DX 32 medaglie d’oro
Assassin Compact 15 takedowns
Assassin Muscle 30 takedowns
Assassin Coupe 60 takedowns
Assassin Sports 100 takedowns
Assassin Super 150 takedowns

Nella modalità SCHIANTO invece:

4WD Racer con $ 2.000.000 di danni
SUV Deluxe con $ 5.000.000 di danni
4WD Heavy Duty con $ 10.000.000 di danni
B-Team Van con $ 15.000.000 di danni
Delivery Truck con $ 20.000.000 di danni
Tractor Cab con $ 30.000.000 di danni
City Bus con $ 70.000.000 di danni
Trash Truck con $ 90.000.000 di danni

E infine potrete sbloccare i seguenti circuiti:

WORLD CIRCUIT vincendo tutte le medaglie d’oro nella modalità WORLD TOUR
EURO CIRCUIT ottenendo tutti i trofei takedowns
US CIRCUIT ottenendo una medaglia d’oro nel Super GP.

ELENCO CAPITOLI

1. Come diventare un buon pilota
2. Takedowns
3. Guidare Pericolosamente
4. Evitare gli scontri
5. Usare il turbo
6. Non usare il turbo
7. Modalità di gioco
8. Gara
9. Furia Stradale
10. Confronto
11. Grand Prix
12. Time Attack
13. Eliminazione
14. Schianto
15. Suggerimento: La Partenza Turbo
16. Ricchi premi e cotillons


La maggior parte di questa guida strategica è dedicata ovviamente alla modalità WORLD TOUR, che si può considerare come la parte principale dell’intero gioco, sebbene molto di ciò che leggerete può essere applicato anche alle altre modalità come ad esempio all’EVENTO SINGOLO o al multiplayer.

STRATEGIE DI GUIDA

Come diventare un buon pilota
La cosa più importante da imparare in Burnout3, se volete diventare dei campioni, è quella di evitare a tutti i costi gli incidenti. Potete guidare come Schumacher , fare 200 takedowns, correre col turbo sempre attivato, ma se fate parecchi incidenti (in alcune piste ne basta anche uno!) potrete dimenticarvi sia la medaglia d’oro che probabilmente anche gli altri piazzamenti d’onore. La prima cosa da imparare è quella di affrontare le curve più impegnative cominciando a sgommare dolcemente prima di entrare in curva. Facendo così, non solo affronterete la curva in modo molto veloce ma guadagnerete anche un piccolo quantitativo di turbo! Ad essere sinceri Burnout 3 è un gioco di guida arcade, quindi non dovrete districarvi tra complicati comandi, cambiare le marce e così via; le due vie per diventare maestri di questo gioco consistono nell’imparare ad evitare assolutamente gli incidenti e ad usare sapientemente il vostro turbo.