I migliori regali di Natale per chi possiede PlayStation 4  46

Natale si avvicina e le idee scarseggiano? Ecco un elenco dei migliori regali per chi possiede PlayStation 4

SPECIALE di Tommaso Pugliese   —   02/12/2017

Sia che possediate una PlayStation 4, sia che dobbiate fare un regalo a qualcuno che la possieda, ecco una lista di idee che potrebbe tornarvi utile nelle prossime settimane. Da un upgrade tecnico con il passaggio a PlayStation 4 Pro a un primo passo nella realtà virtuale con PlayStation VR, da un controller extra a uno professionale, da un paio di cuffie a un abbonamento a PlayStation Plus, sono davvero tante le possibilità a vostra disposizione. Scopriamole insieme!

PlayStation 4 Pro

Avete appena acquistato un televisore Ultra HD? Allora PlayStation 4 Pro è il migliore regalo che possiate farvi o che possiate fare a un possessore di PlayStation 4 standard. L'ultima nata di casa Sony offre una grafica a 4K reali solo con alcuni titoli, è vero, ma in generale la maggiore risoluzione adottata (solitamente 1440p) e tecniche come il checkerboard rendering, unitamente al supporto per l'HDR, cambiano in modo sostanziale la percezione delle immagini su di uno schermo in grado di valorizzarle. Passare dal Full HD all'Ultra HD rappresenta uno step obbligato per i videogiocatori più esigenti, sempre alla ricerca della maggiore fedeltà visiva e di sequenze che possano emozionare per colori e dettagli; come quelle di Horizon Zero Dawn, esempio tecnico perfetto di quanto il gaming a 4K dinamici e l'high dynamic range possano fare la differenza. PlayStation 4 Pro è più grossa e pesante rispetto al modello standard, ma vanta un processore con frequenza di clock maggiore e, soprattutto, una GPU in grado di sprigionare 4,2 TFLOPs di potenza contro gli 1,84 TFLOPs di una normale PlayStation 4. Cambiano inoltre la dotazione di memoria, pari di default a 1 TB, e il controller DualShock 4, che sulla nuova console è dotato di alcune modifiche estetiche.

PlayStation VR

Sony continua a spingere convintamente il proprio visore per la realtà virtuale, forte del milione di unità vendute e del recente restyling che ha introdotto il supporto per l'HDR e un alloggiamento integrato per gli auricolari. Funzionalità interessanti ma non fondamentali se avete intenzione di regalare o di regalarvi un PlayStation VR per Natale, specie se riuscite a trovare una buona offerta. La periferica è stata venduta per pochissime ore a un prezzo di appena 199 euro durante il Black Friday ed è possibile che qualcuno si avvicini a tale cifra sotto le feste, dunque tenete d'occhio i volantini e le promozioni, ma considerate che vi serve anche una PlayStation Camera ed eventualmente una coppia di controller Move. Perché fare il passo verso la realtà virtuale? Banalmente, perché si tratta di una novità concreta e tangibile, capace di far ri-appassionare ai videogame anche chi nel corso degli anni ha perso interesse verso questo medium. Al netto di qualche problematica ormai fondamentalmente risolta, infatti, il VR consente di cimentarsi con esperienze nuove e originali, da navigare in prima persona con un grado di coinvolgimento mai vissuto prima. Una gara a bordo delle vetture di Gran Turismo Sport? Una fuga fra le pareti di casa Baker in Resident Evil 7 biohazard? Uno spettacolare scontro a fuoco con DOOM VFR? Le opzioni disponibili sono tante e in continuo aumento: PlayStation VR è un ottimo regalo di Natale per chi possiede una PlayStation 4.

DualShock 4

Se vi piacciono i giochi sportivi e/o i picchiaduro a incontri, oppure semplicemente il vostro controller comincia ad accusare gli acciacchi dell'età (o le conseguenze dell'ennesimo boss fight finito male con Dark Souls), acquistare un nuovo DualShock 4 può essere un'ottima idea, anche e soprattutto se si tratta di un regalo di Natale. Il prezzo del dispositivo, del resto, è diventato più accessibile nel corso del tempo, trasformandolo in un eccellente punto d'incontro fra convenienza e tecnologia. Parliamo infatti di un controller che migliora in modo sostanziale il suo omologo per PlayStation 3, inserendo nel design due trigger degni di questo nome (sebbene ancora ampiamente migliorabili rispetto alla concorrenza), due stick analogici più corti e precisi, un altoparlante che apre a tutta una serie di simpatiche possibilità durante il gioco, un touch pad in verità non troppo sfruttato finora, una luce LED a diverse tonalità (nell'ultimo modello visibile anche dalla parte superiore), dei sensori di movimento, un sistema di vibrazione avanzato, la connettività Bluetooth e una presa jack da 3,5 millimetri. Disporre di un secondo DualShock 4 è fondamentale quando c'è un amico a casa e volete sfidarlo in un match, oppure cimentarvi insieme a lui con una partita cooperativa.

PlayStation Plus

Nonostante gli aumenti degli ultimi mesi, l'abbonamento a PlayStation Plus si conferma un regalo natalizio davvero conveniente, peraltro disponibile in diversi "tagli" a seconda della durata ed eventualmente cumulabile nel caso lo si possieda già. Basta infatti considerare non solo le feature che garantisce, nello specifico la possibilità di accedere alle modalità online dei vari giochi; ma anche e soprattutto i titoli che ogni mese gli abbonati possono scaricare gratuitamente. Dall'inizio dell'anno la line-up di PlayStation Plus ha visto la presenza di prodotti come il classico adventure Day of the Tentacle Remastered, il platform "pupazzoso" LittleBigPlanet 3, l'avventura cartacea Tearaway: Avventure di Carta, il frenetico twin stick shooter Alienation, l'horror interattivo Until Dawn, lo spettacolare sandbox Just Cause 3, l'eccellente action game inFAMOUS: Second Son e il capolavoro stealth Metal Gear Solid V: The Phantom Pain. Basta insomma farsi due conti per capire che, al netto di qualche mese meno brillante, l'abbonamento a PlayStation Plus possiede un grandissimo valore e farà senz'altro felice la persona a cui deciderete di regalarlo.

Cuffie

Un altro eccellente regalo di Natale per i possessori di PlayStation 4, l'headset assume una grande rilevanza qualora si giochi spesso online o semplicemente si voglia godere al meglio del sempre più sofisticato comparto audio degli attuali videogame. Bene, ma quali cuffie regalare? Anche in questo caso le opzioni sono tante e vanno fondamentalmente a seconda del budget che avete intenzione di investire. Si parte dai circa 60 euro delle Turtle Beach PX24, un ottimo headset dotato di amplificatore integrato a batteria per l'esaltazione dei suoni e di una tecnologia di surround virtuale che consente di aggiungere profondità e distanza agli effetti sonori dei vostri giochi preferiti; ma è naturalmente possibile passare a cifre più importanti a seconda delle esigenze. Se ad esempio volete un surround 7.1 reale e pochi compromessi quando si tratta di qualità audio, le HyperX Cloud Revolver S da circa 140 euro sono senz'altro le cuffie che state cercando: si tratta di un dispositivo che equipaggia driver direzionali da 50 millimetri, un modulo di controllo USB, telaio in acciaio, padiglioni in memory foam per la massima comodità e la già citata tecnologia Dolby Surround 7.1 per un coinvolgimento senza precedenti. Qualora infine siate disposti a spendere la stessa somma ma preferiate delle cuffie wireless piuttosto che surround, c'è il Platinum Wireless Headset prodotto da Sony: un paio di cuffie che includono surround virtuale, microfono integrato e nascosto, batteria interna ricaricabile e un'ottima ergonomia.

Nacon Revolution Pro Controller 2

Se nutrite la passione per il multiplayer competitivo e avete raggiunto performance di un certo livello, il Nacon Revolution Pro Controller 2 rappresenta senz'altro come un importante strumento per assecondare la vostra abilità. Rispetto al primo modello, troviamo un nuovo connettore USB Type-C con tutta la sua efficienza e comodità, la compatibilità con il PC e un software pieno di regolazioni che consentono di plasmare le funzionalità del controller a seconda delle nostre specifiche esigenze. I punti di forza della versione originale vengono inoltre confermati: il posizionamento asimmetrico degli stick analogici in stile Xbox e la loro lunghezza ridotta per aumentare la precisione dei controlli, pulsanti principali di dimensioni generose, soluzioni che favoriscono il grip generale, un ottimo d-pad e un set di tasti dorsali migliorato rispetto al normale DualShock 4, in particolare per quanto concerne i trigger. A coronare il tutto troviamo infine una qualità costruttiva di alto livello, che risalta fin da quando si prende il dispositivo in mano per la prima volta e che comunica una solidità inedita.

Volante e pedaliera

Con titoli come Gran Turismo Sport, Project CARS 2, Assetto Corsa e DRIVECLUB, i possessori di PlayStation 4 non hanno che l'imbarazzo della scelta quando si tratta di cimentarsi con un gioco di guida, che si tratti di un'esperienza più vicina alla simulazione o prettamente arcade. In tutti i casi, l'uso di un buon set con volante e pedaliera ha senza dubbio il merito di aumentare in modo sostanziale il coinvolgimento e l'intensità dell'esperienza, trasformandola in qualcosa di molto più completo e sfaccettato. Un bel racing wheel è dunque il regalo di Natale ideale per gli appassionati di corse, ma anche in questo caso le opzioni sono tante e variano a seconda del prezzo che siamo disposti a pagare. Si parte dall'eccellente entry level Thrustmaster T150 (circa 170 euro), un dispositivo solido e resistente, dotato di un force feedback che comunica efficacemente una gran quantità di informazioni durante la guida ma un po' debole sul fronte della pedaliera, inevitabilmente leggerina. Salendo col prezzo è possibile acquistare un Logitech G29 (circa 240 euro) con pedaliera estesa (c'è anche la frizione) e di migliore qualità, un ottimo force feedback e la compatibilità specifica con PlayStation 4, mentre con circa 270 euro si può prendere un Thrustmaster T300 RS, il miglior volante disponibile per la console Sony, eventualmente disponibile in una versione molto più costosa ma dotata di pedaliera estesa.

Hard disk interno o esterno

Chi predilige acquistare i giochi in formato digitale anziché retail si sarà senz'altro trovato nella situazione di dover cancellare qualche titolo dall'hard disk perché a corto di spazio libero, in particolare laddove si possieda una PlayStation 4 con 500 GB di memoria. Un hard disk si pone dunque come un ottimo regalo di Natale per chi ha questo tipo di difficoltà, ma la cosa interessante è che gli aggiornamenti a cui la console Sony è stata sottoposta nel corso del 2017 aprono la strada a due possibili scenari: l'installazione di un disco fisso sostitutivo oppure l'uso di un hard disk esterno collegato via USB 3.0. La seconda opzione non richiede nessun tipo di abilità particolare né operazioni complesse: basta semplicemente inserire il cavo, formattare l'hard disk come richiesto dalla console e ritrovarsi alla fine con una "memoria di archiviazione estesa" in cui installare i giochi o spostare quelli già presenti. Fra i dispositivi testati e affidabili, citiamo senz'altro il Toshiba Canvio Basic da 1 TB (circa 50 euro) o il Seagate Expansion da 2 TB (circa 90 euro), ma volendo è anche possibile optare per un SSD e godere così di caricamenti più veloci. Certo, in quel caso il prezzo sale vertiginosamente e i miglioramenti ottenuti forse non giustificano tale esborso. Qualora si voglia invece sostituire l'hard disk interno di PlayStation 4, la scelta migliore rimane il Seagate FireCuda da 2 TB (circa 100 euro), un dispositivo non solo molto capiente ma anche dotato di tecnologia ibrida SSHD, che migliora le prestazioni del disco grazie all'uso di una certa quantità di memoria NAND.

PlayStation Vita

Spiace trattare l'handheld Sony alla stregua di un semplice accessorio, ma allo stato attuale il Remote Play si pone probabilmente come la feature più significativa di PlayStation Vita. La console portatile, lanciata sul mercato cinque anni or sono, non ha purtroppo saputo ritagliarsi una fetta di pubblico significativa, in particolare in occidente, a causa del concomitante successo degli smartphone e dei tablet in ambito gaming. Acquistare una PS Vita oggi come oggi non è neppure semplicissimo, ma si possono fare ottimi affari e portarsene a casa una nuova per qualcosa come 130 euro, oppure optare per un modello usato e spendere molto meno. Oltre a poter scaricare almeno due giochi gratuitamente ogni mese nel caso si disponga di un abbonamento a PlayStation Plus, la combinazione di PlayStation 4 e PlayStation Vita consente di sfruttare appunto il Remote Play, ovverosia la funzionalità che permette di trasmettere sulla console portatile i contenuti di PS4 e di "portarseli in giro", pur rimanendo nell'ambito della stessa rete wireless. Insomma, il Remote Play non trasforma certamente la console Sony in un clone di Nintendo Switch, bensì in qualcosa di molto simile a Wii U, con tutti i vantaggi ma anche i limiti del caso.

Accessori vari

Qualora disponiate di un budget limitato, c'è comunque una vasta gamma di accessori che possono tornare molto utili a un possessore di PlayStation 4. La batteria integrata nel DualShock 4 non vanta un'autonomia incredibile, dunque una base di ricarica può fare comodo: quella ufficiale Sony costa circa 30 euro e consente di caricare una coppia di controller contemporaneamente, ma la medesima funzionalità viene offerta anche da dispositivi compatibili a prezzi molto inferiori. Può essere un'idea regalare un cavo HDMI di qualità superiore, un cavo micro USB più lungo di quello in dotazione, una base verticale (c'è quella ufficiale ma anche diverse versioni non ufficiali con feature extra) o magari dei "cap" ad alto grip da applicare sugli stick analogici del DualShock 4: i migliori sono i Kontrol Freek prodotti da Alpha, disponibili in varie colorazioni al prezzo di circa 17 euro.