I migliori episodi di South Park  38

Dopo gli episodi videoludici, ora tocca alle puntate migliori in assoluto di South Park: ecco la nostra top10!

SPECIALE di Christian Colli   —  6 settimane fa

Mancano ormai pochi giorni all'uscita di Scontri Di-retti, il nuovo gioco di ruolo ispirato alla celeberrima serie televisiva creata da Matt Stone e Trey Parker nell'ormai lontanissimo 1997: sono infatti passai ben vent'anni da allora, ma la ridente cittadina del Colorado, tra alti e bassi, ha continuato a farci ridere e riflettere. È uno dei motivi per cui Scontri Di-retti è così atteso: il prequel, Il Bastone della Verità, uscito nel 2014, è uno dei titoli più spassosi che abbiamo avuto la fortuna di giocare. Si trattava essenzialmente di una gigantesca puntata da dieci ore e passa, piena di chicche, citazioni e irriverenze. Scontri Di-retti, palesemente ispirato ai cinefumettoni Marvel e DC che assillano le sale cinematografiche negli ultimi anni, promette di farci quantomeno ridere a crepapelle. La settimana scorsa vi abbiamo proposto una lista delle puntate a tema "videoludico" più famose del lungo ciclo di South Park, ma questa volta abbiamo deciso di suggerirvi gli episodi assolutamente da vedere. Ovviamente si tratta della nostra top ten! South Park conta quasi 300 episodi, perciò è stato difficile inserire tutti quelli che ci sono piaciuti: se ne avete visto qualcuno che vi ha particolarmente divertito e che non abbiamo elencato qui sotto, vi esortiamo a consigliarlo nei commenti.

SCARICA VIDEO ( Attendi l'avvio del video per scaricarlo )

11x07 Lo stronzo più grosso del mondo

Okay, la puntata 11x07 non ha poi chissà quale morale. È più che altro un gigantesco sfottò diretto a Bono, il cantante degli U2, e gira tutta intorno alla, ehm, cacca. Randy, costipato da tre settimane, espelle l'escremento più grande del mondo e batte il record mondiale stabilito da Bono e registrato da un apposito ufficio a Zurigo. Bono, però, potrebbe averlo già battuto di nuovo e a nulla servono le suppliche di Stan, il quale vorrebbe vedere suo padre vincere qualcosa, una volta tanto. Alla fine si scoprirà che Bono non ha battuto nessun record... perché lui è il record! È infatti uno stronzo talmente grosso da essere diventato senziente e il direttore dell'ufficio di Zurigo l'ha allevato come un figlio. Randy batterà comunque anche il suo record, facendo una cacca alta svariati metri. Bene, come dicevamo, nessuna morale in particolare, un tripudio di parolacce, un cantante insultato senza alcun apparente motivo. Perché abbiamo segnalato questa puntata? Be', perché fa troppo ridere.

7x11 Casa Bonita

Trey Parker considera Casa Bonita una delle sue puntate preferite in assoluto, più che altro perché la premessa è totalmente scema e, contemporaneamente, caratterizza due personaggi quasi completamente agli antipodi: il perfido Cartman e il timido Butters. Kyle festeggerà il compleanno a Casa Bonita, un ristorante a tema messicano, ma non vuole invitare Cartman perché lo prende sempre in giro in quanto ebreo. Eric potrà prendere il posto di Butters solo se succedesse qualcosa a quest'ultimo... e così lo chiude in un bunker antiatomico e lo convince che è scoppiata la guerra. Nel corso della puntata, Cartman sarà costretto a modificare il suo piano e addirittura a spostare Butters, facendogli credere di essere l'unico essere umano superstite. La scomparsa di Butters agiterà l'intera cittadina e le forze dell'ordine, ma alla fine Cartman, pur messo alle strette e scoperto, riuscirà comunque a "vincere", facendo un giro di assaggi a Casa Bonita. Insieme a "Scott Tenerman deve morire", è sicuramente una delle puntate fondamentali se si vuole comprendere fino in fondo l'astuzia del terribile Cartman.

10x12 Viaggio nel Futuro

"Viaggio nel futuro" e la puntata immediatamente successiva, "Viaggio nel futuro... e ritorno", formano un mini arco narrativo che come al solito intreccia ingegnosamente almeno due sottotrame. La prima è esilarante: Cartman non ce la fa più ad aspettare l'uscita del Wii di Nintendo - è il 2006 - e si fa ibernare... ma per sbaglio si risveglia nel 2546. Lo stato in cui trova il mondo è una diretta conseguenza dell'altra sottotrama, in cui il signor... anzi, la signora Garrison ha intrapreso una relazione con un famoso divulgatore scientifico, Richard Dawkins. Nel futuro tre frange di atei si scontrano per la conquista della Terra, tra le quali spicca una specie di lontre mutanti super intelligenti. Cartman, intanto, continua a cercare la console Nintendo, ormai un pezzo d'antiquariato, e involontariamente sarà proprio lui a risolvere la faccenda e a cambiare passato, presente e futuro. Sfortunatamente, pagherà cara ancora una volta la sua cattiveria e, tornato nel passato, si ritroverà ad aspettare ancora più a lungo il lancio del Wii. Inutile dire che si tratta di una puntata semplicemente assurda.

11x10 Terra dell'Immaginazione

I fan di South Park hanno supplicato per anni Stone e Parker di dirigere un nuovo lungometraggio, ma i due creatori della serie hanno preferito cimentarsi con mini-archi narrativi più facili da sviluppare, gestire e magari cambiare anche in corsa tra le settimane. Terra dell'Immaginazione, quindi, in un certo senso è una specie di lungometraggio, poiché si tratta in realtà di una trilogia che si conclude con la puntata 11x12. È anche una delle sceneggiature più ambiziose di tutta la serie, una caterva di citazioni e di riferimenti alla cultura popolare e al fantasy che faranno impazzire i fan di South Park, della letteratura e del cinema. Tutto inizia con una scommessa: se Cartman dimostrerà che i leprechaun esistono, Kyle dovrà succhiargli le palle. Effettivamente ci riesce, e i ragazzi finiscono nella Terra dell'Immaginazione, dove i terroristi islamici (no, davvero!) hanno abbattuto il muro che separa i buoni dai cattivi e rischiano di distruggere questo mondo delle favole. Tra battaglie degne de Il Signore degli Anelli e cause legali da fare invidia a Law & Order, il protagonista assoluto della trilogia è sicuramente Butters, personaggio chiave che non riesce a sfuggire alla sfortuna neanche in un mondo di fantasia.

5x04 Scott Tenorman deve morire

Nonostante siano passati quindici anni dalla sua prima messa in onda, la puntata 5x04 di South Park è ancora oggi considerata tra le più brillanti, se non la migliore in assoluto, della serie. In questo episodio, Matt Stone e Trey Parker sfociano interamente nella commedia nera, mettendo da parte la satira per concentrarsi sul loro pupillo, Eric Cartman. Umiliato ripetutamente da un teenager di nome Scott Tenorman, Cartman le prova tutte per vendicarsi senza riuscire mai nell'impresa. Fino alla fine della puntata sembra proprio che Cartman abbia trovato pane per i suoi denti, ma è proprio a quel punto che il diabolico protagonista della serie sfodera un imprevedibile asso nella manica che mette i brividi solo al pensiero: manipolando tutti, Cartman assassina i genitori di Scott e glieli fa mangiare, poi gli lecca le lacrime mentre quello viene preso in giro dai Radiohead, la sua band preferita. La puntata, oltretutto, rientra a pieno diritto nella mitologia della serie perché Scott torna nella puntata 14x06, "201", svelando la vera identità del padre biologico di Cartman.

18x03 La femminuccia

Che cosa succede se Matt e Trey decidono di esplorare la cultura transgender e l'identità di genere? Succede che Cartman, stufo di aspettare il suo turno nei bagni dei maschietti, si fa costruire un bagno scolastico tutto suo, affermando di essere un transgender. Comincia quindi una battaglia senza esclusione di colpi tra lui e la sempre combattiva Wendy Testaburger che getterà Stan nella confusione più assoluta. La puntata, oltretutto, prosegue una sottotrama cominciata nell'episodio precedente, "Ebola senza glutine": abbiamo infatti scoperto che Randy è in realtà la cantante Lorde, poiché ha imparato che usare il bagno delle donne in ufficio lo ispira a comporre musica. Ne "La femminuccia", Randy è stato smascherato e rischia di dover rinunciare alla musica, ma l'involontario sostegno di Stan e di sua moglie lo aiuteranno a superare questo momento difficile. Esilarante il finale: la scuola sventa i piani di Cartman, tutti possono usare i bagni di tutti e Stan, ormai esasperato, è l'ultimo a usare il bagno dei cisgender.

13x09 Le mignott-One di Butters

La prostituzione a South Park? Roba da bambini! Letteralmente. Nella nona puntata della tredicesima stagione, Butters mette in piedi un vero e proprio impero della prostituzione vendendo baci dietro la palestra della scuola. All'inizio vorrebbe essere soltanto una piccola impresa: Butters non sa nemmeno che cosa significhi la parola "pappone" e, senza rendersene conto, si ritrova a frequentare personaggi loschi e festini a base di sesso e droga. Lentamente, la sua strategia imprenditoriale comincia a riunire non soltanto le bambine della scuola di South Park, ma anche le vere prostitute adulte. La sua storia si intreccia con quella, ancora più esilarante, del sergente Yates, un poliziotto così determinato a sgominare la criminalità da fingersi donna, infiltrarsi nei giri delle prostitute e... ehm... consumare i rapporti sessuali prima di passare agli arresti. L'episodio, un po' come tutti quelli incentrati su Butters, è semplicemente devastante e le vicissitudini a tratti disgustose del sergente Yates lo impreziosiscono soprattutto sul finale.

1x10 Uno stronzo per amico

Quando South Park decide di fare satira seriamente, non ce n'è per nessuno, e in un certo senso le primissime puntate della serie, quasi vent'anni fa, restano ancora tra le più provocatorie di tutte. "Uno stronzo per amico" tratta la spinosa questione della sensibilità e dell'iconografia religiosa. La madre di Kyle è furiosa perché il bambino, che è ebreo, dovrebbe rappresentare San Giuseppe nella recita di Natale. Allo scopo di non offendere nessuno, la preside decide di rimuovere ogni simbologia religiosa durante le festività, trasformando il Natale in un evento amorfo e privo di significato. Nel frattempo, Kyle comincia a vedere Mister Hankey, un escremento parlante col cappello di Babbo Natale che si fa beffe di tutti, mettendo il bimbo costantemente nei guai. Mister Hankey rappresenta la fede e tutte le religioni: gli abitanti della città riusciranno a vederlo soltanto dopo aver cominciato a credere in lui. I rimproveri di Hankey e di Chef sul significato del Natale chiudono una puntata in cui è una cacca parlante a farci riflettere sulle esagerazioni della nostra società.

17x10 Lo Hobbit

Un'altra, grandissima capacità di Matt Stone e Trey Parker è quella di rovesciare le tematiche, trasmettendo una morale al contrario: ciò permette loro di fare una satira ancora più irriverente, come succede ne "Lo Hobbit", l'epilogo della diciassettesima stagione che affronta l'argomento del cosiddetto body shaming. La caparbia Wendy Testaburger si batte per dimostrare che i media, alterando elettronicamente le immagini delle donne famose, stabiliscono uno standard impossibile da raggiungere per le ragazze normali. Mentre a scuola tutti vogliono essere "photoshoppati" per apparire più belli, Wendy si trova a combattere su più fronti: contro le sue amiche, contro i suoi compagnetti, contro il fidanzatino Stan, il preside e persino Kanye West, il famoso marito di Kim Kardashian che Wendy ha definito una hobbit. Nonostante la sua lotta, Wendy sarà costretta a cedere quando capirà che Kanye West è sinceramente innamorato di sua moglie, nonostante il suo aspetto. La puntata ha un finale davvero commovente e merita una menzione particolare per lo spassoso cammeo di Papa Francesco, rappresentato praticamente come una specie di nerd!

15x07 Stai invecchiando

La prima parte della quindicesima stagione di South Park si concludeva con un evento scioccante: la separazione dei genitori di Stan, Randy e Sharon. All'epoca, in molti avevano creduto che la puntata in questione rappresentasse l'inizio della fine di South Park visto che ruotava intorno a questo grande cambiamento e a un imprevisto sviluppo nella caratterizzazione di Stan, un po' il protagonista della serie, che all'improvviso cominciava a vedere tutto nero... o meglio, tutto marrone. Stan, infatti, è diventato uno "stronzo cinico" e vede escrementi ovunque: al posto dei trailer dei film, al posto dei videogiochi, persino al posto delle persone. In realtà, mentre la stessa causa scatenante conduce Randy alla crisi di mezz'età e alla separazione dalla moglie, Parker e Stone stanno ironizzando sull'ubiquità di Internet che pian piano ha trasformato la maggior parte dei suoi utenti in "cinici stronzi" che passano il tempo a criticare tutto e tutti senza riuscire più a godersi niente. South Park è una serie satirica piena di battute volgari, eppure questa puntata ha dimostrato quanto abbiamo a cuore i suoi protagonisti.